As many books as you want!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
L'orologio con le ali - cover

L'orologio con le ali

Marco Strazzi

Publisher: Pressision SA

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

NEL 1944 HA SCANDITO IL TEMPO DELLA GUERRA. ORA È LA CHIAVE PER FARE LA PACE CON IL PASSATO 
6 giugno 1944, ore 0:02. Roger Englin è a bordo di un aereo diretto verso la Normandia. Ha diciassette anni e una missione da compiere. 
31 maggio 2014, ore 15:12. Cédric Roussel sta rientrando a casa dal liceo dove insegna storia. Ancora non lo sa, ma ha una missione da compiere. 
6 giugno 2014, ore 0:02. Théo Roussel ha compiuto otto anni da due minuti. Alla festa penserà più tardi. Ora ha un appuntamento. E una missione da compiere. 
Un paracadutista al battesimo del fuoco. Un padre che il non ha mai dimenticato il suo dolore più grande. Un bambino in lotta con la paura. Lontani nel tempo e nello spazio, eppure hanno qualcosa in comune: l'orologio smarrito la mattina del D-Day e riapparso settant'anni più tardi sul catalogo di un'asta. 
È Cédric a trovarlo su internet e poi a scoprire che ha una buona ragione per tentare di acquistarlo. Si tratta davvero di una coincidenza? La risposta è un incontro con il destino che metterà in dubbio ciò che crede di conoscere del suo stesso passato. 
"L'orologio con le ali" è una favola sul coraggio, un ponte fra gli eroi di ieri e di domani, un viaggio nel tempo sulla più classica fra le macchine del tempo: un orologio fragile, graffiato, con le lancette arrugginite e il quadrante scolorito, eppure capace di scandire giorni che non sono quelli limitati degli uomini.

Other books that might interest you

  • Congedi balcanici - cover

    Congedi balcanici

    Drazan Gunjaca

    • 0
    • 0
    • 0
    Romanzo datato prima della guerra che descrive le tragedie di persone nel periodo compreso tra il 1991 e il 1994, nei territori dell' ex Jugoslavia, dove attraverso l'ironia e il grottesco, riso e lacrime, parla come ogni guerra e' un male per se, ma le guerre nei Balcani sono piu' mali assieme per motivi storici ed altri ancora.
    Show book
  • Rumore - Appunti di guerra dalla Bosnia ed Erzegovina - cover

    Rumore - Appunti di guerra dalla...

    Ranko Risojević

    • 0
    • 0
    • 0
    In Bosnia ed Erzegovina le strade di montagna sono aspre, tortuose, costellate da pietre e alberi spezzati. Allo stesso modo Rumore è un romanzo disseminato di pensieri, di considerazioni lasciate a mo’ di traccia lungo il cammino, pesanti impronte di inchiostro che hanno accompagnato lo scrittore durante gli anni del conflitto balcanico, tenendolo ancorato a una scintilla di speranza. Attraverso il susseguirsi dei frammenti narrativi che raccolgono il coro di voci di un popolo ammutolito, Ranko Risojevic afferma l’importanza della scrittura come compagna di vita, del sogno come rimedio al male.
    Questa seconda edizione del romanzo è arricchita dal contributo di Ljljana Banjanin, docente di Lingua e letteratura serba-croata all’Università di Torino.
    Show book
  • Henry Hastings - cover

    Henry Hastings

    Charlotte Brontë

    • 0
    • 0
    • 0
    Le sue passioni erano forti di natura e l’immaginazione era in lui come una febbre. Insieme esse agivano in maniera selvaggia, specialmente quando il delirio dell’ubriachezza le frustava a un galoppo che persino i cavalli dell’Apocalisse quando si scagliavano su Armageddon avrebbero emulato invano. Si parlava di lui ovunque a causa dei suoi eccessi. La gente li commentava con costernazione; gli stessi eroi del diciannovesimo alzavano le mani e gli occhi dinanzi a qualcuna delle sue imprese esclamando: «Dannazione! Ciò va oltre ogni limite!».
    Show book
  • Ultima Esperanza - cover

    Ultima Esperanza

    Paolo Ferruccio Cuniberti

    • 0
    • 0
    • 0
    Nel 1869, il giovane naturalista piemontese Federico Sacco parte da Genova alla volta del Cile, con l’obiettivo di compiere una prima esplorazione delle selvagge terre della Patagonia, fino ad allora pressoché sconosciute. Tre anni dopo, i membri della Società Geografica Italiana che aveva finanziato la spedizione si riuniscono per valutare l’interesse accademico del diario di Sacco, unica traccia rimasta dell’esploratore misteriosamente scomparso.
    Attraverso il racconto del proprio viaggio, il protagonista del romanzo Ultima Esperanza accompagna il lettore in un’avventura ai confini del mondo, tra coraggiosi indios, colonizzatori senza scrupoli e folli idealisti. La fine dell’esploratore è avvolta nell’enigma originato dalle sue incredibili scoperte, ma il ritrovamento del suo diario aprirà le porte di un territorio capace di esercitare un’inesauribile forza d’attrazione e la cui sanguinosa storia non deve essere dimenticata.
    Show book
  • Una lunga storia di amore e di commerci - cover

    Una lunga storia di amore e di...

    Emilio Angelini

    • 0
    • 0
    • 0
    Quando l'amore si inebria di sé e si fa impertinente, universi mitologici che andrebbero tenuti distinti fondono le loro acque e tutto diventa possibile. Un tempo astuto si infiltra tra le maglie dell'Eternità, le gravidanze durano 2000 anni e dovunque si agita un gran bisogno di reincarnazione. Di tutto ciò si fa carico l'Orco della Cornovaglia, glorioso veliero a tre alberi, che sa farsi complice di due strani amanti e benedice una forma di pirateria molto singolare.
    Show book
  • Il mercante di Dio - cover

    Il mercante di Dio

    Sal Costa

    • 0
    • 2
    • 0
    Il mercante di Dio, racconta i diciassette anni perduti della vita di Gesù cristo, anni che non compaiono in nessun vangelo (canonico o apocrifo) né deducibili da alcuna fonte storica. È un romanzo di viaggi, avventure, amicizia, amore paterno e un qualche modo filiale. Come in un quadro di Lautrec, il centro della scena è spostato ai margini per lasciar campo al protagonista, il mercante Salomon, la voce narrante. 
    La narrazione è storicamente attendibile e ricostruisce con dovizia di particolari il mondo ebraico dal quale scaturì la vita e il pensiero di Gesù e in siffatta maniera ci svela il vero, o i veri motivi a contendere fra l’ebraismo di Gesù e quello del Sinedrio, un distacco che la cultura cristiano cattolica non ha mai spiegato, mostrandoci un Cristo già nato “cristiano”, mostrando distanze inesistenti fra Cristo e l’ebraismo. 
    È evidente nella narrazione il rispetto delle fonti storiche e dei Vangeli. L’autore non entra mai nel merito di fatti da essi descritti. Accenna, qualche volta, ma senza creare contrasti, ad alcune parabole come fossero i prodromi di una maturazione a venire. 
    Nazareth era una villaggio di qualche centinaio di abitanti, Zippori e la stessa Tiberiade (Rakkat) erano poco più popolose. Gesù avrebbe dovuto essere amico sin dall’infanzia degli apostoli.  
    Ebbene, leggendo i Vangeli, appare solo rispetto e venerazione, non c’è traccia di amore amicale, quell’amore che lega chi è cresciuto insieme. Perché? Perché Gesù, ci spiega il romanzo, semplicemente non era più lì, si era allontanato da quei luoghi all’età di tredici anni, aveva viaggiato col mercante, da mercante, formandosi, conoscendo genti e culture differenti, per far ritorno nella sua Galilea a trent’anni, già formato e pronto al sacrificio. Ma il romanzo fa di più: ci svela un mondo antico ma sempre attuale nel quale la cultura, le religioni, la filosofia, le lingue, la scienza si muovono insieme alle merci. Il commercio come vero motore dell’umanità e unico mezzo di diffusione del pensiero e della tecnica, almeno fino all’invenzione della stampa. 
    Nietzsche, col suo Zarathustra, cercava il Superuomo come contrapposizione a “l’ultimo uomo”, “l’uomo mercante”. Il Superuomo ce l’aveva sotto il naso, era il disprezzato mercante senza il quale dubito avrebbe mai sentito parlare, dalla lontana Germania, o da Rapallo, di Zarathustra. 
    Il linguaggio è veloce, moderno, come si addice a un mercante, la narrazione è filmografica e appassionante. Il lettore entra facilmente in empatia coi personaggi e non mancano momenti di commozione. Dato il tema trattato e la dinamica del racconto, il romanzo è destinato a un pubblico vasto, dagli amanti del genere storico (e della storia) a lettori di libri d’avventura e di viaggio, perché è un vero romanzo on the road
    Show book