Reading without limits, the perfect plan for #stayhome
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
L'ultimo volo di Jeppa - Foto-fumetto tratto da una storia vera - cover

L'ultimo volo di Jeppa - Foto-fumetto tratto da una storia vera

Sergio Covelli

Publisher: Pecorenerecords

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Era una bellissima giornata. Stupenda. Sbalorditiva. La pioggia dei giorni precedenti aveva portato via tutto l'umido dall'aria, pertanto il Sole splendeva magnificamente in alto, lassù, sopra il Pianeta Merda...

Other books that might interest you

  • Gli altri siamo noi - Virtù Vizi degli italiani visti da un italiano all’estero - cover

    Gli altri siamo noi - Virtù Vizi...

    Cofano Giuseppe

    • 0
    • 0
    • 0
    Chi è emigrato all'estero per un breve o lungo periodo avrà visto confermare o mettere radicalmente in discussione l'essere italiano e quelli che possono essere considerati virtù e vizi del nostro Paese o del nostro popolo.
    In una Europa unita per la valuta unica e per la supposta mancanza di frontiere, che dovrebbe favorire la liber circolazione di persone, le differenze, permangono, enormi.
    Vivere non nel proprio Paese a dispetto della facilità con cui ci si sposta ed alla presunta Unione Europea, porta contivuamente a rimarcare leggere o marcate differenze, portando innumerevoli esempi di Virtù e Vizi di un popolo rispetto un altro.
    Che cosa si intende, allora, per Virtù e Vizi?
    Questo libro vuole offrire uno spunto di riflessione serio o faceto, decidete voi, su noi italiani, su come ci vediamo e su come vorremmo o non vorremmo essere considerati.
    Show book
  • L'ultimo volo di Jeppa - Foto-fumetto tratto da una storia vera - cover

    L'ultimo volo di Jeppa -...

    Sergio Covelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Era una bellissima giornata. Stupenda. Sbalorditiva. La pioggia dei giorni precedenti aveva portato via tutto l'umido dall'aria, pertanto il Sole splendeva magnificamente in alto, lassù, sopra il Pianeta Merda...
    Show book
  • La tomba - cover

    La tomba

    H. P. Lovecraft

    • 0
    • 1
    • 0
    Jervas Dudley, ancora un bambino, scopre l'ingresso di una cripta appartenente alla famiglia Hyde, vecchi proprietari di una casa bruciata molti anni prima. L'ingresso al mausoleo è socchiuso ma incatenato da un grosso lucchetto. Nonostante i vari tentativi Jervas non riuscirà a rompere il lucchetto. Scoraggiato, comincerà a dormire vicino al sepolcro fino a che, ispirato dalla lettura delle "Vite" di Plutarco, deciderà di aspettare pazientemente il tempo giusto per guadagnare l'accesso al sepolcro.
    Show book
  • Per il potere di Grayskull - cover

    Per il potere di Grayskull

    Alessandro Apreda

    • 0
    • 0
    • 0
    Gli anni 80 vissuti ad altezza di ragazzino. Quali erano le sacre regole del gioco del pallone che si applicavano in tutti i campetti di tutta Italia? Perché le enciclopedie per ragazzi e il Commodore 64 avevano un loro lato oscuro della Forza? Qual era la fauna tipica di una sala giochi? Ma soprattutto, cosa ci hanno insegnato (di maledettamente sbagliato) Rocky Joe, Magnum P.I. e Top Gun?
    Show book
  • Lilith e la nonna - cover

    Lilith e la nonna

    Libera Mazzoleni

    • 0
    • 0
    • 0
    La protagonista del libro illustrato: “Lilith & la nonna” è una bimba curiosa e vivace che, rovistando in un vecchio baule, trova manifesti e fotografie utilizzati nelle manifestazioni femministe degli anni Settanta. Incuriosita, si rivolge alla nonna per avere spiegazioni.
    Prende avvio così il racconto che richiama alla memoria la straordinaria esperienza corale di molte donne determinate a denunciare la violenza del patriarcato e ad affermare una specifica soggettività femminile, portatrice di una differenza ontologica e culturale da declinare non più come subalternità, ma come valore e diritto alla libera audoterminazione di sé. 
    Lilith vuol sapere tutto e in particolare vuole conoscere il senso della frase “io sono mia”, che le sembra annunciare qualcosa di nuovo e di molto importante nella vita delle donne. Ascolta con molta attenzione, scopre la propria ignoranza, ma non si arrende; la storia “è bellissima”, la affascina e così si mette a studiare i movimenti emancipativi e libertari delle donne. Più conosce, più si convince che si tratta di una storia che la riguarda e che lei vuole continuare e così riprende tra le sue mani il cartello con scritto “Io sono mia”.  Con questo gesto, non si limiterà a ripetere il cammino iniziato da chi l’ha preceduta, farà bensì il suo cammino, mantenendo viva quell’apertura al possibile che interpella nuovi soggetti per rilanciare nel tempo la sfida al cambiamento. 
    Affermando che “con bambine come Lilith c’è speranza... la rivoluzione femminista avrà sicuramente un seguito”, la nonna e le sue amiche colgono l’aspetto creativo del gesto della piccola bambina e, con fiducia, possono sperare che altre donne continueranno, da protagoniste, quello che loro hanno solo iniziato.
    (Graziella Longoni)
    Show book
  • Le gelide acque della Sprea - cover

    Le gelide acque della Sprea

    Bruno Sebastiani

    • 0
    • 0
    • 0
    Il 17 luglio 1918, a Ekaterinburg, la famiglia imperiale russa venne trucidata. Ma i corpi non furono mai ritrovati e in seguito si generò il dubbio che la granduchessa Anastasia fosse sopravvissuta. Due anni più tardi, quasi a conferma di quella ipotesi, una certa Anna Anderson comparve a Berlino sostenendo di essere Anastasia Romanova. In questo romanzo si tenta di ricostruire la sua fuga, che poi è un modo per attraversare la Russia di quel tempo coi suoi conflitti, con la sua miseria e con la generosità immensa del suo popolo.
    Editore:
     
    Show book