Subscribe and enjoy more than 1 million books
Add this book to bookshelf
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Write a new comment Default profile 50px
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced 7236434c7af12f85357591f712aa5cce47c3d377e8addfc98f989c55a4ef4ca5
Sirius In caduta libera - Aurora #4 - cover

Sirius In caduta libera - Aurora #4

Rita Carla Francesca Monticelli

Publisher: Rita Carla Francesca Monticelli

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Il moto orbitale non è altro che una continua caduta libera.  
Può durare per un tempo lunghissimo, quasi interminabile. 
Tranne quando qualcosa va storto. 
Il suo ultimo impegno prima di lasciare l'Agenzia Spaziale Internazionale doveva essere una semplice missione di routine: una riunione sulla Sirius con i responsabili del programma Aurora provenienti dalla Luna. Ma, ancora prima di mettere piede a bordo, Hassan Qabbani si rende conto che la sua permanenza nell'orbita bassa terreste sarà tutt'altro che noiosa. 
Una serie di inesplicabili incidenti e inconvenienti tecnici, che stanno creando non pochi problemi al personale, ben presto attirano la sua attenzione e lo portano a conoscere Miranda Caine, un'astronauta inglese che sta svolgendo un periodo di lavoro come tecnico specializzato sulla stazione spaziale. 
Ciò che lui non sa, però, è che pochi giorni prima, durante un'attività extraveicolare, la donna ha recuperato di nascosto un oggetto prelevato da un minuscolo veicolo spaziale che si trova attaccato all'esterno di uno dei moduli della stazione, all'insaputa degli altri suoi occupanti. 
L'oggetto è destinato a Elizabeth Caldwell e a suo marito Gabriel Asbury. E per il suo recupero Miranda è stata aiutata da un'intelligenza artificiale di nome Susy. 
"Sirius. In caduta libera" è la quarta parte del ciclo di fantascienza dell'Aurora, ma, oltre a essere il seguito cronologico di "Ophir. Codice vivente" (terza parte), è allo stesso tempo il prequel de "L'isola di Gaia" (seconda parte). 
Ciononostante, per una completa comprensione della storia è essenziale la precedente lettura degli altri libri del ciclo.

Other books that might interest you

  • La Fabbrica Dell’oblio - cover

    La Fabbrica Dell’oblio

    Fulvio Fusco

    • 0
    • 0
    • 0
    Un intrigato poliziesco all'italiana nella provincia veneta. 
    Delitti assurdi e misteriosi, strani esperimenti di personaggi senza scrupoli, ... non sarà facile risalire e ricostruire tutti i misfatti.
    Show book
  • Jebe Taka il tesoro della montagna - cover

    Jebe Taka il tesoro della montagna

    Roberto Dassani

    • 0
    • 0
    • 0
    Un tesoro riappare da un lontanissimo passato. Un deposito di armi nascosto in un’isola che era parte dello Yemen del Sud, prima della riunificazione, quando l’ombra dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche ancora copriva quella parte di nazione che si affaccia su Mar Rosso e Oceano Indiano.
    Un gruppo di uomini cerca di eliminare il traffico di antichi reperti che, con suoi proventi, alimenta il traffico di armi destinate alla guerriglia in terra africana e mediorientale 
    Il gruppo di monoliti di Jebel Taka, la montagna al confine tra Sudan ed Eritrea, fanno da sfondo, sorgono al centro di quel territorio che, da antiche popolazioni, veniva definito terra di Punt o di Dio, lo stesso che molti archeologi ritengono possa essere identificato in quello descritto dai geroglifici incisi sulle mura del Tempio di Amon-Ra a Tebe, punto d’incontro tra le popolazioni dell’antico Egitto e quelle nere provenienti da Sud.
    Poi il Mar Rosso, la città vecchia di Suakin e la sua laguna, l’isola yemenita di Abd Al Kùri nell’Oceano Indiano e la città di Khartoum, dove il grande Nilo Bianco si incontra con il fratello azzurro.
    Show book
  • I tre strumenti di morte - cover

    I tre strumenti di morte

    Gilbert Keith Chesterton

    • 0
    • 1
    • 0
    I tre strumenti di morte (The three tools of death), pubblicato nel 1911 nell’antologia "The innocence of Father Brown", è uno dei racconti scritti da Gilbert Keith Chesterton (1874-1936) che hanno come protagonista Padre Brown, un sacerdote cattolico inglese che spesso viene chiamato a svolgere un "ruolo" d’investigatore risolvendo il mistero di turno (non sempre un fatto di sangue). 
    Il lettore, comunque, non si faccia trarre in inganno: al di là della cornice formale del genere "giallo", le storie di Padre Brown – in primo luogo attraverso la voce e le azioni stesse del protagonista – costituiscono per Chesterton innanzitutto un veicolo per le proprie opinioni. In questo caso gli strali dell’autore sono indirizzati, peraltro molto efficacemente, contro il calvinismo del puritanesimo britannico ("religione crudele", come la definisce Padre Brown nel racconto stesso), il cui ambiente e mentalità conosceva bene da vicino.
    Show book
  • Leggende sarde - cover

    Leggende sarde

    Grazia Deledda

    • 0
    • 0
    • 0
    Leggende sarde was written in the year 1895 by Grazia Deledda. This book is one of the most popular novels of Grazia Deledda, and has been translated into several other languages around the world.This book is published by Booklassic which brings young readers closer to classic literature globally.
    Show book
  • La Sindrome Di Stendhal - cover

    La Sindrome Di Stendhal

    Alejandro Cernuda

    • 0
    • 0
    • 0
    Non è una condizione necessaria, ma nella maggior parte dei casi per diventare una vittima è necessario prima essere una persona normale. Pilar lo è; una ragazza così comune e banale che nemmeno i suoi sogni vanno oltre la remota intenzione di andare in vacanza ai Caraibi. Senza dubbio sarebbe rimasta nel suo ufficio, attaccata a un telefono, se all'improvviso la morte del suo ex-fidanzato e un suo lascito nel testamento non le avesse dato abbastanza soldi per compiere il primo timido passo verso il suo sogno. Ma questo passo non è altro che una trappola creata da forze che sono ancora sconosciute quando mette piede nell'aeroporto di Barajas. Non poteva nemmeno a immaginare che stesse iniziando la sua carriera di omicida e il contrattempo di essere la donna più bella del mondo.
    Show book
  • Storia di un industriale proletario - cover

    Storia di un industriale proletario

    Cico Istria Jr

    • 0
    • 0
    • 0
    L’epopea della grande storia italiana contemporanea raccontata in prima persona attraverso gli occhi attenti del protagonista: dalla lotta partigiana ai sacrifici e alle sofferenze del dopoguerra, dalla straordinaria vitalità – sociale e culturale – della ricostruzione, fino ai cupi anni settanta, gli anni di piombo, con i suoi devastanti conflitti sociali.
    Ambientato fra le dolci colline del Monferrato, il Canavese e la industriosa città di Torino, il libro narra le gesta del protagonista, piemontese di origine proletaria, che si muove nel contesto dell'industria tessile italiana. Egli cerca di barcamenarsi fra gli eterni, astiosi dualismi della nostra società, seguendo di volta in volta la corrente più opportuna del momento, attento a non lasciarsi sfuggire le occasioni che gli permetteranno un’arrampicata sociale addirittura oltre le sue più rosee aspettative.
    Il libro, basato su esperienze in parte autobiografiche e in parte sugli attendibili racconti di amici e parenti dell’autore, riporta situazioni del tutto vere: drammi, gioie, dolori e le strepitose opportunità di uno dei momenti più coinvolgenti e dinamici della nostra storia recente.
    L’autore offre tra le righe una chiave innovativa per interpretare l’attualità alla luce del passato. Un lettore attento individuerà facilmente ricorrenti e interessanti analogie fra il districarsi della storia narrata e i fatti della vita attuale.
    ---
    Cico Istria Jr (il Junior sta per differenziarlo dall’omonimo nonno) è nato a Torino in un’umile famiglia di proletari, che comunque riuscirono a farlo studiare. All’età di 31 anni era già Dirigente Operativo in un grande gruppo brasiliano. Oltre agl’impegni di lavoro, ha avuto modo di conoscere e approfondire, per interesse personale, usi, costumi e mentalità delle più diverse popolazioni ed etnie. Ritornato in Italia, dopo la pensione – sfruttando il cospicuo bagaglio di esperienze acquisite in quarant’anni di attività – si è dedicato alla narrativa, cioè la passione nascosta di tutta la sua vita.
    Show book