Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
La Magnifica Illusione - Giorgio Gaber e gli anni '70 - cover

La Magnifica Illusione - Giorgio Gaber e gli anni '70

Nando Mainardi

Publisher: Vololibero

  • 0
  • 1
  • 0

Summary

Nel 1970 Giorgio Gaber abbandona il mercato discografico e la televisione per dedicarsi al teatro: è l’anno de Il Signor G. E’ l’inizio di una fase totalmente nuova, in cui il cantautore milanese sceglie di confrontarsi attraverso i suoi spettacoli con il pubblico – costituito in gran parte dai giovani protagonisti del Sessantotto – sulla possibilità effettivamente di cambiare il mondo. 
“La magnifica illusione” è la storia di Giorgio Gaber, ovvero di un ragazzo che voleva fare il rock and roll, che ha contribuito “all’invenzione” della canzone d’autore ed è andato ben al di là dell’etichetta di “cantautore”, fino a diventare un intellettuale e un divulgatore provocatorio e mai scontato. 
Difficile, oggi, pensare che un cantante possa aver fatto tutto questo. Difficile pensare che c’è stata un’epoca in questo Paese, non tanti anni fa, in cui tante e tanti credevano che la rivoluzione fosse dietro l’angolo.

Other books that might interest you

  • #Rettore - Magnifico Delirio - cover

    #Rettore - Magnifico Delirio

    Gianluca Meis

    • 0
    • 0
    • 0
    Dagli esordi al successo, dalle grandi hit da top ten alle influenze sul rock indipendente, dalle vittorie ai festival estivi, ormai scomparsi, al presente. Un libro “interattivo” non solo grazie alla tecnologia dei QR-Code ma soprattutto per la continua interazione con la memoria e la storia personale dell’autore, il quale ha cercato di condensare in vari episodi gli aneddoti e i ricordi raccolti nelle sue conversazioni con numerosissimi fan della cantante.
    Una lunga e inedita intervista alla Rettore rende questo libro unico e fondamentale per chi vuole conoscere quegli anni stupendi e unici colmando un inspiegabile vuoto editoriale.
    Show book
  • La Grande Signora Mary Wollstonecraft - cover

    La Grande Signora Mary...

    Avneet Kumar Singla

    • 0
    • 0
    • 0
    Mary Wollstonecraft Shelley (30 agosto 1797-1 febbraio 1851) è stata una scrittrice inglese, che ha scritto il romanzo gotico Frankenstein; o il moderno Prometeo (1818), considerato come uno dei primi esempi di fantascienza. Ha anche curato e promosso le opere di suo marito, il poeta e filosofo romantico Percy Bysshe Shelley. Suo padre era il filosofo politico William Godwin e sua madre era la filosofa e attivista femminista Mary Wollstonecraft.La madre di Shelley morì meno di un mese dopo la nascita. Fu allevata da suo padre, che le offrì un'educazione ricca, anche se informale, e la incoraggiò ad aderire alle sue teorie politiche anarchiche. Quando aveva quattro anni, suo padre sposò una vicina di Casa, Mary Jane Clairmont, con la quale Shelley ebbe una relazione travagliata.Nel 1814 Shelley iniziò una storia d'amore con uno dei sostenitori politici di suo padre, Percy Bysshe Shelley, che era già sposato. Insieme alla sorellastra Claire Clairmont, lei e Percy viaggiarono in Francia e viaggiarono attraverso l'Europa. Dopo il suo ritorno in Inghilterra, Shelley era incinta del figlio di Percy. Per i successivi due anni, lei e Percy affrontarono l'esclusione, il debito costante e la morte della loro figlia prematuramente nata. Si sposarono alla fine del 1816 dopo il suicidio della prima moglie di Percy Shelley, Harriet.Nel 1816, la coppia e la sorellastra trascorsero un'estate con Lord Byron e John William Polidori vicino a Ginevra, in Svizzera, dove Shelley concepì L'idea per il suo romanzo Frankenstein. Gli Shelley lasciarono la Gran Bretagna nel 1818 per l'Italia, dove morirono il loro secondo e terzo figlio prima che Shelley desse alla luce il suo ultimo e unico figlio sopravvissuto, Percy Florence Shelley. Nel 1822 suo marito annegò quando la Sua barca a vela affondò durante una tempesta nei pressi di Viareggio. Un anno dopo, Shelley tornò in Inghilterra e si dedicò all'educazione di suo figlio e alla carriera di autore professionista. L'ultimo decennio della sua vita è stato segnato da una malattia, molto probabilmente causata dal tumore al cervello che l'ha uccisa all'età di 53 anni.Fino al 1970, Shelley era meglio conosciuta per i suoi sforzi per pubblicare le opere del marito e per il suo romanzo Frankenstein, che è ancora ampiamente letto e ha ispirato molti adattamenti teatrali e cinematografici. La borsa di studio più recente ha dato una panoramica più completa dei risultati di Shelley. Gli scienziati hanno mostrato un crescente interesse per la sua opera letteraria, in particolare i suoi romanzi, tra cui i romanzi storici Valperga (1823) E Perkin Warbeck (1830), il romanzo apocalittico l'Ultimo Uomo (1826), e i suoi ultimi due romanzi, Lodore (1835) e Falkner (1837). Studi delle sue opere meno conosciute, come il libro di viaggio Rambles in Germany and Italy (1844) e gli articoli biografici per il cabinet Cyclopaedia di Dionysius Lardner (1829-1846), supportano la crescente opinione che Shelley sia rimasta una radicale politica per tutta la sua vita. Il lavoro di Shelley sostiene spesso che la cooperazione e la simpatia, specialmente praticate dalle donne in famiglia, erano i modi per riformare la società civile. Questa visione era una sfida diretta all'ethos romantico individualista promosso da Percy Shelley e alle teorie politiche illuministe articolate da suo padre William Godwin.
    Show book
  • Il grande Benjamin Franklin - cover

    Il grande Benjamin Franklin

    Avneet Kumar Singla

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo è un grande libro di biografia non-fiction che descrive la vita del leggendario Benjamin Franklin. Questo libro di biografia Non-Fiction è composto da 70000 parole in approssimativa.Benjamin Franklin è stato un polymath britannico-americano e uno dei padri fondatori degli Stati Uniti. Franklin era uno scrittore, stampatore, filosofo politico, politico, Massone, postmaster, scienziato, inventore, umorista, attivista Civico, statista e diplomatico. Come scienziato fu una figura importante Nell'Illuminismo americano e nella storia della fisica per le sue scoperte e teorie riguardanti l'elettricità. Fondò molte organizzazioni civiche, tra cui la Library Company, i primi vigili del Fuoco di Filadelfia e l'Università della Pennsylvania.Franklin ricevette il titolo di "il primo Americano" per le sue prime e instancabili campagne per l'unità coloniale, prima come autore e oratore a Londra per diverse colonie. Come primo Ambasciatore degli Stati Uniti in Francia, illustrò l'emergente nazione americana. Franklin fu fondamentale nel definire l'ethos americano come una combinazione dei valori pratici della parsimonia, del duro lavoro, dell'educazione, dello spirito comunitario, delle istituzioni autonome e dell'opposizione all'autoritarismo politico e religioso con i valori scientifici e tolleranti Dell'Illuminismo. Nelle parole dello storico Henry Steele Commager: "in un sogno, Le virtù del puritanesimo potrebbero essere fuse senza i suoi difetti, L'illuminazione dell'illuminazione senza il suo calore. "Per Walter Isaacson, Franklin è L'americano più compiuto del suo tempo e il più influente quando si tratta di inventare il tipo di società che sarebbe diventata L'America."Franklin divenne un editore di giornali di successo e stampatore a Filadelfia, la città principale delle colonie, e pubblicò la Pennsylvania Gazette all'età di 23 anni. Dopo il 1767 fu associato al Pennsylvania Chronicle, un giornale noto per i suoi sentimenti rivoluzionari e le critiche alle politiche del Parlamento britannico e della corona.Fu il primo presidente dell'Accademia e del College di Filadelfia, che aprì nel 1751 e in seguito divenne L'Università della Pennsylvania. Organizzò e fu il primo segretario Dell'American Philosophical Society e fu eletto presidente nel 1769. Franklin divenne un eroe nazionale in America come agente per diverse colonie quando cercò a Londra di far abrogare il Parlamento della Gran Bretagna L'impopolare Stamp Act. Un diplomatico compiuto, è stato ampiamente ammirato tra i francesi come ministro americano a Parigi ed è stato una figura importante nello sviluppo di relazioni positive FrancoAmericane. I suoi sforzi si rivelarono decisivi per la Rivoluzione Americana nel garantire le spedizioni di importanti munizioni dalla Francia.Fu promosso a Vice Direttore delle Poste per le colonie britanniche il 15 agosto 1753, dopo aver servito per molti anni come postmaster di Filadelfia, e questo gli permise di stabilire la prima rete di comunicazioni nazionali. Inizialmente possedeva e commerciava schiavi, ma alla fine del 1750 iniziò a discutere contro la schiavitù, divenne un abolizionista e promosse l'educazione e l'integrazione dei neri nella società americana.Più di due secoli dopo la sua morte, la sua vita e l'eredità di successi scientifici e politici, così come il suo status di uno dei Padri Fondatori più influenti D'America, hanno onorato Franklin con il pezzo da cinquanta centesimi, la banconota da $ 100, navi da guerra e i nomi di molte città, contee, istituzioni educative e aziende, oltre a numerosi riferimenti culturali.Nota: - stiamo offrendo questo libro a molto sconto come attività promozionale.ParolaBiografia di eroe americano e attivista socialeBiografia di filosofo, inventore e scrittoreBiografia di persona con molte qualitàUno dei migliori libri di attività socialiLibro relativo All'America e al suo grande passato1 del miglior libro relativo al British-American
    Show book
  • Vita di Michelangelo - cover

    Vita di Michelangelo

    Romain Rolland

    • 0
    • 0
    • 0
    Romain Rolland (1866-1944), premio Nobel per la letteratura nel 1915, ha dedicato l'opera e la vita alla diffusione di un credo umanitario di pace e di fraternità. Compose numerose biografie esemplari, tra cui questa di Michelangelo, nel 1905. La vita dell'eroe della Sistina (come lo chiama l'autore) viene percorsa più volte analizzando vari aspetti della sua vita: la lotta, la sua ossessione artistica, gli amori idealizzati, e infine, l’amore per Dio e il desiderio della liberazione dalla vita. Cornice musicale: l'Eroica di Ludwig van Beethoven.
    Show book
  • Eterni - Vite brevi e romantiche di grandi compositori - cover

    Eterni - Vite brevi e romantiche...

    Elisa Giobbi

    • 0
    • 0
    • 0
    Elisa Giobbi, come sottolinea Arturo Stàlteri nella sua prefazione, ci racconta la vita e le opere di questi eccelsi compositori scomparsi troppo presto. Lo fa con lucidità, senza compiacimenti e, tuttavia, con affetto. 
    Li ama e li fa vivere di nuovo quei personaggi che hanno attraversato l'esistenza respirando più musica che aria. Proprio la "loro" musica, alla fine, ha vinto: è ancora qui con noi e, quindi, lo sono anche i suoi artefici. Li sentiamo vicini, soffriamo, ci esaltiamo con loro e ci troviamo a condividerne debolezze e amore per la vita.
    Show book
  • Il Piacere - cover

    Il Piacere

    Gabriele d'Annunzio

    • 0
    • 0
    • 0
    Il piacere è un romanzo di Gabriele D'Annunzio, scritto nel 1888 a Francavilla al Mare e pubblicato l'anno seguente dai Fratelli Treves. A partire dal 1895 recherà il sopratitolo I romanzi della Rosa, formando un ciclo narrativo con L'innocente e Il trionfo della morte. Così come un secolo prima Le ultime lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo aveva diffuso in Italia la corrente e la sensibilità romantica, Il piacere e il suo protagonista Andrea Sperelli introducono nella cultura italiana di fine Ottocento la tendenza decadente e l'estetismo. Come affermò Benedetto Croce, con d'annunzio «risuonò nella letteratura italiana una nota, fino ad allora estranea, sensualistica, ferina, decadente». D'Annunzio inaugura un nuovo tipo di prosa psicologica e introspettiva, destinata ad avere un grande successo e che gli consentirà di indagare gli errori e le contrarietà della vita dell'«ultimo discendente d'una razza intellettuale».
    Show book