Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Studium- Psicologia e lavoro: Nuove prospettive per l’orientamento e la gestione delle competenze nello scenario attuale - Rivista bimestrale 2017 (4) - cover

Studium- Psicologia e lavoro: Nuove prospettive per l’orientamento e la gestione delle competenze nello scenario attuale - Rivista bimestrale 2017 (4)

Diego Balducci, Giuseppe Dalla Torre, Massimo Borghesi, Antonio Scornajenghi, Vincenzo Cappelletti, Claudio D'Errico, A. Claudio Bosio, Laura Galuppo, Silvio Ripamonti, Chiara D'Angelo, Giuseppe Scaratti, Barbara Bertani, Eleonora Reverberi, Eliana Versace, Carlo Felice Casola, Claudio Villa

Publisher: Edizioni Studium S.r.l.

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Nata e sviluppatasi all'inizio del Novecento, l'attività pubblicistica di Studium procede attraverso tre periodi, a cui corrispondono altrettante fasi di vita e di azione culturale. 1. Dall'atto della fondazione, nel 1906, a Firenze, come rivista della Federazione degli universitari cattolici (FUCI), all'avvento del fascismo. La riflessione della rivista verte in questo periodo sui rapporti tra fede e cultura moderna, fede e scienza, cristianesimo e democrazia, e sui problemi dell'istruzione universitaria, sui rapporti tra Università e società, sul tema della libertà dell'insegnamento. Studium diventa la prima rivista di ispirazione cattolica presente in campo culturale. Rivista universitaria, anzi organo di fatto della FUCI, che tuttavia, già nella sua presentazione, non intende "restringersi in un ambito di partito come semplice organo di istituzioni cattoliche". 2. Il periodo del Ventennio. Studium, diretta da Guido Lami (1923-1925), si stampa a Bologna, fino a quando, con la nomina dall'alto della nuova presidenza della FUCI, viene definitivamente trasferita a Roma (1925). Il periodo del Ventennio è vissuto da Studium all'insegna della differenziazione, del volontario "far parte a sé" e della coraggiosa resistenza al regime e alla sua "etica"; atteggiamento che si concreta nell'opera tenace di formazione delle coscienze giovanili e nell'ispirazione cristiana della cultura e della professione. Nel 1933 Studium diventa organo del nascente Movimento Laureati di Azione Cattolica. 3. La ripresa democratica, che vede proseguire e ampliarsi i discorsi culturali e scientifici riguardanti le esigenze spirituali della persona e il concetto cristiano della professione. Nel 1945 assume la direzione di Studium Aldo Moro e la rivista affronta con particolare rigore la responsabilità della cultura cristiana nella ricostruzione politica ed economica del Paese. Studium, con fascicoli monografici, saggi, interventi critici, prosegue il suo itinerario di riflessione su grandi nuclei concettuali del pensiero contemporaneo, mentre pone attenzione costante ai temi della bioetica, dei diritti umani, della convivenza civile, così come ai problemi della scuola e dell'Università, che mettono in gioco il destino delle nuove generazioni. In un'epoca che soffre di eccesso di informazione, in larga misura omologata, la rivista segue in profondità filoni essenziali del pensiero, lo stretto rapporto tra scienza e filosofia, l'evoluzione della società, con sensibilità storica e aderenza a valori ideali perenni. Dà voce inoltre a momenti alti della letteratura e della spiritualità, ponendo in luce le ragioni della speranza nella complessità del nostro tempo.
Available since: 12/05/2017.

Other books that might interest you

  • Diario della felicità - Storie di giovani in ricerca Un viaggio al centro del cuore umano - cover

    Diario della felicità - Storie...

    Mimep Docete

    • 0
    • 0
    • 0
    Quattro storie di giovani che, di fronte all’insorgere di malattie mortali hanno saputo offrire la loro vita e le loro sofferenze a Gesù: Chiara Luce Badano, Carlo Acutis, Angelica Tiraboschi e Matteo Farina. 
    L'audiolibro contiene una breve biografia di ciascuno e una selezione di brani dei loro scritti a modo di diario. Un libro da ascoltare carichi di tutte le domande che abbiamo nel punto della vita in cui ci troviamo. Non impareremo cose nuove, ma vedremo le cose nuove dentro la carne viva di questi quattro ragazzi di cui ci viene offerta la testimonianza.
    Show book
  • Come un principio - Riflessioni sul libro della Genesi - cover

    Come un principio - Riflessioni...

    Paolo Scquizzato

    • 0
    • 0
    • 0
    Lontano da una pretesa esegetica e quindi scientifica, le pagine di questo libro desiderano essere semplicemente riflessioni sull’umano vivere cercando di guardare lontano, ma indietro, attingendo cioè alla sapienza degli autori ispirati della Bibbia nella consapevolezza che, grazie a loro e in particolare al primo Libro, si può giungere al principio delle cose, e quindi di noi stessi e così alle cose di Dio.
    Lasciarsi “semplicemente” raggiungere: questo è la salvezza.
    
    Effatà Editrice pubblica libri di qualità dal 1995, con lo stesso spirito si occupa di editoria digitale: eBook D.O.C. pensati per chi ama i libri. Il testo di questo eBook è stato completamente riadattato alla lettura digitale con l'aggiunta di link per una rapida navigazione.
    Show book
  • La città di Dio - cover

    La città di Dio

    Agostino di Ippona

    • 0
    • 0
    • 0
    La città di Dio è un'opera in ventidue volumi scritta da Sant' Agostino di Ippona tra il 413 e il 426; egli scrisse i primi dieci libri con la finalità di difendere il cristianesimo dalle accuse dei pagani ed analizzare le questioni sociali-politiche dell'epoca; negli altri dodici libri, invece, tratta della salvezza dell'uomo. L'opera diverrà uno dei capolavori della cultura occidentale proprio durante la lenta decadenza dell'Impero Romano dovuto alle continue invasioni barbariche. Agostino afferma che la vita umana è dominata dall'alternativa fondamentale tra il vivere secondo la carne e il vivere secondo lo spirito, avendo quindi un'alternativa. Quest'ultima si svolge e divide in due città: la Civitas Terrena, ossia la città della carne, la città terrena, la città del diavolo, fondata da Caino che è Babilonia e la Civitas Dei, ossia la città dello spirito, la città celeste fondata da Abele. Nessuna città prevale sull'altra. Nella storia, infatti, le due città sono mischiate e mai separate, come se ogni uomo vivesse contemporaneamente nell'una e nell'altra. Sta quindi a quest'ultimo la scelta di decidere da che parte schierarsi. L'uomo si trova al centro tra queste due città e solo il giudizio universale può separare definitivamente i beati dai peccatori. Ognuno potrà capire a quale città appartiene solo interrogando se stesso. Legge Silvia Cecchini; durata: 40 ore e 30 minuti.
    Show book
  • Le radici del cristianesimo nell’Antico Egitto - cover

    Le radici del cristianesimo...

    Moustafa Gadalla

    • 0
    • 0
    • 0
    Il libro rivela le radici del cristianesimo nell’Antico Egitto sia dal punto di vista storico che spirituale. Dimostra che i racconti sul “Gesù storico” si basano interamente sulla vita e la morte del faraone egizio Tutankhamon; e che il “Cristo della fede” e i principi cristiani sono tutti di origine egizia, quali l’essenza degli insegnamenti/messaggi e le feste religiose.. Ciò che oggi si definisce religione cristiana esisteva già nell’Antico Egitto molto tempo prima dell’adozione del Nuovo Testamento. Scrisse l’egittologo britannico E.A. Wallis Budge nel suo libro The Gods of the Egyptians (1969): “La nuova religione (cristianesimo) lì predicata da San Marco e dai suoi seguaci, ricorda molto, in tutti gli elementi essenziali, quel che era dell’esito del culto di Osiride, Iside e Horus”. Le somiglianze rilevate da Budge, e da tutti coloro che hanno confrontato l’allegoria egizia di Osiride/Iside/Horus con gli episodi del Vangelo, sono impressionanti. I due racconti sono praticamente identici, includendo per esempio elementi quali l’Immacolata Concezione, la nascita divina, le lotte contro il nemico nel deserto e la risurrezione dei morti alla vita eterna. La principale differenza tra le “due versioni” risiede nel fatto che il racconto evangelico è considerato storico, mentre il ciclo di Osiride/Iside/Horus è un’allegoria. Il messaggio spirituale dell’allegoria di Osiride/Iside/Horus nell’Antico Egitto e la rivelazione cristiana è esattamente lo stesso. Così lo studioso britannico A.N. Wilson sottolineò nel suo libro Jesus: “Il Gesù della storia e il Cristo della fede sono due esseri separati, con storie molto diverse. È difficile ricostruire la prima, e nel tentativo siamo propensi a fare un danno irreparabile alla seconda”. Questo libro dimostrerà che il “Gesù della storia”, il “Gesù della fede” e i principi del cristianesimo hanno tutti origine nell’Antico Egitto. E se ne parlerà senza causare alcun “danno irreparabile”, cosa che preoccupava A.N. Wilson, per due principali motivi: in primo luogo, perché la verità deve essere detta. In secondo luogo, perché spiegare i principi cristiani basandosi sul loro contesto originale nell’Antico Egitto, rafforzerà l’idealità del cristianesimo. Questo libro è composto da due parti: La prima parte dimostra che i racconti sul “Gesù della storia” si basano interamente sulla vita e la morte del faraone egizio Twt/Tut-Ankh-Amen. La seconda parte spiega che il “Gesù della fede” e i principi cristiani sono tutti di origine egizia – tanto l’essenza degli insegnamenti/del messaggio, quanto le feste religiose. C’è un’innegabile ironia e una profonda, radicata e indiscutibile verità nella citazione del profeta Osea “Fuori dall’Egitto ho chiamato mio Figlio”. Un’ironia davvero profonda. Apriamo le nostre menti e analizziamo le prove disponibili. Perché la verità è un insieme dei pezzi diversi e complementari di un puzzle. Mettiamo questi pezzi nel corretto ordine, tempo e posizione.
    Show book
  • I mistici egizi: Cercatori della Via - cover

    I mistici egizi: Cercatori della...

    Moustafa Gadalla

    • 0
    • 0
    • 0
    L'alchimia egiziana e il sufismo, con una spiegazione coerente dei principi fondamentali e delle pratiche. Il libro spiega come l’Antico Egitto sia la culla dell’alchimia e del sufismo di oggi, e come i mistici egizi mascherino le loro pratiche con una piccola influenza islamica. Il libro descrive anche la strada per l’illuminazione attraverso la via mistica, con una spiegazione coerente dei suoi fondamenti e delle sue pratiche. Dimostra inoltre la corrispondenza tra il calendario degli eventi dell’Antico Egitto e i cicli cosmici dell’universo. Questo libro è diviso in quattro parti per un totale di nove capitoli e un’appendice. Parte I: Il tesoro nascosto è composta da due capitoli: Capitolo 1: Il misticismo egizio e il sufismo islamizzato tratta le differenze tra i percorsi dogmatici e mistici e di come l’Antico Egitto sia la culla del sufismo e dell’alchimia. Capitolo 2: Il tesoro interiore esamina i limiti degli organi percettivi umani e come trovare le realtà con tali limitazioni. Parte II: La trasformazione da polvere in oro è composta dai capitoli che vanno dal 3 al 5: Capitolo 3: La Via dell’alchimista tratta l’Antico Egitto in quanto culla dell’alchimia; la progressione sulla strada dell’alchimista; e il ruolo di una guida in questo processo. Capitolo 4: Il processo di purificazione illustra le purificazioni sia esterne che interne durante la nostra esistenza sulla Terra. Capitolo 5: La Via delle rivelazioni tratta i metodi che permettono a chi aspira a una via mistica di ottenere la conoscenza attraverso le rivelazioni. Parte III: Le feste popolari di visitazione è composta da tre capitoli, dal 6 all’8: Capitolo 6: Le feste di rinnovo dei cicli tratta l’importanza di organizzare e partecipare alle feste annuali. Capitolo 7: Le animate feste egizie (Mouled) tratta le principali caratteristiche di una tipica festa. Capitolo 8: Temi egiziani delle feste tradizionali per San Nicola confronta le note tradizioni natalizie di San Nicola con una tipica festa dell’Antico Egitto dedicata a un santo popolare. Parte IV: Accorrete numerosi è composta da un solo capitolo, il 9. Capitolo 9: La formazione delle confraternite tratta la struttura e le pratiche generali per formare/partecipare a una confraternita mistica. I contenuti delle due appendici si evincono dai rispettivi titoli, ovvero: Appendice A: Svariati termini sufi e le loro radici nell’Antico Egitto.
    Show book
  • Sulla soglia del mondo eterico - La sopravvivenza dopo la morte spiegata scientificamente - cover

    Sulla soglia del mondo eterico -...

    J. Arthur

    • 0
    • 0
    • 0
    Si dimostra che nel nostro mondo fisico noi percepiamo unicamente alcune graduazioni insignificanti di vibrazioni eteriche, le quali sono infinitesimali in rapporto agli altri sistemi sterminati di vibrazioni analoghe da noi ignorate e la possibilità dell’esistenza intorno al nostro mondo, di un altro mondo di sostanza, di vita, di forme”. Si deve alle più recenti scoperte della scienza intorno alla costituzione della materia, alla disintegrazione dell’atomo, alla natura vibratoria dell’universo intero, se oggigiorno siamo in grado di concepire scientificamente la possibilità dell’esistenza di sfere concentriche spirituali intorno al nostro mondo, sfere permeabili ai raggi solari, nonché invisibili ed intangibili ai nostri sensi, ma in pari tempo più sostanziali dell’universo fisico. Al qual riguardo giova ricordare come una tale possibilità, oggi concepibile ed ammissibile in teoria, non sarebbe apparsa scientificamente lecita or fa mezzo secolo, così come or fa mezzo secolo non sarebbe apparso scientificamente lecito il preconizzare l’avvento di un giorno in cui un oratore il quale parli nella città di Roma, venga simultaneamente ascoltato in ogni angolo del globo. E siccome quest’ultimo miracolo della scienza si estrinseca per opera della “sintonizzazione vibratoria” tra l’apparecchio generatore e innumerevoli apparecchi ricevitori sparsi nel mondo intero, ne deriva che tale incontestabile realtà di fatto, rende razionalmente accettabile l’altra incontestabile realtà di fatto per la quale si apprende che per opera di apparecchi ricevitori viventi, denominati mediums, nonché sintonizzati con le vibrazioni speciali a un mondo spirituale fino ad ora rimasto ignorato, stasi pervenuti a stabilire rapporti con le personalità dei defunti che ivi soggiornano. In conclusione: Se deve ammettersi che certi scetticismi intransigenti a proposito dell’esistenza di un mondo spirituale, parevano pienamente giustificati or fa mezzo secolo, odiernamente invece deve riconoscersi che non apparirebbero più ragionevoli, visto che l’ultima parola in proposito spetta oramai alle indagini sperimentali e al conseguente accumularsi delle prove, non già alle disquisizioni cattedratiche formulate in nome di presunti postulati della scienza, i quali inevitabilmente mutano e si trasformano a misura che la scienza progredisce. E l’autore del presente volume, dopo avere svolto scientificamente il tema sopra accennato, passa ad apportare il proprio contributo alle prove di fatto in dimostrazione dell’esistenza reale di un mondo spirituale col quale già da ora è possibile entrare in rapporto previa apparecchi viventi denominati medium.
    Show book