Add this book to bookshelf
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Write a new comment Default profile 50px
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Spinner ae25b23ec1304e55286f349b58b08b50e88aad5748913a7eb729246ffefa31c9
Ritorno Al Parquet Quick Quick Slow - cover

Ritorno Al Parquet Quick Quick Slow

Annemarie Nikolaus

Publisher: Babelcube

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Per la prima volta dopo sedici anni Friederike osa tornare sul parquet: un grave incidente d’auto l’aveva costretta ad abbandonare il ballo da sala. La danza è invece diventata il suo argomento di ricerca e ha fatto carriera come professoressa di storia.
Un collega diventa il suo nuovo compagno di ballo, poiché suo marito George non vuole prendere parte a un semplice gruppo di ballo come un dilettante: non sarebbe all’altezza della sua carica di presidente del Club di Danza Lietzensee. Tuttavia la sostiene quando lei vuole girare un film sulle danze del barocco con gli square dancer e la formazione latina del circolo. Ma d’un tratto vuole ballare personalmente le danze barocche con lei.
Friederike si trova davanti a un dilemma: dall’incidente si era augurata di poter ballare di nuovo con suo marito. Però non vuole neanche deludere il suo collega. Troverà una scappatoia che non offenda nessuno dei due? 


Il romanzo appartiene alla serie “Quick, quick, slow - Club di Danza Lietzensee”, scritta da più autrici. 


Ogni libro della serie è un romanzo a sé e può essere letto indipendentemente dagli altri.

Who read this book also read:

  • Caffè d'oppio - cover

    Caffè d'oppio

    Stefano Chiodaroli

    • 0
    • 0
    • 0
    SAGGIO (90 pagine) - SAGGI - La lingua non ha le ossa, ma è quella che le spezza! Come quella tagliente di Stefano Chiodaroli, che non guarda in faccia a nessuno con i suoi dissacranti chicchi di caffè d'oppio...
    
    Stefano Chiodaroli è un comico che ogni tanto prova a fare l'attore: ha inventato il personaggio del panettiere che gli ha portato fortuna e visibilità in programmi televisivi come Zelig e Colorado, e ha partecipato a diverse sitcom e a film di rilievo. Da una quindicina d'anni vive a Vigevano, città in cui quasi per caso è nata la sua collaborazione con il periodico locale "L'Informatore", con la rubrica settimanale "Caffè d'oppio". Un mix di commenti ironici, duri, irridenti, taglienti e irriverenti ma anche con una profonda saggezza di fondo, che stanno divertendo il pubblico che li legge, e che per la prima volta vengono raccolti un un unico volume. Da usare con estrema cautela, perché è vero che la lingua non ha le ossa, ma quella di Stefano Chiodaroli è abbastanza pesante da non guardare in faccia a nessuno e picchiare duro...  
    
    Stefano Chiodaroli è stato mangiafuoco, acrobata di strada, attore in compagnie amatoriali; la prima messinscena è del 1983, aggregato alla compagnia Triopastello. Diplomato nel 1990 alla scuola del Teatro del Mimodramma Arsenale, crea nel 1998 il personaggio del panettiere, che gli permette di accedere alla ribalta delle tv nazionali in trasmissioni come "Z""elig", "Convention a colori", "Colorado Cafè". In seguito crea altri personaggi come Tempesta Ormonale (un semidio celtico che lo conduce nel programma comico di Rai 2 "Bulldozer"), e altri energetici, folli, surreali come il mago Abatjour, Ornello l'ex fotomodello e Brian trombettista jazz. Nella sitcom "Belli dentro" in onda su Canale 5 interpreta Mariano, ladro di macchine e picchiatore dal cuore d'oro. Partecipa alla trasmissione "S""tiamo lavorando per noi" di Cochi e Renato e come conduttore a "Strangers in The Night" (comici stranieri allo Zelig) in onda sulla tv Svizzera italiana. Nella primavera del 2008 è coprotagonista, insieme a Luca Laurenti, della sitcom "Don Luca c'è", dove interpreta il ruolo di Angelo, il barista playboy del paese. Al cinema è stato tra i protagonisti del film di Michele Placido "I"" fiori del male", che narra la vicenda criminale di Renato Vallanzasca, e ha partecipato a due commedie, "Outing" di Matteo Vicino, con Massimo Ghini e Nicolas Vaporidis, e "Aspirante Vedovo", di Massimo Venier, con Fabio de Luigi e Luciana Littizzetto. Ha partecipato poi al film "Solo per il Week end", in gara al Toronto film festival, e nel 2015 a "On Air", film sulla vita avventurosa del DJ Marco Mazzoli di Radio 105. Nella stagione teatrale 2014/15 è stato protagonista, insieme a Lucia Vasini e Jessika Polsky, della commedia francese "I""l clan delle divorziate", grande successo in Francia e in cartellone per due mesi al Teatro San Babila di Milano.
    Show book
  • L’invisibile è reale - cover

    L’invisibile è reale

    Walter De Maria

    • 0
    • 0
    • 0
    Walter De Maria è una figura cardine all’incrocio tra Minimalismo, arte concettuale e Land art. Esordisce giovanissimo a San Francisco suonando la batteria in gruppi jazz, rock e d’avanguardia; quindi studia pittura e nel 1960 si trasferisce a New York, dove si dedica alla scultura. Nel corso degli anni Sessanta avvia la sua ricerca di Land art e crea monumentali opere nel deserto; in Europa progetta interventi su scala urbana e nel 1968 invade di terra una galleria d’arte a Monaco. I suoi lavori hanno la capacità di forzare i limiti delle categorie estetiche tradizionali, sollecitando lo spettatore a riflettere sul legame tra percezione e cognizione, presenza e assenza. Questo volume propone una lunga intervista rilasciata nel 1972 agli Archives of American Art: una rara testimonianza diretta, nella quale l’artista ripercorre la propria storia e racconta gli anni più fecondi della sua carriera.
    Show book
  • A Trick of the Tales - cover

    A Trick of the Tales

    Vincenzo Mercolino

    • 0
    • 0
    • 0
    "Wind and Wuthering", "Duke" e "A Trick of the Tail" sono gli album dei Genesis le cui canzoni hanno ispirato queste sei novelle.
    Alcune di queste si intrecciano l'una con l'altra, altre vivono di vita propria.
    Tutte frutto di quelle trame di fantasia che ciascuno di noi porta con se e che la musica dei Genesis riesce, inevitabilmente, a rendere vive.
    Show book
  • Necrosofia - cover

    Necrosofia

    Marco Bandera

    • 0
    • 0
    • 0
    Necrosofia. Conoscenza della morte o morte della conoscenza? Nulla è certo, tranne che quando essa si avvicina alla nostra vita o a uno dei nostri cari nulla sarà più come prima...Un monologo teatrale e un poema a versi liberi e sciolti - perché la follia non conosce ne' metrica ne' regole - sulla perdita di un figlio, la follia che ne consegue dal punto di vista di un padre e di una donna, amante di un padre anch'ella in procinto di morire. E dei poemi più o meno maledetti che giungono dal sottosuolo,dal mistero, perché la morte non è altro che il più indecifrabile mistero dell'esistenza terrena.
    Show book
  • Capire l’opera d’arte - cover

    Capire l’opera d’arte

    Heinrich Wölfflin

    • 0
    • 0
    • 0
    Se mai le opere d’arte devono essere spiegate, come possono esserlo a parole? Heinrich Wölfflin, uno dei più grandi studiosi d’arte moderni, prova a rispondere a questo interrogativo muovendo dall’assunto che così come si impara una lingua straniera, con i suoi vocaboli e la sua grammatica, occorre imparare a vedere e giudicare ogni stile secondo le sue strutture di senso e non secondo un canone particolare. Lo spettatore deve quindi avere l’opportuno «atteggiamento», per non rischiare di sovrimporre alle opere concetti e categorie estranee ed estrinseche. Uscito in origine nel 1921 per la collana «Biblioteca di Storia dell’Arte», questo testo ebbe grande risonanza e l’autore decise di ripubblicalo nel 1940 con l’aggiunta di un poscritto, incluso nella presente edizione. Introdotto da Andrea Pinotti, Capire l’opera d’arte è un libro stimolante e formativo, che rappresenta un’efficace epitome del pensiero wölffliniano nei suoi lineamenti basilari.
    Show book
  • Ho una valigia pronta ai piedi del letto - cover

    Ho una valigia pronta ai piedi...

    Maya Matteucci

    • 0
    • 0
    • 0
    È una storia come tante, unica. Una moltitudine di storie e punti di vista, un canto, un controcanto e cori di personaggi di passaggio. Una storia raccontata sottovoce e poi gridata indecentemente.
    È la storia di un giovane ricercatore costretto a ricostruire la propria quotidianità rubata, e del viaggio intenso e surreale che è costretto ad intraprende per riconquistarla. Ed è la storia di una donna matura che inciampa in un equivoco scoprendo che la sua vita è fatta di molti segreti e troppi silenzi. Le storie dei molti uomini e delle molte donne che ruotano attorno alla loro vita. Gli intrecci casuali delle loro vite, i nodi del destino e le incredibili conseguenze che ogni storia ha sulla vita degli altri. Nessuno di noi è mai “alla giusta distanza” per non essere travolto dalla voglia di libertà.
    Show book