Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
La soddisfazione di avercela fatta - cover

La soddisfazione di avercela fatta

Michele Bornaschella

Publisher: Ediciones Biebel

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

"La mia storia d'immigrante è una delle tante, così semplice e delicata come qualsiasi altra storia di immigrante italiano. Ma con così tanta grinta e volontà di superare se stessi che è ciò che finisce per distinguere gli uni dagli altri e, soprattutto, con la soddisfazione di avercela fatta. Non cerco riconoscimento pubblico, tantomeno voglio superare o confrontarmi con i miei simili, è la soddisfazione di aver superato me stesso. Potró ritenermi soddisfatto se posso mettere in chiaro che ho superato me stesso perché è questa la sensazione che ho ogni mattina ed ogni sera e continuo a provarci giorno dopo giorno" (Michele Bornaschella).
 
"La vita aveva in serbo per me la fiducia di Michele nel poter portare a termine questa storia. E non solo: l'opportunità di poter chiedere, così come lo spazio necessario che mi è stato concesso per poter immergermi nei suoi sentimenti e poter conoscere non solo lo strettamente necessario, ma anzi soddisfacendo ciò che la curiosità chiedeva per poter completare il panorama. Grazie a questo e quant'altro ho potuto intravedere una storia così emozionante che non credo che la stilografica abbia l'abilitá di poter dettagliare fedelmente" (Alberto Miramontes).
Available since: 03/30/2022.

Other books that might interest you

  • Mein Kampf la mia battaglia - Parte I - cover

    Mein Kampf la mia battaglia -...

    Adolf Hitler

    • 0
    • 0
    • 0
    Scritto da Adolf Hitler in prigione nel 1924 dopo il fallito putsch di Monaco, il Mein Kampf diventa già negli anni trenta la bibbia dell'ideologia nazista. Anche Rudolf Hess, il delfino di Hitler che era in carcere con il futuro Fuhrer, partecipa attivamente alla stesura del saggio. All'interno del Mein Kampf ritroviamo tutte le deliranti idee di Adolf Hitler sulla razza, sulla storia e sulla politica e, naturalmente, anche tutti gli attacchi al popolo ebraico che nel corso degli anni successivi porteranno all'immane tragedia dell'Olocausto.In questa prima parte, pubblicata originariamente nel 1925, Adolf Hitler racconta la sua vita: l'infanzia e gli anni della formazione, il periodo a Vienna e poi a Monaco, la Prima Guerra Mondiale, il durissimo dopoguerra e l'inizio dell'attività politica con i primordi del partito nazionalsocialista dei lavoratori.
    Show book
  • Come supereroina sarei super! - La mia vita con la sindrome di Down - cover

    Come supereroina sarei super! -...

    Verena Elisabeth Turin

    • 0
    • 0
    • 0
    Verena Turin vorrebbe essere una supereroina. O una cantante. O una ballerina. Ha molti sogni, come li ha ogni altra persona. Con il suo tocco molto personale, racconta della sua vita con la sindrome di Down, del suo lavoro, del suo gruppo musicale preferito, della sua famiglia, dell'amore e delle farfalle. Verena riesce a far piazza pulita dei pregiudizi perché la sindrome di Down non le impedisce di vivere una vita meravigliosa.
    Show book
  • Il grande Benjamin Franklin - cover

    Il grande Benjamin Franklin

    Avneet Kumar Singla

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo è un grande libro di biografia non-fiction che descrive la vita del leggendario Benjamin Franklin. Questo libro di biografia Non-Fiction è composto da 70000 parole in approssimativa.Benjamin Franklin è stato un polymath britannico-americano e uno dei padri fondatori degli Stati Uniti. Franklin era uno scrittore, stampatore, filosofo politico, politico, Massone, postmaster, scienziato, inventore, umorista, attivista Civico, statista e diplomatico. Come scienziato fu una figura importante Nell'Illuminismo americano e nella storia della fisica per le sue scoperte e teorie riguardanti l'elettricità. Fondò molte organizzazioni civiche, tra cui la Library Company, i primi vigili del Fuoco di Filadelfia e l'Università della Pennsylvania.Franklin ricevette il titolo di "il primo Americano" per le sue prime e instancabili campagne per l'unità coloniale, prima come autore e oratore a Londra per diverse colonie. Come primo Ambasciatore degli Stati Uniti in Francia, illustrò l'emergente nazione americana. Franklin fu fondamentale nel definire l'ethos americano come una combinazione dei valori pratici della parsimonia, del duro lavoro, dell'educazione, dello spirito comunitario, delle istituzioni autonome e dell'opposizione all'autoritarismo politico e religioso con i valori scientifici e tolleranti Dell'Illuminismo. Nelle parole dello storico Henry Steele Commager: "in un sogno, Le virtù del puritanesimo potrebbero essere fuse senza i suoi difetti, L'illuminazione dell'illuminazione senza il suo calore. "Per Walter Isaacson, Franklin è L'americano più compiuto del suo tempo e il più influente quando si tratta di inventare il tipo di società che sarebbe diventata L'America."Franklin divenne un editore di giornali di successo e stampatore a Filadelfia, la città principale delle colonie, e pubblicò la Pennsylvania Gazette all'età di 23 anni. Dopo il 1767 fu associato al Pennsylvania Chronicle, un giornale noto per i suoi sentimenti rivoluzionari e le critiche alle politiche del Parlamento britannico e della corona.Fu il primo presidente dell'Accademia e del College di Filadelfia, che aprì nel 1751 e in seguito divenne L'Università della Pennsylvania. Organizzò e fu il primo segretario Dell'American Philosophical Society e fu eletto presidente nel 1769. Franklin divenne un eroe nazionale in America come agente per diverse colonie quando cercò a Londra di far abrogare il Parlamento della Gran Bretagna L'impopolare Stamp Act. Un diplomatico compiuto, è stato ampiamente ammirato tra i francesi come ministro americano a Parigi ed è stato una figura importante nello sviluppo di relazioni positive FrancoAmericane. I suoi sforzi si rivelarono decisivi per la Rivoluzione Americana nel garantire le spedizioni di importanti munizioni dalla Francia.Fu promosso a Vice Direttore delle Poste per le colonie britanniche il 15 agosto 1753, dopo aver servito per molti anni come postmaster di Filadelfia, e questo gli permise di stabilire la prima rete di comunicazioni nazionali. Inizialmente possedeva e commerciava schiavi, ma alla fine del 1750 iniziò a discutere contro la schiavitù, divenne un abolizionista e promosse l'educazione e l'integrazione dei neri nella società americana.Più di due secoli dopo la sua morte, la sua vita e l'eredità di successi scientifici e politici, così come il suo status di uno dei Padri Fondatori più influenti D'America, hanno onorato Franklin con il pezzo da cinquanta centesimi, la banconota da $ 100, navi da guerra e i nomi di molte città, contee, istituzioni educative e aziende, oltre a numerosi riferimenti culturali.Nota: - stiamo offrendo questo libro a molto sconto come attività promozionale.ParolaBiografia di eroe americano e attivista socialeBiografia di filosofo, inventore e scrittoreBiografia di persona con molte qualitàUno dei migliori libri di attività socialiLibro relativo All'America e al suo grande passato1 del miglior libro relativo al British-American
    Show book
  • Soffri ma sogni - Le disfide di Pietro Mennea da Barletta - cover

    Soffri ma sogni - Le disfide di...

    Stefano Savella

    • 0
    • 0
    • 0
    «La fatica non è mai sprecata. Soffri, ma sogni». Questa frase di Pietro Mennea esprime il profondo spirito di sacrificio che lo ha condotto a una lunga stagione di vittorie attraverso cinque partecipazioni alle Olimpiadi, il record del mondo, numerosi altri successi in Italia e in Europa. Vi si leggono però anche le difficoltà degli esordi a Barletta, la sua città, in cui la carenza di buoni impianti di allenamento era superata dalla presenza di figure che lo hanno formato nella vita e nello sport. 
    Proprio a Barletta, sulla pista d’atletica dello stadio comunale oggi minacciata da altri interessi, Mennea ottenne una delle sue 
    migliori prestazioni di sempre. Abbandonata l’attività agonistica, nella sua nuova carriera di professionista, docente universitario e uomo politico, egli rafforzò la propensione alla sfida individuale. Lo testimoniano le sue lauree, le sue pubblicazioni, l’impegno costante nella lotta al doping e per lo sviluppo della propria terra.
    Show book
  • La Grande e leggendaria Giovanna d'Arco - cover

    La Grande e leggendaria Giovanna...

    Avneet Kumar Singla

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo libro ha sia la finzione e Non-fiction elementi. Questo è uno dei migliori libri biografici storici. Questo è un lungo romanzo biografico composto da circa 160000 parole. Giovanna d'Arco (francese: Jeanne d'Arc pronunciata [anan dak]; c. 1412  30 maggio 1431), soprannominata "La Pucelle D'Orléans" (francese: La Pucelle d'Orléans), è considerata un'eroina della Francia per il suo ruolo durante la fase Lancastriana della Guerra dei Cent'anni e fu canonizzata come santa cattolica romana. È nata da Jacques d'Arc e Isabelle Romée, una famiglia contadina, a Domrémy nel nord-est della Francia. Giovanna affermò di aver ricevuto delle visioni dell'Arcangelo Michele, di Santa Margherita e di Santa Caterina d'Alessandria che le insegnavano a sostenere Carlo VII e a recuperare la Francia dalla dominazione inglese alla fine della Guerra dei Cent'anni. Il re Carlo VII non nominato inviò Giovanna All'assedio di Orléans come parte di un esercito di soccorso. Ha guadagnato importanza dopo che l'assedio è stato revocato solo nove giorni dopo. Diverse altre rapide vittorie portarono alla consacrazione di Carlo VII a Reims. Questo evento tanto atteso ha aumentato il morale francese e ha aperto la strada alla vittoria finale francese. Il 23 maggio 1430 fu catturata a Compiègne dalla fazione Borgognona, un gruppo di nobili francesi alleati con gli inglesi. In seguito fu consegnata agli inglesi e messa sotto processo dal Vescovo filo-inglese Pierre Cauchon con una serie di accuse. Dopo che Cauchon la dichiarò colpevole, fu bruciata sul rogo il 30 maggio 1431, morendo a circa diciannove anni. Nel 1456, un tribunale inquisitorio autorizzato da Papa Callisto III esaminò il processo, smascherò le accuse contro di lei, la dichiarò innocente e la dichiarò martire. Nel 16 ° secolo, divenne un simbolo della Lega Cattolica e nel 1803 fu dichiarata simbolo nazionale della Francia dalla decisione di Napoleone Bonaparte. Fu beatificata nel 1909 e canonizzata nel 1920. Giovanna d'arco è uno dei nove santi patroni secondari della Francia, insieme a Saint-Denis, San Martino di Tours, San Luigi, San Michele, San Rémi, Santa Petronilla, Santa Radegonda e Santa Teresa di Lisieux. Giovanna d'arco è rimasta una figura popolare nella letteratura, pittura, scultura, e altre opere culturali dal momento della sua morte, e molti famosi scrittori, drammaturghi, registi, artisti, e compositori hanno creato, e continuano a creare, rappresentazioni culturali di lei.Giovanna d'Arco divenne una figura leggendaria per i quattro secoli dopo la sua morte. Le principali fonti di informazioni su di lei erano cronache. Cinque manoscritti originali del suo processo di condanna emerse in vecchi archivi durante il 19 ° secolo. Ben presto, gli storici hanno anche trovato le registrazioni complete del suo processo di riabilitazione, che conteneva la testimonianza giurata di 115 testimoni, e le note francesi originali per la trascrizione del processo di condanna Latino. Sono emerse anche varie lettere contemporanee, tre delle quali portano la firma Jehanne nella mano instabile di una persona che impara a scrivere. Questa insolita ricchezza di materiale di origine primaria è una delle ragioni per cui DeVries dichiara: "nessuna persona del Medioevo, maschio o femmina, è stata oggetto di ulteriori studi.
    Show book
  • Vita di Bernardo di Chiaravalle - cover

    Vita di Bernardo di Chiaravalle

    Giulio Barberis

    • 0
    • 0
    • 0
    Bernardo di Chiaravalle, fu un monaco e abate francese cistercense, fondatore della celebre abbazia di Clairvaux e di altri monasteri. Viene venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Canonizzato nel 1174 da papa Alessandro III, fu dichiarato Dottore della Chiesa, da papa Pio VIII nel 1830. Nel 1953 papa Pio XII gli dedicò l'enciclica Doctor Mellifluus. Questo racconto della vita si San Bernardo è stato scritto dal sacerdote Giulio Barberis, nel 1890. A conclusione dell’opera, quattro preghiere di Bernardo di Chiaravalle. Cornice musicale di Kevin Mac Leod.
    Show book