The perfect plan for booklovers!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Vathek - Un racconto arabo - cover

Vathek - Un racconto arabo

William Beckford

Publisher: Tiemme Edizioni Digitali

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Vathek. Un racconto arabo è un romanzo orientale (e piuttosto “gotico”), scritto dall’autore inglese William Beckford nel 1782 ma pubblicato la prima volta in lingua francese. Creata “di getto” in soli tre giorni, la vicenda è ambientata in una immaginaria città araba (Samarah). La storia è quella di un viaggio folle e fantastico all’inseguimento della ricchezza materiale ma a discapito della salvezza spirituale. La narrazione è pervasa da un sarcasmo cinico verso il protagonista, che appare ottuso e crudele.

Other books that might interest you

  • Sculptors painters and Italy - Italian Influence on Ninteenth-Century American Art - cover

    Sculptors painters and Italy -...

    Sirpa Salenius

    • 0
    • 0
    • 0
    The essays in Sculptors, Painters, and Italy: Italian Influence on Nineteenth-Century American Art examine the influence of Italy in the works of nineteenth-century American sculptors and painters. The focus is on their experience in Italy, their relationship with local workmen, their contact with Italian artists such as the Tuscan Macchiaioli, and the impact of their Italian experience on the formation of American art. The papers in the volume discuss such artists as Horatio Greenough, Thomas Cole, Hiram Powers, Henry Kirke Brown, Elihu Vedder, Edmonia Lewis, and John Singer Sargent. The essays are written by scholars from American universities and museums, and they appear in the following order: Elise Madeleine Ciregna, “’An Example in the Right Direction’: Horatio Greenough’s Life and Work in Italy”; John F. McGuigan Jr, “’A Painter’s Paradise’: Thomas Cole and His Transformative Experience in Florence, 1831-1832”; Rebecca Reynolds, “’No Ordinary Hands’: Hiram Powers’ Artistic and Professionally Related Family”; Karen Lemmey, “’I would just as soon be in Albany as Florence,’ Henry Kirke Brown and the American Expatriate Colonies in Italy, 1842-1846”; Mary K. McGuigan, “A Garden of Lost Opportunities: Elihu Vedder in Florence, 1857-1860”, Marilyn Richardson, “Friends and Colleagues: Edmonia Lewis and Her Italian Circle”; and Kathleen Lawrence, “John Singer Sargent, Italy, and the American Paradox.”
    Show book
  • Per Sorella Musica - San Francesco il Cantico delle Creature e la musica del Novecento - cover

    Per Sorella Musica - San...

    Chiara Bertoglio

    • 0
    • 0
    • 0
    Il Cantico delle Creature di san Francesco d’Assisi è un ponte gettato fra un medioevo in cui la natura è, per il mistico, trasparenza di Dio, ed una modernità lacerata da intime scissioni, vuoti di senso, afasie artistiche. eppure, molti fra i massimi compositori del secolo breve hanno trovato nel testo senza tempo di Francesco ben più di uno stimolo creativo: le versioni di Schnittke, Messiaen e Gubaidulina aprono ampi squarci su un orizzonte di fede ritrovata e di intensa serenità spirituale.
    Dallo studio di queste partiture emblematiche, il discorso si amplia fino a toccare le più profonde domande di senso: esse confluiscono in un’originalissima «postfazione corale», reinterpretazione contemporanea del cantico da parte di personalità quali Massimo Cacciari, Khaled Fouad Allam, Irene Iarocci, Peter Hill, Giampiero Bof, Katarina Pajchel, Lubomir Zak, Margherita Coletta, Giuseppe Brondino, Davide Rondoni in un mosaico interdisciplinare in cui la diversità diventa culla della pienezza. 
    
    I collegamenti ipertestuali presenti nel testo segnati con il simbolo ▶ puntano alle musiche MP3 per l’ascolto gratuito dei brani.
    
    Effatà Editrice pubblica libri di qualità dal 1995, con lo stesso spirito si occupa di editoria digitale: eBook D.O.C. pensati per chi ama i libri. Il testo di questo eBook è stato completamente riadattato alla lettura digitale con l'aggiunta di link per una rapida navigazione.
    Show book
  • Danzando tra le arti - cover

    Danzando tra le arti

    Giulia Salvagni

    • 0
    • 0
    • 0
    Viaggio tra le principali espressioni culturali che hanno determinato lo sviluppo storico ed estetico tra Otto e Novecento in relazione all'arte coreutica. Con una introduzione di Rosanna Pasi, presidente FNASD.
    Show book
  • Prima durante Invece del restauro - cover

    Prima durante Invece del restauro

    Chiara Lodi, Cristiana Sburlino

    • 0
    • 0
    • 0
    Sesto congresso internazionale colore e conservazione materiali e metodi nel restauro delle opere policrome mobili
    Show book
  • Stampatori e librai a Padova nella prima metà dell’Ottocento - cover

    Stampatori e librai a Padova...

    Marco Callegari

    • 0
    • 0
    • 0
    La prima metà dell’Ottocento rappresentò l’ultima stagione felice dell’editoria padovana. Nel panorama cittadino, alla Tipografia del Seminario, che nel secolo precedente era stata una delle più attive tra le aziende dello Stato Veneto, si aggiunse nel 1808 la stamperia aperta da Nicolò Bettoni. Nel giro di pochi anni, l’editore e tipografo originario di Portogruaro fu autore di un alto numero di pubblicazioni, tutte di ottimo livello tipografico, nonostante il difficile momento storico segnato dalle guerre napoleoniche che impoverirono la città e il territorio. Nel 1819 Bettoni si spostò a Milano e quella che era stata la sua ditta assunse il nome della “Minerva”. Sotto la guida di Fortunato Federici e poi di Angelo Sicca e di Luigi Carrer, divenne un importante punto di riferimento per la pubblicazione di classici della letteratura italiana e col tempo sviluppò anche il settore del commercio librario. Specializzato in quest’ultimo fu Antonio Carrari Zambeccari, che avviò una ben strutturata rete di relazioni con i più importanti librai ed editori italiani ed europei. Pur non potendo rivaleggiare con i maggiori centri nazionali dell’editoria nei decenni prima della parentesi del 1848-1849, Padova riuscì a ritagliarsi uno spazio significativo nel mercato del libro dell’epoca con poche ma attive aziende, le cui dinamiche gestionali sono esaminate nell’ambito della presente monografia.
    Show book
  • Banana Republic 1979 - Dalla De Gregori e il tour della svolta - cover

    Banana Republic 1979 - Dalla De...

    Ferdinando Molteni

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo libro contiene la storia vera di una piccola rivoluzione italiana chiamata Banana Republic. Un tour che cambierà per sempre la storia della musica dal vivo in Italia. 
    Francesco De Gregori aveva ricominciato a cantare da poco. La ferita del “processo” del Palalido del 1976 cominciava appena a rimarginarsi. Lucio Dalla era al massimo del successo e della fama. L'anno che verrà aveva stregato tutti e i suoi dischi erano i più venduti. All'inizio del 1979 i due decidono di intraprendere una tournée negli stadi. La progettano insieme a uno staff di produttori, tecnici e musicisti mai visto fino ad allora in Italia, 
    È un azzardo, dicono in molti. Ci sono gli “autoriduttori”, quelli che tirano le molotov sul palco, la violenza politica che, proprio nei concerti, trova una delle sue valvole di sfogo. 
    Ma loro vanno avanti. E cominciano, in una sera nuvolosa del giugno 1979, al campo sportivo di Savona. 
    Questo lavoro racconta la genesi e i retroscena di quel concerto e dello storico tour, attraverso i documenti dell'epoca e le parole dei protagonisti. Che non furono soltanto Dalla e De Gregori, ma anche Ron, che rilanciò una carriera musicale, e quelli che, qualche anno dopo, diventeranno gli Stadio. 
    Le storie nascoste, le curiosità, le canzoni, le liti e le amicizie, le miserie e la grandezza di un tour che fu visto da seicentomila persone, di un disco che scalò le classifiche e di un film che arrivò nelle sale cinematografiche per consolare chi, quei concerti, non li aveva visti. 
    Un inserto a colori raccoglie le foto della prima data realizzate da Roberto Villa. Mentre all’interno il volume ospita immagini di Bruno Caserio e Valeria Bissacco. 
     
    Ferdinando Molteni è giornalista, saggista, docente e musicista che si occupa, da molti anni, di canzone d'autore italiana. Laureato all'Università di Genova, tiene regolarmente lectures e corsi presso istituzioni culturali e università negli Stati Uniti (New York University, Stony Brook University, Saint Joseph's University in Philadelphia, University of Illinois), in Argentina e Uruguay, in Francia e Italia. Tra i suoi libri recenti: Controsole. Fabrizio De André e Crêuza de mä (Arcana, Roma 2011) e L'ultimo giorno di Luigi Tenco (Giunti, Firenze 2015). Ha scritto anche per il teatro e la televisione.
    Show book