Instant satisfaction for your thirst for knowledge!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Poesie (edizione italiana) - cover

Poesie (edizione italiana)

Wilfred Owen

Publisher: Publisher s12554

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Wilfred Owen è stato un poeta e un soldato inglese della Prima Guerra Mondiale. La sua poesia sugli orrori delle trincee, primo esempio di guerra moderna che nessuno poteva immaginare, fu influenzata dal suo mentore e poeta Siegfried Sassoon, e si alza in netto contrasto sia con la percezione pubblica e trionfante della guerra di quei tempi sia con i versi fiduciosamente patriottici scritti da precedenti poeti. Tra i suoi lavori più noti, molti dei quali sono stati pubblicati postumi (morì a 25 anni il 4 novembre 1918 e l'annuncio alla famiglia fu dato proprio il giorno dell'armistizio) sono "Dulce et Decorum est", "Insensibilità", "Inno per la gioventù condannata", "Futilità", "Offensiva di primavera" e "Strano Incontro".

Other books that might interest you

  • I fiori del male - Con la prefazione di T Gautier e l'aggiunta di studi critici di Saint-Beuve c Asselinéau b D'aurevilly e Deschamps ecc - cover

    I fiori del male - Con la...

    Charles Baudelelaire

    • 0
    • 0
    • 0
    I fiori del male (Les fleurs du Mal) è una raccolta lirica di Charles Baudelaire (1821-1867). Fu pubblicata nella primavera del 1857 in una tiratura di 1320 esemplari e comprendeva centoventisei poesie divise in sei sezioni: Spleen et ideal, Quadri Parigini, Les fleurs du mal, La revolte, Le vin e La mort. L'opera venne immediatamente censurata perché la forma poetica e i temi trattati fecero scandalo, così come il primo titolo dell'opera "Les lesbiennes" (Le lesbiche). Nel 1861 uscì in 1530 esemplari la versione aggiornata dell'opera dove Baudelaire rimosse le sei liriche accusate e le sostituì con altre 35 dividendo l'opera diversamente e aggiungendo la sezione "Tableaux Parisiens". Da molti critici, come dalla tradizione e dal pubblico (soprattutto quello più giovanile, attratto dalle tinte mitiche, macabre e vagamente erotiche), I fiori del male viene considerata una delle opere poetiche più influenti, celebri e innovative dell'ottocento francese e non. Il lirismo aulico ed ampolloso che si unisce a sfondi surreali di un modernismo ancora reduce della poetica romantica si tradusse, nei periodi successivi, nello stereotipo del Poeta Maledetto; chiuso in se stesso, a venerare i piaceri della carne e tradurre la propria visione del mondo in una comprensione d'infinita sofferenza e bassezza. Estremamente ispirante fu anche l'intenso misticismo del linguaggio ed un rigore formale, camuffato dall'ambigua moralità e dalle oscillanti posizioni in temi frequentemente metafisici e teologici.
    Show book
  • Compagni di sangue - cover

    Compagni di sangue

    Bobo Rondelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Bobo Rondelli nasce a Livorno il 18 marzo 1963 (così dice su mà). Per non fare il muratore, lavoro di suo padre, s’inventa cantante, attore, giullare, etc, etc, etc, anche se lui si autodefinisce PRENDIPERILCULISTA di professione. Suo nonno materno, artista, grande ballerino di trincea, dove si esibiva scansando fucilate nemiche, scrisse il musical Se mi becchi non vale. Il nonno paterno, cantante di miniera dandosi il ritmo a colpi di piccone scrisse le canzoni: “Sono il negro del carbone” e “Bimba mia c’ho la silicosi”, edizioni Sanatorio Records. La nonna faceva la serva nelle ville dei signori. Lo zio Berto, di cui porta il nome, fu un grande performer di bestemmie in gramlot emiliano, che improvvisò prima di essere fucilato (testi andati perduti). Il padre è morto prima della pensione, il fratello lo arresterà perché è un finanziere, la madre lo sopporta ancora, la moglie non più, i figli lo picchiano. Di antica stirpe nobile gibbonica di sangue marrone, ha da tempo fatto richiesta senza ancora ottenere la pensione, perché lui è quello che ha “picchiato la testa” (come l’amico-regista Paolo Virzì, forse mosso a compassione, ha raccontato nel documentario “L’uomo che aveva picchiato la testa”). Questa è la versione “trans” (con tagli e aggiunte) del suo primo libro: “Compagni di sangue”, «che se lo voi te lo ’ompri, di sicuro ’un lo pòi masterizzà e spendi di più a foto’opiallo», così direbbe lui.
    Show book
  • Mettiteve scuorno - Poesie - cover

    Mettiteve scuorno - Poesie

    Raffaele Pisani

    • 0
    • 0
    • 0
    Poesia in dialetto napoletano
    Show book
  • Sai che botta fa un TIR quando cappotta - Versi sbandati e o racconti ribaltati - cover

    Sai che botta fa un TIR quando...

    Sergio Covelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Scrivi vero o falso accanto ad ogni frase 
    due poesie coerenti sono sempre non contraddittorie 
    vero 
    due poesie logiche sono sempre ambigue 
    falso 
    due poesie connesse sono sempre dubbie 
    falso 
    due poesie conformi non sempre sono corrispondenti 
    falso 
    scrivi vero o falso accanto ad ogni frase 
    sì no no sì 
    verifica dell'obiettivo dopo aver letto questo libro 
    hai acquisito il concetto di poesia? 
    valutazione zero meno meno meno 
    sì no no sì boh?
    Show book
  • Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta) vol 1 - cover

    Canzoniere (Rerum vulgarium...

    Francesco Petrarca

    • 0
    • 0
    • 0
    Il Canzoniere di Francesco Petrarca è stata una grande "rivoluzione" nella letteratura europea in volgare: è il primo caso di canzoniere stricto sensu, cioè una raccolta organica di liriche "costruita" dall'autore in una prospettiva di unitarietà. 
     
    E in effetti Petrarca, nonostante la intitolasse Rerum vulgarium fragmenta ("Frammenti di cose volgari"; il titolo "Canzoniere" verrà attribuito solo nel XVI sec.), ha scrupolosamente curato per tutta la vita la realizzazione di quest'opera, selezionando, limando, cambiando la disposizione dei componimenti, di cui persino il numero (366) ha un valore strutturale: i giorni dell'anno più un proemio, o dell'anno bisestile in cui era morta la donna amata (1348). 
     
    Naturalmente, fiumi di inchiostro sono stati versati per analizzare quest'opera la cui influenza sulla letteratura europea è stata così "fenomenale" da meritare un termine ad hoc: "Petrarchismo". 
     
    Ci basti dire qui che il Canzoniere, cantando - col linguaggio più melodico di tutta la lirica italiana - l'amore per un'unica donna, esprime magnificamente il sentimento del tempo. (Sergio Baldelli)
    Show book
  • La Gerusalemme liberata - cover

    La Gerusalemme liberata

    Torquato Tasso

    • 0
    • 0
    • 0
    Grande capolavoro rinascimentale tutto incentrato sulle vicende della prima Crociata, la Gerusalemme Liberata rappresenta di fatto una epopea Cristiana. Le avventure guerresche si intrecciano continuamente con passioni amorose, magie, nobili gesta, avventure, fughe, inseguimenti. Il Tasso attribuisce all'amore un ruolo centrale, in forte contrasto con il tema guerresco e religioso, intrecciando così conflitti epici e amorosi,  motivi religiosi ed intenzioni profane, facendone un dramma Cristiano sempre in bilico tra peccato e redenzione.Gli endecasillabi della Gerusalemme Liberata raggiungono vertici assoluti  di bellezza e perfezione poetica, come nel celeberrimo “Combattimento di Tancredi e Clorinda” musicato da Claudio Monteverdi.
    Show book