Discover new books each day!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Una vita in prestito - cover

Una vita in prestito

Vittorio Schiraldi

Publisher: 01 05 5277717 Vittorio Schiraldi

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Tutti assomigliano a qualcuno. l’importante è somigliare alla persona giusta, come capita al professor Cornelius, angosciato dalla propria inutilità tanto da cercare la morte. Ma un dirigente d’azienda gli offre un’occasione per cambiare la sua esistenza.Ne scaturisce un inquietante “giallo” e un ritratto impietoso dell’intreccio tra politica e affari, tra l’essere e l’apparire. Un romanzo attualissimo sul potere e le sue deliranti proiezioni scritto con i ritmi serrati del thriller psicologico.

Other books that might interest you

  • Delitto a Villa Ada - cover

    Delitto a Villa Ada

    Giorgio Manacorda

    • 0
    • 0
    • 0
    A Villa Ada viene ritrovato il cadavere di un famoso poeta che viveva nel parco romano come un barbone. Conduce le indagini un commissario giovane e colto, poeta egli stesso, che non riesce però a venire a capo dell’ingarbugliata faccenda e rinuncia all’incarico consegnando la pratica nelle mani del Questore di Roma. Fra i tanti misteri che affiorano dagli interrogatori dei personaggi che frequentano la villa, uno campeggia insoluto e decisivo: la macchina da scrivere d’oro appartenuta al poeta ucciso. Un oggetto magico che, come la lampada di Aladino, farebbe scrivere a chi la usa grandi poesie. Si tratta di un movente plausibile? Forse, ma che fine ha fatto?... Una fiaba noir sulla poesia, sui poeti, sui tormenti della creatività, sulle invidie che possono portare a gesti estremi anche esseri tra i più distanti dalla realtà, i più astratti e sognanti, persi dietro i propri desideri di gloria.
    Show book
  • Pincaro - cover

    Pincaro

    Vincenzo Saldì

    • 0
    • 0
    • 0
    Daniele lo chiamano tutti Pincaro. E Pincaro non ha tutti i venerdì. Cresciuto male, in un quartiere peggio, grosso e forte quanto fragile e indifeso, in un sonnacchioso pomeriggio cagliaritano, Pincaro vivrà la più crudele rapina mai accaduta in città. Da solo, senza capire nulla, facendo tutto quello che gli dicono di fare. Perché Pincaro è così. Tracciato sull’asfalto della vita altrui, percorso con un sasso lanciato da chi lo usa, abbandonato alle intemperie finché non scolora fino a scomparire.
    Show book
  • The Gondolier of Death - Language Course Italian Level A2 - A crime novel and tourist guide through Venice - cover

    The Gondolier of Death -...

    Alessandra Barabaschi

    • 0
    • 1
    • 0
    Annika and her boyfriend Andrea spend a couple of days in Venice, one of the most romantic cities in the world. They attend a ball during the famous Venetian carnival.
    The evening among famous and influential guests carries on like a fairy tale for the young British girl. But a sudden death spoils the mood. What has happened and why? Annika will try to solve the mystery.
    The book also contains several entertaining exercises, which will help you learn faster: "Read & Learn", Focus on Grammar, Solutions, Dossiers 1 + 2
    More crime novels and tourist guides through italy by Alessandra Barabaschi: "The War of the Roman Cats" (Level A1), "The Theft of Aida" (B1), "The Lost Stradivari" (B2)
    Show book
  • L'omicidio della felicità - Un altro caso per Jakob Franck - cover

    L'omicidio della felicità - Un...

    Friedrich Ani

    • 0
    • 0
    • 0
    "Perché, Signore, i bambini muoiono?" Questa la domanda che Dostoevskij condivide con il principe Myškin ne L'idiota. Jakob Franck, ex commissario in pensione, non sa rispondere; ma capisce che l'unico modo per porre fine al tormento di una madre, di una famiglia, è cercare di scoprire chi ha ucciso il figlio undicenne Lennard, ritrovato morto trentaquattro giorni dopo la sua scomparsa. Non si tratta però solo di questo. L'assenza di testimoni, l'insensatezza di un qualunque movente, rievocano in Frank la dolorosa memoria dei casi insoluti della sua carriera.
    Show book
  • Il bastardo di Berg - cover

    Il bastardo di Berg

    Edgar Noske

    • 0
    • 0
    • 0
    Ciontea di Berg, 1225. La vita del giovane mugnaio Martin viene ribaltata in un sol giorno, quando irrompe nel suo podere l'arcivescovo di Colonia, l'uomo più potente a nord delle Alpi. Vuole condurlo al castello e farne il suo scudiero. Ma quel nuovo mondo cela grandi insidie: mentre impara a tirare di spada e a chiamare per nome le costellazioni, Martin, nascosto dietro un arazzo fiammeggiante, scopre per caso congiure e tradimenti a danno del suo protettore. Nel frattempo, sulle sponde del biondo Tevere, il monaco Fausto traduce dall'aramaico una lettera dell'evangelista Luca e s'imbatte in un passo sconvolgente per le sorti della Chiesa. Acustodire il misterioso segreto sarà l'ambizioso cardinale Ugolino, istigatore di intrighi e trame oscure alle spalle dell'ingenuo papa Onorio. Riuscirà il suo sicario, lo spietato Adriano, sulla base di indizi risalenti a milleduecento anni prima, a rintracciare lo sconosciuto che potrebbe scatenare un terremoto nella successione papale?
    Show book
  • Il giudice e le streghe - cover

    Il giudice e le streghe

    Guido Pagliarino

    • 0
    • 0
    • 0
    Nell’anno 1530 Paolo Grillandi, giudice pontificio presidente del tribunale secolare di Roma,  svolge un’indagine sopra un torbido omicidio e un infame rapimento riuscendo, via, via, a illuminare oscure azioni di personaggi eccellenti dediti al satanismo, all’assassinio e alla sessualità più bestiale, e assicurando infine alla giustizia, ma non senza grave scotto personale, gli autori non d’uno soltanto ma d’una lunga serie di delitti, autori che, secondo i criteri legali del tempo, saranno da lui condannati a morte sul rogo; ma intanto lunga, pericolosa, non scevra di attentati alla sua vita è la strada che il magistrato deve percorrere per trovare le prove. Parallelamente egli si converte da spietato cacciatore di streghe a uomo di dubbio e di compassione in seguito a certe esperienze e incontri, in primo luogo grazie al giovane, coltissimo vescovo Micheli che, fra i pochi in quell’epoca tra gli ecclesiastici, combatte il fanatismo nel nome dell’amorevole Ragione divina. Nel clima della caccia alle streghe rinascimentale, tra vari colpi di scena fino alle ultime pagine, il lettore incontra, fra l’altro, un duello alla spada con il diavolo in persona, il sacco di Roma, filosofi e maghi gnostici, schiavi, briganti, santi e indemoniati, in un`Italia ormai prossima al Concilio di Trento, diversa da quella odierna eppure, per certi aspetti, simile. Agiscono nel romanzo, storico ma con aspetti polizieschi, grandi figure passate alla Storia e personaggi storici minori come l’avvocato Ponzinibio, avversario delle violenze attuate tanto dall’Inquisizione cattolica che dai tribunali religiosi protestanti e la cui immagine prelude, con grande anticipo, a quelle di avversari della pena di morte come il Beccaria; e figure reali come l’indemoniato Balestrini e il terribile inquisitore domenicano Spina. Lo stesso protagonista Grillandi è personaggio storico, anche se in realtà si trattò d`un fanatico avvocato accusatore di streghe e non d`un giudice pontificio. Fra i personaggi immaginari c`è Mora, giovane, sottomessa amante del giudice la quale nasconde tremendi, travagliati segreti, figura non secondaria visto che proprio da lei il magistrato riceve la piena soluzione del caso. Personaggi di fantasia sono inoltre l’ambiguo cavalier Rinaldi e il luciferino principe di Biancacroce, figura questa sempre incombente dallo sfondo e mai in primo piano come s’addice ai gran burattinai: una sorta di nascosto capo mafioso avente a suo vice il non occulto Rinaldi. Anche il vescovo Micheli è personaggio d’invenzione, tuttavia è immagine degli alti prelati realmente vissuti, Pole, Sadoleto e Morone che furono accusati d’eresia dall’Inquisizione perché predicavano la carità evangelica contro le violenze degl`inquisitori; e pure di fantasia sono i personaggi del parroco (piovano) di Grottaferrata, del sicario Trallo, dello spadaccino Fuentes Villata, del capo brigante e fratello di Marietta, del giudice Salati e del tenente Rissoni. Nel romanzo è richiamata la mentalità del XVI secolo, infatti, come gli storici ben sanno, nel guardare al passato bisogna tralasciare, il più possibile, il sentire contemporaneo, perché altrimenti si rischierebbero giudizi astorici; per esempio, la pena capitale, oggi, è normalmente giudicata cosa atroce, nel ‘500 e ancora per molto tempo era considerata ovvia punizione e si pensava che l’assassino pentito scontasse con la morte tutti i suoi peccati, salendo subito al Paradiso; così il personaggio del vescovo Micheli non arriva, pur nel suo idealismo, a opporsi alle condanne a morte di assassini, anzi approva la pena del rogo inflitta ai componenti la cosca criminale satanica scoperta e arrestata, verso la fine del romanzo, dal protagonista giudice Grillandi. 
    Nota per la traduzione: L`opera originale in italiano ha volutamente, in qualche luogo, parole arcaiche, però l`autore ne ha steso anche una versione identica ma nella quale le parole ant
    Show book