If you like reading, you will LOVE reading without limits!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
La farina del diavolo va in crusca - cover

La farina del diavolo va in crusca

Vincenzo Saldì

Publisher: Nerodichina Edizioni

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

C’è una ragazza ammazzata che galleggia nello stagno di Santa Gilla. C’è un ispettore che fa di tutto per essere odiato da chiunque. C’è un alano gigante che gli caga sullo zerbino di casa come augurio quotidiano. C’è Cagliari, che è una città che non ha ancora deciso come vuole realizzare il suo sogno di diventare la capitale del mediterraneo. E c’è un vecchio proverbio, che recita che la farina del diavolo va in crusca.

Other books that might interest you

  • Il paese sopra le nuvole (Michelangelo) - cover

    Il paese sopra le nuvole...

    Fabrizio Coniglio

    • 0
    • 0
    • 0
    Antonio, commissario in aspettativa, è un uomo che ha smesso di cercare risposte. La sua vita si trascina accanto ad una moglie preda della depressione per il rapimento del figlio, avvenuto molti anni prima. Naufraghi tra quattro mura, saranno destati da un evento che si profila all'orizzonte. Un vagabondo ed un libro diventano "deus ex machina" di questo romanzo giallo. La coppia prenderà il mare ancora, verso la salvezza o verso la "tempesta perfetta"?
    Show book
  • Il giudice e le streghe - cover

    Il giudice e le streghe

    Guido Pagliarino

    • 0
    • 0
    • 0
    Nell’anno 1530 Paolo Grillandi, giudice pontificio presidente del tribunale secolare di Roma,  svolge un’indagine sopra un torbido omicidio e un infame rapimento riuscendo, via, via, a illuminare oscure azioni di personaggi eccellenti dediti al satanismo, all’assassinio e alla sessualità più bestiale, e assicurando infine alla giustizia, ma non senza grave scotto personale, gli autori non d’uno soltanto ma d’una lunga serie di delitti, autori che, secondo i criteri legali del tempo, saranno da lui condannati a morte sul rogo; ma intanto lunga, pericolosa, non scevra di attentati alla sua vita è la strada che il magistrato deve percorrere per trovare le prove. Parallelamente egli si converte da spietato cacciatore di streghe a uomo di dubbio e di compassione in seguito a certe esperienze e incontri, in primo luogo grazie al giovane, coltissimo vescovo Micheli che, fra i pochi in quell’epoca tra gli ecclesiastici, combatte il fanatismo nel nome dell’amorevole Ragione divina. Nel clima della caccia alle streghe rinascimentale, tra vari colpi di scena fino alle ultime pagine, il lettore incontra, fra l’altro, un duello alla spada con il diavolo in persona, il sacco di Roma, filosofi e maghi gnostici, schiavi, briganti, santi e indemoniati, in un`Italia ormai prossima al Concilio di Trento, diversa da quella odierna eppure, per certi aspetti, simile. Agiscono nel romanzo, storico ma con aspetti polizieschi, grandi figure passate alla Storia e personaggi storici minori come l’avvocato Ponzinibio, avversario delle violenze attuate tanto dall’Inquisizione cattolica che dai tribunali religiosi protestanti e la cui immagine prelude, con grande anticipo, a quelle di avversari della pena di morte come il Beccaria; e figure reali come l’indemoniato Balestrini e il terribile inquisitore domenicano Spina. Lo stesso protagonista Grillandi è personaggio storico, anche se in realtà si trattò d`un fanatico avvocato accusatore di streghe e non d`un giudice pontificio. Fra i personaggi immaginari c`è Mora, giovane, sottomessa amante del giudice la quale nasconde tremendi, travagliati segreti, figura non secondaria visto che proprio da lei il magistrato riceve la piena soluzione del caso. Personaggi di fantasia sono inoltre l’ambiguo cavalier Rinaldi e il luciferino principe di Biancacroce, figura questa sempre incombente dallo sfondo e mai in primo piano come s’addice ai gran burattinai: una sorta di nascosto capo mafioso avente a suo vice il non occulto Rinaldi. Anche il vescovo Micheli è personaggio d’invenzione, tuttavia è immagine degli alti prelati realmente vissuti, Pole, Sadoleto e Morone che furono accusati d’eresia dall’Inquisizione perché predicavano la carità evangelica contro le violenze degl`inquisitori; e pure di fantasia sono i personaggi del parroco (piovano) di Grottaferrata, del sicario Trallo, dello spadaccino Fuentes Villata, del capo brigante e fratello di Marietta, del giudice Salati e del tenente Rissoni. Nel romanzo è richiamata la mentalità del XVI secolo, infatti, come gli storici ben sanno, nel guardare al passato bisogna tralasciare, il più possibile, il sentire contemporaneo, perché altrimenti si rischierebbero giudizi astorici; per esempio, la pena capitale, oggi, è normalmente giudicata cosa atroce, nel ‘500 e ancora per molto tempo era considerata ovvia punizione e si pensava che l’assassino pentito scontasse con la morte tutti i suoi peccati, salendo subito al Paradiso; così il personaggio del vescovo Micheli non arriva, pur nel suo idealismo, a opporsi alle condanne a morte di assassini, anzi approva la pena del rogo inflitta ai componenti la cosca criminale satanica scoperta e arrestata, verso la fine del romanzo, dal protagonista giudice Grillandi. 
    Nota per la traduzione: L`opera originale in italiano ha volutamente, in qualche luogo, parole arcaiche, però l`autore ne ha steso anche una versione identica ma nella quale le parole ant
    Show book
  • Uomini in gabbia - Un altro caso per la pm Chas Riley - cover

    Uomini in gabbia - Un altro caso...

    Simone Buchholz

    • 0
    • 1
    • 0
    Sono giorni difficili per la pm Chas Riley. Troppo alcol, troppe sigarette e rotture sentimentali difficili da digerire. Un incidente mortale che non le vuole uscire dalla
    
    testa e ora questo bizzarro caso di gogna pubblica. A distanza di pochi giorni, due alti dirigenti sono stati lasciati nudi e storditi dentro una gabbia davanti alla sede del loro gruppo editoriale. La soluzione è tutt'altro che ovvia e Chas e il suo nuovo imperscrutabile collega Ivo Stepanovic si troveranno a indagare tra le dolci colline della Baviera, dove sono sepolti odiosi segreti.
    Show book
  • Cosmetica del nemico - cover

    Cosmetica del nemico

    Amélie Nothomb

    • 0
    • 2
    • 0
    Tutto comincia nella sala d'attesa di un aeroporto, un passeggero legge per ingannare l'attesa. Ma è lui la vittima designata, è sufficiente parlargli per far scattare la trappola. Tutto finisce nella sala d'attesa di un aeroporto. Un giallo? Forse. Certamente un'indagine sulla doppiezza dell'uomo e sulla sua cecità, condotta in dialoghi mozzafiato.
    Show book
  • Il mistero della tomba di Federico II - cover

    Il mistero della tomba di...

    Daniela Scimeca

    • 0
    • 0
    • 0
    Caterina vive a Palermo, dove insegna all’università. Il padre, decano dell’ateneo, muore improvvisamente d’infarto e lei rimane smarrita, disorientata. Quando rientra al lavoro riceve un invito dall’arcivescovo, che la invita a proseguire una ricerca storica che il padre stava portando avanti. La ricerca riguarda la misteriosa donna sepolta accanto all’imperatore Federico II, nella splendida tomba di porfido rosso nella Cattedrale di Palermo. Caterina accetta l’incarico e l’arcivescovo le affianca due colleghi Peter Marchett e padre Carmelo. I tre iniziano un percorso a ritroso sugli ultimi eventi prima della morte di Federico II e sulla sua sepoltura. Ben presto si rendono conto che la vicenda è molto complessa. La tomba infatti è stata aperta più volte nel corso dei secoli; vi sono manomissioni evidenti, e le autorità non hanno mai approfondito le indagini con i moderni strumenti scientifici. Così, padre Carmelo resta in città a svolgere ricerche sui testi in biblioteca, mentre Peter e Caterina partono per la Germania per rintracciare un’opera perduta e un monaco cistercense che sembra fornire un’ottima traccia. Incontreranno imprevisti e antichi testi disseminati di codici criptati, indovinelli linguistici e matematici, che li porteranno sino Alessandria d’Egitto, dove grazie all’arguzia e al ragionamento, riusciranno a risolvere il primo enigma. Rientrati a Palermo, dovranno affrontare il secondo: qualcuno ha tentato di uccidere padre Carmelo, e anche i due sembrano essere in pericolo. Ma le difficoltà non fermeranno i protagonisti che riusciranno a scoprire la verità e a svelare la ragione della morte del padre di Caterina.
    Show book
  • Assassinio a Montecitorio - cover

    Assassinio a Montecitorio

    Roberto Rampi

    • 0
    • 0
    • 0
    Roberto Rampi è filosofo, politico, giornalista e operatore culturale. Ha lavorato in campo musicale, della comunicazione e della valorizzazione dei beni culturali. È stato consigliere comunale, assessore alle politiche culturali e vicesindaco della sua città, Vimercate. Attualmente è Deputato, membro della commissione Cultura della Camera. Appassionato di gialli e di Sherlock Holmes, Assassinio a Montecitorio è il suo primo racconto.
    Show book