Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Annuario di antropologia, n 13 - Arte - cover

Annuario di antropologia, n 13 - Arte

Various Authors

Publisher: Ledizioni

  • 1
  • 13
  • 0

Summary

Oggi e da tempo l’antropologia dell’arte non consiste più nello studio delle arti primitive o tribali, ha oltrepassato le divisioni che contrapponevano il noi agli altri e ha fatto del suo campo d’indagine il mondo intero, guardando all’insieme delle pratiche estetiche e artistiche della contemporaneità, dentro e fuori il sistema dell’arte.
I saggi raccolti in questo numero costituiscono un valido esempio di come lo studio della dimensione estetica costituisca un ambito di rilevanza fondamentale nella costruzione di un’antropologia della contemporaneità. Oggetto di riflessione sono le forme della resistenza postcoloniale e le pratiche di appropriazione culturale messe in atto dagli artisti contemporanei (Arnd Schneider); la costruzione sociale della memoria per immagini in situazioni di sofferenza che ostacolano il ricordo (Carlo Severi); i rapporti fra pratiche di attivismo artistico,arte partecipativa e processi di estetizzazione della vita nelle società contemporanee (Ivan Bargna); le relazioni fra la biografia degli artisti contemporanei del sud del mondo e i percorsi intrapresi dalle loro opere in contesti di forte violenza sociale (Dominique Malaquais); l’etnocentrismo cha abita gli schemi teorici con cui cerchiamo di farci un’idea delle dinamiche attraverso cui si costituisce l’oggetto artistico (Maria Luisa Ciminelli).

Other books that might interest you

  • Enrico Dandolo - La spietata logica del mercato - cover

    Enrico Dandolo - La spietata...

    Maria Carolina Campone

    • 0
    • 0
    • 0
    Enrico Dandolo (1107-1205) fu l’artefice del «dirottamento» da Gerusalemme a Bisanzio della quarta crociata (1202-1204) che portò alla definitiva caduta di Costantinopoli. Personaggio controverso e discusso, in età avanzata e con salute malferma giunse a ricoprire la carica di doge veneziano incarnando non solo il ruolo di abile stratega e diplomatico, ma rappresentando, altresì, anche un prototipo di riscatto moderno in una temperie di pieno Medioevo, in cui la caducità del fisico denotava scadimento morale con conseguente emarginazione sociale. 
    L’attualità di Dandolo, per la contemporaneità odierna, è piuttosto inverata dall’opposizione crescente, nel corso del Medioevo, fra Occidente e Oriente che si esplicita nella diaspora cruenta e vessata da conflitti economici tra Venezia, signora del ponente Mediterraneo, e Bisanzio, egemone centro dello specchio d’acqua del bacino di levante. 
    La vicenda di Dandolo e la conseguente caduta di Costantinopoli, pertanto, si compenetrano e si esplicitano nel quadro dei secolari rapporti tra Oriente e Occidente; rapporti condizionati da una magnetica e reciproca attrazione, a cui, quasi da contrappasso, si è affiancato un lento e inesorabile processo di separazione e mutua incomprensione.
    Show book
  • Titivillus - Il demone dei refusi - cover

    Titivillus - Il demone dei refusi

    Julio Ignacio González Montañés

    • 0
    • 0
    • 0
    Scaturito dall’immaginario medievale, ricco in figure demoniache cui spesso erano attribuite doti nella scrittura, il demone Titivillus si è visto assegnare nomi e ruoli differenti. Descritto come intento ad annotare su una pergamena peccati, pettegolezzi o omissioni liturgiche, oppure a distrarre la concentrazione di monaci e fedeli, in tempi più recenti – grazie a un fraintendimento o a un giocoso travisamento – questo personaggio si è trovato a incarnare il diavolo dell’errore tipografico. Nel prezioso saggio che avete fra le mani, l’autore illustra la storia poco nota di questo curioso «demone dei refusi».
    Show book
  • Tolkien e i classici - cover

    Tolkien e i classici

    Roberto Arduini, Cecilia...

    • 0
    • 0
    • 0
    J.R.R. Tolkien è indubbiamente un classico della letteratura del Novecento, anzi un classico della letteratura in assoluto. E questo sia per la durata e diffusione dei suoi scritti (che dopo le trilogie cinematografiche di Peter Jackson hanno ormai un riscontro planetario), ma anche e soprattutto per i suoi meriti letterari. Tuttavia questo fatto non sembra essere ancora recepito negli ambienti universitari (specie italiani) e nelle storie della letteratura in genere.
    È da questa consapevolezza che l’Associazione Italiana di Studi Tolkieniani ha promosso il progetto «Tolkien e i Classici». Si tratta di un work in progress iniziato con un call for papers (rivolto anche a studiosi esteri) con la finalità di raccogliere studi non specialistici che confrontassero Tolkien con altri classici, non solo della letteratura ma della cultura in genere. I vari saggi ricevuti, dopo un attento lavoro redazionale, sono qui raccolti in tre sezioni:
    – Tolkien e i classici antichi;
    – Tolkien e i classici medievali;
    – Tolkien e i classici moderni.
    Scorrendo l’indice di «Tolkien e i Classici» si potrà notare che il voume comprende autori che Tolkien ha citato nelle sue lettere o nelle sue conferenze (è il caso di Kenneth Grahame), autori che siamo certi conoscesse per i suoi studi, che li abbia nominati direttamente o no (Omero, Virgilio, Chaucer), e autori che quasi certamente non ha conosciuto (Giovannino Guareschi).
    Ciò che si prefigge questa pubblicazione è offrire al lettore appassionato, ma anche alle scuole e alle Università italiane (nelle quali molto lentamente Tolkien sta iniziando ad entrare) un valido strumento di orientamento critico che possa adeguatamente collocare l’autore del «Signore degli Anelli» a fianco degli altri classici della cultura, come giustamente merita la sua inimitabile opera.
    
    Effatà Editrice pubblica libri di qualità dal 1995, con lo stesso spirito si occupa di editoria digitale: eBook D.O.C. pensati per chi ama i libri. Il testo di questo eBook è stato completamente riadattato alla lettura digitale con l'aggiunta di link per una rapida navigazione.
    Show book
  • Confessioni - cover

    Confessioni

    Sant'Agostino

    • 0
    • 0
    • 0
    Dopo la Bibbia, le Confessioni di S.Agostino sono il libro più letto dal V secolo fino ai nostri giorni. Scritto intorno al '400 Dopo Cristo, e considerato unanimemente il capolavoro di tutte le opere spirituali di tutti i tempi, sempre a metà strada tra un'autobiografia ed un trattato filosofico, quest'opera sorprendentemente moderna non è altro che la testimonianza di un irrequieto, tormentato, fervido viaggio di un uomo alla ricerca di Dio.
    Show book
  • Probi Pionieri dell'Emilia-Romagna - Una storia di cinquant'anni 1968-2018 - cover

    Probi Pionieri...

    Elio Pezzi

    • 0
    • 1
    • 0
    Questo libro è un viaggio nella storia e memoria dei cooperatori di Confcooperative Emilia-Romagna, i quali fin dall'inizio del secondo dopoguerra del '900, generarono o rigenerarono cooperative, fecero crescere e sviluppare le loro imprese, ne crearono di nuove negli anni del boom economico, organizzando poi, le une e le altre, in Consorzi e Unioni territoriali e regionali. Da Rimini a Piacenza 39 Cooperatori di età e percorsi diversi hanno raccontato la loro esperienza e il loro incontro con la cooperazione, affinché non vada perduta la memoria di entrambi. una memoria del passato, uno sguardo sul presente, una memoria soprattutto per il futuro di Confcooperative e dell'intero movimento cooperativo, il cui percorso appare sempre più rivolto a realizzare un'Alleanza storica per rilanciare e rinnovare l'economia del nostro Paese. Una memoria, personale e collettiva, di storia cooperativa da consegnare in eredità alle nuove generazioni.
    Show book
  • Intelligenza Emotiva a Scuola - cover

    Intelligenza Emotiva a Scuola

    Juan Moisés De La Serna

    • 0
    • 0
    • 0
    Parlare d`intelligenza delle emozioni oggi, è come parlare di un argomento di attualità per lo sviluppo della persona, aspetto in piena espansione per alcuni decenni e il cui ambito è stato utile non solo a livello personale ma anche a livello lavorativo. 
    Si stanno accumulando sempre più studi sui benefici di un corretto sviluppo dell`intelligenza delle emozioni, raccomandandosi di formarsi al più presto possibile. 
    Quindi, per conoscere e sviluppare l`Intelligenza delle Emozioni, la scuola è l`ambiente appropriato, sia per i più giovani che per gli adolescenti.
    Show book