Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Libri da disegno per bambini: Come disegnare le piante - cover

Libri da disegno per bambini: Come disegnare le piante

Tina Sun

Publisher: Future World

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Libri di disegno per bambini: come disegnare le piante è un libro di pittura adatto ai bambini. È più adatto a bambini dai 3 agli 8 anni. Attraverso la decomposizione graduale della pittura, è facile e piacevole comprendere le abilità della combinazione linea e linea della pittura.Libri di disegno per bambini: come disegnare le piante questo libro include la pittura passo-passo e la creatività e lo sviluppo del colore.Creatività e ColoreIl colore negli occhi dei bambini è molto importante. La loro creatività è più preziosa del dipinto stesso.Le piante non hanno un solo colore. Di che colore sono i loro occhi? Come esprimere il colore nei tuoi occhi? Questo libro racconterà loro un diverso mondo della pittura.

Other books that might interest you

  • I MEI vent'anni - Il Meeting delle Etichette indipendenti - 1994-2014 - cover

    I MEI vent'anni - Il Meeting...

    AA. AA.VV.

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo libro racconta il MEI attraverso la sua storia e il contributo di quanti hanno partecipato alla realizzazione di questo fantastico sogno. Contributi di Giampiero Bigazzi, Francesco Bommartini, Bruno Casini, Luca D'Ambrosio, Enrico Deregibus, Fabrizio Galassi, Fabio Gallo, Roberto Grossi, Federico Guglielmi, Michele Lionello, Luca Minutolo, Federico Savini, Daniele Scarazzati.
    Show book
  • Luce Attiva - Questioni della luce nel teatro contemporaneo - cover

    Luce Attiva - Questioni della...

    Crisafulli Fabrizio

    • 0
    • 0
    • 0
    Il libro rilegge, dal punto di vista delle poetiche della luce, alcune importanti vicende della messinscena teatrale occidentale del Novecento, dai grandi riformatori di inizio secolo fino ad artisti contemporanei quali Josef Svoboda, Alwin Nikolais, Robert Wilson. Non per delineare una storia in qualche misura organica della luce teatrale, ma per tentare di individuare, riguardo al suo uso, delle questioni di base. Le problematiche della luce vengono liberate dai contesti circoscritti della tecnica e dell’immagine nei quali restrittivamente finiscono spesso per venir relegate, ed indagate in ambiti come quelli della struttura spazio-temporale dello spettacolo, della costruzione drammatica, della creazione poetica, dell’azione, del rapporto con il performer. Una parte dedicata al lavoro teatrale dell’autore documenta il punto di vista peculiare che sta alla base del volume, interno ai processi creativi e al rapporto operativo con la tecnica.  
    Il titolo “luce attiva” è un riferimento diretto ad Adolphe Appia, che alla fine dell’Ottocento fu tra i primi ad affrontare in maniera precisa – con i propri scritti e con le proprie creazioni – la questione della luce quale questione artistica del teatro. Per Appia lumière active era la luce scenica “propriamente detta”: luce espressiva e creatrice di forme; luce come materia poetica e sostanza drammatica.
    Show book
  • Prove di Drammaturgia n 1 2015 - Rivista di inchieste teatrali - cover

    Prove di Drammaturgia n 1 2015 -...

    Gerardo Guccini, Nicoletta Lupia

    • 0
    • 0
    • 0
    Il primo numero del 2015 di «Prove di Drammaturgia», a cura di Gerardo Guccini e Nicoletta Lupia, è strutturato in tre parti. La prima, a cura di Nicoletta Lupia, è dedicata a Jean-Guy Lecat, architetto, scenografo e stretto collaboratore di Peter Brook. In due saggi introduttivi, la curatrice descrive il percorso professionale di Lecat e traccia le linee di continuità che attraversano il suo rapporto con l'opera lirica. Nelle preziose lezioni bolognesi, riunite sotto il titolo “La semplicità a teatro è molto sofisticata”, il Maestro definisce le poetiche, gli strumenti e le forme del suo artigianato in presa diretta con la vita del teatro.  
    Il secondo Dossier raccoglie gli atti del convegno “Per/formare l’opera. Spazi, ruoli e costumi per attori e cantanti”, a cura di Marco Beghelli, Paola Bignami, Gerardo Guccini (Bologna, 2013). Marinella Pigozzi fa luce sui rapporti tra arti sceniche e figurative sulle scene del teatro d'opera ottocentesco, aprendo originali digressioni sui progressi della tecnica e sul ruolo svolto dall'editoria musicale. Gerardo Guccini mostra come lo spettacolo operistico abbia affidato e affidi la gestione della dimensione spaziale e quella della dimensione temporale a diversi ordini di ruoli artistici e competenze. Gabriele Vacis, a partire dal racconto del “Nabucco” di Macerata, descrive le sue relazioni con lo spazio scenico e la ricerca di un'essenzialità funzionale all'opera. Marco Beghelli analizza la dimensione recitativa dell'attore e del cantante lirico, connettendole con i ruoli e i personaggi interpretati, per domandarsi come l'articolazione di questi elementi abbia influenzato la regia lirica. Il regista Francesco Esposito fornisce al lettore una testimonianza della sua relazione professionale con i cantanti d'opera, individuando zone di sviluppo potenziale. Charlotte Ossicini traccia, infine, una densa storia dei rapporti fra moda e costume teatrale.  
    Il terzo dossier, “Roberto Capucci: sguardi ai rapporti tra moda e spettacolo”, a cura di Enrico Minio Capucci e Serena Angelini Parravicini, è incentrato sui rapporti tra lo stilista e il teatro. L'ideazione e la realizzazione di costumi unici e maestosi, l'estro e il background culturale di Capucci,  testimoniano, infatti, una spiccata sensibilità teatrale, come si può osservare nel ricco Capitolo iconografico che raccoglie alcuni bozzetti inediti dell'artista. Chiudendo la sezione, Charlotte Ossicini, descrive gli abiti dello stilista come “abiti-scultura” che modificando l’anatomia di chi li indossa, sfilano nei musei e riscrivono i criteri dell’abito performativo.
    Show book
  • I famosi impermeabili blu - Leonard Cohen Storie interviste e testimonianze - cover

    I famosi impermeabili blu -...

    Massimo Cotto

    • 0
    • 0
    • 0
    “Un nomade dell'anima, che nella meditazione trova una strada laica, o meglio umana. Perché, tra metafore colte e citazioni sacre, Cohen canta le piccole cose dell'uomo. Quindi nulla di più terreno ma al contempo di più inafferrabile ed eterno. 
    Ci siamo tutti trovati, metafore a parte, a rifletterci a specchio in domande troppo grandi per comprendere ed elaborare i nostri dolori e le nostre gioie. Magari stretti in un usato impermeabile blu, all'angolo di un'altrettanto usata città. A guardare l'inverno che passa, a raccogliere i frammenti di un'amicizia finita, di una solitudine quieta, di un amore infedele che, ormai, è quello che è.” 
    Dalla prefazione di Enrico de Angelis. 
    Massimo Cotto 
    E’̀ nato ad Asti il 20 maggio 1962. Toro di segno zodiacale e di fede calcistica, si eccita indistintamente con Kim Basinger in 9 settimane e 1⁄2 e gli agnolotti al plin, Nastassja Kinski in Paris, Texas e Paolo Pulici sempre, Istanbul e Quentin Tarantino, gli Stones e Sam Shepard, Tom Waits, Hemingway e tutto il rock che gli ha salvato la vita. È affascinato dai miti anche se spesso è assediato dai mitomani, alle cubane preferisce i cubani (intesi come sigari), detesta aglio, cipolla, trippa e la “d” eufonica. Ha un approccio feticista a ogni cosa della vita, anche se in un campo è più accentuato. I comici lo rendono triste, in compenso ride inspiegabilmente appena si sveglia e piange ogni volta che ascolta Redemption Song, da cui si arguisce che non è molto intelligente, ma è felice che la gente non se ne sia ancora accorta. Nell’attesa che ciò accada, scrive libri, conduce Rock Bazar su Virgin Radio, dirige il festival di Castrocaro e il Premio De André, scrive testi teatrali, fa l’Assessore alla Cultura e alle Manifestazioni della città di Asti e cerca di imparare a non starnutire ogni volta che vede il sole. Per Vololibero ha scritto Pleased to meet you, Rock Bazar e Rock Bazar Volume Secondo.
    Show book
  • Teatro Come Terapla - cover

    Teatro Come Terapla

    Walter Orioli

    • 0
    • 0
    • 0
    Dall’eredità del teatro del Novecento e dalla psicanalisi nasce la teatroterapia. Non si tratta di psicodramma ma di teatro vero e proprio che porta al cambiamento. 
Nello studio dell'individuo che agisce sulla scena e del gruppo-teatro si ipotizza un prototipo sociale di comunità in cui l'attore apprende l'espressione totale del Sé. 
    
    Teatro come terapia, versione eBook, è corredato di alcune esperienze pratiche, anche con soggetti in difficoltà, e di un testo teatrale "Amleto a luci spente".
    Dal prologo dell’eBook: «Non sono un artista. Sono uno che fa il mestiere dell’interprete e che ha ‘anche’ a che fare con l’arte, che interpreta non solo col mestiere, ma anche con l’intuizione e la sensibilità, il vecchio generico cuore, ma sempre nei suoi limiti», così Giorgio Strehler scrive, nel 1974, in una lettera indirizzata ad un critico.
    
    Arte, mestiere, terapia, sensibilità sono categorie collegate, ma non sempre sappiamo dove sia il filo che le unisce, a volte lo abbiamo in mano a volte no, quando ne osserviamo i risultati esso si rende più evidente.
    Non dobbiamo fare dell’opera d’arte una lettura in termini di sintomi, tuttavia, come ci ha insegnato la lezione fruediana, essa è percorsa da lampi intuitivi che per un’attimo illuminano gli oggetti e i nodi essenziali della condizione umana.
    Nonostante l’osservazione psicanalitica abbia privilegiato soprattutto il riconoscimento e la comprensione della soggettività “privata”, la successiva ricerca, nei gruppi-analisi, ha consentito di comprendere in modo approfondito anche la soggettività sociale e culturale. È in questo contesto che si muove la Teatroterapia la quale non vuole di certo dettare delle regole interpretative, ma vuol essere il luogo dove lo strumento teatrale suscita risonanze che possono cambiare la vita.
    Show book
  • Musica e dislessia - Aprire nuove porte - cover

    Musica e dislessia - Aprire...

    T. R. Miles, John Westcombe

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo libro dimostra che alcuni dislessici possono essere musicisti molto dotati. È importante, tuttavia, che non venga loro impedito di studiare la musica solo perchè - almeno nei primi tempi - molti di loro trovano difficile leggerla e ricordare i simboli della notazione musicale. 
     
    Fra i 21 autori dei saggi qui proposti, dieci sono dislessici e raccontano le proprie esperienze personali e in molti casi parlano di notevoli successi raggiunti. Il libro ci invia un messaggio di ottimismo. I musicisti dislessici possono arrivare al successo perchè ricevano sufficiente incoraggiamento e comprensione. 
     
    Edizione italiana a cura di Matilde Bufano.
    Show book