Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Sola di fronte al Leone - Una ragazzina resiste al regime nazista - cover

Sola di fronte al Leone - Una ragazzina resiste al regime nazista

Simone Arnold-Liebster

Publisher: Editions Schortgen

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Alsazia, anni Trenta. Simone, una ragazzina felice e spensierata, scopre a poco a poco la povertà, l'ingiustizia, l'intolleranza e quindi l'angoscia della guerra, degli arresti e degli interrogatori. A scuola, in città e ovunque è sempre più sola di fronte al ?Leone?, il sistema nazista avido di prede. Costanza, 8 luglio 1943. La porta dell'istituto Wessenberg viene serrata pesantemente. Simone viene separata con crudeltà da sua madre e internata in un riformatorio nazista. Privata di tutte le sue gioie. Sola nella tana del Leone? Con uno stile vivace e anche un tocco di umorismo, Simone Arnold Liebster narra la sua sopravvivenza a un mondo diventato improvvisamente tragico e duro, e la vittoria di una ragazzina normale e vulnerabile in lotta contro il Leone. La sua autobiografia dà alle vittime ignote del nazionalsocialismo un viso, un'identità. È anche una prova molto avvincente che la coscienza ha la forza di resistere a ogni manipolazione, anche sotto pressioni estreme. Fino a oggi il destino dei figli dei testimoni di Geova, che hanno rigettato l?ideologia nazista fin dai suoi albori, è stato totalmente occultato. Questo racconto, simile nella sua forma al Diario di Anna Frank, ci aiuterà a conoscerlo e a non dimenticare mai il pensiero riassunto da Primo Levi: ?Nel rileggere le cronache del nazismo, dai suoi inizi torbidi alla sua fine convulsa, non riesco sottrarmi all'impressione di una generale atmosfera di follia incontrollata che mi pare unica nella storia?.
Available since: 01/01/2013.
Print length: 430 pages.

Other books that might interest you

  • Otis Redding - La musica è viva - cover

    Otis Redding - La musica è viva

    Alberto Castelli

    • 0
    • 1
    • 0
    In circostanze rocambolesche, entra a far parte della Stax. Nel giro di pochi anni, grazie a un numero impressionante di concerti e a una serie di incisioni divenute storiche, Otis Redding diventerà la stella, il cuore e l’anima del soul di Memphis e, più in generale, del Southern Soul.Quando morì tragicamente nel dicembre del 1967, non solo era all’apice della carriera, ma era pronto a scrivere una nuova e importante pagina della sua vicenda artistica. Tre mesi dopo la sua scomparsa (Sittin’ On the) Dock of the Bay, una sorta di testamento in musica, parole e anima, arriverà al primo posto delle classifiche internazionali.Lavoratore infaticabile, uomo generoso e gentile, nessuno ha trasmesso la passione del soul come lui.Alberto CastelliDal 1983 al 2014 ha lavorato per Radio Rai (Radio 1-2-3) conducendo, tra gli altri, programmi quali Stereonotte, I Concerti di Suoni & Ultrasuoni, Radio 1 Musica, Battiti, Fuochi, File Urbani. Ha scritto per molte testate tra cui “Il Mucchio Selvag- gio”, “Fare Musica”, “Rockstar”, “Blow Up”, “Repubblica XL”. Ha diretto Radio Centro Suono, Radio Città Futura, Kataweb Radio. Ha prodotto dischi, lavorato come manager, fondato e diretto etichette discografiche Dal 1995 al 2011 è stato consulente per il gruppo Editoriale “L'Espresso”. Ha pubblicato Soul People (2004) e Africa Unite (2005).
    Show book
  • La Grande e leggendaria Giovanna d'Arco - cover

    La Grande e leggendaria Giovanna...

    Avneet Kumar Singla

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo libro ha sia la finzione e Non-fiction elementi. Questo è uno dei migliori libri biografici storici. Questo è un lungo romanzo biografico composto da circa 160000 parole. Giovanna d'Arco (francese: Jeanne d'Arc pronunciata [anan dak]; c. 1412  30 maggio 1431), soprannominata "La Pucelle D'Orléans" (francese: La Pucelle d'Orléans), è considerata un'eroina della Francia per il suo ruolo durante la fase Lancastriana della Guerra dei Cent'anni e fu canonizzata come santa cattolica romana. È nata da Jacques d'Arc e Isabelle Romée, una famiglia contadina, a Domrémy nel nord-est della Francia. Giovanna affermò di aver ricevuto delle visioni dell'Arcangelo Michele, di Santa Margherita e di Santa Caterina d'Alessandria che le insegnavano a sostenere Carlo VII e a recuperare la Francia dalla dominazione inglese alla fine della Guerra dei Cent'anni. Il re Carlo VII non nominato inviò Giovanna All'assedio di Orléans come parte di un esercito di soccorso. Ha guadagnato importanza dopo che l'assedio è stato revocato solo nove giorni dopo. Diverse altre rapide vittorie portarono alla consacrazione di Carlo VII a Reims. Questo evento tanto atteso ha aumentato il morale francese e ha aperto la strada alla vittoria finale francese. Il 23 maggio 1430 fu catturata a Compiègne dalla fazione Borgognona, un gruppo di nobili francesi alleati con gli inglesi. In seguito fu consegnata agli inglesi e messa sotto processo dal Vescovo filo-inglese Pierre Cauchon con una serie di accuse. Dopo che Cauchon la dichiarò colpevole, fu bruciata sul rogo il 30 maggio 1431, morendo a circa diciannove anni. Nel 1456, un tribunale inquisitorio autorizzato da Papa Callisto III esaminò il processo, smascherò le accuse contro di lei, la dichiarò innocente e la dichiarò martire. Nel 16 ° secolo, divenne un simbolo della Lega Cattolica e nel 1803 fu dichiarata simbolo nazionale della Francia dalla decisione di Napoleone Bonaparte. Fu beatificata nel 1909 e canonizzata nel 1920. Giovanna d'arco è uno dei nove santi patroni secondari della Francia, insieme a Saint-Denis, San Martino di Tours, San Luigi, San Michele, San Rémi, Santa Petronilla, Santa Radegonda e Santa Teresa di Lisieux. Giovanna d'arco è rimasta una figura popolare nella letteratura, pittura, scultura, e altre opere culturali dal momento della sua morte, e molti famosi scrittori, drammaturghi, registi, artisti, e compositori hanno creato, e continuano a creare, rappresentazioni culturali di lei.Giovanna d'Arco divenne una figura leggendaria per i quattro secoli dopo la sua morte. Le principali fonti di informazioni su di lei erano cronache. Cinque manoscritti originali del suo processo di condanna emerse in vecchi archivi durante il 19 ° secolo. Ben presto, gli storici hanno anche trovato le registrazioni complete del suo processo di riabilitazione, che conteneva la testimonianza giurata di 115 testimoni, e le note francesi originali per la trascrizione del processo di condanna Latino. Sono emerse anche varie lettere contemporanee, tre delle quali portano la firma Jehanne nella mano instabile di una persona che impara a scrivere. Questa insolita ricchezza di materiale di origine primaria è una delle ragioni per cui DeVries dichiara: "nessuna persona del Medioevo, maschio o femmina, è stata oggetto di ulteriori studi.
    Show book
  • Storia di un pilota - dal funerale di Alitalia alla fuga dal Qatar - cover

    Storia di un pilota - dal...

    Ivan Anzellotti

    • 0
    • 0
    • 0
    Le emozioni, le paure, le speranze e le verità di un pilota di Md80 Alitalia e del suo lavoro considerato da molti ricco di privilegi, ma che in realtà è solo passione e sacrificio e che nel Dicembre 2008 finisce improvvisamente. 
    Un racconto in prima persona tra le vicissitudini quotidiane degli equipaggi e l`arrivo della disoccupazione, gli sforzi per evitare la morte di Alitalia e il difficile cammino per trovare un nuovo lavoro che ci porterà lontano fino in Qatar, in questo controverso paese e la sua compagnia aerea, apprezzata in tutto il mondo dai passeggeri, ma un incubo per chi ci lavora. 
    Il libro è l’insieme di una biografia, un’avventura, una guida turistica e una denuncia sia per quello che è successo in Alitalia, sia per raccontare le disumane condizioni dei lavoratori in Medio Oriente.  
    Con stile sempre ironico sono affrontati anche argomenti tecnici relativi alle problematiche del volo che da sempre incuriosiscono i passeggeri, con riferimenti storici a personaggi e fatti legati al mondo dell’aviazione. 
    Dello stesso autore: "Il destino degli altri", un giallo ambientato nel mondo dell`aviazione
    Show book
  • Vita di Bernardo di Chiaravalle - cover

    Vita di Bernardo di Chiaravalle

    Giulio Barberis

    • 0
    • 0
    • 0
    Bernardo di Chiaravalle, fu un monaco e abate francese cistercense, fondatore della celebre abbazia di Clairvaux e di altri monasteri. Viene venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Canonizzato nel 1174 da papa Alessandro III, fu dichiarato Dottore della Chiesa, da papa Pio VIII nel 1830. Nel 1953 papa Pio XII gli dedicò l'enciclica Doctor Mellifluus. Questo racconto della vita si San Bernardo è stato scritto dal sacerdote Giulio Barberis, nel 1890. A conclusione dell’opera, quattro preghiere di Bernardo di Chiaravalle. Cornice musicale di Kevin Mac Leod.
    Show book
  • Dal Piave alla prigionia - cover

    Dal Piave alla prigionia

    Alessandro Gualtieri, Giovanni...

    • 1
    • 30
    • 0
    Quite often the public gets to know a famous person in history through the personal diaries and memories he or she left us, after leaving this world. In spite of biographies, these personal accounts, originally written for personal reference and use only, are the best way to discover the real personality of the author. Many characters of the Great War make no exception and, in the course of almost one century, a large number of diaries and similar publications have reached a bigger and bigger audience throughout the world. Nonetheless, most of these books have originated from the memories of war veterans and occasional research, while the personal diary of Settimio Damiani has a sensibly greater and most exclusive value for us.
    Show book
  • Autobiografia e diario di Santa Gemma Galgani - cover

    Autobiografia e diario di Santa...

    Gemma Galgani

    • 0
    • 0
    • 0
    Gemma Galgani (Capannori, 12 marzo 1878 – Lucca, 11 aprile 1903) è stata una mistica italiana, legata particolarmente all'ordine dei Passionisti. L’autobiografia fu scritta dalla Santa, per ordine del suo Direttore Spirituale (da lei interpellato come “babbo”) padre Germano, nel 1900, motivandole la richiesta per poter lui conoscere meglio i suoi peccati e poter meglio dirigerla. Ciò nonostante Gemma la scriveva svogliatamente all’inizio dicendo che “tanto, tutti peccati possibili, io li ho commessi!”. Ma ad un severo ordine del suo Angelo Custode, che le disse di scrivere tutta la sua vita, non resistette.Il Confratel Gabriele a cui Gemma si riferisce nel diario, è San Gabriele dell’Addolorata, religioso della Congregazione della Passione di Gesù Cristo.  IL diario, che segue all’autobiografia racconta giornalmente unpaio di mesi della sua vita.Scomparsa a soli 25 anni, fu canonizzata nel 1940,  in virtù di guarigioni miracolose che sono state accertate.
    Show book