Turn 2021 into a year of reading!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Il caso Tavernello - Un successo del modello imprenditoriale cooperativo - cover

Il caso Tavernello - Un successo del modello imprenditoriale cooperativo

Silvia Williams

Publisher: Homeless Book

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Tavernello oggi è un marchio affermato, inserito stabilmente nelle prime dieci marche di vino più conosciute e vendute al mondo: è di proprietà dei 13.510 viticoltori, soci delle cantine CAVIRO e dà al consumatore la possibilità di bere vino tutti i giorni, ad un prezzo giusto e con qualità certa. Quella di Tavernello è sicuramente un’operazione di marketing unica e ben riuscita, grazie all’impegno di tanti che, con serietà e tenacia, hanno lavorato a lungo per creare un esempio virtuoso e cooperativo di filiera vitivinicola: dai campi fino alla tavola.

Other books that might interest you

  • L'editing - Il laboratorio del libro - cover

    L'editing - Il laboratorio del...

    Laura Salvai

    • 0
    • 0
    • 0
    Che cos'è l'editing? Perché talvolta è necessario? Qual è il valore aggiunto che può apportare al libro? E perché gli autori accettano, e spesso addirittura richiedono, un intervento che ai profani può apparire come una sorta di invasione di campo? 
    Basato su un'esperienza ventennale, questo ebook presenta l'editing come un laboratorio in cui l'autore e l'editor si confrontano per valorizzare le potenzialità del libro.
    Show book
  • Ordine economico naturale - Il trattato standard dell'economia libera - cover

    Ordine economico naturale - Il...

    Silvio Gesell

    • 0
    • 0
    • 0
    Nel lontano 1875 Lord Acton (1834-1902), allora Presidente della Corte Suprema del Regno Unito, ebbe a dire: “Il problema che si perpetua attravero i secoli e che prima o poi va affrontato, è lo scontro del Popolo contro le Banche”. Come intuizione profetica non c’è che dire. Ma non fu possibile capirla fino alla pubblicazione, nel 1906, del classico di economia che il lettore ha qui davanti agli occhi in versione italiana.Il maestro di “economia pura” che fu Maffeo Pantaleoni (1857-1924) diceva ai suoi studenti: “Quello che è difficile non è sapere economia, è capirla”! Già, ma non senza aver letto Gesell. Perché quel che il lettore troverà ne L’Ordine Economico Naturale sono le due chiavi che gli economisti “ortodossi” si ostinano a non far girare nella serratura dello scibile: la questione fondiaria e quella monetaria.Chi ha letto Gesell assiste oggi, impotente, all’epilogo di una storia di errori, economici e politici, che avrebbe preso tutt’altra svolta ad aver dato retta al Nostro. E contempla, attonito, il putiferio attorno all’Euro tra 17 paesi che o non sanno, o non vogliono, applicare la soluzione dell’Unione Monetaria Latina tra Francia, Italia, Belgio, Svizzera e Grecia tra il 1865 e il 1915, e che la guerra cosiddetta “Grande” mandò a gambe all’aria. Come funzionò quell’Unione Gesell lo descrive in questo libro.Il lettore di Gesell appassionato di storia è in condizioni di riflettere, sia qual sia il periodo e la geografia di quello che legge, su come le istituzioni di Terra affrancata da rendita e Moneta affrancata da usura avrebbero risolto qualunque questione economica senza difficoltà e soprattutto senza spargimento di sangue. Il detto vale solo per chi apprezza cosa vuol dire vivere di lavoro e non di rendita e interesse. Chi vive di queste due istituzioni non apprezzerà le argomentazioni di Gesell. Le quali, irrefutabili come sono, attraeranno le sue ire sotto forma di epiteti e di giudizi ad hominem come “quel matto che di economia non capiva niente” e simili.Come tutti i classici, Gesell si fa leggere e rileggere con piacere.
    Show book
  • Le fondazioni in provincia di Rimini - Il capitale sociale delle comunità locali - cover

    Le fondazioni in provincia di...

    AA. VV.

    • 0
    • 0
    • 0
    Riscoprire il capitale sociale delle comunità locali: un motivo su cui oggi molto si insiste e che non è per nulla estraneo alle Banche di credito cooperativo. A nzi per tanti motivi storici ed economici, le Bcc sono state, allorquando erano Casse rurali, e non possono non continuare ad essere una espressione diretta 
    ed esplicita del capitale sociale delle comunità. 
    Il legame con il territorio, il servizio alle famiglie e alle persone, il supporto finanziario alle piccole imprese, oggi anche alle imprese promosse da lavoratori di altri paesi e nostri ospiti, il 
    riconoscimento dei beni culturali, la valorizzazione dell’associazionismo volontario nelle sue diverse espressioni (da quella religiosa a quella educativa, culturale, sportiva): sono tutti ambiti dove il credito cooperativo si rende presente, anzi si intreccia e si combina con gli interessi comuni della comunità, 
    facendo crescere anche economicamente il capitale sociale delle comunità.
    Show book
  • Il Credito Cooperativo e la risposta alla crisi - Un'analisi empirica per la regione Emilia-Romagna - cover

    Il Credito Cooperativo e la...

    Gloriano Peroni

    • 0
    • 0
    • 0
    Partendo dall’analisi dell’evoluzione economica regionale degli ultimi anni, passando per una rapida ricostruzione della storia delle casse rurali, ora Bcc, si cercherà di verificare l’esistenza di questa funzione di sostegno all’economia reale, in misura maggiore rispetto agli altri istituti di credito, nella fase di crisi economico-finanziaria che tuttora stiamo vivendo.
    Show book
  • Il caso di Castelli - cover

    Il caso di Castelli

    Everardo Minardi

    • 0
    • 0
    • 0
    Castelli costituisce una realtà economica e sociale di particolare interesse: legata alla antica tradizione dell’artigianato della ceramica artistica, questa piccola città e il suo territorio si trovano oggi nella condizione di poter avviare una nuova fase di sviluppo collegandosi sia ai processi in atto sull’asse adriatico che ai processi di evoluzione dei sistemi economici locali dell’Italia centrale. Questa ricerca fornisce studi e modelli sociologici pensati per supportare tale sviluppo.
    Show book
  • Come creare un'impresa cooperativa - cover

    Come creare un'impresa cooperativa

    Confcooperative Forlì-Cesena

    • 0
    • 1
    • 0
    Questa breve guida è uno strumento di orientamento per la creazione di una società cooperativa. Cooperare, lo esprime con chiarezza l'etimologia della parola, vuol dire scegliere di operare insieme, unire sforzi, lavoro, iniziative, risparmi, nel tentativo di raggiungere un obiettivo comune in grado di generare conseguenze ed esiti socialmente desiderabili. In altri termini, la cooperativa è una società costituita fra persone fisiche e/o giuridiche (società) che condividono un obiettivo comune e che uniscono le loro forze per affrontare assieme le sfide competitive ed innovative del mercato senza dimenticare i concetti di solidarietà, collaborazione sul lavoro e mutualità che sono i principi ispiratori di una cooperativa.
    Show book