Did you know that reading reduces stress?
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Il caso Tavernello - Un successo del modello imprenditoriale cooperativo - cover

Il caso Tavernello - Un successo del modello imprenditoriale cooperativo

Silvia Williams

Publisher: Homeless Book

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Tavernello oggi è un marchio affermato, inserito stabilmente nelle prime dieci marche di vino più conosciute e vendute al mondo: è di proprietà dei 13.510 viticoltori, soci delle cantine CAVIRO e dà al consumatore la possibilità di bere vino tutti i giorni, ad un prezzo giusto e con qualità certa. Quella di Tavernello è sicuramente un’operazione di marketing unica e ben riuscita, grazie all’impegno di tanti che, con serietà e tenacia, hanno lavorato a lungo per creare un esempio virtuoso e cooperativo di filiera vitivinicola: dai campi fino alla tavola.

Other books that might interest you

  • Maintaining Team Performance (Italian) - cover

    Maintaining Team Performance...

    Kim Kanaga, Henry Browning

    • 0
    • 0
    • 0
    Tra il momento in cui un team inizia a operare e il momento in cui ottiene risultati, i manager devono sapere che il team è sulla buona strada.Il monitoraggio e il mantenimento delle prestazioni di un team sono elementi chiave per qualsiasi leader.Puoi attuare questa leadership prestando attenzione a quattro importanti dimensioni: impegno dei membri del team, conoscenza e competenze dei membri del team, tattica del team e dinamica del gruppo. Concentrandoti su questi Quattro ambiti puoi valutare le prestazioni del tuo team, puntare sugli ambiti da migliorare e adottare le misure correttive necessarie a garantire prestazioni ottimali e raggiungimento dei risultati previsti.
    Show book
  • Dalla “Banchina” alla “Banca dei Soci e del Territorio” - cover

    Dalla “Banchina” alla “Banca dei...

    Filippo Lo Piccolo

    • 0
    • 0
    • 0
    In questi tempi in cui si parla delle banche come di colossi che fanno il bello e il cattivo tempo nella nostra economia globalizzata, fare la storia di una “banchina” come il Credito Cooperativo ravennate e imolese può sembrare un curioso quanto inutile passatempo. 
    Ma man mano che si legge il saggio di Lo Piccolo, cresce l’entusiasmo. Come mai? Perché la storia di questa “banchina” è la storia di territori fortunati dove le persone sanno prendere il destino nelle loro mani. Coloro che vivono in questi territori non attendono nell’ignavia e nella rassegnazione che qualcuno decida ciò che è bene sopra le loro teste, ma si mobilitano con sintonia di intenti per dotare i loro territori di quelle infrastrutture economiche senza le quali non si può restare al passo con il progresso.
    Show book
  • La Mente del Leader - Come guidare te stesso i tuoi collaboratori e la tua organizzazione verso risultati straordinari - cover

    La Mente del Leader - Come...

    Rasmus Hougaard, Jacqueline Carter

    • 0
    • 0
    • 0
    Essere leader di successo, oggi, significa mettere da parte le nozioni di management e re-imparare ad essere umani.
    Questo libro, consigliato da Arne Sorenson (Presidente e AD di Marriot International) ti spiega un modo efficace per farlo.
    Show book
  • CLAI cinquant'anni di vita - Una singolare esperienza cooperativa - cover

    CLAI cinquant'anni di vita - Una...

    Walter Williams

    • 0
    • 0
    • 0
    La cooperativa emiliano-romagnola CLAI rappresenta una realtà significativa, anche come fatturato, occupazione e patrimonio, della cooperazione agroalimentare in uno dei bacini cooperativi più conosciuti ed importanti a livello mondiale come quello imolese. La CLAI nei suoi cinquant'anni di vita continua a rappresentare un modo di intendere e praticare la cooperazione. 
    Questa monografia intende documentarlo ed argomentarlo, così come evidenziare cosa ha comportato la scelta iniziale e poi coerentemente mantenuta di essere una cooperativa fedele alla sua identità originaria. A ciò è stato finalizzato il lavoro svolto di incontro con i protagonisti e di raccolta, analisi ed approfondimento della documentazione disponibile, che la CLAI ha conservato gelosamente lungo tutto l’arco della sua vita. L'approccio non è stato quello di voler ricostruire in maniera fedele ed esauriente, ma asettica, le vicende di cinquant'anni di storia, bensì di cercare delle chiavi di lettura, attraverso gli avvenimenti e le scelte che li hanno determinati, o che ne sono state le conseguenze, per poter meglio identificare e comprendere un percorso che ha portato alla realizzazione di un’esperienza sociale, culturale ed organizzativa originale all'interno del movimento cooperativo italiano. 
    Diverse sono state le chiavi di lettura utilizzate e poi condensate nella stesura dei differenti capitoli che compongono questa monografia e che costituiscono brevi “saggi” leggibili anche autonomamente: quella storico-culturale e quella più prettamente aziendale o socio-organizzativa.
    Show book
  • Le piccole società cooperative in Italia - Un esperimento insolito di imprenditoria diffusa - cover

    Le piccole società cooperative...

    Everardo Minardi, Cristiano Zannoni

    • 1
    • 0
    • 0
    Il sopravvento delle politiche liberistiche, anche in Italia, non sembra aver travolto il sistema delle imprese cooperative, a cominciare dai settori tradizionali dove più lontano nel tempo e più robusto è il suo insediamento. Sulla base di tali constatazioni, si è avviata una specifica azione di ricerca avente come oggetto le caratteristiche diffusive e di insediamento della piccola società cooperativa nelle diverse regioni e nei diversi settori produttivi dell'Italia.
    Show book
  • Rompere la Gabbia - Sovranità monetaria e rinegoziazione del debito contro la crisi - cover

    Rompere la Gabbia - Sovranità...

    Claudio Moffa

    • 0
    • 0
    • 0
    Mentre la crisi chiude le fabbriche e gli enti pubblici, crea disoccupati, distrugge i residui dello Stato sociale e affama i nostri portafogli si resta spesso disorientati sia dal linguaggio volutamente astruso dei mass media e dei politici, sia dal girare a vuoto delle “proposte” via via avanzate: per ogni passo in avanti accennato, la risposta è sempre “dobbiamo trovare le risorse”, come a dire che si deve prendere con una mano quel che si è restituito con 
    l’altra. Un gioco al massacro. 
    Così dal debito non si uscirà mai. 
     
    Decisamente in controtendenza rispetto alla cripticità con cui si è soliti affrontare queste tematiche, il libro di Claudio Moffa utilizza il linguaggio più semplice possibile per analizzare due tabù che ci impediscono di “rompere la gabbia” dentro cui la crisi ci ha imprigionati: il signoraggio e il debito pubblico. Per affrontare questi due problemi occorre presa di coscienza e coraggio politico. 
     
    Varie le possibilità: 
    • ri-nazionalizzare la Banca d’Italia, 
    • fondare una nuova Banca centrale di Stato incaricata di emettere banconote, 
    • affidare l’emissione monetaria direttamente alla Zecca di Stato, sotto il controllo del Tesoro. 
     
    L’alternativa facile, invece, è quella di illudersi che in fondo le cose vadano bene così, continuando a far finta di non sapere. 
    Soluzione “indolore” e veloce. Ma davvero non ci meritiamo qualcosa di più?
    Show book