"There is more treasure in books than in all the pirates' loot on Treasure Island." - Walt Disney
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
I Turbamenti del Giovane Törless (Die Verwirrungen des Zöglings Törleß) - cover

I Turbamenti del Giovane Törless (Die Verwirrungen des Zöglings Törleß)

Robert Musil

Publisher: Kitabu

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Romanzo di formazione che narra la vita e le esperienze di un adolescente di buona famiglia tra le mura di un rigido ed esclusivo collegio militare, la scoperta della sessualità, l'aggregazione ed il bullismo verso i compagni. Libro in lingua originale tedesca con traduzione in italiano.

Other books that might interest you

  • La filosofia non nasce con Talete - E nemmeno con Socrate - cover

    La filosofia non nasce con...

    Livio Rossetti

    • 0
    • 1
    • 0
    Il volume, scritto da Livio Rossetti - uno specialista di storia della filosofia antica, che è stato professore all'Università di Perugia -, mette in discussione la tradizionale indicazione di Talete come primo filosofo e propone una nuova visione delle origini e della "preistoria" della filosofia in Grecia, sul fondamento di precise argomentazioni ben fondate sui fatti. Scritto in modo semplice e adatto ad un vasto pubblico, ha però il rigore delle opere di filosofia scritte da specialisti.
    Show book
  • Potere H - I disabili che hanno fatto la storia - cover

    Potere H - I disabili che hanno...

    Roberto Zucchi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il concetto ispiratore di questo libro è raccontare le vite dei disabili che hanno fatto la Storia con la maiuscola, quella che resta scolpita negli annali o nell’immaginario collettivo. Non quelli che hanno battuto record o dimostrato “di potercela fare”, ma uomini e donne che, nonostante i propri handicap, sono arrivati ai vertici assoluti nelle rispettive discipline o arti. Dalla politica allo sport, dalla musica alla fisica. Una carrellata di vite eccezionali articolata in una quarantina di ritratti: personaggi celebri - Omero o Beethoven, Roosevelt o Hawking, Ray Charles o Alex Zanardi – come pure meno noti al grande pubblico, ma per questo più sorprendenti: dal Re Pescatore custode del Graal, al rivoluzionario francese in carrozzina, ai “mezzi uomini” del cinema americano. Senza dimenticare coloro che, con il loro lavoro o il loro esempio, attraverso i secoli hanno contribuito in modo decisivo alla progressiva accettazione, integrazione e, infine, inclusione sociale dei disabili: da Braille o De L’Èpée a indimenticabili testimonial come Christopher Reeve o Muhammed Alì.
    Show book
  • Otis Redding - La musica è viva - cover

    Otis Redding - La musica è viva

    Alberto Castelli

    • 1
    • 0
    • 0
    In circostanze rocambolesche, entra a far parte della Stax. Nel giro di pochi anni, grazie a un numero impressionante di concerti e a una serie di incisioni divenute storiche, Otis Redding diventerà la stella, il cuore e l’anima del soul di Memphis e, più in generale, del Southern Soul. 
    Quando morì tragicamente nel dicembre del 1967, non solo era all’apice della carriera, ma era pronto a scrivere una nuova e importante pagina della sua vicenda artistica. Tre mesi dopo la sua scomparsa (Sittin’ On the) Dock of the Bay, una sorta di testamento in musica, parole e anima, arriverà al primo posto delle classifiche internazionali. 
    Lavoratore infaticabile, uomo generoso e gentile, nessuno ha trasmesso la passione del soul come lui. 
     
    Alberto Castelli 
    Dal 1983 al 2014 ha lavorato per Radio Rai (Radio 1-2-3) conducendo, tra gli altri, programmi quali Stereonotte, I Concerti di Suoni & Ultrasuoni, Radio 1 Musica, Battiti, Fuochi, File Urbani. Ha scritto per molte testate tra cui “Il Mucchio Selvag- gio”, “Fare Musica”, “Rockstar”, “Blow Up”, “Repubblica XL”. Ha diretto Radio Centro Suono, Radio Città Futura, Kataweb Radio. Ha prodotto dischi, lavorato come manager, fondato e diretto etichette discografiche Dal 1995 al 2011 è stato consulente per il gruppo Editoriale “L'Espresso”. Ha pubblicato Soul People (2004) e Africa Unite (2005).
    Show book
  • Gravità zero - Un viaggio nella musica - cover

    Gravità zero - Un viaggio nella...

    Joe Jackson

    • 0
    • 1
    • 0
    Joe Jackson si racconta attraverso una sorta di divertente documentario, ricco di umanità e ironia, facendoci apprezzare anche le sue doti di scrittore. Con la sua narrazione accompagna il lettore sino al 1979, anno in cui esce il suo primo e più venduto album, Look Sharp!  
    C’è il ritratto di un adolescente, musicista emarginato e fan di Beethoven, che inizia a esibirsi di fronte a un pubblico di skinhead che lanciano bicchieri e marinai ubriachi che s'azzuffano. Ci guida, poi, dentro le aule della Royal Academy of Music, passando per la Londra della scena punk e new-wave, fino alle soglie della celebrità.   
    In Gravità Zero Jackson ci parla della sua sincretica passione per la musica di tutti i generi; di come e perché la gente faccia musica; del suo grande amore per Šostakovič e The Prodigy e della sua avversione per Brahms e Brian Eno. 
    Non è un’autobiografia ma “un libro sulla musica astutamente camuffato da libro di memorie” che ci svela come la musica lo abbia salvato dal diventare “uno di quei tristi bastardi che vedi uscire dai pub all'ora di chiusura, in cerca di una rissa”. 
     
    Joe Jackson 
    David Ian “Joe” Jackson (Burton upon Trent, 11 agosto 1954), cantante, compositore e polistrumentista britannico, è tra i principali esponenti della New Wave insieme a Elvis Costello e Graham Parker. Nella sua quarantennale carriera ha spaziato fra numerosi generi: dal punk rock al jazz, dal pop alla musica classica e tra i suoi brani di maggior successo figurano Is She Really Going Out With Him?, Steppin' Out e You Can't Get What You Want (Till You Know What You Want). Ha vinto un Grammy Award nel 2001 con l’album Symphony No.1, come miglior album pop strumentale, e ottenuto altre cinque nomination tra il 1979 e il 2001. 
    Tra i suoi album più venduti ricordiamo Look Sharp!, Night and Day e Body and Soul. Il più recente, Fool, è uscito nel gennaio 2019. Ha composto colonne sonore per film, video e televisione. Diplomato alla Royal Academy of Music, la sua vita si divide tra Berlino, New York City e Portsmouth. 
    Ha pubblicato A Cure for Gravity nel 1999. Finalista nel 2000 dell’11ma edizione del Premio Ralph J. Gleason Music Book, il libro è stato tradotto in tedesco e olandese.
    Show book
  • L'importante è esagerare - Storia di Enzo Jannacci - cover

    L'importante è esagerare -...

    Nando Mainardi

    • 0
    • 0
    • 0
    L’importante è esagerare non è soltanto il titolo di una canzone: è una dichiarazione di guerra, una confessione esistenziale. Di certo Enzo Jannacci - il suo autore e interprete - è stato il cantautore più esagerato della storia della canzone, in grado di unire opposti normalmente inconciliabili: la tristezza e l’allegria, la tragedia e la farsa, la disperazione e la leggerezza. Coerentissimo dal punto di vista poetico, eppure ogni volta in grado di spiazzare e stupire. Popolare, eppure anticonformista e distante dai gusti e dalle preferenze del grande pubblico. Con la sua aria stranita, Jannacci ha saputo cantare come nessun altro gli ultimi della pista: i barboni, i tossici, le puttane, i telegrafisti dal cuore urgente, quelli che aspettano il tram, le donne che passano tristi serate in latteria, gli uomini a metà. È apparso sulla scena con la freschezza di un Buster Keaton nato dalle parti di Lambrate e con la genialità di un Gilbert Bécaud appena dimesso dal neurodeliri; se n’è andato con un’ultima, meravigliosa e definitiva interpretazione di El portava i scarp del tennis. Una storia artistica unica e irripetibile, che merita di essere conosciuta ed esplorata.
    Show book
  • L’uomo da vicino - cover

    L’uomo da vicino

    AA. VV.

    • 0
    • 0
    • 0
    Vengono pubblicate in questo libro sei lezioni dedicate alle figure di Giordano Bruno e di Claude Lévi-Strauss, questa iniziativa editoriale si inserisce nell’ambito della quinta edizione del progetto “Avanguardia della tradizione. Attualità multidisciplinare dei classici”, che il Liceo “Giordano Bruno” di Mestre ha promosso, tra 2010 e 2011, con il Comune di Venezia e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Autori degli interventi pubblicati nel libro sono: Ilaria Capua, virologa e veterinaria che dirige il Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie; Nuccio Ordine, docente di Letteratura italiana dell’Università della Calabria; Martin Rueff, dell’Università di Ginevra; Gilberto Sacerdoti, docente di Letteratura inglese all’Università degli Studi di Roma-tre; Giancarlo Scoditti, professore ordinario di Etnologia dell’Università di Urbino; Paolo Fabbri, docente di Semiotica dell'Arte e Letterature artistiche presso lo IUAV di Venezia.
    Show book