Subscribe and enjoy more than 1 million books
Add this book to bookshelf
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Write a new comment Default profile 50px
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced 7236434c7af12f85357591f712aa5cce47c3d377e8addfc98f989c55a4ef4ca5
Deserto rosso - Ritorno a casa - Deserto rosso #4 - cover

Deserto rosso - Ritorno a casa - Deserto rosso #4

Rita Carla Francesca Monticelli

Publisher: Rita Carla Francesca Monticelli

  • 1
  • 0
  • 0

Summary

Sono riusciti a fuggire. 
E stanno tornando a casa. 
Ma non sono soli. 
Ora che l'avventura su Marte è finita, che ne sarà della Terra? 
Questo romanzo è la puntata finale della serie di fantascienza "Deserto rosso". 
La Terra. 
È la loro casa, vi sono nati e cresciuti, ma allo stesso tempo non vi hanno mai messo piede. E così la commozione di Anna e Hassan nel far ritorno al proprio pianeta, dopo quasi cinque anni, si accompagna alla meraviglia dell'entità estranea, che portano con sé, nell'approdare a un nuovo mondo. 
I due superstiti della missione Isis vengono accolti come degli eroi, ma non possono goderne. L'intento che perseguono ha priorità su tutto il resto. 
Accanto alla lotta interiore di Anna tra la nuova e la vecchia sé, si consuma quella contro le insidie recate dalla stessa Terra, e dai suoi abitanti, e quella ben più complessa che coinvolge i suoi sentimenti, che la costringeranno a compiere un'importante scelta per il suo futuro. Sul pianeta rosso, intanto, mentre la sua comunità accoglie l'equipaggio dell'Isis 2 e si prepara a fare altrettanto con la missione successiva, Melissa si ritrova a esplorare più a fondo la natura umana, dividendosi tra timore e disprezzo nei suoi confronti, e un crescente senso di appartenenza. 
Ma qualcuno, incuriosito dall'improvvisa accelerazione dell'intero programma Isis, inizia ad avere dei sospetti. 
Ora che l'avventura su Marte è finita, quale sarà la scelta di Anna? Che ne sarà della Terra? 
Le puntate precedenti sono: 
"Deserto rosso - Punto di non ritorno" (episodio 1); 
"Deserto rosso - Abitanti di Marte" (episodio 2); 
"Deserto rosso - Nemico invisibile" (episodio 3). 
Tutti i libri sono inoltre riuniti nella raccolta "Deserto rosso" (anche in cartaceo). 
 
Il ciclo dell'Aurora continua con "L'isola di Gaia", un nuovo romanzo di fantascienza ambientato 35 anni dopo la fine di "Deserto rosso".

Other books that might interest you

  • La strada della rinascita - cover

    La strada della rinascita

    Alessandra Toti

    • 0
    • 0
    • 0
    Astrid inizia manifestare maggiore sicurezza in sè stessa, migliora i suoi viaggi e pratica lo sciamanesimo quotidianamente da quando convive con il suo Maesrtro Connor. Ma non tutto è oro quel che luccica: presto dovrà affrontare il suo peggiore nemico, che mai si sarebbe aspettato essere anche il suo alleato: non Connor, non il Leopardo, ma qualcuno di più vicino a lei che la imprigionerà nel Reame dei Sogni. Sarà Connor con l’aiuto del Maestro Shay, il suo più fedele amico, Maverik, e Ginger, con il supporto di altri due nuovi amici: Gabriel ed Eleanor, a fermare il caos nella vita di Astrid... Il capitolo conclusivo della saga Shaman vedrà protagonisti Sciamani ed animali di potere.
    Show book
  • Honeir Il druido - Il libro proibito - cover

    Honeir Il druido - Il libro...

    Daniele Bello

    • 0
    • 0
    • 0
    Dopo aver ritrovato il libro proibito, cinque avventurieri intraprendono un viaggio verso le terre del Nord, alla ricerca dell’unica persona in grado di leggere ed interpretare la profezia: il saggio Tfar Kevol di Kracow.
    La compagnia riesce a raggiungere la dimora dello studioso e a comprendere che, per salvare il mondo, è necessario ritrovare tre manufatti in grado di scongiurare il ritorno degli Ancestrali.
    Hoenir si mette alla ricerca degli amuleti assieme a Crise, Autolico e Kowen, ma deve rinunciare all’apporto di Daeron, cui è stato richiesto di ritornare urgentemente a corte dall’imperatore in persona.
    Nel frattempo, alla corte di Byze, capitale dell’Impero Orientale, imperversano gli intrighi: il folle sovrano Demetrio XI è prigioniero dei tarli della sua mente e la corte è, di fatto, manovrata dal suo Ciambellano: l’infame Lord Verminaard, che agisce agli ordini di Isabò, il Demone che trama per consentire il dominio degli dei del Caos.
    Il solo ad avere a cuore la giustizia e la sorte della popolazione sembra essere il Vendicatore, uno strano personaggio che semina il panico nella città raddrizzando i torti ed uccidendo i funzionari corrotti.
    Il viaggio di Hoenir e dei suoi amici prosegue, tra antichi mostri ed improbabili alleati, sino all’antica isola di Erin, dove la Compagnia varca il passaggio tra la dimensione umana e quella divina…
    Show book
  • Un anno nella città lineare - cover

    Un anno nella città lineare

    Paul Di Filippo

    • 0
    • 0
    • 0
    Fantascienza - romanzo breve (97 pagine) - Una storia intrigante e originale dall'autore più eclettico della fantascienza moderna 
     
     
     
    Diego Patchen, un autore di narrativa cosmogonica, vive nell’isolato 10.394.850 di Broadway, l’unica strada della città di Gritsavage in uno strano mondo illuminato da due soli. Lungo tutta la città, per quanto essa sia lunga, corre una linea della metropolitana: ogni isolato è separato da un un vicolo, lungo soltanto come la larghezza dell’isolato. Poi, da una parte c’è un fiume e dall’altra una ferrovia. Oltre questi confini ci sono dei mondi paralleli, equivalenti dell’inferno e del paradiso: il “Lato Sbagliato del Sentiero” e “l’Altra Sponda”, perché in questo mondo c’è la certezza di quello che avviene dopo la morte. Questo è particolarmente rilevante per Diego, perché suo padre che sta morendo è amaramente orgoglioso di immaginare quanti Tori Alati si stiano radunando per portarlo sul Lato Sbagliato (infatti è convinto di non aver vissuto in modo abbastanza virtuoso da essere condotto dalle Sirene Alate all’Altra Sponda). 
    Romanzo finalista al Premio Hugo, al World Fantasy Award, al Premio Sturgeon e al Premio Locus 
     
     
     
    Paul Di Filippo è nato nel 1954 a Providence, Rhode Island. È noto per essere uno scrittore eclettico, originale e mai prevedibile. I suoi racconti spaziano in tutti i sottogeneri della fantascienza. Ha esordito con grande successo nel 1995 con La trilogia Steampunk, a cui hanno fatto seguito nove romanzi – molti ancora inediti nel nostro paese – e nove raccolte di racconti. Il romanzo Un anno nella città lineare, uscito in Italia nella collana Odissea, è stato finalista ai maggiori primi del settore, e ha introdotto il Mondo Lineare, una delle sue creazioni più originali, un omaggio a grandi scrittori d’avventura come Edgar Rice Burroughs e Jack Vance, mondo al quale è tornato col recente La principessa della Giungla Lineare. Di Filippo esercita inoltre l’attività di critico letterario per le più importanti riviste americane di  sf. Nel 2005 si è poi impegnato nella stesura di testi per fumetti, realizzando la mini serie Beyond the Farthest Precinct illustrata da Jerry Ordway basata sulla serie Top 10 creata da Alan Moore per la America’s Best Comics.
    Show book
  • L'Atelier - cover

    L'Atelier

    Isabella Nicora

    • 0
    • 0
    • 0
    Mirco, studente italiano all'Accademia di Belle Arti, su invito di un amico parigino, trascorrerà nella capitale francese un periodo alquanto insolito. Nell'atelier situato nel cuore di Montmartre, in cui soggiornerà durante quei mesi estivi, si troverà a dover affrontare un crescendo di eventi inesplicabili. Un genio del passato lo sceglierà per portare a termine un singolare compito, e il ragazzo si troverà a dover affrontare una situazione che metterà a dura prova il suo raziocinio. Tuttavia Mirco riuscirà a mantenere salda la sua lucidità e la surreale esperienza vissuta durante quei mesi, lo cambierà profondamente e segnerà in modo indelebile il suo destino.
    Show book
  • Stupida Epsilon - cover

    Stupida Epsilon

    Fabio Guggeri

    • 0
    • 0
    • 0
    "Ci sono un informatico, un fisico, un chimico e un ingegnere elettronico. Sembra l’inizio di una barzelletta, una di quelle che fanno ridere solo gli scienziati (e neanche tutti, e perfino quelli che ridono in fondo se ne vergognano), ma in realtà è il team di cui Adolf Goodman ha bisogno, per la scoperta che rivoluzionerà la scienza."
    Show book
  • Cinici senza frontiere - cover

    Cinici senza frontiere

    Andrea Pizzorno

    • 0
    • 0
    • 0
    La storia è ambientata in un futuro lontano, nel 2062. Possenti astronavi, flotte stellari e viaggi nel tempo sono all’ordine del giorno, ma solo nei film proiettati al cinema. La realtà infatti sarà molto meno gloriosa di quello che ci piace oggi immaginare. Insomma, una sorta di metafora della maturità, fase della vita alla quale si è capito di essere arrivati quando si realizza che tutti i grandi sogni avuti in gioventù sul proprio futuro erano solo illusioni o frutto di un abuso di droghe pesanti.
    I nostri eroi sono persone piccole e misere che si arrabattano nel lordume del vivere quotidiano tra bollette da pagare, amori impossibili, mestieri fantasiosi, calzini USB, efferati assassini seriali e complotti per distruggere l’intero pianeta. Ordinaria amministrazione, insomma.
    L’umanità che si incontra è accomunata da una disponibilità ad amare il prossimo nella misura in cui le manca il tempo e le energie per odiarlo.
    Alberto è un uomo di mezza età che lavora per l’Istituto di Previdenza Sociale, vive con la figlia neodisoccupata e ha stretto una forte amicizia col vicino neointellettuale. Il suo lavoro lo ha portato ad essere insensibile e menefreghista o forse lo era già e lo hanno assunto proprio per quello. Sta di fatto che ben presto si troverà coinvolto in un piano criminoso più grande di lui e in alcuni fatti di cronaca efferata che causano una sensibile diminuzione della popolazione delle prostitute. Con grande apprensione della popolazione dei clienti di queste ultime.
    “Cinici senza Frontiere” è un libro che ci spinge a ridere di tutte quelle menzogne che ci aiutano a vivere. Insomma è un po’ come giocherellare pericolosamente con l’accendino vicino al tubo dell’ossigeno quando si è ricoverati in terapia intensiva…
    Show book