As many books as you want!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced

Other books that might interest you

  • Pennellate di Rime 1 - Poesia - cover

    Pennellate di Rime 1 - Poesia

    Orie Orie

    • 0
    • 0
    • 0
    I pensieri di Orie che nascono nella stanza chiusa di Orie.
    Show book
  • Natale Gesù scrive a Maometto - Favola sulla fraternità - cover

    Natale Gesù scrive a Maometto -...

    Raffaele Pisani

    • 0
    • 0
    • 0
    Questa favola è dedicata a tutte le vittime innocenti di un falso concetto religioso e di fondamentalismi di varia natura che antepongono l’odio all’amore, alla tolleranza, all’amicizia, all’educazione e alla fraternità che stanno alla base di ogni credo.
    Show book
  • L'Italia dei Poeti - cover

    L'Italia dei Poeti

    AA. VV.

    • 0
    • 0
    • 0
    Nell’anno della celebrazione del 150° anniversario dell’unità d’Italia il CD contiene una scelta di testi significativi che intendono ricordare che la poesia, nel corso dei secoli, ha cantato l’identità italiana e l’appartenenza alla patria. Il senso dell’Italia, presente molto prima della sua unità politica, attraversa i secoli e giunge fino ad oggi: la voce dei poeti, come documento e come testimonianza, costituisce un filo rosso dal mondo romano fino al Novecento.
    Show book
  • Nasce puro ingenuo e fiducioso perfetto per essere dipinto - cover

    Nasce puro ingenuo e fiducioso...

    Franco D'Elia

    • 1
    • 0
    • 0
    Franco D'Elia, musicista e poeta cantautore dall'anima rock, sperimenta la spoken word poetry come privilegiato veicolo di percezioni ed emozioni. In questo libro sono raccolte 99 poesie fra cui i 18 testi dei brani che compongono i suoi due album raccolta In questo Tempo vol.1 e vol.2
    Show book
  • Il berretto a sonagli - cover

    Il berretto a sonagli

    Luigi Pirandello

    • 0
    • 0
    • 0
    La commedia, che riprende le tematiche delle due novelle La verità (1912) e Certi obblighi (1912), venne scritta nell'agosto 1916 in lingua siciliana per l'attore Angelo Musco con il titolo 'A birritta cu' i ciancianeddi. In questa versione fu messa in scena dalla compagnia di Musco a Roma, al Teatro Nazionale, il 27 giugno 1917. Il nullaosta per la rappresentazione venne dato dalla prefettura di Palermo l'8 settembre 1917. I lavori per la rappresentazione della pièce furono caratterizzati dalle continue tensioni tra Musco ed il professore (con questo nome Musco usava chiamare Pirandello). I conflitti erano dovuti alle diverse aspettative: la commedia doveva, secondo Pirandello, concentrarsi sui paradossi del personaggio e dell'esistenza, mentre Musco voleva, da attore abituato a rappresentazioni brillanti, sottolinearne l'aspetto comico. Avvenne così che avendo il ruolo di capocomico Musco riuscì a portare in scena una versione accorciata di parecchio. A detta della maggior parte degli studiosi, i tagli operati da Musco alla versione siciliana sarebbero la causa di un fatto abbastanza curioso: la versione italiana, preparata alcuni anni più tardi da Pirandello, corrisponde all'incirca alla versione ridotta, messa in scena dalla compagnia di Musco. Il professore infatti avrebbe perso nel frattempo il manoscritto con la versione originale in siciliano. La versione abbreviata non s'incentra più su quello che è il personaggio principale della commedia in siciliano, cioè Beatrice, ma tende invece a mettere in risalto Ciampa, cioè il suo antagonista. Comunque, nell'estate del 1918 Pirandello terminò la versione in italiano che fu rappresentata il 15 dicembre 1923 al teatro Morgana di Roma dalla compagnia di Gastone Monaldi. Gli effetti comici della versione in siciliano erano andati in buona parte perduti. A causa del notevole ritardo della prima rappresentazione, il pezzo riscosse tiepidi consensi.
    Show book
  • Erano lacrime mie - (Talvolta posso cogliere un verso) - cover

    Erano lacrime mie - (Talvolta...

    Marco Statzu

    • 0
    • 0
    • 0
    Le poesie contenute in questo libro abbracciano una produzione decennale, una cernita, un distillato che ne raccoglie le più suggestive, quelle che sono sgorgate da un cuore che ora le offre ad altri cuori perché, come recita un graffito di Ivan Tresoldi: «Poeta sei tu che leggi». 
    «“Erano lacrime mie titola” questa raccolta… Lacrime di tribolazione, ma anche lacrime capaci di donare un’iridescenza allo sguardo che rende la visione più trasparente e luminosa, fino a desiderare che la nostra vita sia «all’altezza delle lacrime», di questo rinnovato battesimo, di questo sguardo penetrante, dolente e compassionevole su persone e cose» (dalla prefazione di Enzo Bianchi).
    Show book