The perfect plan for booklovers!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced

Other books that might interest you

  • L'Italia dei Poeti - cover

    L'Italia dei Poeti

    AA. VV.

    • 0
    • 0
    • 0
    Nell’anno della celebrazione del 150° anniversario dell’unità d’Italia il CD contiene una scelta di testi significativi che intendono ricordare che la poesia, nel corso dei secoli, ha cantato l’identità italiana e l’appartenenza alla patria. Il senso dell’Italia, presente molto prima della sua unità politica, attraversa i secoli e giunge fino ad oggi: la voce dei poeti, come documento e come testimonianza, costituisce un filo rosso dal mondo romano fino al Novecento.
    Show book
  • Liolà - cover

    Liolà

    Luigi Pirandello

    • 0
    • 0
    • 0
    Liolà è una commedia di Luigi Pirandello scritta in lingua siciliana nel 1916 durante la prima guerra mondiale, in un momento molto doloroso per la vita dell'autore: il figlio era detenuto in un campo di prigionieri di guerra e la moglie cadeva in sempre più frequenti crisi della sua malattia mentale. L'opera invece, nonostante questa angosciosa condizione della vita dell'autore, è molto giocosa ed allegra, quasi spensierata, al punto che l'autore stesso dirà "è così gioconda che non pare opera mia".
    
    La commedia fu messa in scena per la prima volta il 4 novembre 1916 al Teatro Argentina di Roma con la Compagnia di Angelo Musco. Poiché era scritta totalmente in lingua siciliana, all'inizio pubblico e critica avevano molte difficoltà nel comprendere i dialoghi. Questo inconveniente convinse l'autore ad inserire nel testo nel 1927 una traduzione in italiano della commedia.
    
    La vicenda di Liolà è ispirata ad un episodio del capitolo IV del romanzo di Pirandello Il fu Mattia Pascal.
    
    Ha per protagonista Neli Schillaci, detto Liolà. Nome e soprannome erano già stati attribuiti ad un altro personaggio: Neli Tortorici, nella novella La mosca.
    
    Liolà è un personaggio spensierato e vagabondo, sempre in sintonia con il mondo e la natura. Pur non essendo una commedia musicale, la vocazione alla poesia e al canto di Liolà è espressa in canzoni che si inframmezzano nel corso della vicenda.
    Show book
  • La Cosa di Orie : Lo Spirografo - Poesie - cover

    La Cosa di Orie : Lo Spirografo...

    Orie Orie

    • 0
    • 0
    • 0
    Nella raccolta ”la cosa di Orie Lo spirometro”, troveremo la continuazione di ”La casa di Orie” con l'aggiunta di qualche piccola variazione. L'idea che ogni essere umano goda della possibilità di pensare e ragionare in maniera spesso strana e contorta, per non dire addirittura sfuggente anche alla propria coscienza, ha dato ad Orie l'idea di paragonare il pensiero umano a delle linee curve, come se rappresentassero la contorsione dei pensieri, che raramente sono lineari e trasparenti:linee curve che sono proprio come quelle di un vecchio spirometro che Orie ha trovato nella sua polverosa soffitta. Volendo fare qualche esempio di distorsioni ragionative:potremo dire che un avaro difficilmente sa o ammette di esserlo, tenderà invece coscientemente o incoscientemente a negare tale realtà, asserendo piuttosto di essere ”oculato” con le spese. I sentimenti che ci fanno un po' vergognare di noi stessi, tipo la vanità, l'arroganza, la pigrizia e molti altri, tenderemo a ”mascherarceli” sotto il pietoso velo d'una diversa interpretazione, perché rappresenterebbero dei difetti che vorremmo disconoscere. Per mistificare questa scomoda realtà, abbiamo bisogno di crearci degli alibi che sostituiscano tali verità;tenderemo quindi a nasconderci attraverso le curvature dei pensieri che potremo a pieno titolo considerare falsità.
    Show book
  • Divina Commedia - cover

    Divina Commedia

    Dante Alighieri

    • 0
    • 1
    • 0
    Se è vero, come dice Borges, che la Divina Commedia è il dono più grande che la letteratura possa offrire a ciascun lettore, è altrettanto vero che l'ascolto di una interpretazione ad alta voce di questo capolavoro può trasformarsi in una esperienza unica, un'occasione preziosa per scoprire emozioni e sentimenti racchiusi in un capolavoro che è ormai al di fuori di qualsiasi epoca.L'endecasillabo dantesco non è fatto per restarsene silenzioso fra le pagine, ma per vibrare sonoro e potente, facendo risuonare le voci dei dannati dell'Inferno, dei penitenti del Purgatorio, delle anime beate del Paradiso, dando vita a quello che non è soltanto viaggio nell'aldilà, ma un autentico percorso nell'animo umano.
    Show book
  • Compagni di sangue - cover

    Compagni di sangue

    Bobo Rondelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Bobo Rondelli nasce a Livorno il 18 marzo 1963 (così dice su mà). Per non fare il muratore, lavoro di suo padre, s’inventa cantante, attore, giullare, etc, etc, etc, anche se lui si autodefinisce PRENDIPERILCULISTA di professione. Suo nonno materno, artista, grande ballerino di trincea, dove si esibiva scansando fucilate nemiche, scrisse il musical Se mi becchi non vale. Il nonno paterno, cantante di miniera dandosi il ritmo a colpi di piccone scrisse le canzoni: “Sono il negro del carbone” e “Bimba mia c’ho la silicosi”, edizioni Sanatorio Records. La nonna faceva la serva nelle ville dei signori. Lo zio Berto, di cui porta il nome, fu un grande performer di bestemmie in gramlot emiliano, che improvvisò prima di essere fucilato (testi andati perduti). Il padre è morto prima della pensione, il fratello lo arresterà perché è un finanziere, la madre lo sopporta ancora, la moglie non più, i figli lo picchiano. Di antica stirpe nobile gibbonica di sangue marrone, ha da tempo fatto richiesta senza ancora ottenere la pensione, perché lui è quello che ha “picchiato la testa” (come l’amico-regista Paolo Virzì, forse mosso a compassione, ha raccontato nel documentario “L’uomo che aveva picchiato la testa”). Questa è la versione “trans” (con tagli e aggiunte) del suo primo libro: “Compagni di sangue”, «che se lo voi te lo ’ompri, di sicuro ’un lo pòi masterizzà e spendi di più a foto’opiallo», così direbbe lui.
    Show book
  • Tramonti e teste mozzate - cover

    Tramonti e teste mozzate

    Salvatore Cacace

    • 0
    • 0
    • 0
    Sono poesie scritte in musica: il rock è sempre sotto e poi sale su di qualche ottava, accordi in minore e parole in caduta libera. 
    Sono le poesie in musica dei Molotov Dal Cielo. 
    Elettriche e battenti: urlate abbastanza per uscire dalle pagine e mordere il presente.
    Show book