If you like reading, you will LOVE reading without limits!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
bello da morire bello come un dio - cover

bello da morire bello come un dio

Qam

Publisher: Qam

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Questa è la storia di tre ragazzi, dei loro amori e delle strade che prenderanno le loro vite, in una città Milano, in anni turbolenti,ma anche liberi, è l'inizio della consapevolezza dell'emancipazione femminile.


lei era stata al gioco, ed era stato pure crudele per lui che gli ronzava attorno come una falena con giri sempre più stretti attorno al fuoco per poi buttarcisi dentro e bruciare, infatti era andata così, dunque era innamorata, non era indifferente o un’amica, o altro; aspettava il momento buono, non lo allontanava, faceva l’indifferente, vedeva che soffriva, forse una vendetta verso Marco, no non era questo, era che lei si era innamorata di entrambi, per istinto ci si buttava, ma la ragione la tratteneva, intanto il tempo passava, lui sempre più vicino, tutte le scuse per vederla, anche per strada, pensava lei: “ma mi segue questo?” Troppe coincidenze, addirittura amicizie in comune, ma che ci faceva sto tomo con i suoi amici, erano diversi, loro avevano accettato Marco con la puzza sotto il naso, tanto che appena sparito facevano a gara nel dire: “si sapeva, non lo dicevamo, ma si capiva che finiva, figurarsi sti fricchettoni dell’alta società fanno i rivoluzionari ma poi vanno a casa e si mettono in riga, una volta che la mamma glielo ordina,” perciò ne erano pure felici, se l’erano tolto dalle palle, invece con Andrea erano diversi, lo cercavano, non lo vivevano come Marco, lo spiegavano col fatto che lo trovavano sincero, infatti lui non faceva nessuna rivoluzione, ascoltava per poi dire ai suoi amici

Other books that might interest you

  • L'apprendista stregone - cover

    L'apprendista stregone

    Mario Quintana

    • 0
    • 0
    • 0
    Dopo Il colore dell’invisibile (2008) e la selezione Per vivere con poesia (2010), Graphe.it torna a offrire al lettore italiano i pregevolissimi versi di Mario Quintana. Pubblicata in Brasile nel 1950, la raccolta O aprendiz de feiticeiro conquista il lettore immediatamente e senza filtri con la sua sensibilità insieme delicata e dirompente, enigmatica e fantasiosa: una chiave espressiva che percorre tutta l’opera di questo autore, capace di portarci in un mondo onirico fatto di piccole cose insignificanti frammiste a simbologie di respiro universale. L’apprendista stregone del titolo è, in questo senso, colui che gioca innocentemente con le parole, con le suggestioni, per creare qualcosa che ancora non si conosce né si è in grado di spiegare. 
     
    Impeccabile la versione italiana di Natale P. Fioretto (già premiato come miglior traduttore al Premio editoria indipendente di qualità per Il colore dell’invisibile), che raccoglie la sfida non facile di rendere le poesie leggibili senza privarle della loro comunicativa.
    Show book
  • Nei boschi - Poesie dalle fiabe dei Grimm - cover

    Nei boschi - Poesie dalle fiabe...

    Liliana Grueff, Iacopo Ninni,...

    • 0
    • 0
    • 0
    Non serve uscire di casa.Resta al tuo tavolo. E ascolta.Franz KafkaParafrasando Novalis, se lo scrittore di fiabe è colui che riescea vedere nel futuro, allora il racconto favoloso si srotolacome uno specchio dove ci riconosciamo nelle metamorfosialtrui. Dove ritroviamo il mondo che ci circonda, con lesue complessità e ingiustizie, con la sua assurdità e sorpresa.Proprio in questo allenamento al vivere risiede il ruolofondamentale, anche oggi, della fiaba, come momentopolitico di costruzione di un progetto culturale.
    Show book
  • ’Na messa pe’ Napule - Poesie - cover

    ’Na messa pe’ Napule - Poesie

    Raffaele Pisani

    • 0
    • 0
    • 0
    Poesia in dialetto napoletano
    Show book
  • Canti - cover

    Canti

    Giacomo Leopardi

    • 0
    • 0
    • 0
    La prima edizione dei Canti fu pubblicata a Napoli, curata dall'autore, nel 1835. Superficialmente sarebbe potuta apparire un'ennesima raccolta della tradizione classicista italiana. Nulla di nuovo infatti nel contenuto e nel linguaggio. Il pessimismo e la noia sono temi che dall'Ecclesiaste erano apparsi regolarmente nella letteratura occidentale, da quella classica fino al Werther. Le sferzate poetiche contro la decadenza politica e civile della “patria”, le cui prime attestazioni nella tradizione culturale occidentale risalgono ai profeti veterotestamentari, già in Dante e Petrarca avevano raggiunto vette altissime. Nulla di sostanzialmente nuovo neanche nella lingua poetica, la stessa oramai canonica dal Petrarca in poi: “sembiante” per viso, “luci”, “lumi” o “rai” per occhi,“garzone” per giovane, “beltà”, “augelli”, “alma”, “cor”, ecc. Ma si legga a caso un passo dei Canti, ed ecco che, come nella musica di Mozart, siamo colpiti da un tono nuovo, unico, difficilmente analizzabile. Si provi ad invertire un qualunque sintagma e la magia scompare! Mai titolo fu più pertinente. Ma non è musica fine a sé stessa. Dispiegata sulle “ali del canto”, la voce, così profondamente sincera ed umana di Giacomo Leopardi, grazie all'ineffabilità che nasce dal suo sforzo poetico, continua a toccarci l'animo e il cuore come poche altre, nella poesia italiana. (Riassunto di Sergio Baldelli)
    Show book
  • Il berretto a sonagli - cover

    Il berretto a sonagli

    Luigi Pirandello

    • 0
    • 0
    • 0
    La commedia, che riprende le tematiche delle due novelle La verità (1912) e Certi obblighi (1912), venne scritta nell'agosto 1916 in lingua siciliana per l'attore Angelo Musco con il titolo 'A birritta cu' i ciancianeddi. In questa versione fu messa in scena dalla compagnia di Musco a Roma, al Teatro Nazionale, il 27 giugno 1917. Il nullaosta per la rappresentazione venne dato dalla prefettura di Palermo l'8 settembre 1917. I lavori per la rappresentazione della pièce furono caratterizzati dalle continue tensioni tra Musco ed il professore (con questo nome Musco usava chiamare Pirandello). I conflitti erano dovuti alle diverse aspettative: la commedia doveva, secondo Pirandello, concentrarsi sui paradossi del personaggio e dell'esistenza, mentre Musco voleva, da attore abituato a rappresentazioni brillanti, sottolinearne l'aspetto comico. Avvenne così che avendo il ruolo di capocomico Musco riuscì a portare in scena una versione accorciata di parecchio. A detta della maggior parte degli studiosi, i tagli operati da Musco alla versione siciliana sarebbero la causa di un fatto abbastanza curioso: la versione italiana, preparata alcuni anni più tardi da Pirandello, corrisponde all'incirca alla versione ridotta, messa in scena dalla compagnia di Musco. Il professore infatti avrebbe perso nel frattempo il manoscritto con la versione originale in siciliano. La versione abbreviata non s'incentra più su quello che è il personaggio principale della commedia in siciliano, cioè Beatrice, ma tende invece a mettere in risalto Ciampa, cioè il suo antagonista. Comunque, nell'estate del 1918 Pirandello terminò la versione in italiano che fu rappresentata il 15 dicembre 1923 al teatro Morgana di Roma dalla compagnia di Gastone Monaldi. Gli effetti comici della versione in siciliano erano andati in buona parte perduti. A causa del notevole ritardo della prima rappresentazione, il pezzo riscosse tiepidi consensi.
    Show book
  • Tramonti e teste mozzate - cover

    Tramonti e teste mozzate

    Salvatore Cacace

    • 0
    • 0
    • 0
    Sono poesie scritte in musica: il rock è sempre sotto e poi sale su di qualche ottava, accordi in minore e parole in caduta libera. 
    Sono le poesie in musica dei Molotov Dal Cielo. 
    Elettriche e battenti: urlate abbastanza per uscire dalle pagine e mordere il presente.
    Show book