Subscribe and enjoy more than 800,000 books
Add this book to bookshelf
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Write a new comment Default profile 50px
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced 7236434c7af12f85357591f712aa5cce47c3d377e8addfc98f989c55a4ef4ca5
Sofocle Aiace - a cura di Pio Mario Fumagalli - cover

Sofocle Aiace - a cura di Pio Mario Fumagalli

Pio Mario Fumagalli

Publisher: Edizioni Alef

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Prendendo le mosse dal mito e dal materiale epico, Sofocle crea nell'Aiace il primo dei suoi eroi solitari, imponenti e inflessibili, che rimangono fedeli fino alla fine alle proprie idee e alla propria concezione della vita: in questo caso ai principi della "cultura di vergogna", al senso dell'onore, alla morale pubblica e competitiva della civiltà arcaica. Quando, dopo la crisi di follia, l'eroe torna in sé, comprende che non c'è più spazio per lui fra gli uomini, neppure fra i pochi che lo amano. La scelta dell'autoemarginazione e del suicidio è l'unica possibile per l'ultimo degli eroi "puri". La sua lontananza da tutto e da tutti è incolmabile, la frattura fra Aiace e il mondo è ormai insanabile: egli non cede ai compromessi, non ammette conciliazione con il nemico. Gli altri personaggi, più moderni, più attuali, sanno piegarsi di fronte agli eventi o mediare con l'avversario (gli Atridi che rappresentano la tracotanza un po' ottusa della democrazia radicale; Odisseo, il politico pronto alla flessibilità, al compromesso): per Aiace non c'è più posto in una società di questo tipo; diversità, rigidità di principi, isolamento sono le categorie che caratterizzano l'eroe, un uomo d'altri tempi. E anche quando il percorso terreno dell'eroe è compiuto, nel dibattito relativo alla sua sepoltura, Aiace rimane, pur in "absentia", il protagonista assoluto del dramma.

Other books that might interest you

  • Età del suono - cover

    Età del suono

    Markeljan Plenishti

    • 0
    • 0
    • 0
    Età del suono è l'idea concettuale che il linguaggio umano possa essere nato e si sia sviluppato attraverso le onomatopee. Inoltre le 285 sillabe base riportate con la traduzione in italiano (di derivazione onomatopeica si suppone), hanno la stessa funzione delle parole che utilizziamo oggi, e generano le oltre 3500 sillabe trifonetiche (riportate senza traduzione) e frasi brevi costituite sempre da tre lettere.
    Età del suono offre un nuovo sistema d'esame o meglio una lente attraverso la quale si prova ad osservare ed esaminare quelle lingue e parole che sono già oggetto di studio (e non solo) nella ricerca della loro derivazione e nella derivazione del linguaggio stesso.
    Show book
  • Raccolta di voci dialettali ginosine - cover

    Raccolta di voci dialettali...

    DOTT. GIOVANNI GIGLI

    • 0
    • 0
    • 0
    La Pro Loco di Ginosa da tempo mirava alla pubblicazione di questo testo, che ha presentato non poche difficoltà editoriali, con l’intento di preservare i connotati culturali locali dagli attacchi della “cultura ufficiale” e di custodire gelosamente i simboli di un’identità culturale, nella consapevolezza che il dialetto è la testimonianza più viva e palpitante di millenni di storia, le cui tracce sono rintracciabili in certi suoni, in certi termini, in certe locuzioni ancora miracolosamente superstiti.
    Ed è per queste ragioni che l’opera certosina di raccolta di voci dialettali del dr. Giovanni Gigli, che ha consumato un’intera esistenza per raccogliere e catalogare amorevolmente i reperti linguistici in essa contenuti, merita di essere considerata come un autentico monumento; senza di essa l’oblio sarebbe sceso su di un patrimonio folklorico di inestimabile valore e i Ginosini di oggi e di domani, e non solo loro, non vi avrebbero rintracciato la loro “memoria” storica.
    Prof. Franco Mutidieri
    Show book
  • I fratelli Wilde - cover

    I fratelli Wilde

    Richard Wolf

    • 0
    • 0
    • 0
                La commedia alterna tratti di assoluta rilevanza storica a momenti di fragilità psicologica e di conflitti affettivi mai elaborati e risolti. Si possono intravedere le storie famigliari dell’upper middle class di fine ‘800, le debolezze personali velate dall’abito ufficiale del padre medico di fama, o dal manierismo della madre che porta lo stendardo dei Wilde.
                I due fratelli sono sulla scena come figure disperate, Willy ha sempre in mano un bicchiere e accanto la bottiglia di whisky, una sorta di sollievo al fallimento totale della sua vita di scrittore e di giurista. Oscar tiene in mano un cappotto che non sa dove mettere e che lascerà a casa del fratello al momento di uscire per affrontare la folla fuori di casa che cerca e vuole soddisfazione dal depravato.
                Una canzonetta derisoria, che ricorda con un ritornello il destino del padre, fa da coro tragico inesorabile che distrugge la figura del padre e che interviene ad ogni tentativo di ricostruire qualcosa nei rapporti. La seconda moglie di Willy, Lily, è l’unica a muoversi nel presente, ad avere iniziativa, ad essere gentile con il rifugiato Oscar, tanto da apparirgli al risveglio dall’incubo come un angelo. I dialoghi sono diretti, quasi senza forma in considerazione dei contenuti in gioco, dove nostalgia e rimpianto appaiono in continuazione fermando ogni desiderio.
                L’interazione continua delle finzioni e del modo teatrale di comportarsi l’uno con l’altro evocano sapientemente “The Importance of Being Earnest”[Honest!], ma non mancano riferimenti ironici alla retorica manierata del classicismo di Oscar Wilde, assieme alla poetica drammatica del Reading Gaol che riecheggia dal “De Profundis”. Accanto a questo, la poetica dell’ingenuità infantile che si ritrova nei racconti di Wilde e che Woulfe ci restituisce magistralmente con il peluche dell’orsacchiotto!
    Show book
  • Professione scrittore - cover

    Professione scrittore

    AA. VV.

    • 0
    • 0
    • 0
    Come funziona uno scrittore? Come nasce un racconto o un romanzo? Ventuno autori per ragazzi si autoraccontano nella propria professione, svelando anche alcuni “segreti” o “trucchi del mestiere”.
    Come funziona uno scrittore? Quali sono i suoi “attrezzi” del mestiere? Come nasce un racconto o un romanzo? Come si arriva alla pubblicazione? Molti sono gli interrogativi intorno a una professionalità tanto affascinante, quella dello scrittore, da avere alimentato nel tempo una larga parte del nostro immaginario collettivo. Territorio meno esplorato, poi, quello della cosiddetta “Letteratura per Ragazzi”, che subisce spesso lo snobismo della “Letteratura tout court”, la quale sembra considerare la prima come una realtà di “Serie B” o una sorella meno nobile, tanto da arrivare a negarle, a volte, la qualifica stessa di “vera letteratura”. Proprio alla Letteratura per Ragazzi è dedicato questo libro, con l’intento di offrire uno sguardo lucido e disincantato, senza giudizi preconfezionati, su un settore che vive una doppiezza forse ormai strutturale: da una parte il mercato editoriale spinge, tentando di salvare il salvabile; dall’altra certa critica “ufficiale” tira indietro, provando più o meno coscientemente a screditare la sua presunta “sorella minore”. Tra i due fuochi si trovano gli scrittori, tanti, diversi, ciascuno con le proprie modalità di approccio. Questo libro guida il lettore in un viaggio dentro ai segreti della scrittura e del mestiere di scrivere. Un viaggio dove a condurre il timone sono gli autori stessi. Ventuno autori per ragazzi, per la precisione, tutti soci ICWA (Italian Children’s Writers Association), che si autoraccontano nella propria professione, svelando anche alcuni “segreti” o “trucchi del mestiere”. Un libro per studiosi, bibliotecari, operatori culturali, insegnanti, progettisti in ambito culturale e sociale, librai, scrittori, curiosi, aspiranti scrittori, scrittori esordienti, studenti, genitori e lettori in genere e per chiunque voglia saperne di più sullo scrivere per ragazzi.
    Show book
  • Medea - cover

    Medea

    Euripide

    • 0
    • 0
    • 0
    "Medea" (Μήδεια, Médeia) è una tragedia di Euripide, andata in scena per la prima volta ad Atene, alle Grandi Dionisie del 431 a.C. La tragedia contiene una forma di critica al modello familiare tradizionale in uso nella Atene del V secolo a.C. Di fronte allo sdegno ed alla disperazione di Medea per le nuove nozze del marito, infatti, quest'ultimo contrappone motivazioni che all’ateniese medio potevano apparire sensate: la necessità di generare nuovi figli per la città, di assicurarsi una posizione sociale adeguata e la convinzione che del resto egli avesse fatto già molto per lei, portandola via dal mondo barbaro in cui viveva prima (la Colchide) e rendendole onore.  
    
    L'autore
    
    Euripide (in greco, Εὐριπίδης, in latino, Euripides; Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) fu un drammaturgo greco antico. È considerato, insieme ad Eschilo e Sofocle, uno dei maggiori poeti tragici greci.
    
    Traduzione a cura di Ettore Romagnoli
    Ettore Romagnoli (1871-1938), accademico d'Italia, professore di Letteratura greca a Roma, fu uno dei protagonisti della cultura italiana nella prima metà del Novecento.
    Show book
  • Francese - Le basi frasi per imparare la lingua francese - cover

    Francese - Le basi frasi per...

    Valery

    • 0
    • 0
    • 0
    Le basi,  frasi per imparare e comunicare la lingua francese
    Show book