Subscribe and enjoy more than 800,000 books
Add this book to bookshelf
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Write a new comment Default profile 50px
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Sofocle Aiace - a cura di Pio Mario Fumagalli - cover

Sofocle Aiace - a cura di Pio Mario Fumagalli

Pio Mario Fumagalli

Publisher: Edizioni Alef

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Prendendo le mosse dal mito e dal materiale epico, Sofocle crea nell'Aiace il primo dei suoi eroi solitari, imponenti e inflessibili, che rimangono fedeli fino alla fine alle proprie idee e alla propria concezione della vita: in questo caso ai principi della "cultura di vergogna", al senso dell'onore, alla morale pubblica e competitiva della civiltà arcaica. Quando, dopo la crisi di follia, l'eroe torna in sé, comprende che non c'è più spazio per lui fra gli uomini, neppure fra i pochi che lo amano. La scelta dell'autoemarginazione e del suicidio è l'unica possibile per l'ultimo degli eroi "puri". La sua lontananza da tutto e da tutti è incolmabile, la frattura fra Aiace e il mondo è ormai insanabile: egli non cede ai compromessi, non ammette conciliazione con il nemico. Gli altri personaggi, più moderni, più attuali, sanno piegarsi di fronte agli eventi o mediare con l'avversario (gli Atridi che rappresentano la tracotanza un po' ottusa della democrazia radicale; Odisseo, il politico pronto alla flessibilità, al compromesso): per Aiace non c'è più posto in una società di questo tipo; diversità, rigidità di principi, isolamento sono le categorie che caratterizzano l'eroe, un uomo d'altri tempi. E anche quando il percorso terreno dell'eroe è compiuto, nel dibattito relativo alla sua sepoltura, Aiace rimane, pur in "absentia", il protagonista assoluto del dramma.

Other books that might interest you

  • Sulle onde - cover

    Sulle onde

    Mario Bianchedi

    • 0
    • 0
    • 0
    Una raccolta di racconti? Troppo riduttivo. Una biografia e un testamente è più appropriato. Sangue, profumo di donna e di terra, trasparenza d'acqua e fango. L'amore, di quello più forte, che coinvolge tutto e non dà tregua.
    Fulvio Pèrtili
    “Vorrei, seduto, prenderti sulle mie ginocchia, guardarti negli occhi lungamente, finché il mio sguardo d’amore non sciolga le tue difese. Poi riempirti di baci, dolci, lenti e così veloci da fermare il tuo tempo, lì dove i capelli si attaccano alla tua fronte, dove le tue sopraciglia sconfinano nelle tue palpebre, poi sempre più piano a cercare le tue narici, le tue guance, gli angoli della tua bocca. Mormorare nelle tue orecchie, senza dirti che ti amo. 
    Vorrei percorrere il tuo collo, perdermi nella tua nuca, sentire il tuo odore di femmina. E tornare ai tuoi occhi, diventati luminosi, a cercare ciò che è dentro di te, insieme. 
    Poi il tuo Essere… la curva dolce del tuo seno, la tua pelle liscia e morbida, di pesca, l’incavo delle tue natiche dove affogare, le mie mani che ti cercano, le tue che mi chiedono di non lasciarti, mai più.”
    Show book
  • Country girl - Un'autobiografia - cover

    Country girl - Un'autobiografia

    Edna O’Brien

    • 0
    • 0
    • 0
    Il suo primo romanzo, "Ragazze di campagna", fu ritenuto talmente scandaloso da essere messo al bando nella cattolicissima Irlanda del 1960. Questo non impedì al libro di diventare comunque un grande successo internazionale, permettendo a Edna O'Brien di emanciparsi e di costruirsi una vita libera, anticonvenzionale e creativa, consacrata alla scrittura e all'amore per la letteratura e costellata di eventi e incontri irripetibili. Cinquant'anni dopo quell'esordio, l'autrice ha raccolto i suoi ricordi in questa autobiografia che inizia dall'infanzia trascorsa in una grande e decadente casa nella campagna irlandese, per proseguire con gli anni terribili trascorsi in convento; poi il primo lavoro a Dublino e la fuga d'amore con un uomo sposato, che sarebbe diventato suo marito, lo scrittore Ernest Gébler, da cui divorzierà dopo una lunga battaglia per l'affido dei due figli. Seguono gli anni della maternità da single, ma anche le feste e le folli serate nella swinging London degli anni Sessanta, la vita a New York, gli incontri e le amicizie con personaggi come Philip Roth, Gore Vidal, Harold Pinter, Norman Mailer, Marion Brando, Richard Burton, Robert Mitchum, Sean Connery, Paul McCartney, la principessa Margaret, Jackie Onassis e R.D. Laing, solo per citarne alcuni. "Country Girl" è il racconto di un'epoca di grande fermento culturale e di un'esistenza unica che ha "conosciuto gli opposti di gioia e dolore, amori incrociati e amori non corrisposti...
    Show book
  • La figlia di Debussy - cover

    La figlia di Debussy

    Damien Luce

    • 0
    • 0
    • 0
    È la primavera del 1918, Claude Debussy muore a Parigi. Claude-Emma, l’unica e amatissima figlia del compositore (cui dedicò i sei brani del Children’s Corner), decide di ripercorrere la sua storia attraverso la musica. Ha solo tredici anni. Morirà l’anno dopo di difterite. Damien Luce ricostruisce un diario immaginario di “Chouchou” – come era chiamata affettuosamente dal padre – attraverso cui rivivono le musiche, la vita, le storie personali e quelle di famiglia del musicista, il suo rapporto speciale con la figlia, il clima di paura e disperazione nella capitale francese ai tempi della guerra. Chouchou ricorda di quando era più piccola, quando passava il tempo sotto il pianoforte ad ascoltare il padre, in quella che era la sua “capanna” personale. Nel filo dei pensieri, filtrati da uno sguardo di tenerezza, le ombre della disgregazione si trasformano in luci di gioia in questo poetico e delicato omaggio all’amore celato dietro l’arte musicale del grande compositore.
    Show book
  • Crisi Condizione e progetto - Officine Filosofiche - cover

    Crisi Condizione e progetto -...

    a cura di Manlio Iofrida,...

    • 0
    • 0
    • 0
    Innanzitutto, pare chiaro che, nell’intervallo che va dal settembre 2001 alla grande crisi economica apertasi nel 2008 e tuttora in corso, una fase si sia chiusa: la fase del predominio di una potenza unica, sotto il segno di un capitalismo globalizzante capace di imporre il suo sistema altrettanto unico, la democrazia liberale. Non abbiamo più una potenza unica, ma una pluralità di potenze, di cui alcune (Cina, Brasile) fuori dall’area occidentale; riesplode dunque il conflitto, e anche la possibilità della guerra, non più relativamente controllata da ombrelli duplici o unici; non esiste più l’equazione capitalismo-liberaldemocrazia, ma, al contrario, in molti paesi (fra cui l’Italia e forse buona parte dell’Europa), lo sviluppo capitalistico sembra poter essere garantito solo da una democrazia autoritaria o populista, cioé da una forma mascherata di totalitarismo…
    
    Gli autori: Massimo Amato, Riccardo Bellofiore, Stefano Berni, Alessandro Colombo, Ubalfo Fadini, Francesco Garibaldo, Manlio Iofrida (a cura di), Diego Melegari, Stefano Righetti, Valerio Romitelli.
    Show book
  • Una vita per lo sport - cover

    Una vita per lo sport

    Vittorio Sartarelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Quello che spinge un autore a raccontare i tratti salienti della vita di una persona è, essenzialmente, un’intima esigenza di comunicazione, il far sapere agli altri, contemporanei o posteri che siano, le cose che quella persona ha fatto, ma soprattutto perché le ha fatte e come le ha fatte. Sicuramente nell’animo di chi scrive, s’intrecciano anche altri sentimenti e considerazioni, come l’ammirazione, il desiderio di ricordare avvenimenti della propria infanzia e per ultimi, ma non certo ultimi, l’affetto e le profonde radici che lo legano ad una persona cara della propria famiglia. La decisione di raccontare uno spaccato della vita di mio padre, è scaturita sicuramente e in parte anche condizionata da tutti questi fattori di cui ho fatto cenno in precedenza, ma forse, anche da molti altri i quali neanch’io so connotare con esattezza, in quanto essi appartengono alla sfera della psiche e ai reconditi meandri dell’animo umano. Una cosa, in ogni modo, ho per certa e della quale non posso dubitare: questa rievocazione, una volta che egli non c’era più, sentivo profondamente di doverla a mio padre, soprattutto per onorarne la memoria.
    Show book
  • 30 Denari - cover

    30 Denari

    Anna Rita Guarducci

    • 0
    • 0
    • 0
    30 DENARI nasce dal bisogno di portare fuori dal cuore e dalla mente di Adriana una triste storia tra parenti caratterizzata dal tradimento degli affetti. Perciò è il racconto di una storia vera con qualche goccia di fantasia. La scrittura/terapia è iniziata la notte di capodanno del 2006, dieci anni dopo l'evento, ed  è durata sei mesi di notti insonni, il momento più tranquillo della giornata. Si racconta di un fatto comune a tante famiglie che per ragioni di affari si separano anche affettivamente a causa della posizione di forza di una che mette l'altra con le spalle al muro. 
    Intorno a questa storia banale, però, ruota la vita delle due famiglie con la nonna filosofa senza avere studiato, lo zio prete affarista, un'adolescenza felice, la cugina che da adolescente cicciottella si trasforma in giovane donna molto attraente, lo sciupafemmine interessato alla bella vita, l'erede maschio che non arriva. E poi le sofferenze e la timidezza di Adriana, i suoi desideri, la sua passione per la fotografia, il suo naso affilato e gli angoli inesplorati della sua psiche. In un paese satellite di una città del centro Italia caratterizzato da un'urbanistica disordinata e finalizzata solo alla crescita quantitativa.
    Show book