Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Imparziali ma non indifferenti - cover

Imparziali ma non indifferenti

Pina Lalli

Publisher: Homeless Book

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Questa ricerca ripropone un lavoro del 2002, ancora interessante per l'approccio utilizzato. La ricerca che qui presentiamo s’interroga su uno degli aspetti oggi presenti nelle arene pubbliche di informazione. Alcuni mutamenti in atto non lasciano ancora individuare con chiarezza i possibili sviluppi futuri. Basti pensare all’ingresso massiccio di nuove figure nel campo dell’informazione e della comunicazione: i comunicatori pubblici, i comunicatori sociali, gli addetti stampa dei vari uffici governativi nazionali e locali, i consulenti “d’immagine” o di comunicazione scelti da politici e amministratori. Possiamo senz’altro affermare che, tendenzialmente, non esistono più soltanto aree d’informazione che costituiscano un supposto “sistema dei media” a sé stante e gestito da una medesima comunità professionale specializzata. Il monopolio dell’informazione e della formazione della sfera pubblica potrebbe non essere più garantito unicamente dai mass media tradizionali.

Other books that might interest you

  • Confilosofare in città - Un gioco serio tra arte e silenzio - cover

    Confilosofare in città - Un...

    Mario De Pasquale

    • 0
    • 0
    • 0
    I ritmi veloci della vita contemporanea ci privano spesso degli spazi necessari per la riflessione: nel confilosofare, nella discussione comune, si ridefiniscono le proprie coordinate identitarie mettendo in discussione le certezze acquisite; non c’è, infatti, convinzione che non possa essere scalfita né significato che non ne celi altri.  
    Mettendo in circolo le proprie esperienze e utilizzando stimoli ed emozioni che provengono dall’arte, dal gioco filosofico e dal silenzio, si attiva il nostro sguardo critico sulle cose e s’intraprende un viaggio capace di renderci migliori.  
    Un invito a viaggiare nella filosofia e per la filosofia dialogando con Ricœur, Jankélévitch, Bauman, Bodei, Gadamer, Marramao, Vattimo, Bruner, Tozzi, Lasch e molti altri.
    Show book
  • Der Krieg der römischen Katzen - Sprachkurs Italienisch-Deutsch A1 - Spannender Lernkrimi und Reiseführer durch Rom - cover

    Der Krieg der römischen Katzen -...

    Alessandra Barabaschi

    • 0
    • 2
    • 0
    Sprachkurs Italienisch-Deutsch (A1), Lernkrimi und Reiseführer durch Rom
    
    Inhalt des Lernkrimis:
    Annika besucht einen Italienischkurs in Rom. Sie wohnt bei einer Freundin am Largo Argentino. Der Platz ist eine berühmte römische Sehenswürdigkeit, weil Cäsar dort ermordet wurde. Und wegen seiner unzähligen Katzen, die dort leben. Eine alte Frau kümmert sich um die Katzen. Eines Tages trägt sie einen kostbaren Ring. Kurz darauf wird sie aufgefunden. Ertrunken. Annika wird neugierig und will den Fall lösen.
    
    Weitere Inhalte des Sprachkurses: Übungen, die Spaß machen, "Lesen und Lernen",
    Schwerpunkt Grammatik, Lösungen, Dossiers 1 + 2
    Show book
  • L'incontaminata origine egiziana – L’importanza dell’antico Egitto - cover

    L'incontaminata origine egiziana...

    Moustafa Gadalla

    • 0
    • 0
    • 0
    Una breve panoramica concisa di alcuni aspetti della civiltà egizia che ci può servire bene al giorno d'oggi nella nostra vita quotidiana, non importa dove siamo in questo mondo. Il libro intende fornire una breve panoramica su alcuni aspetti della civiltà dell’Antico Egitto che possono essere utili anche nella vita quotidiana moderna, indipendentemente dal luogo in cui si vive. Il libro copre aspetti quali l’autoemancipazione, il miglioramento degli attuali problemi politici, sociali, economici e ambientali, il riconoscimento e l’implementazione di principi armonici nelle nostre opere e azioni ecc. Questo libro intende fornire una breve panoramica su alcuni aspetti della civiltà dell’Antico Egitto che possono esserci utili anche nella vita quotidiana moderna, indipendentemente dal luogo in cui viviamo. Il libro tratta i seguenti argomenti: - Il nostro posto nell’universo e il suo sistema operativo. - La conoscenza di sé e come organizzare le proprie energie interiori per vivere in modo sano e felice. - Problemi e antichi rimedi [egizi] per questioni politiche, sociali ed economiche. - Come raggiungere una convivenza pacifica tra le persone, la terra e le risorse naturali, e di conseguenza un ambiente pulito. - Comprendere e implementare i principi armonici nella costruzione degli edifici. - L’apprezzamento dell’arte, le sue funzioni e applicazioni in modo armonico. - La natura eterna della civiltà egizia.
    Show book
  • Nella mente del bambino - Come si sviluppa il nostro cervello - cover

    Nella mente del bambino - Come...

    Tiziana Cotrufo

    • 0
    • 0
    • 0
    Durante il secondo trimestre di gravidanza, il cervello del feto "fabbrica", ogni minuto, circa 20.000 nuovi neuroni. Qualcosa di più di un milione all'ora. A cinque mesi di vita, la corteccia cerebrale ha già raggiunto i 10.000 milioni di neuroni, che continueranno ad aumentare a un ritmo vertiginoso. Tanto che, tra i 4 ei 12 mesi di vita, i bambini hanno il 50% in più di sinapsi degli adulti.
    Bastano questi pochi dati per capire il fascino destato da tutto ciò che riguarda lo sviluppo del cervello, soprattutto per i genitori dei piccoli cervelli in formazione. Ma quello stesso interesse fa sì che a volte proliferi ogni genere di informazione a riguardo, che addirittura promette la possibilità di "programmare" le menti dei bambini, come se si trattasse del manuale di istruzioni di un computer.
    Come sottolinea Tiziana Cotrufo, neuroscienziata e madre di due bambine, se c'è un momento nella vita in cui l'analogia tra cervello e computer è particolarmente inadeguata è proprio l'infanzia. Lo scopo di questo libro è molto più modesto. Invece di ricette infallibili, si propone come una raccolta di quello che a oggi sappiamo scientificamente sul cervello del bambino e sul suo sviluppo: dalla gestazione nel ventre materno all'adolescenza, con particolare enfasi sul ruolo dei cosiddetti "periodi critici" per l'acquisizione delle capacità fondamentali (apprendimento, memoria, linguaggio, calcolo...).
    SULLA COLLEZIONE: Scoprire la scienza è una serie di divulgazione scientifica, in cui alcuni dei migliori docenti, ricercatori e divulgatori presentano in modo chiaro e piacevole, le grandi idee della scienza.
    Show book
  • Una breve abitudine - cover

    Una breve abitudine

    Filiberto Battistin

    • 0
    • 0
    • 0
    Non basta parlare come un bambino attraverso belle immagini per aver spirito d’infanzia: i bambini sono altro, sono le persone più serie che io conosca! Non basta essere bambini per avere spirito d’infanzia, senz’altro essere bambini aiuta, soprattutto se si è bambini a cui è stato insegnato il minimo necessario, a cui è stato lasciato il maggiore spazio possibile per esprimere e questo accade, secondo me, se gli adulti che stanno intorno ai bambini sono dei buoni ascoltatori; insomma, come diceva Giorgio Gaber in una sua canzone, “non insegnate ai bambini”; ma vi sono anche dei bambini a cui piace ascoltarsi che diventano in modo prematuro schiavi delle proprie idee e incapaci di ascoltare! Trovo vi siano troppe persone fatte in questo modo, schiave dei propri pensieri e che magari intellettualmente e magari in buona fede intrappolano le parole nella rete delle loro immagini – immagini confuse, ma attraenti – ma mai, i veri bambini usano il linguaggio della seduzione, sono, invece, così profondi nelle loro inattese profondità! Capita spesso di incontrare delle persone assertive in modo da apparire uomini o donne sicuri di sé: dubito di queste persone perché penso che proprio l’insicurezza faccia la differenza tra schiavitù e la libertà. Lo schiavo è un uomo sicuro che ha già tutto predisposto dagli altri, che fa delle proprie idee un baluardo da cui non arretra; l’uomo libero, invece, è insicuro perché di volta in volta in mezzo alle sue contraddizioni vuole trovare il punto del suo vivere. Mi chiedo allora che tipo d’uomo sono io che cerco parole che scaturiscono dal silenzio...
    Show book
  • Il tempo dei giovani - cover

    Il tempo dei giovani

    A. Cavalli

    • 0
    • 20
    • 0
    Il tempo dei giovani, ristampa della ricerca promossa dallo IARD e condotta a A.R. Calabrò, A. Cavalli, C. Colucci, C. Leccardi, M. Rampazi, S.Tabboni e pubblicata nel 1985 nella collana Studi e Ricerche CCIII de Il Mulino, é una ricerca sui giovani, ma é una ricerca, per un aspetto importante, diversa dalle tante che sono state svolte su questo oggetto. Essa assume infatti il modo di porsi di fronte al tempo come ottica privilegiata per esplorare la condizione giovanile. L'idea di condurre una ricerca adottando questa ottica e nata da una certa sensazione di riduttivitá che le ricerche sui giovani prodotte negli ultimi anni tendono a suscitare. Sappiamo molte cose sui rapporto tra giovani e lavoro, sugli atteggiamenti dei giovani nei confronti della politica, sui loro rapporti con la famiglia e con la scuola, sui modi con cui usano il tempo libero, sui loro consumi. Ma la sensazione di riduttivitá nasce dal fatto che la condizione giovanile e comunque qualcosa di più della somma dei suoi singoli aspetti e che trascurando questo elemento aggiuntivo e unificante si perde qualcosa di sostanziale. Si avverte che il nocciolo della questione giovanile consiste nel fatto di presentarsi nei termini di una sindrome globale che non si lascia ridurre ai singoli aspetti del rapporto tra giovani e società considerati uno alla volta. Si presume, cioè, l´ esistenza di un momento unificante che sembra attraversare trasversalmente i vari aspetti e conferire ad essi una fisionomia particolare.
    Show book