Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Come diventare ipnotizzatori e dominare la volontà degli altri - Metodo infallibile per imporre la propria volontà agli altri e per il sicuro dominio di se stessi - cover

Come diventare ipnotizzatori e dominare la volontà degli altri - Metodo infallibile per imporre la propria volontà agli altri e per il sicuro dominio di se stessi

Pierre Vidal

Publisher: 01 05 5277717 David De Angelis

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Indice dei ContenutiPARTE PRIMALa forza del pensiero guida il mondoIl dinamismo mentale è il nostro più grande alleatoChe cos'è “l'autosuggestione"Come conquistare un volontà forte attraverso l'atteggiamentoCome vincere le malattie della volontàLa salute fisica è la base di ogni sforzo mentaleLa disciplina mentale è la migliore cura per la formazione del caratterePARTE SECONDACome dominare e ipnotizzare la volontà degli altri servendosi della forza di suggestioneUn po' di storia dell'ipnotismoIl comportamento dell'uomo nel sonno ipnoticoEsercizi pratici di ipnotismoEsercizi di respirazione spirituale per lo sviluppo del magnetismoAppendice

Other books that might interest you

  • Morire allegramente da filosofi - Piccolo catechismo per atei - cover

    Morire allegramente da filosofi...

    Giulio Cesare Vanini

    • 0
    • 0
    • 0
    Giulio Cesare Vanini fu giustiziato per ateismo a Tolosa il 9 febbraio 1619. Diciannove anni dopo Giordano Bruno. Gli strapparono la lingua, lo impiccarono alla forca e infine lo bruciarono sul rogo. In punto di morte esclamò con fierezza: “Andiamo, andiamo allegramente a morire da filosofo”. Aveva solo 34 anni. La sua figura, tornata in auge mezzo secolo fa, ha goduto in passato di una grande popolarità. Di lui si è detto di tutto, nel bene e nel male. Anche che fosse l’Anticristo. In realtà fu solo un filosofo. Un filosofo “più facile da bruciare che da confutare” (A. Schopenhauer). Questo “Piccolo catechismo per atei”, che raccoglie ed isola per la prima volta le sue idee filosofiche più ardite e le sue arguzie più impertinenti, rappresenta la prima introduzione sistematica alla vita, al pensiero ed alle opere di Giulio Cesare Vanini.
    Show book
  • Dalla mente al cuore - Parte 2 - cover

    Dalla mente al cuore - Parte 2

    Franz X. Bühler

    • 0
    • 0
    • 0
    Sorry, we have no synopsis for this book right now. Sign in to read it on 24symbols.com
    Show book
  • La porta d’ingresso dell’Islam - Bosnia Erzegovina: un paese ingovernabile - cover

    La porta d’ingresso dell’Islam -...

    Jean Toschi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il 14 dicembre 2015 compiva vent’anni il Trattato di Dayton, firmato a Parigi nel 1995 alla presenza dei massimi rappresentanti delle potenze occidentali. L’accordo metteva così fine a tre anni e mezzo di feroce guerra civile in Bosnia-Erzegovina. L’amministrazione Clinton considerava un grande successo aver fermato il conflitto e creato una nazione composta di tre etnie divise in due entità: la Federazione Croata - musulmana e la Republika Srpska. Però aveva distrutto il multiculturalismo in favore del nazionalismo. Oggi la Bosnia Erzegovina è nello stesso stato d’allora, congelata dalla costituzione imposta a Dayton, in uno stato di caos contenuto e di odio. Nel corso degli anni si sono alternati Alti Commissari europei al controllo del paese, ma anche altre nazioni sono intervenute nel delicato equilibrio. La Turchia ha una forte presenza. Ricchi finanziamenti giungono da Iran e Arabia Saudita per costruire moschee e scuole islamiche. Dalle parole di diversi protagonisti della politica locale e internazionale intervistati in queste pagine esce un'imbarazzante realtà. Un importante geopolitico francese, il Generale Pierre Marie Gallois, esaminando nel 1997 la politica statunitense in Bosnia-Erzegovina, aveva commentato che era stata aperta all’Islam la porta d’Europa, un paese a tre ore e mezzo d’autostrada da Trieste.
    Show book
  • Apocalypse Euro - Tutto quello che avresti dovuto sapere sulla moneta unica ma non hanno mai osarti dirti - cover

    Apocalypse Euro - Tutto quello...

    Paolo Becchi, Alessandro Bianchi

    • 1
    • 0
    • 0
    Come ha scritto sul New York Times il columnist politico Jochen Bittner, “i leader europei dovrebbero ammettere che i cosiddetti euro-scettici hanno avuto spesso ragione, nel passato, e che è stato un errore bollarli come primitivi o reazionari eretici. Del resto, storicamente, gli eretici sono spesso stati coloro che alla fine hanno forzato un sistema di credenze a confrontarsi con le proprie contraddizioni. Lo stesso dovrebbe accadere all'interno dell'Unione Europea”.
    Apocalypse Euro raccoglie alcune delle voci "eretiche" più importanti nel panorama europeo, a torto escluse dal racconto della crisi dal mainstream e oggi divenute, di conseguenza, il punto di riferimento per chi vuole trovare gli strumenti per uscire da questo “incubo”. 
    Per salvare una moneta insostenibile è stata creata una serie di alchimie giuridiche, che hanno indebolito i Parlamenti nazionali e il Parlamento europeo. Per salvare un mostro, una moneta nata male e proseguita peggio, si calpesta ogni volontà popolare e si stanno facendo a pezzi le Costituzioni e perfino – al culmine del paradosso – quei diritti, che l'Unione Europea con la Carta dei diritti di Nizza intendeva tutelare. 
    Nel frattempo i vari Letta, Monti, Saccomanni e oggi Renzi si susseguono al “potere”. Come semplici valvassori di Bruxelles e Francoforte, continuano a calpestare in nome dell’internazionalismo finanziario - di cui l'euro è il simbolo più forte - la nostra sovranità e la equa redistribuzione del reddito per l'intera popolazione. Per questo, i veri eversivi sono loro, non chi li contrasta.
    
    Potete leggere gli interventi di:
    Alberto  Bagnai 
    Luciano Barra Caracciolo
    Paolo  Becchi 
    Claudio  Borghi Aquilini
    Alain de Benoist
    Paul de Grauwe
    Costas  Douzinas 
    Ambrose  Evans-Pritchard  
    João Ferreira do Amaral 
    James Galbraith 
    Nino Galloni 
    Oskar  Lafontaine  
    Serge  Latouche  
    Alberto Montero Soler 
    Hans Olaf Henkel 
    Jacques Sapir 
    Lidia Undiemi
    Yanis Varoufakis 
    Gianni Vattimo
    
    Gli Autori
    Paolo Becchi, nato a Genova, è professore ordinario di Filosofia del diritto presso la facoltà di Giurisprudenza dell’università di questa città. Tra i suoi libri più recenti: Nuovi scritti corsari: Meglio una fine spaventosa che uno spavento senza fine (Adagio, 2013), I figli delle stelle: L'Italia in movimento (Adagio, 2014) e Colpo di Stato permanente (Marsilio, 2014).
    Alessandro Bianchi, nato a Roma, dirige il sito di politica internazionale www.lantidiplomatico.it
    Show book
  • Come costruire un portale per la città - cover

    Come costruire un portale per la...

    Matteo Valtancoli

    • 0
    • 0
    • 0
    La crescita della distanza tra i bisogni sociali e l’offerta dei servizi socio-sanitari di Comuni e Asl si sta accompagnando alla formazione lenta ma progressiva di un secondo Welfare: un’offerta di accesso a servizi generati all’interno delle comunità territoriali e urbane da associazioni e cooperative sociali, ma anche da parte degli stessi portatori dei bisogni sociali. 
    Questi mondi però faticano a riconoscersi ed intrecciare le loro offerte, cosa che invece potrebbe creare percorsi di accesso, prestazioni e sedi di aiuto sociale inaspettate ed a costi decisamente contenuti. Per consentire tale dialogo, che è in grado di rafforzare la libertà e il diritto di scelta di ogni persona in rapporto ai bisogni di cui è portatore, occorrono nuovi strumenti informativi e comunicativi, facilmente accessibili, che consentano ai servizi sociali di conoscere come cambia la domanda di Welfare, e ai cittadini di conoscere l’offerta espressa sia dalle istituzioni pubbliche che dagli organismi sociali attivi nelle comunità di appartenenza. 
    Da ciò l’ideazione - a cui si aggiunge una prima sperimentazione - di un «portale» di accesso e di fruizione dei servizi sociali offerti su un territorio e in una comunità. Una opportunità per rendere possibile la qualificazione ulteriore dei servizi erogati dalle istituzioni e la diffusione di quelle nate col concorso di gruppi, associazioni di volontariato e di promozione sociale e vere e proprie imprese sociali, come le cooperative sociali, attive nei territori e nelle comunità.
    Show book
  • Cosa resta dell'informazione - Kosovo e oltre - cover

    Cosa resta dell'informazione -...

    Pina Lalli

    • 0
    • 0
    • 0
    Cosa resta del Kosovo oggi? Qualche anno fa le pagine di giornali e telegiornali ci parlarono di questa “guerra umanitaria”, ci raccontarono gli episodi che parevano cruciali, gli “incidenti”, le bombe, la “resa” del dittatore. Oggi, di come si viva in Kosovo e di cosa ne sia stato del Kosovo poco o nulla sappiamo, almeno dai resoconti dei media, intrisi come sono nei loro criteri di “notiziabilità” che rendono poco attuale la vicenda adducendo spesso la ragione di non voler saturare i propri lettori o spettatori.
    Show book