A world full of adventures is waiting for you!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Compito per domani - cover

Compito per domani

Nicolae Dabija

Translator Olga Irimciuc

Publisher: Graphe.it edizioni

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

1940: a Poiana, piccolo villaggio romeno, i soldati di Stalin fanno irruzione e arrestano il giovane insegnante Mihai, spedendolo in Siberia. Maria, alunna segretamente innamorata di lui, si mette sulle sue tracce. 
Dopo tredici anni Mihai, testimone di tante brutture, farà ritorno a Poiana portando con sé un nuovo motivo di speranza. 
La vita continua, malgrado l’intromissione delle forze del male. 
Un’intensa storia d’amore tra gli orrori del gulag. 
Secondo alcuni sondaggi il romanzo Compito per domani – tradotto in diverse lingue – è il libro più letto negli ultimi cinquanta anni in Moldavia.

Other books that might interest you

  • Partisan - Sulle tracce di Karl Gufler il bandito - cover

    Partisan - Sulle tracce di Karl...

    Carol Romeo

    • 0
    • 0
    • 0
    Alto Adige, Val Passiria, maggio 1943. Dopo tre anni e mezzo di guerra, tornato in licenza dal fronte russo ferito e decorato, un giovane servo agricolo si dà alla macchia e il suo esempio contagia altri coetanei. Catturato a tradimento, condannato a morte e poi mandato sul fronte ungherese in una compagnia di punizione, diserta di nuovo e grazie a una rocambolesca fuga riesce a tornare nella sua valle. Spauracchio dei nazisti locali, assume il ruolo di "vendicatore” seguendo un suo personale senso di giustizia. Fino alla fine della sua breve vita non deporrà più la mitragliatrice.
    Show book
  • Una lunga storia di amore e di commerci - Quando la realtà si fa surreale tutto può accadere - cover

    Una lunga storia di amore e di...

    Emilio Angelini

    • 0
    • 0
    • 0
    Quando l'amore si inebria di sé e si fa impertinente, universi mitologici che andrebbero tenuti distinti fondono le loro acque e tutto diventa possibile. Un tempo astuto si infiltra tra le maglie dell'Eternità, le gravidanze durano 2000 anni e dovunque si agita un gran bisogno di reincarnazione. Di tutto ciò si fa carico l'Orco della Cornovaglia, glorioso veliero a tre alberi, che sa farsi complice di due strani amanti e benedice una forma di pirateria molto singolare.
    Show book
  • Libellula La - cover

    Libellula La

    Bert d'Arragon

    • 0
    • 0
    • 0
    Un romanzo storico che non sembra parlare di storia, ma di persone: la vita di due ragazzi che nel 1924, ancora adolescenti, scoprono l'amore e lasciano il piccolo borghetto toscano in cui sono cresciuti. La fuga attraverso l'Italia fascista che si intrec
    Show book
  • Il mercante di Dio - cover

    Il mercante di Dio

    Sal Costa

    • 0
    • 0
    • 0
    Il mercante di Dio, racconta i diciassette anni perduti della vita di Gesù cristo, anni che non compaiono in nessun vangelo (canonico o apocrifo) né deducibili da alcuna fonte storica. È un romanzo di viaggi, avventure, amicizia, amore paterno e un qualche modo filiale. Come in un quadro di Lautrec, il centro della scena è spostato ai margini per lasciar campo al protagonista, il mercante Salomon, la voce narrante. 
    La narrazione è storicamente attendibile e ricostruisce con dovizia di particolari il mondo ebraico dal quale scaturì la vita e il pensiero di Gesù e in siffatta maniera ci svela il vero, o i veri motivi a contendere fra l’ebraismo di Gesù e quello del Sinedrio, un distacco che la cultura cristiano cattolica non ha mai spiegato, mostrandoci un Cristo già nato “cristiano”, mostrando distanze inesistenti fra Cristo e l’ebraismo. 
    È evidente nella narrazione il rispetto delle fonti storiche e dei Vangeli. L’autore non entra mai nel merito di fatti da essi descritti. Accenna, qualche volta, ma senza creare contrasti, ad alcune parabole come fossero i prodromi di una maturazione a venire. 
    Nazareth era una villaggio di qualche centinaio di abitanti, Zippori e la stessa Tiberiade (Rakkat) erano poco più popolose. Gesù avrebbe dovuto essere amico sin dall’infanzia degli apostoli.  
    Ebbene, leggendo i Vangeli, appare solo rispetto e venerazione, non c’è traccia di amore amicale, quell’amore che lega chi è cresciuto insieme. Perché? Perché Gesù, ci spiega il romanzo, semplicemente non era più lì, si era allontanato da quei luoghi all’età di tredici anni, aveva viaggiato col mercante, da mercante, formandosi, conoscendo genti e culture differenti, per far ritorno nella sua Galilea a trent’anni, già formato e pronto al sacrificio. Ma il romanzo fa di più: ci svela un mondo antico ma sempre attuale nel quale la cultura, le religioni, la filosofia, le lingue, la scienza si muovono insieme alle merci. Il commercio come vero motore dell’umanità e unico mezzo di diffusione del pensiero e della tecnica, almeno fino all’invenzione della stampa. 
    Nietzsche, col suo Zarathustra, cercava il Superuomo come contrapposizione a “l’ultimo uomo”, “l’uomo mercante”. Il Superuomo ce l’aveva sotto il naso, era il disprezzato mercante senza il quale dubito avrebbe mai sentito parlare, dalla lontana Germania, o da Rapallo, di Zarathustra. 
    Il linguaggio è veloce, moderno, come si addice a un mercante, la narrazione è filmografica e appassionante. Il lettore entra facilmente in empatia coi personaggi e non mancano momenti di commozione. Dato il tema trattato e la dinamica del racconto, il romanzo è destinato a un pubblico vasto, dagli amanti del genere storico (e della storia) a lettori di libri d’avventura e di viaggio, perché è un vero romanzo on the road
    Show book
  • Il mercante di Dio - cover

    Il mercante di Dio

    Sal Costa

    • 0
    • 0
    • 0
    Il mercante di Dio, racconta i diciassette anni perduti della vita di Gesù cristo, anni che non compaiono in nessun vangelo (canonico o apocrifo) né deducibili da alcuna fonte storica. È un romanzo di viaggi, avventure, amicizia, amore paterno e un qualche modo filiale. Come in un quadro di Lautrec, il centro della scena è spostato ai margini per lasciar campo al protagonista, il mercante Salomon, la voce narrante.La narrazione è storicamente attendibile e ricostruisce con dovizia di particolari il mondo ebraico dal quale scaturì la vita e il pensiero di Gesù e in siffatta maniera ci svela il vero, o i veri motivi a contendere fra l’ebraismo di Gesù e quello del Sinedrio, un distacco che la cultura cristiano cattolica non ha mai spiegato, mostrandoci un Cristo già nato “cristiano”, mostrando distanze inesistenti fra Cristo e l’ebraismo.È evidente nella narrazione il rispetto delle fonti storiche e dei Vangeli. L’autore non entra mai nel merito di fatti da essi descritti. Accenna, qualche volta, ma senza creare contrasti, ad alcune parabole come fossero i prodromi di una maturazione a venire.Nazareth era una villaggio di qualche centinaio di abitanti, Zippori e la stessa Tiberiade (Rakkat) erano poco più popolose. Gesù avrebbe dovuto essere amico sin dall’infanzia degli apostoli. Ebbene, leggendo i Vangeli, appare solo rispetto e venerazione, non c’è traccia di amore amicale, quell’amore che lega chi è cresciuto insieme. Perché? Perché Gesù, ci spiega il romanzo, semplicemente non era più lì, si era allontanato da quei luoghi all’età di tredici anni, aveva viaggiato col mercante, da mercante, formandosi, conoscendo genti e culture differenti, per far ritorno nella sua Galilea a trent’anni, già formato e pronto al sacrificio. Ma il romanzo fa di più: ci svela un mondo antico ma sempre attuale nel quale la cultura, le religioni, la filosofia, le lingue, la scienza si muovono insieme alle merci. Il commercio come vero motore dell’umanità e unico mezzo di diffusione del pensiero e della tecnica, almeno fino all’invenzione della stampa.Nietzsche, col suo Zarathustra, cercava il Superuomo come contrapposizione a “l’ultimo uomo”, “l’uomo mercante”. Il Superuomo ce l’aveva sotto il naso, era il disprezzato mercante senza il quale dubito avrebbe mai sentito parlare, dalla lontana Germania, o da Rapallo, di Zarathustra.Il linguaggio è veloce, moderno, come si addice a un mercante, la narrazione è filmografica e appassionante. Il lettore entra facilmente in empatia coi personaggi e non mancano momenti di commozione. Dato il tema trattato e la dinamica del racconto, il romanzo è destinato a un pubblico vasto, dagli amanti del genere storico (e della storia) a lettori di libri d’avventura e di viaggio, perché è un vero romanzo on the road
    Show book
  • La storia della Colonna Infame - cover

    La storia della Colonna Infame

    Alessandro Manzoni

    • 1
    • 5
    • 0
    Inizialmente progettato da Manzoni come parte del quinto capitolo del quarto tomo dell’opera “Fermo e Lucia” (prima redazione de “I promessi sposi”), venne in realtà pubblicato nel 1840 come saggio autonomo.
    La vicenda si svolge nel 1630 a Milano durante durante il periodo della peste. Narra della condanna di due uomini additati come untori e accusati da una donna, Caterina Rosa, della diffusione della peste tramite sconosciute sostanze.
    L’intento dell’autore è di mettere a tema il rapporto tra la responsabilità del singolo individuo con le convinzioni popolari.
    Show book