Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Enrico Dandolo - La spietata logica del mercato - cover

Enrico Dandolo - La spietata logica del mercato

Maria Carolina Campone

Publisher: Graphe.it edizioni

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Enrico Dandolo (1107-1205) fu l’artefice del «dirottamento» da Gerusalemme a Bisanzio della quarta crociata (1202-1204) che portò alla definitiva caduta di Costantinopoli. Personaggio controverso e discusso, in età avanzata e con salute malferma giunse a ricoprire la carica di doge veneziano incarnando non solo il ruolo di abile stratega e diplomatico, ma rappresentando, altresì, anche un prototipo di riscatto moderno in una temperie di pieno Medioevo, in cui la caducità del fisico denotava scadimento morale con conseguente emarginazione sociale. 
L’attualità di Dandolo, per la contemporaneità odierna, è piuttosto inverata dall’opposizione crescente, nel corso del Medioevo, fra Occidente e Oriente che si esplicita nella diaspora cruenta e vessata da conflitti economici tra Venezia, signora del ponente Mediterraneo, e Bisanzio, egemone centro dello specchio d’acqua del bacino di levante. 
La vicenda di Dandolo e la conseguente caduta di Costantinopoli, pertanto, si compenetrano e si esplicitano nel quadro dei secolari rapporti tra Oriente e Occidente; rapporti condizionati da una magnetica e reciproca attrazione, a cui, quasi da contrappasso, si è affiancato un lento e inesorabile processo di separazione e mutua incomprensione.

Other books that might interest you

  • Maneggiare assoluti - Immanuel Kant Primo Levi e altri maestri - cover

    Maneggiare assoluti - Immanuel...

    Luciano Dottarelli

    • 0
    • 0
    • 0
    La filosofia, anche quella più incline a farsi coinvolgere nell’impresa di estinguere la sete dell’assoluto, contiene in sé, nella propria vocazione alla ricerca di una comune verità mediante il dialogo, un antidoto indispensabile al rischio (auto)distruttivo che può annidarsi in ogni tentativo umano, tanto umano di cogliere la totalità, l’infinito, Dio. Anche le grandi tradizioni religiose, quelle che da secoli sono impegnate a tracciare sentieri, trovare parole, celebrare liturgie per saziare la fame di assoluto che agita il cuore e la mente degli uomini, non possono fare a meno di intessere un intenso dialogo con questa tradizione di ricerca, soprattutto nei momenti cruciali, quando diventa urgente addomesticare i dèmoni (fanatismo, intolleranza, totalitarismo) che una frequentazione inadeguata del sacro può evocare. La consapevolezza che anche la filosofia non possa dichiararsi storicamente innocente non cancella ma spinge a ritrovare sempre di nuovo la vocazione più profonda di quest’originale forma di esercizio spirituale: una ricerca appassionata del bene e della verità, capace di resistere alla suggestione del possesso compiuto e di mantenersi in quella apertura alla possibilità dell’errore che è presidio di autentica libertà per sé e per gli altri. Nel cammino per apprendere quest’arte di maneggiare gli assoluti, diventa allora importante scegliere con cura i propri maestri, frequentare l’orto che hanno seminato, imparare a usare gli arnesi che hanno adoperato, per diventare capaci di costruirne di nuovi, quelli che si rendessero necessari per coltivare il campo della propria personale esperienza di vita.
    Show book
  • Confilosofare in città - Un gioco serio tra arte e silenzio - cover

    Confilosofare in città - Un...

    Mario De Pasquale

    • 0
    • 0
    • 0
    I ritmi veloci della vita contemporanea ci privano spesso degli spazi necessari per la riflessione: nel confilosofare, nella discussione comune, si ridefiniscono le proprie coordinate identitarie mettendo in discussione le certezze acquisite; non c’è, infatti, convinzione che non possa essere scalfita né significato che non ne celi altri.  
    Mettendo in circolo le proprie esperienze e utilizzando stimoli ed emozioni che provengono dall’arte, dal gioco filosofico e dal silenzio, si attiva il nostro sguardo critico sulle cose e s’intraprende un viaggio capace di renderci migliori.  
    Un invito a viaggiare nella filosofia e per la filosofia dialogando con Ricœur, Jankélévitch, Bauman, Bodei, Gadamer, Marramao, Vattimo, Bruner, Tozzi, Lasch e molti altri.
    Show book
  • Virus virale - Responsabilità sociale della comunicazione e dell’informazione - cover

    Virus virale - Responsabilità...

    Federico De Rossi

    • 0
    • 0
    • 0
    In un mare di notizie ambigue, troppo spesso reiterate con l’intento di scuotere l’opinione pubblica, più che di trasmettere l’intrinseca essenza del sapere, la Casa Editrice Scientifica Sorbello è lieta di proporre ai suoi lettori questo testo che giunge come uno strumento socio-culturale, fondamentale per orientarsi tra paure, dubbi e timori oggettivamente presenti e amplificati quando un’intera nazione viene coinvolta e sottoposta ad un regime di pandemia. 
    Un libro che, come si evince dal titolo stesso, affronta le ripercussioni del Covid-19, non solo da un punto di vista tecnico-scientifico, ma, in modo particolare, nel suo riscontro psico-sociale.
    Show book
  • Gli Hobbit visti da Tolkien - cover

    Gli Hobbit visti da Tolkien

    Ives Coassolo

    • 0
    • 0
    • 0
    Gli Hobbit sono il grande dono che Tolkien ha fatto alla letteratura mondiale. Essi provengono direttamente dalla fantasia di Tolkien, e neanche lui saprebbe spiegare da dove siano nati.
    Li ha ricevuti in dono un giorno d’estate di quasi ottant’anni fa e questo dono è stato rimesso in circolo dallo scrittore inglese per la gioia dei lettori sparsi per il mondo.
    Diceva Borges che la letteratura è uno dei nomi della felicità, e aveva ragione: gli Hobbit rappresentano senz’altro il culmine di questa felicità.
    Show book
  • La Vecchia dei camini - Vita pubblica e segreta della Befana - cover

    La Vecchia dei camini - Vita...

    Carlo Lapucci

    • 0
    • 0
    • 0
    Chi è la Befana? Tutti sapremmo rispondere a questa domanda, ma nel farlo ci renderemmo conto di quanto la questione sia in realtà complessa. Carlo Lapucci si fa carico di dare tutte le spiegazioni: da dove arriva questa figura tradizionale, composta di tratti pagani e cristiani, mescolata con il culto dei defunti e la celebrazione delle stagioni, espressione di figure bibliche come di forze simboliche ancestrali? Quali sono, nelle varie versioni della leggenda, le sue caratteristiche, le sue abitudini, com’è fatta la sua casa, chi sono i suoi aiutanti? Con attenzione antropologica ma andamento leggero, questo piccolo saggio esamina e racconta ogni segreto sulla Vecchia dei camini.
    Show book
  • I Maya e il 2012 - cover

    I Maya e il 2012

    Sabrina Mugnos

    • 0
    • 0
    • 0
    Una nuova edizione, aggiornata, per uno dei testi più ricercati e apprezzati della recente produzione di Macro Edizioni.  
    Un popolo ricco di fascino e una data molto vicina ai giorni nostri. Cosa li accomuna? Una presunta e temibile profezia attorno alla quale si è scatenato un vero e proprio caos mediatico.  
    Geochimica, astrobiologa e studiosa di civiltà antiche, Sabrina Mugnos offre al lettore tutti gli strumenti per capire cosa ci sia di vero in tutto questo. Rigore scientifico, stile divulgativo e approccio multidisciplinare per indagare il più avvincente dei misteri.  
    Questa nuova edizione contiene importanti integrazioni e aggiornamenti, con un focus particolare sul rapporto tra il calendario Maya e quello gregoriano e sul campo magnetico terrestre. 
     
    I Maya e il 2012, di Sabrina Mugnos, rappresenta una risposta scientifica al caos mediatico che si è creato attorno a questa data.  
    L’autrice, geochimica, astrobiologa e studiosa di civiltà antiche, parte dalle domande più semplici: cosa c’è di vero in tutto questo? Quali sono i fatti concreti intorno ai quali è stata costruita la scadenza del 2012? L’umanità e il nostro pianeta sono realmente esposti a fenomeni naturali che potrebbero scatenare dei cataclismi? Se sì, quali? E questi drammatici eventi possono davvero essere stati predetti dai Maya? 
    Un saggio di grande valore (accompagnato da un ricco reparto fotografico e di illustrazioni) ma anche un diario e una profonda riflessione sulle civiltà antiche e su quella attuale. Un imperdibile viaggio attraverso migliaia di anni di evoluzione della nostra umanità.
    Show book