Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Una piccola utopia - Per farla finita con il capitalismo regolamentato - cover

Una piccola utopia - Per farla finita con il capitalismo regolamentato

Marco Galleri

Publisher: 01 05 5277717 Diogene Multimedia

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Il volume studia le cause economiche e politiche della attuale crisi globale e propone scenari "utopici" per "farla finita con il capitalismo deregolamentato".

Other books that might interest you

  • Fare cultura oggi - Ripartire dalla società civile e dalla sussidiarietà - cover

    Fare cultura oggi - Ripartire...

    Everardo Minardi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il ruolo della economia civile nella costruzione di risposte adeguate alle domande di cultura, anche integrative rispetto al ruolo delle istituzioni pubbliche e delle aziende profit, costituisce il centro del nostro interesse e quindi delle proposte che potremo delineare in questo contesto ai fini di un confronto non sterile, ma orientato a sviluppare una progettualità innovativa proprio in campo culturale.
    Show book
  • Mein Kampf la mia battaglia - Parte I - cover

    Mein Kampf la mia battaglia -...

    Adolf Hitler

    • 0
    • 0
    • 0
    Scritto da Adolf Hitler in prigione nel 1924 dopo il fallito putsch di Monaco, il Mein Kampf diventa già negli anni trenta la bibbia dell'ideologia nazista. Anche Rudolf Hess, il delfino di Hitler che era in carcere con il futuro Fuhrer, partecipa attivamente alla stesura del saggio. All'interno del Mein Kampf ritroviamo tutte le deliranti idee di Adolf Hitler sulla razza, sulla storia e sulla politica e, naturalmente, anche tutti gli attacchi al popolo ebraico che nel corso degli anni successivi porteranno all'immane tragedia dell'Olocausto.In questa prima parte, pubblicata originariamente nel 1925, Adolf Hitler racconta la sua vita: l'infanzia e gli anni della formazione, il periodo a Vienna e poi a Monaco, la Prima Guerra Mondiale, il durissimo dopoguerra e l'inizio dell'attività politica con i primordi del partito nazionalsocialista dei lavoratori.
    Show book
  • Venexit - cover

    Venexit

    Giuliano Zulin, Matteon Mio

    • 0
    • 0
    • 0
    Venexit è un neologismo di Libertà, un desiderio di Autodeterminazione, una richiesta di democrazia da parte del Veneto al pari della Brexit per il popolo inglese. Questo saggio vuole far conoscere ai lettori le idee di molti Veneti più o meno illustri e dell’indipendentista 
    Vittorio Feltri.
    Show book
  • Una piccola utopia - Per farla finita con il capitalismo regolamentato - cover

    Una piccola utopia - Per farla...

    Marco Galleri

    • 0
    • 0
    • 0
    Il volume studia le cause economiche e politiche della attuale crisi globale e propone scenari "utopici" per "farla finita con il capitalismo deregolamentato".
    Show book
  • Tecnoschiavi - Controllo totalitario: comprenderne il meccanismo per restare liberi - cover

    Tecnoschiavi - Controllo...

    Marco Della Luna

    • 0
    • 0
    • 0
    Essa sta procedendo lungo cinque esigenze primarie: 
     
    concentrazione e privatizzazione della sovranità monetaria con indebitamento inestinguibile, quindi sottomissione della società alle oligarchie finanziarie sovranazionali; 
     
    trasformazione culturale e morale delle popolazioni mediante la dissoluzione delle figure e dei valori di riferimento antropologici e biologici; 
     
    migrazione e mescolamento etnico con eliminazione delle sovranità nazionali e delle identità storico- culturali; 
     
    controllo elettronico e modificazione biologica della popolazione per dichiarate esigenze di sicurezza, integrazione sociale e fiscale mediante farmaci, alimenti, droghe, vaccini; 
     
    relativizzazione e svalutazione giuridica della specie umana mediante la ibridazione/sostituzione con la macchina (cyborg, intelligenza artificiale) e con gli animali (chimere). 
    Tutto questo è sostenuto dalla elaborazione e imposizione di una ideologia e di un lessico che distorcono la realtà in atto impedendo un modello diverso: il pensiero unico e il suo linguaggio “politicamente corretto”. È quindi urgente svelare le modalità con cui la tecnocrazia finanziaria reagisce alla destabilizzazione socioeconomica ed ecologica che essa stessa ha provocato nel mondo. 
     
    Fino ad ora, anche i pensatori più critici hanno omesso di additare gli autori e gli strumenti concreti della trasformazione dell’umanità in corso. 
     
    Eppure, si conoscono gli uni e gli altri… E si conosce anche ciò che può infrangere i loro piani.
    Show book
  • Y aún lo estoy esperando  - cover

    Y aún lo estoy esperando

    Paola Donatiello

    • 0
    • 6
    • 0
    «Io non immaginavo che sarebbe desaparecido, e gli dissi: ‘certo che ti aspetterò! Tutta la vita ti aspetterei’, senza sapere che sarebbe stato così, perché il desaparecido resta tale per tutta la vita». Generazione assente, pagine bianche di progetti di vita interrotti. Poetiche del corpo spezzate con l’ingresso nei centri clandestini di detenzione tra tortura e silenzio; ‘identità persa’ dentro scatole corporee disumanizzate.Quali i meccanismi, le pratiche simboliche e le strategie del Terrore? Come esperire, eludere il trauma dell’assenza-incertezza? Data l’impossibilità di attingere a modelli interpretativi quali lutto-sepoltura, come oltrepassare il limen e giungere al momento catartico-terapeutico? Quali i percorsi e il riscatto della memoria nella ricostruzione identitaria di un tessuto sociale lacerato? E quale la strada della giustizia? Narrazione e valore della testimonianza. Chi sono i desaparecidos? «Era mio padre, mia madre, mio fratello, il mio compagno di vita, di giochi di lavoro: ‘y aun lo estoy esperando’».
    Show book