Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Una piccola utopia - Per farla finita con il capitalismo regolamentato - cover

Una piccola utopia - Per farla finita con il capitalismo regolamentato

Marco Galleri

Publisher: Diogene Multimedia

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Il volume studia le cause economiche e politiche della attuale crisi globale e propone scenari "utopici" per "farla finita con il capitalismo deregolamentato".

Other books that might interest you

  • Dizionario della filosofia greca - Termini e nozioni figure storiche e mitologiche eventi - cover

    Dizionario della filosofia greca...

    Mario Trombino

    • 0
    • 0
    • 0
    Termini e nozioni, figure storiche e mitologiche, eventi.
    Show book
  • Transevolution - L'Era della Decostruzione Umana - cover

    Transevolution - L'Era della...

    Daniel Estulin

    • 0
    • 0
    • 0
    Utilizzando un rapporto del governo del Regno Unito, Tendenze strategiche 2007-2036, Daniel Estulin crea un’immagine 3D del futuro per spiegare come i progressi scientifici e tecnologici, distruzione economica, la sovrappopolazione, conquista dello spazio e la gara per l’immortalità si scontrano in una lotta mortale tra i super ricchi e resto dell’umanità. 
     
    Senza dubbio, stiamo assistendo ad una esplosione senza precedenti nella conoscenza scientifica e abbiamo imparato di più negli ultimi 50 anni che in tutta la storia umana. Grazie alle meraviglie della scienza. 
     
    Estulin in questa nuova opera ci spiega che ora, attraverso la genetica, la robotica, le tecnologie dell’informazione e la nanotecnologia, abbiamo i mezzi per controllare la materia, l’energia e la vita stessa. Non abbiamo mai visto nulla di simile prima e questo solleva profonde domande su ciò che significa “essere umano”. 
     
    Con l’avvento della nuova scienza e della tecnologia relativa alla rivoluzione genetica, possiamo letteralmente riscrivere il nostro patrimonio genetico. Nell’arco di una generazione, siamo passati da piante geneticamente modificate ad animali geneticamente modificati. 
     
    Il passo successivo è la modifica antropologica degli esseri umani? Il libro sorprendente di un autore visionario. 
     
    Senza dubbio, quest’opera è la prima al mondo che mette insieme tutti questi elementi per creare una visione terribilmente realistica di ciò che aspetta la vita umana nel futuro. 
     
    IL LIBRO IN PILLOLE 
    IL LIBRO IN UNA FRASE: “La razza umana è in via di estinzione? Se sì, allora in favore di cos’altro? Chi è il nostro nemico? Sullo sfondo, uno sviluppo tecnologico mozzafiato, la continua voglia di cambiare se stessi, di aggiornarsi e trasformarsi in qualcosa di meglio, di superiore, di più resistente e magari immortale. Forse l’unico nostro nemico è l’inaccettabile fragilità umana”. 
     
    L’AGGETTIVO CALZANTE: realisticamente inquietante. 
     
    FOCUS SULL’AUTORE: autore visionario e lungimirante, autore del best seller mondiale Club Bilderberg. 
     
    PERCHÉ LEGGERLO: perché ci racconta ciò che ci aspetta in futuro e il futuro riguarda ognuno di noi. 
     
    COMPAGNO DI LETTURA: Il Club Bilderberg, Daniel Estulin.
    Show book
  • Il ghetto e i luoghi ebraici - cover

    Il ghetto e i luoghi ebraici

    Mario Jona

    • 0
    • 0
    • 0
    Il volume è un testo per tutti, per amanti della storia e turisti, per studiosi della cultura ebraica e per i cittadini padovani
    Show book
  • Educazioni Narranti - La voce la musica l'arte la scienza e la letteratura si fondono nelle storie dell'uomo - cover

    Educazioni Narranti - La voce la...

    Maurizio Spaccazocchi

    • 0
    • 0
    • 0
    La voce a Scuola è ancora prevalentemente in-segnata, non è umanizzata come dovrebbe essere grazie a una voc-azione narrante. Una voce che narra è il mezzo migliore per dar vita a Educazioni Narranti che, più di altre formule didattiche, dovrebbero ridare alla Scuola il proprio potenziale cognitivo-formativo. La trasmissione della sapienza (dal latino sàpere che ci porta al sapore come esperienza sensibile) e della conoscenza (dal latino cum-gnòscere che ci porta all'azione dell' intelletto) nella storia dell'umanità è passata e passa ancora attraverso le “calde” narrazioni, attraverso la voce narrante che può finalmente ridare senso al suo vero ruolo educativo, senza trascurare il fatto che, oggi, la narrazione educativa può arricchirsi grazie al grande contributo multilinguistico e tecnico-digitale, rapportandosi sia in veste logico-convergente sia in quella creativo-divergente. 
    Educazioni narranti offre agli educatori e agli studenti i mezzi e la forza attrattiva degli intrecci narrativi, nei quali la musica, il canto, l'arte, la scienza, la letteratura, la politica, la tecnologia audio-visiva, ecc., combinate alle tante storie dell'uomo, scorrono grazie alla voc-azione narrante che, ancora oggi, dovrebbe riaffermare con vigore espressivo-emotivo di essere il mezzo prioritario per una più reale e più umana didattica multidisciplinare.
    Show book
  • L’antistoria nell’area del Medio Biferno - Ricostruzioni di cornici per le inquadrature di storia molisana - cover

    L’antistoria nell’area del Medio...

    Francesco Bozza

    • 0
    • 0
    • 0
    “L’antistoria nell’area del medio Biferno”, oltre alle ‘ricostruzioni’ delle situazioni geografiche, insediamentali e fisiche di un territorio, l’area del medio Biferno, il fiume ‘molisano’ per antonomasia, propone, dopo averli scrostati dal pregiudizio storiografico che li ha da sempre avvolti, le ambientazioni generali, all’interno delle quali, nei cambiamenti dettati dal continuo divenire umano, sono andate a collocarsi sia le situazioni e sia le inquadrature della storia molisana, che man mano sono ri-emerse ed alle quali, nel futuro, si dovrà fare riferimento da chi con serietà vorrà fare ricerca storica. 
    Quadri nuovi, se si considerano i temi venuti fuori: le influenze di lunghissimo periodo delle persistenze della grecità; la tipologia del ‘monachesimo’, eremitico e cenobitico, di matrice ‘basiliana’ rispetto ad una tradizione monastica del ‘pan-benedettino’; gli adattamenti alle convivenze con le altre culture (come quelle di arabi e di ebrei); i condizionamenti degli ordini crociato-cavallereschi; gli sviluppi in ambito locale delle radicali contrapposizioni politiche; le presenze della ‘contestazione’ eretica ai margini delle situazioni umane; la presenza delle ‘riforme’ prima della riaffermazione della ‘contro-riforma’. 
    Ed, a tutti sottesi, le motivazioni e gli effetti delle ‘cancellazioni’, da sempre operate dalla forza del vincitore, delle situazioni, umane e non, prodotte da chi, più debole o solo meno fortunato, era risultato sconfitto. 
    L’autore, in pratica, si è interessato all’altra metà (o, forse, più?) della storia, quella non scritta, ‘cancellata’ e ‘dispersa’; all’antistoria, appunto.
    Show book
  • Presidente ci consenta - Otto fedelissimi raccontano la crisi del governo e del PDL - cover

    Presidente ci consenta - Otto...

    Angelo Polimeno

    • 0
    • 0
    • 0
    Un lungo viaggio dentro le cause della crisi del governo e del Pdl. Una riflessione equilibrata ma senza omissioni su errori e ritardi in economia, giustizia, politica estera, organizzazione del partito. Con tante rivelazioni importanti: sulle vere ragioni dell'estate nera dell'economia italiana e sulle fortissime pressioni dell'Europa; su manovre internazionali sospette che punterebbero a favorire una nuova tangentopoli per commissariare l'Italia; sulla clamorosa rottura tra Berlusconi e Fini, pentito di entrare nel Pdl già prima di sciogliere An, sulla nascita del Popolo della Libertà che in realtà non fu inventato da Berlusconi, sull'esclusione di esponenti importanti dal governo, sul fallimento della politica sulla giustizia, sui rapporti con il mondo cattolico, sulle pressioni della Cdu di Kohl che non credeva in Berlusconi e sosteneva Prodi per aiutarlo a rifondare la Dc in Italia. Tutto questo e molto altro nel racconto di otto esponenti di governo e del Pdl: Martino, Sacconi, Matteoli, Pecorella, Rotondi, Tajani, Scajola e Pera. Tutte personalità autorevoli, tutte molto vicine a Berlusconi e che, per la prima volta - nei colloqui con il giornalista del Tg1 Angelo Polimeno -, con lealtà verso il Premier ma senza sconti, spiegano perché il centrodestra rischia di implodere.
    Show book