The perfect plan for booklovers!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
La Globalizzazione della Nato - Guerre imperialiste e colonizzazioni armate - cover

La Globalizzazione della Nato - Guerre imperialiste e colonizzazioni armate

M. Darius Nazemroaya

Publisher: Arianna Editrice

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Originata dalla Guerra Fredda, l’esistenza della North Atlantic Treaty Organization era giustificata quale argine di difesa nei confronti di ogni minaccia sovietica nei confronti dell’Europa Occidentale. Tale ragion d’essere è da lungo tempo svanita con il collasso dell’Unione Sovietica e la fine della Guerra Fredda. Nonostante ciò la NATO ha continuato a espandersi senza sosta proprio verso Est, in direzione del suo antico nemico. La Jugoslavia in particolare ha costituito un punto di svolta per l’Alleanza Atlantica e il suo mandato. 
 
L’organizzazione ha mutato il proprio quadro strategico da difensivo in offensivo sotto il pretesto dell’umanitarismo. Proprio partendo dalla Jugoslavia la NATO ha intrapreso il proprio cammino verso la globalizzazione, andando a interessare un’area di operazioni più estesa al di fuori del continente europeo. 
 
Assurta via via sempre più a simbolo del militarismo statunitense e della diplomazia dei missili, la NATO ha agito come braccio del Pentagono ed è stata dislocata nelle zone di combattimento dove sono stati impegnati gli Stati Uniti e i loro alleati. 
 
Dov’è finito l’originario scopo difensivo per cui la NATO è stata creata ? Quali sono i progetti occulti che sottendono a questa organizzazione?

Other books that might interest you

  • Impara il Bengalese - Velocemente Facilmente Efficiente - 2000 Vocaboli Chiave - cover

    Impara il Bengalese -...

    Pinhok Languages

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo libro contiene un elenco di 2.000 vocaboli, tra parole e frasi comuni, ordinati in base alla frequenza di utilizzo nelle conversazioni quotidiane. In base alla legge 80/20, con questo vocabolario impari prima le parole e le strutture delle frasi principali così da poter compiere progressi rapidamente e rimanere motivato.
     
    A chi è rivolto questo libro?Questo libro è rivolto agli studenti di bengalese principianti e di livello intermedio che sono fortemente motivati e disposti a dedicare all'apprendimento 15-20 minuti al giorno. La struttura di questo vocabolario è semplice: sono state eliminate tutte le cose inutili in modo da permetterti di concentrarti esclusivamente sulle parti che ti consentono di compiere i progressi maggiori nel minor tempo possibile. Se sei disposto a dedicare all'apprendimento 20 minuti ogni giorno, questo libro rappresenterà il miglior investimento che tu possa fare quale studente principiante o di livello intermedio. Ti sorprenderai della velocità a cui progredirai con qualche settimana di esercizio quotidiano.
     
    A chi non è rivolto questo libro?Se sei uno studente di bengalese di livello avanzato, questo libro non è adatto a te. In questo caso visita il sito Web o cerca il vocabolario bengalese che contiene più parole ed è suddiviso in argomenti, uno strumento ideale per gli studenti di livello avanzato che desiderano migliorare la lingua in determinati campi.Inoltre, se stai cercando un manuale di lingua bengalese completo che ti guidi attraverso le varie fasi di apprendimento della lingua, questo libro non è sicuramente adatto a te. Questo libro contiene esclusivamente vocaboli. Gli studenti che desiderano imparare la grammatica e la pronuncia dovranno trovare altre risorse o frequentare corsi di lingua. Questo libro consente di apprendere rapidamente i vocaboli fondamentali. Non contiene le informazioni che molte persone si aspetterebbero da un libro per l'apprendimento tradizionale della lingua. Considera questo aspetto prima di acquistarlo.
     
    Come utilizzare questo libroPer ottenere i risultati migliori, ti consigliamo di consultare questo libro quotidianamente. Studia un numero prefissato di pagine ogni giorno. Questo libro è suddiviso in sezioni di 50 vocaboli ciascuna per permetterti di progredire gradualmente. Supponiamo, ad esempio, che attualmente stia ripassando i vocaboli da 101 a 200. Solo se conosci bene i vocaboli da 101 a 150, puoi iniziare a imparare i vocaboli da 201 a 250. Il giorno successivo salta i vocaboli da 101 a 150 e continua a ripassare i vocaboli da 151 a 250. In questo modo leggerai gradualmente l'intero libro e migliorerai le tue conoscenze linguistiche con ogni pagina che imparerai bene.
    Show book
  • Opera Omnia - cover

    Opera Omnia

    Emmanuel

    • 0
    • 0
    • 0
    Emmanuel, entità spirituale, si è avvalso della scrittura ispirata di Cristina per scrivere questo libro.Cristina Sanbres è nata a Venezia nel 1952. Fin da bambina ha avuto contatti con il mondo extrasensibile e con guide spirituali. Ha sempre amato viaggiare e ha sviluppato ulteriormente questo suo dono grazie ad una esperienza in America, nella terra dei Nativi Americani.Da essi imparerà in seguito a mettersi in contatto con gli sciamani spirituali, portatori della Nuova Energia.Una volta tornata in Italia, ha voluto approfondire e mettere in atto quello che aveva imparato viaggiando. Si è dedicata allo studio di terapie alternative, quali aromoterapia e cristalloterapia, terapie Essene ed Angeliche. Dopo qualche anno, Emmanuel si è rivelato a lei e le ha chiesto di scrivere libri e meditazioni sotto sua dettatura al fine di poter aiutare chi, come lei, è allaricerca di un modo migliore di essere e di vivere.Attualmente vive a Milano con la famiglia.
    Show book
  • ELISIUM La dimora degli antenati - I nomi del gruppo famiglia - Volume 1 - cover

    ELISIUM La dimora degli antenati...

    ELISA POLI

    • 0
    • 0
    • 0
    La collana tratta il tema del “Genosociogramma” analisi generazionale, il cui significato è chiuso in tre aspetti: Geno- che riguarda la genealogia della propria storia familiare, SOCIO- che riguarda l’aspetto sociale, culturale, temporale cui va ricondotta la propria storia e origine familiare, e in ultimo GRAMMA- e riguarda una rappresentazione grafica della famiglia che è un altro insieme dell’albero genealogico. Quindi il “Genosociogramma”, permette una rappresentazione sociometrica affettiva con specifiche caratteristiche: nomi, cognomi, luoghi, date, riferimenti, legami e principali avvenimenti della vita, come nascite, matrimoni, decessi, malattie, traslochi, occupazioni, trasferimenti. Questi temi saranno trattati nella collana voce per voce, dando degli spunti di riflessione al lettore, che può essere interessato a riunire la propria storia familiare.I temi trattati riguardano studi nell’ambito psicoanalitico, brani tratti da testi che introducono la tematica che viene trattata nello specifico volume, tenendo presente la voce a cui fa riferimento.
    Show book
  • Le parole per crescere tuo figlio - Il futuro di chi ami è in ciò che dici adesso - cover

    Le parole per crescere tuo...

    Alessio Roberti

    • 0
    • 0
    • 0
    Trovarsi in disaccordo con altre persone è piuttosto normale e capita quasi ogni giorno. Quando i contrasti nascono in famiglia, è possibile gestirli in modo sereno ed educativo e trovare anche in questi momenti una buona occasione di crescita per te e tuo figlio. 
     
    Dal mio punto di vista di genitore ed esperto di comunicazione, l'aspetto più importante è riuscire a far capire a bambini e ragazzi che ci si può volere bene anche se qualche volta non si è d'accordo. 
     
    Quindi, una discussione tra te e il tuo partner può essere affrontata serenamente anche davanti a tuo figlio, naturalmente a patto che siate entrambi in grado di esprimere la vostra opinione senza insultare, alzare la voce o esprimere intolleranza. 
     
    Crescendo testimone di conversazioni condotte in modo civile e dignitoso, tuo figlio imparerà che il disaccordo è qualcosa di naturale e che può essere affrontato con maturità. 
     
    La differenza la farà proprio l'esempio che gli avrai trasmesso.Quindi, se vuoi dimostrare a tuo figlio che può esprimere la sua opinione senza che gli altri smettano di volergli bene, inizia a farlo tu stesso, sentendoti libero di dire quello che pensi nel rispetto delle altre persone. 
    E quando il contrasto è tra te e tuo figlio, come è meglio affrontarlo?
    Show book
  • La porta d’ingresso dell’Islam - Bosnia Erzegovina: un paese ingovernabile - cover

    La porta d’ingresso dell’Islam -...

    Jean Toschi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il 14 dicembre 2015 compiva vent’anni il Trattato di Dayton, firmato a Parigi nel 1995 alla presenza dei massimi rappresentanti delle potenze occidentali. L’accordo metteva così fine a tre anni e mezzo di feroce guerra civile in Bosnia-Erzegovina. L’amministrazione Clinton considerava un grande successo aver fermato il conflitto e creato una nazione composta di tre etnie divise in due entità: la Federazione Croata - musulmana e la Republika Srpska. Però aveva distrutto il multiculturalismo in favore del nazionalismo. Oggi la Bosnia Erzegovina è nello stesso stato d’allora, congelata dalla costituzione imposta a Dayton, in uno stato di caos contenuto e di odio. Nel corso degli anni si sono alternati Alti Commissari europei al controllo del paese, ma anche altre nazioni sono intervenute nel delicato equilibrio. La Turchia ha una forte presenza. Ricchi finanziamenti giungono da Iran e Arabia Saudita per costruire moschee e scuole islamiche. Dalle parole di diversi protagonisti della politica locale e internazionale intervistati in queste pagine esce un'imbarazzante realtà. Un importante geopolitico francese, il Generale Pierre Marie Gallois, esaminando nel 1997 la politica statunitense in Bosnia-Erzegovina, aveva commentato che era stata aperta all’Islam la porta d’Europa, un paese a tre ore e mezzo d’autostrada da Trieste.
    Show book
  • Una breve abitudine - cover

    Una breve abitudine

    Filiberto Battistin

    • 0
    • 0
    • 0
    Non basta parlare come un bambino attraverso belle immagini per aver spirito d’infanzia: i bambini sono altro, sono le persone più serie che io conosca! Non basta essere bambini per avere spirito d’infanzia, senz’altro essere bambini aiuta, soprattutto se si è bambini a cui è stato insegnato il minimo necessario, a cui è stato lasciato il maggiore spazio possibile per esprimere e questo accade, secondo me, se gli adulti che stanno intorno ai bambini sono dei buoni ascoltatori; insomma, come diceva Giorgio Gaber in una sua canzone, “non insegnate ai bambini”; ma vi sono anche dei bambini a cui piace ascoltarsi che diventano in modo prematuro schiavi delle proprie idee e incapaci di ascoltare! Trovo vi siano troppe persone fatte in questo modo, schiave dei propri pensieri e che magari intellettualmente e magari in buona fede intrappolano le parole nella rete delle loro immagini – immagini confuse, ma attraenti – ma mai, i veri bambini usano il linguaggio della seduzione, sono, invece, così profondi nelle loro inattese profondità! Capita spesso di incontrare delle persone assertive in modo da apparire uomini o donne sicuri di sé: dubito di queste persone perché penso che proprio l’insicurezza faccia la differenza tra schiavitù e la libertà. Lo schiavo è un uomo sicuro che ha già tutto predisposto dagli altri, che fa delle proprie idee un baluardo da cui non arretra; l’uomo libero, invece, è insicuro perché di volta in volta in mezzo alle sue contraddizioni vuole trovare il punto del suo vivere. Mi chiedo allora che tipo d’uomo sono io che cerco parole che scaturiscono dal silenzio...
    Show book