Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Cocincina - Il vizio di perdere duro - cover

Cocincina - Il vizio di perdere duro

Luca De Pasquale

Publisher: Filigrana

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

RACCONTI DI FUGHE E OSSESSIONI MUSICALI SENZA VIA DI SCAMPO Proprio come nel gioco d'azzardo evocato nel titolo, anche in "Cocincina" la veemenza delle parole è scandita a ritmo di puntate al rialzo, amplificate da un pesante e ruvido tappeto di citazioni hard rock (e non solo) recitate come un mantra dal protagonista, Daniele Malvestiti, mentre è intento a rischiare un piatto che non sceglierà mai di vincere contro l'unico reale avversario possibile: sé stesso. 

Perché di folli come lui è difficile trovarne.  "Solo chi ha conosciuto davvero il tradimento capisce da cosa nasce la necessità di giocare violento, giocare a perdere per far passare la notte, ammalarsi di vizi pigri per poter poi disporre di quell'uscita ripostiglio che è la dichiarazione pubblica di nuova vita". Con questa sorta di vademecum sgangherato a tinte esistenziali siamo di fronte a un tipo di narrativa difficilmente imbrigliabile nei canoni di un genere letterario specifico – sia esso un romanzo o un racconto breve – né tantomeno nella trama razionale e coerente di una storia dotata di un inizio, di uno sviluppo e di una fine catartica, o peggio ancora, retorica. 

Chi legge capirà ben presto di non avere scampo; sarà costretto a cambiare più volte strada, barcamenandosi tra sterzate repentine verso dialoghi surreali con personaggi improbabili e alle volte osceni. Non riuscirà a svoltare l'angolo senza essere catapultato in salti temporali iperbolici – per non dire anacronismi voluti – degni dei più sordidi diari intimi e impronunciabili di un impenitente non immune alle uniche malattie che l'abbiano mai afflitto: i dischi, il basso elettrico e quella ipnotica concatenazione di impulsi e vibrazioni chiamata musica. 

I 25 capitoli del libro sono racconti tra di loro slegati solo in apparenza; chiunque è chiamato infatti a maneggiarli come pezzi di un puzzle privo di una immagine definita. Essi scorrono come fotogrammi sparsi di un flusso di coscienza interrotto solo dalla vita rincorsa senza compromessi da un uomo che rifiuta di sottoporsi a qualsiasi anestesia. Un affamato di glorie mancate votato a difendere strenuamente ogni barlume di coscienza e lucidità perennemente fraintese, in un gioco votato al massacro.   

Daniele Malvestiti è sì un perdente, ma solo a patto di seguire le sue di regole, anche se in una città come Napoli che già detta le proprie e senza alcuna pietà.   Arrivato quasi ai cinquanta e privo di un'occupazione fissa, quest'uomo dall'anima sospesa, senza tempo, percorre il mondo e le sue occasionali geografie affettive con addosso l'adrenalina del rischio e il gusto della sconfitta. La sua veemente necessità di essere messo alla prova si traduce nel suo amore per l'heavy metal degli anni ottanta, nelle sue diramazioni minori e meno generaliste. I dischi di quell'epoca diventano così obiettivi di momentanea redenzione; intervalli in un percorso costellato di difficoltà pratiche; fraintendimenti relazionali, voglie spietate e condotte di sponda, in una onesta vocazione a perdere che si richiama al cinema esistenziale e invernale di Valerio Zurlini come all'estetica da loser selvaggio di un Lemmy Kilmister dalle apparenze ripulite. 

Other books that might interest you

  • Mistero in fondo al Lago - Il commissario Kluftinger al castello di Ludwig - cover

    Mistero in fondo al Lago - Il...

    Volker Klüpfel, Michael Kobr

    • 0
    • 1
    • 0
    Per il commissario Kluftinger doveva essere una tranquilla gita di famiglia sulle rive di un pittoresco laghetto di montagna. Voleva mostrare le bellezze naturali dell'Algovia
    alla nuova fidanzata, oibò, giapponese, del figlio. Insomma, tutto perfetto o quasi se non fosse stato per quel sub che giaceva in una pozza di sangue. Che ci faceva in pieno inverno, proprio lì dove le immersioni erano vietate da anni? E cos'era quel segno misterioso tracciato sulla neve? Per far venire a galla la verità, questa volta Klufti dovrà farsi largo nella nebbiosa coltre del passato.
    Show book
  • Lo spazzino 5: Tocca a te - Lo spazzino - cover

    Lo spazzino 5: Tocca a te - Lo...

    Inger Gammelgaard Madsen

    • 0
    • 0
    • 0
    Anne Larsen mostra a Roland una fotografia di Uwe Finch, i cui lineamenti gli risultano familiari. C’è qualcosa, in quei suoi occhi così ravvicinati, che gli ricorda qualcuno. Ma non può certo essere chi sembra: quell’uomo è morto anni fa nell’incendio di un hotel. Quando un’impronta digitale stabilisce che si tratta in effetti dell’uomo che lui temeva, Roland si impegna a scoprire come mai sia tornato con una nuova identità e perché si trovi ad Aarhus. La madre di Bertram trova il giubbotto di pelle in camera del figlio e vuole restituirlo al suo compagno. Ancora una volta Bertram cerca di parlarle e farle capire che è in pericolo di vita, ma lei, infuriata, rifiuta di dargli ascolto. Sostiene che Bertram sia soltanto geloso, e lo accusa di essere stato lui a uccidere la sorellina neonata. Bertram, furibondo, fuma uno spinello e si addormenta davanti alla TV. Nel suo stato mentale alterato, intuisce improvvisamente la terribile verità. Il mattino successivo, quando Bertram si risveglia dal suo stordimento, scopre che sua madre non è rientrata a casa.Lo spazzino è un romanzo thriller in sei episodi.
    Show book
  • Rapiscimi - Breve racconto erotico - LUST - cover

    Rapiscimi - Breve racconto...

    Reiner Larsen Wiese

    • 0
    • 0
    • 0
    ""Sei pronto?" Mi chiedi, in un tono di voce molto più delicato e quel sorriso che conosco bene. Ti volti e ti passi le mani sulle natiche. Non posso fare a meno di toccarmi. Ti giri di nuovo e spingi in avanti le parti basse, poi ti apri il body con gesti teatrali.  Lo tiri un po’ su lasciandomi intravvedere la tua fichetta ben depilata. Estendo la mano per toccarti, ma tu me la allontani con uno schiaffo. Sali sopra di me, ti lecchi l’indice, il medio e l’anulare, poi allunghi le dita per toccarti tra le gambe, dove ci sei tu, dove adesso ci sono anche io. Poi ti siedi." Questo racconto breve è pubblicato in collaborazione con la produttrice cinematografica svedese Erika Lust.   Il suo intento è quello di raffigurare la natura umana e la diversità attraverso storie di passione, intimità, lussuria e amore, in una fusione di trame forti ed erotismo."
    Show book
  • Conforti - cover

    Conforti

    Giovanni Verga

    • 0
    • 1
    • 0
    Quello tra Arlìa e il Manica sembrava un matrimonio felice, ma ben presto il destino si accanisce contro di loro. Troppi figli per Arlìa, troppi pochi clienti per il Manica e per la sua bottega di barbiere.Le continue malattie dei figli e la miseria alla fine convincono Arlìa a rivolgersi alla "donna dell'uovo", una specie di maga che aveva aiutato una contessa pazza di gelosia: "Sarai contenta, ma prima passerai dei guai" è il responso finale della maga. Quale sarà il destino di Arlìa?
    Show book
  • Libertà - cover

    Libertà

    Giovanni Verga

    • 0
    • 0
    • 0
    "Libertà" venne pubblicata da Verga per la prima volta il 12 marzo 1882 sulla "Domenica letteraria". Al centro del racconto di Verga i drammatici fatti di Bronte, avvenuti tra il 2 e il 5 agosto 1860 durante la spedizione dei Mille in Sicilia.La povera gente è in rivolta e a farne le spese sono i notabili del luogo, fino all'arrivo del garibaldino Nino Bixio che pone fine al massacro ribattezzato "carnevale furibondo". Bixio ripristina l'ordine istituendo un tribunale che in maniera piuttosto sommaria condanna a morte 5 rivoltosi, ponendo fine ai disordini.Verga non giudica né commenta la vicenda, si limita a raccontare i fatti dando sfogo alla sua visione pessimistica dell'umanità.
    Show book
  • Il lupo solitario - Breve racconto erotico - LUST - cover

    Il lupo solitario - Breve...

    Lisa Vild

    • 0
    • 0
    • 0
    "Nel suo abbraccio, Sofia si sente piccola e leggera come una piuma. È come se tutto il lavoro fisico e pesante lo avesse preparato per questo momento. I suoi lamenti si mescolano ai suoi, al suono delle pecore e al ronzio delle api. Sofia chiude gli occhi e inclina la testa all'indietro. Un suono di piacere totale e puro fuoriesce dalla sua bocca".Dopo essere stata scaricata una volta di troppo, Sofia ha deciso di darci un taglio. Trova online una coppia di anziani che accetta di scambiare per l'estate il loro affascinante cottage nel bosco con l'appartamento di Sofia in città. Nel cottage, con il suo orto e la splendida vista delle pecore che vagano per i campi, ha in programma di dimenticare gli uomini e ritrovare sé stessa. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare... o più che altro il vicino: un lupo solitario un po’ più grande di lei e di bell'aspetto. Quando lo vede si dimentica rapidamente del suo piano iniziale e passa il suo tempo nel cottage piena di desideri ardenti e impegnata ad architettare tentativi disperati per avvicinarsi all'uomo misterioso.
    Show book