Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Grace L'indomita - Voleva Salvare Il Suo Clan Ma Aveva Catturato L'uomo Sbagliato - cover

Grace L'indomita - Voleva Salvare Il Suo Clan Ma Aveva Catturato L'uomo Sbagliato

Jill Barnett

Publisher: Babelcube

  • 0
  • 1
  • 0

Summary

La nipote  di un capo clan delle Highland cerca di salvare la sua gente rapendo un rivale, ma acciuffa l'uomo sbagliato.

Questo classico racconto d'amore e risate di Jill Barnett è ambientato nelle Highland scozzesi, dove il clan McNish ha subito le incursioni dei loro acerrimi rivali, i McNabs, che li stanno lasciando morire di fame. Come nipote del capo clan, Grace McNish decide che è
suo dovere catturare uno di questi spregevoli McNab per chiedere un riscatto. Ma lei e la sua banda male assortita fanno l’errore di catturare l'uomo sbagliato, Colin Campbell, Conte di Argyll e Signore delle Isole, che è in viaggio in quelle terre per decidere il destino dei due clan in guerra. Per i fan di Julie Garwood e Jude Deveraux.

Other books that might interest you

  • Un carlino tre uomini e infiniti disastri - cover

    Un carlino tre uomini e infiniti...

    Tina Voß

    • 0
    • 0
    • 0
    Kay, giovane impiegata, ingenua e pasticciona, trascorre la vita insieme al suo compagno Johannes, ragazzo super inquadrato, fanatico maratoneta e vegano estremo. La sua amica Klara deve trascorrere un anno all'estero per lavoro ed è alla ricerca di una persona fidata che si occupi della sua magnifica casa, ma soprattutto del suo tanto amato, quanto capriccioso, carlino Bernd. Kay, non più felice della sua vita e tantomeno del suo soffocante e noioso rapporto, decide di piantare tutto e tutti per andare a vivere da Klara e occuparsi di Bernd. All'inizio tutto sembra andare splendidamente: può lavorare da casa a un nuovo progetto e il carlino si dimostra affettuoso e simpatico. Ma poi ogni cosa va a rotoli, soprattutto l'educazione e la gestione di Bernd. Ci penserà Ludger, un focoso e colto veterinario, a ridare il sorriso a Kay, peccato che il carlino non lo possa nemmeno vedere…
    
    Un romanzo divertente, pieno di situazioni vivaci ed esilaranti (per noi) e disastrose e imbarazzanti (per la povera Kay!) ma che racconta anche una bella storia d'amore e di riscatto.
    
    Se amate gli animali e le commedie "disastroamorose" in stile Bridget Jones non potete perdervi questo libro!
    Show book
  • Elogio della Follia - cover

    Elogio della Follia

    Erasmus Roterodamus

    • 0
    • 0
    • 0
    Tratto da: “Elogio della Follia” di Erasmo da Rotterdam, Freebook – Edizioni LibroLibero, Piazza S. Maria del Suffragio, 620135 MilanoScritta nel 1511, è una corrosiva satira allegorica sugli errori della filosofia scolastica e il malcostume ecclesiastico. Pur condividendo l’aspirazione della riforma luterana a un cristianesimo più autentico e meno dogmatico, Erasmo si oppose a una rottura con la Chiesa di Roma, auspicando un rinnovamento del mondo occidentale basato sulla forma antica e sulla morale cristiana. È il libro che preparò l’Europa a quella rivoluzione morale e religiosa che fu la Riforma protestante.
    Show book
  • I piedi sulla sabbia (romagnola) - cover

    I piedi sulla sabbia (romagnola)

    Pol Janfigores

    • 0
    • 0
    • 0
    È un inesorabile conto alla rovescia che si svolge sulla spiaggia ravennate nell’estate 2013. Giorno dopo giorno la temperatura si alza allo scorrere di corpi abbronzati in passerella, fino all’inevitabile. Il desiderio sale seguendo la malizia di un ancheggiare, la voluttà di seni morbidamente in attesa che il sole li renda decolté irresistibili. Il protagonista conta i giorni che mancano alla fine inesorabile, mentre si gode l’estate e i frutti proibiti che sa regalare, proprio come la Melato travolta da un insolito destino nell'azzurro mare d’agosto. Ma quelli erano atolli lontani, qui il sogno è coi piedi affondati sulla sabbia romagnola.
    Show book
  • Contessa di Karolystria - cover

    Contessa di Karolystria

    Antonio Ghislanzoni

    • 0
    • 0
    • 0
    Antonio Ghislanzoni, nato a Barco di Maggianico (Lecco) il 25 novembre 1824, è meglio noto come autore di numerosissimi libretti per opere liriche tra cui "Aida" e "La forza del destino" di Giuseppe Verdi. Personalità eclettica: baritono egli stesso fino al 1856, nonché ex seminarista cacciato per cattiva condotta, stimolato dalle idee di Mazzini, nel 1848 dirige a Milano diversi giornali repubblicani; a causa delle sue idee fu anche arrestato dai francesi e brevemente detenuto in Corsica. Muore a Caprino Bergamasco il 16 luglio 1893."La contessa di Karolystria" è definito dallo stesso autore "il più balzano, il più strampalato de' miei racconti", e in effetti altro non è che una storia divertente piena di colpi di scena senza pretesa di avere "messaggi" da trasmettere. La trama è presto detta: il visconte d'Aguilar -personaggio in cui potremmo scorgere lo stesso autore- si lascia coinvolgere nel turbine di avventure in cui viene trascinato per soccorrere la contessa di Karolystria e brillantemente, tra mille peripezie, riesce cavarla dai guai e ad aprirle un nuovo futuro. -- Riccardo.
    Show book
  • Un anno con la Pina - cover

    Un anno con la Pina

    Francesco Mastrandrea

    • 0
    • 0
    • 0
    Chi è la “Pina”? 
    Dice di lei la mia amica scrittrice e giornali-sta Sara Magnoli: «la Pina, reinterpretazione della ‘casalinga di Voghera’ - definizione che diede Alberto Arbasino, in un articolo sul Corriere della Sera - è una ex-mondina, una ex-operaia di fabbrica. Oggi è inebetita di fronte ai cambiamenti. È una persona anziana che vuole aderire alle innovazioni ma che ha una quotidianità radicata e che quindi guarda il nuovo con occhi smarriti.» 
    C’è una Pina “opinionista” che parla di cronaca e di politica a modo suo, una Pina “gossippara” che parla degli eventi tragici del condominio, una Pina che vive una religiosità popolare e intensa, una Pina che si incontra al mercato o all’ospedale a curarsi da malattie che hanno nomi impronunciabili. 
    Ma un po’ di Sciura Pina c’è nella Perpetua di Don Abbondio, 
    nelle sorelle Materassi di Pa- 
    lazzeschi, nell’Adalgisa di Gadda o in certe donne di Piero Chiara, con la memoria che corre a Tarsilla, Camilla e Fortunata Tettamanzi. 
    C’è una Pina tragica, incattivita, impietosa, irriverente, dissacrante, ma anche una Pina che sa far ridere, sorridere 
    e riflettere. Una Pina coraggiosa che si espone in prima persona per i valori importanti. Una Pina che ha sempre combattuto per la giustizia e gli ideali. 
    La “Sciura Pina” è un po’ quello che siamo tutti noi.
    Show book
  • Il Vangelo secondo I Simpson - Dalla birra alla Bibbia - cover

    Il Vangelo secondo I Simpson -...

    Diego Goso

    • 0
    • 0
    • 0
    Cos’hanno a che vedere i Simpson con la Chiesa e il mistero di Dio rivelatosi in Gesù Cristo? Eppure, al cospetto di questi personaggi dissacranti, volgari, geniali e provocatori, la fede e la religione, pur irrise, non escono mai perdenti.
    
    I Simpson riescono in qualche modo a restituirci un’immagine dell’amore e della fede purificati dal buonismo e dal bigottismo. In questo libro ritroviamo la praticità di Marge, l’onestà intellettuale di Lisa, l’innocenza di Maggie, la provocazione di Bart, il bigottismo di Ned Flanders e la fede di abitudine del reverendo Lovejoy.
    
    Ma soprattutto troviamo Homer, che sembra non capire molto di Dio e del catechismo, eppure è un vero prediletto del Padre Eterno perché dentro ha ancora l’amore di un bambino per la vita e per la sua famiglia.
    
    Gesù preferirebbe una serata con Homer e famiglia, piuttosto che con certi cristiani altezzosi... Azzardato? D’oh!
    Show book