What's better than reading? Reading withour limits :D
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Cosi parlò Krishnamurti - cover

Cosi parlò Krishnamurti

Jiddu Krishnamurti

Publisher: Bis Edizioni

  • 0
  • 1
  • 0

Summary

Krishnamurti parlava di come nello specchio dei rapporti (umani e con le cose) ognuno può scoprire il contenuto della propria coscienza che è comune a tutta l'umanità. 
Diceva che questo può essere fatto in modo diretto, scoprendo che la divisione tra osservatore e ciò che è osservato è in realtà dentro noi stessi. Diceva che proprio questa divisione dualistica, che impedisce la percezione diretta è alla base del conflitto e dell'infelicità dell'uomo.

Other books that might interest you

  • Odete Vidal Cardoso di Rio de Janeiro - La piccola mistica - cover

    Odete Vidal Cardoso di Rio de...

    Gaetano Passarelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Odete Vidal Cardoso (1930-1939) appartenne a una delle più ricche famiglie di Rio de Janeiro. Nessuno però la ricorda per questo: la sua tomba nella Basilica della Immacolata Concezione è costantemente ricoperta di fiori da persone di ogni ceto sociale. 
    «Ciò che più mi impressionava in quella straordinaria bambina era il suo ardente desiderio, fin da quando ebbe l’uso della ragione, di farsi santa. Per lei farsi santa significava amare infinitamente Nostro Signore, desiderio che manifestò in ogni momento della sua vita. Il Signore, secondo il Suo misterioso disegno, manifestò in questa bambina, dopo i suoi tre anni, la sua predilezione e Odetinha corrispose a quel che Dio aveva prestabilito. Chiedeva alla madre, che quotidianamente partecipava alla Santa Messa, di portarla con lei, anche se fosse di mattina presto, per potersi stringere a lei dopo che aveva ricevuto la Santa Comunione, perché diceva che in questo modo poteva abbracciare Gesù». Così ha raccontato monsignor Alfir Barreto Araújo, che ha frequentato la famiglia di Odette sin dal 1934, prima come giovane seminarista e poi come sacerdote. 
    Cosa c’era in quella bambina da renderla tanto speciale da poterla annoverare tra le piccole mistiche dei nostri tempi? 
    La biografia di Odetinha, come veniva chiamata, ne ricostruisce l’esistenza terrena, basandosi su testimonianze di quanti l’hanno conosciuta, e ci restituisce la singolare figura di bambina precoce nella fede. Infatti come nelle varie arti sono esistiti, ed esistono, i bambini precoci, i piccoli geni, così è avvenuto, e avviene, per la fede. Dimostrò nella breve vita una maturità che la portò a ripetere, sul letto di morte: «Mio Gesù, mio Amore, mia vita, mio tutto!». 
    Il card. Orani João Tempesta, arcivescovo di Rio de Janeiro, ha dichiarato che Odetinha «è un segno per rendersi conto che in ogni epoca dell’umanità e in ogni momento della nostra vita si ha l’opportunità di santificarsi».
    Show book
  • Albino Alves da Cunha e Silva di Catanduva - cover

    Albino Alves da Cunha e Silva di...

    Gaetano Passarelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Don Albino Alves da Cunha e Silva nacque il 22 settembre 1882 nella frazione di Codeçôso, Municipio di Celorico de Basto, in Portogallo. Terminati gli studi ginnasiali entrò in seminario. Mons. Manoel Baptista da Cunha, arcivescovo di Braga, lo ordinò sacerdote il 23 giugno 1905. 
    Nel 1910 scoppiata la rivoluzione in Portogallo e proclamata la Repubblica, don Albino, insieme con tanti altri sacerdoti e laici impegnati, fu perseguitato duramente, quindi condannato alla prigione e alla deportazione in Africa. Prima che si mettesse in atto la sentenza, tuttavia, con il permesso dell’arcivescovo, partì per il Brasile. 
    Mons. José Marcondes lo accolse nella nuova diocesi di São Carlos do Pinhal, nominandolo parroco di Barra Bonita, quindi il 26 aprile 1918 di Catanduva. 
    A Catanduva don Albino dispiegò tutte le sue capacità imprenditoriali raccogliendo fondi e lavorando per la costruzione della chiesa e dell’ospedale. Il 19 ottobre 1926 fondò l’Associazione di Beneficenza di Catanduva, che nel 1968 trasformò in Fondazione, per gestire la parte amministrativa. Costruì il Collegio di Nostra Signora del Calvario, un ospizio per gli anziani, il villaggio San Vincenzo, la casa del fanciullo «Sinharinha Netto», l’asilo Ortega-Giosué, il ginnasio mons. Lafayette, un santuario dedicato a Nostra Signora Aparecida e, per i Padri Dottrinari, sostenne la costruzione del seminario. Si impegnò per avere a Catanduva la Facoltà di Medicina (1969), il Collegio commerciale (1971), la Facoltà di Economia e Commercio (1972) e la Facoltà di Scienze Motorie (1973). 
    Morì il 19 settembre 1973, compianto da tutti come «padre dei poveri» e «vero fondatore» di Catanduva. 
    Don Albino fu un manager tutto proteso verso i fratelli, un sacerdote che non trascurò mai i suoi doveri pastorali. In tutta la sua vita ebbe come obiettivo: morire povero, senza debiti e senza peccati.
    Show book
  • Sulla soglia del mondo eterico - La sopravvivenza dopo la morte spiegata scientificamente - cover

    Sulla soglia del mondo eterico -...

    J. ARTHUR

    • 0
    • 0
    • 0
    Si dimostra che nel nostro mondo fisico noi percepiamo unicamente alcune graduazioni insignificanti di vibrazioni eteriche, le quali sono infinitesimali in rapporto agli altri sistemi sterminati di vibrazioni analoghe da noi ignorate e la possibilità dell’esistenza intorno al nostro mondo, di un altro mondo di sostanza, di vita, di forme”. Si deve alle più recenti scoperte della scienza intorno alla costituzione della materia, alla disintegrazione dell’atomo, alla natura vibratoria dell’universo intero, se oggigiorno siamo in grado di concepire scientificamente la possibilità dell’esistenza di sfere concentriche spirituali intorno al nostro mondo, sfere permeabili ai raggi solari, nonché invisibili ed intangibili ai nostri sensi, ma in pari tempo più sostanziali dell’universo fisico. Al qual riguardo giova ricordare come una tale possibilità, oggi concepibile ed ammissibile in teoria, non sarebbe apparsa scientificamente lecita or fa mezzo secolo, così come or fa mezzo secolo non sarebbe apparso scientificamente lecito il preconizzare l’avvento di un giorno in cui un oratore il quale parli nella città di Roma, venga simultaneamente ascoltato in ogni angolo del globo. E siccome quest’ultimo miracolo della scienza si estrinseca per opera della “sintonizzazione vibratoria” tra l’apparecchio generatore e innumerevoli apparecchi ricevitori sparsi nel mondo intero, ne deriva che tale incontestabile realtà di fatto, rende razionalmente accettabile l’altra incontestabile realtà di fatto per la quale si apprende che per opera di apparecchi ricevitori viventi, denominati mediums, nonché sintonizzati con le vibrazioni speciali a un mondo spirituale fino ad ora rimasto ignorato, stasi pervenuti a stabilire rapporti con le personalità dei defunti che ivi soggiornano. In conclusione: Se deve ammettersi che certi scetticismi intransigenti a proposito dell’esistenza di un mondo spirituale, parevano pienamente giustificati or fa mezzo secolo, odiernamente invece deve riconoscersi che non apparirebbero più ragionevoli, visto che l’ultima parola in proposito spetta oramai alle indagini sperimentali e al conseguente accumularsi delle prove, non già alle disquisizioni cattedratiche formulate in nome di presunti postulati della scienza, i quali inevitabilmente mutano e si trasformano a misura che la scienza progredisce. E l’autore del presente volume, dopo avere svolto scientificamente il tema sopra accennato, passa ad apportare il proprio contributo alle prove di fatto in dimostrazione dell’esistenza reale di un mondo spirituale col quale già da ora è possibile entrare in rapporto previa apparecchi viventi denominati medium.
    Show book
  • Vita Nuova - cover

    Vita Nuova

    Alighieri Dante

    • 0
    • 0
    • 0
    Not Yet Available
    Show book
  • I Gesuiti assomigliano a Gesù come il diavolo a Dio - cover

    I Gesuiti assomigliano a Gesù...

    luigi albano

    • 0
    • 0
    • 0
    Il presente audiolibro (narrato da Antonello Macchiaroli) è stato elaborato sulla base dell`ultima edizione dell`opera pubblicata in Firenze il 1865 dalla Tipografia Claudiana con il titolo ”Gesù e Gesuita” di Napoléon Roussel (15 novembre 1805 - 1878). 
    L`originale del libro in argomento, ha sopravvissuto sufficientemente per non essere più protetto dai diritti di copyright che sono scaduti per diventare di pubblico dominio.  
    Parte del testo è stata mantenuta in originale (sia l`ortografia che la punteggiatura così come i modi di scrivere alternativi es. Lepanto/Lèpanto chierici/cherici, e simili), rettificando senza annotazioni i minimi errori tipografici. 
    La realizzazione di questo e-book ha richiesto una lunga e complessa opera di revisione, assemblaggio, modifica ed impaginazione nonché di inserimento della copertina, di titoli, di collegamenti ipertestuali, tabelle dei contenuti ed altri elementi non presenti nell`opera originale. 
    ””....un gesuita, con la bolla Unigenitus alla mano, divenne l`arbitro della Francia e la riempì di terrore. 
     
    Vescovi fatti suoi schiavi, vegliavano al letto di morte del Gran Re e gli interdissero la riconciliazione e l`oblio; più tardi, questo frate ritornò polvere, ma il suo spirito gli sopravvisse. 
    Chi non si rammenta dei biglietti della confessione?  
    Moribondi, per non essersi associati agli odi dei Gesuiti, morirono senza ricevere i conforti della Chiesa.  
    La forza del gesuitismo è personale e isolata, relativa ne è la debolezza; i Gesuiti sono forti come ordine, deboli come difensori della Santa Romana Chiesa. 
    Simili ai Cinesi con cui hanno tanto praticato e la cui vanità pone Pechino in mezzo al globo terrestre, i Gesuiti si credono situati nel cuore e nelle viscere del cristianesimo.  
    Obliando la loro recente data si danno a credere che la religione cattolica non possa esistere senza di essi. 
    Nulla uguaglia la finezza del loro istinto individuale: ciò che riguarda l`interesse diretto, immediato dell`ordine; ciò che ha provocato, nutrito, compiuta la sua potenza è un prodigio di perseveranza e di saper fare.  
    Ma quanto la sua vista è penetrante in una direzione e corta e personale, è altrettanto debole, indecisa, allorché tenta di stabilirsi sui destini generali del cattolicesimo.  
    Questo spettacolo l`abbaglia e l`acceca.  
    Abile nel calcolare le sorti di un intrigo prolungato, ma circoscritto, il Gesuitismo è incapace di crearsi un largo orizzonte.  
    Lo spirito di questa società non può innalzarsi sino all`imparzialità.  
    Di buonissima fede ella ha sempre veduto nella sua propria conservazione il pegno più sicuro, la condizione indispensabile ed unica della durata del simbolo di Roma.  
    Preoccupata in questa egoistica idea non seppe mai liberarla da tutti i minuti interessi di convento e di confessionale: da ciò, l`ostinato rifiuto di costituirsi uno dei raggi del comune centro, la incorreggibile presunzione di essere ella stessa il centro dell`aggregazione cristiana, l`impossibilità radicale di subordinare i minimi vantaggi dell`ordine all`interesse generale della Chiesa. 
    Show book
  • La Bibbia - cover

    La Bibbia

    Anonimi

    • 0
    • 0
    • 0
    La Bibbia, il "Libro dei Libri", è una sorta di memoria scritta che costituisce uno dei principali fondamenti di tutta la nostra civiltà. L'audiolibro propone un'antologia dei brani più significativi dall'Antico e dal Nuovo Testamento
    Show book