You wouldn't limit the air you breathe. Why limit your readings?
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
My life - cover

My life

Isadora Duncan

Publisher: Castelvecchi

  • 0
  • 1
  • 0

Summary

«Le autobiografie della maggior parte delle donne celebri sono una serie di narrazioni sulla loro esistenza esteriore, piene di particolari e di aneddoti futili. Sui grandi momenti di gioia o di angoscia, esse serbano uno strano silenzio. La mia arte invece è precisamente uno sforzo per esprimere, con gesti e movimenti, la verità quale io la sento». Così scrive Isadora Duncan nelle prima pagine di questo libro, pubblicato nel 1927, quasi contemporaneamente alla tragica e spettacolare morte dell’autrice. My Life è l’autoritratto eccessivo – e dunque paradossalmente fedele – di una donna libera e visionaria, che non ha solo cambiato la storia della danza, ma esteso il proprio influsso sul mutamento delle arti nel primo Novecento, seducendo le menti e i cuori di personaggi come Rodin, d’Annunzio, Stanislavskij, Gordon Craig, Eleonora Duse. Bambina che supera gli ostacoli di un’infanzia poverissima e artista che sconvolge i teatri d’Europa, seduttrice naturale e madre non sposata, aristocratica e comunista: per Isadora Duncan lo scardinamento delle convenzioni sociali, insieme a quelle estetiche, è stata una vocazione. La sua avventura, raccontata con esuberanza quasi violenta in queste pagine, è allora tanto la testimonianza di un’epoca cruciale quanto la storia di un’inquieta ricerca dell’assoluto.

Other books that might interest you

  • Il Piacere - cover

    Il Piacere

    Gabriele D'Annunzio

    • 0
    • 0
    • 0
    Il piacere è un romanzo di Gabriele D'Annunzio, scritto nel 1888 a Francavilla al Mare e pubblicato l'anno seguente dai Fratelli Treves. A partire dal 1895 recherà il sopratitolo I romanzi della Rosa, formando un ciclo narrativo con L'innocente e Il trionfo della morte. Così come un secolo prima Le ultime lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo aveva diffuso in Italia la corrente e la sensibilità romantica, Il piacere e il suo protagonista Andrea Sperelli introducono nella cultura italiana di fine Ottocento la tendenza decadente e l'estetismo. Come affermò Benedetto Croce, con d'annunzio «risuonò nella letteratura italiana una nota, fino ad allora estranea, sensualistica, ferina, decadente». D'Annunzio inaugura un nuovo tipo di prosa psicologica e introspettiva, destinata ad avere un grande successo e che gli consentirà di indagare gli errori e le contrarietà della vita dell'«ultimo discendente d'una razza intellettuale».
    Show book
  • L'uomo cangiante - Paul Weller: The Modfather - cover

    L'uomo cangiante - Paul Weller:...

    Antonio 'Tony Face' Bacciocchi

    • 0
    • 0
    • 0
    Paul Weller, uno dei più importanti cantori dell’Inghilterra, si è scoperto mod a metà degli anni Settanta.  
    All’apice del successo ha disintegrato i Jam, ripartendo subito dopo con gli Style Council: tutt’altra musica ma uguali radici. Grazie agli Style Council ha conosciuto la gloria e l’infamia dell’oblio. È ripartito da solo, con passo incerto eppure caparbiamente ancorato alle origini, ai tempi soul, all’estetica 60’s, alla chitarra Rickenbaker. Ed è riuscito di nuovo a fare centro. Sotto i suoi occhi sono passati la rivoluzione epocale del punk e i disastri sociali causati da Margaret Thatcher, l’avvento di internet (che continua cocciutamente a detestare) e la caduta delle ideologie, la morte del vinile e una nuova concezione di fare musica. Artista arrogante, sfrontato ed eccessivo, questo libro ne ricostruisce un ritratto fedele attraverso  la sua biografia, i successi e le curiosità. L’uomo cangiante. The changing man, è il titolo di uno dei brani più significativi firmati da Paul Weller, dichiarazione d'intenti rispettata da sempre.
    Show book
  • Potere H - I disabili che hanno fatto la storia - cover

    Potere H - I disabili che hanno...

    Roberto Zucchi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il concetto ispiratore di questo libro è raccontare le vite dei disabili che hanno fatto la Storia con la maiuscola, quella che resta scolpita negli annali o nell’immaginario collettivo. Non quelli che hanno battuto record o dimostrato “di potercela fare”, ma uomini e donne che, nonostante i propri handicap, sono arrivati ai vertici assoluti nelle rispettive discipline o arti. Dalla politica allo sport, dalla musica alla fisica. Una carrellata di vite eccezionali articolata in una quarantina di ritratti: personaggi celebri - Omero o Beethoven, Roosevelt o Hawking, Ray Charles o Alex Zanardi – come pure meno noti al grande pubblico, ma per questo più sorprendenti: dal Re Pescatore custode del Graal, al rivoluzionario francese in carrozzina, ai “mezzi uomini” del cinema americano. Senza dimenticare coloro che, con il loro lavoro o il loro esempio, attraverso i secoli hanno contribuito in modo decisivo alla progressiva accettazione, integrazione e, infine, inclusione sociale dei disabili: da Braille o De L’Èpée a indimenticabili testimonial come Christopher Reeve o Muhammed Alì.
    Show book
  • Curtis Mayfield - Impressioni di Chicago - cover

    Curtis Mayfield - Impressioni di...

    Carlo Bordone

    • 0
    • 0
    • 0
    Lo chiamavano il “genio gentile”. Una definizione che, in due parole, racconta l’artista e l’uomo, entrambi tra i più grandi nella cultura afroamericana della fine del Novecento. Curtis Mayfield ha regalato infinitamente di più - alla musica, alla comunità nera americana, al mondo - di quanto il destino abbia voluto dargli in cambio. La sua lezione più commovente l’ha tenuta dal giorno del terribile incidente che lo rese tetraplegico a quello in cui partì per la terra promessa evocata così tante volte nei suoi brani. Keep on Pushing, Movin’ On Up: non solo titoli di canzoni immortali, ma una filosofia di vita a cui l’artista di Chicago si è sempre mantenuto fedele. Dagli Impressions alla carriera solistica, dalla blaxploitation alla disco music, dai sogni degli anni Sessanta alla straordinaria dignità del suo commiato: Impressioni di Chicago narra la vita di un uomo che ci ha insegnato a non arrenderci mai. Perché, prima o poi, il treno della salvezza passa per tutti. 
     
    Carlo Bordone 
    Torinese, classe 1968. Dopo aver inquadrato e messo nel cassetto una laurea in filosofia, dalla metà degli anni Novanta si divide tra il giornalismo musicale e il copywriting pubblicitario. Ha collaborato con il “Mucchio Selvaggio” e il “Mucchio Extra”. Attualmente scrive su “Il Fatto Quotidiano” e “Rumore”. È stato autore e curatore, da solo o in team, di diversi libri ad argomento musicale per le case editrici Arcana e Giunti. Ha tradotto l’autobiografia di Nick Kent, la biografia dei Sonic Youth e Our Band Could Be Your Life di Michael Azerrad. Nell’altra metà del tempo scrive pubblicità e insegna comunicazione. Tra l’una e l’altra cosa, cerca di ascoltare dei dischi.
    Show book
  • Dal Piave alla prigionia - cover

    Dal Piave alla prigionia

    Alessandro Gualtieri, Giovanni...

    • 1
    • 30
    • 0
    Quite often the public gets to know a famous person in history through the personal diaries and memories he or she left us, after leaving this world. In spite of biographies, these personal accounts, originally written for personal reference and use only, are the best way to discover the real personality of the author. Many characters of the Great War make no exception and, in the course of almost one century, a large number of diaries and similar publications have reached a bigger and bigger audience throughout the world. Nonetheless, most of these books have originated from the memories of war veterans and occasional research, while the personal diary of Settimio Damiani has a sensibly greater and most exclusive value for us.
    Show book
  • L'amore che fa Boum! - La vera storia della banda Bonnot - cover

    L'amore che fa Boum! - La vera...

    Giangilberto Monti

    • 0
    • 0
    • 0
    Siamo in Francia, c’è la democrazia, la guerra in Europa non c’è, o meglio, c’è dappertutto, ma non qui. È la Belle Epoque! Vai a prendere il caffè sulla Senna, vai a ballare al Moulin Rouge e lì ci trovi gli artisti, i ministri, bellissime donne... basta avere i soldi. E se vuoi farti quattro risate? Vai al cabaret, dove i comici prendono in giro l’imperatore. Ma se non hai soldi, se cerchi lavoro? Se sei disperato perchè non lo trovi, cosa fai? Questa storia a Parigi la conoscono tutti, è quasi una leggenda però è tutto vero… questa è la storia di Jules Bonnot: operaio, anarchico e poi bandito. Un fuorilegge.
    Show book