If you like reading, you will LOVE reading without limits!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
I diari della bicicletta - Storie di salotto e di trincea - cover

I diari della bicicletta - Storie di salotto e di trincea

Gregorio Giungi

Publisher: Gregorio Giungi

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Il romanzo, improntato a criteri di assoluto realismo, è scritto con la ben conosciuta tecnica della “circolarità”, per cui l’inizio del racconto – presentato in veste di memorie – coincide in realtà con la sua fine, che viene compiutamente delineata nelle ultime pagine. Nella prima parte esso appare come una storia familiare, per poi diventare ben più dinamico nella parte centrale. L’opera – adatta ai gusti di un lettore adulto – è importante soprattutto come testimonianza, non sempre politicamente corretta, di un periodo storico assai interessante e tragicamente intenso per l'Italia. Ma è anche l’immagine di un Mondo che si è perduto, tagliato fuori dalla Storia, e l’espressione del profondo disagio esistenziale che ne è derivato per alcuni.   
"I diari della bicicletta" raccontano la storia di Enea Milesi, cresciuto a cavallo del XIX e del XX secolo. Enea è giovane quando, dopo la morte in combattimento del fratello agli inizi della Prima Guerra Mondiale, parte per il fronte nel 1916 con spartana determinazione. Si distinguerà per il suo coraggio e la sua fortuna in quella "Grande Fiera della Carne Umana", combattuta nel caos delle trincee e della disorganizzazione militare italiana. E poi la Seconda, "subita da civile" nella paura viscerale per la propria famiglia e la propria casa.  
Le storie di salotto e di trincea mostrano la vita privata ed intima dell'uomo che, con gli amori ed i drammi familiari, si snoda attorno ed attraverso le vicende belliche, in cui condivide con i compagni "pane, sangue, pericolo e merda", nell'affresco indimenticabile di un'epoca perduta e nella toccante testimonianza di una generazione che sapeva sorridere davanti alla morte.

Other books that might interest you

  • Canti - cover

    Canti

    Giacomo Leopardi

    • 0
    • 0
    • 0
    La prima edizione dei Canti fu pubblicata a Napoli, curata dall'autore, nel 1835. Superficialmente sarebbe potuta apparire un'ennesima raccolta della tradizione classicista italiana. Nulla di nuovo infatti nel contenuto e nel linguaggio. Il pessimismo e la noia sono temi che dall'Ecclesiaste erano apparsi regolarmente nella letteratura occidentale, da quella classica fino al Werther. Le sferzate poetiche contro la decadenza politica e civile della “patria”, le cui prime attestazioni nella tradizione culturale occidentale risalgono ai profeti veterotestamentari, già in Dante e Petrarca avevano raggiunto vette altissime. Nulla di sostanzialmente nuovo neanche nella lingua poetica, la stessa oramai canonica dal Petrarca in poi: “sembiante” per viso, “luci”, “lumi” o “rai” per occhi,“garzone” per giovane, “beltà”, “augelli”, “alma”, “cor”, ecc. Ma si legga a caso un passo dei Canti, ed ecco che, come nella musica di Mozart, siamo colpiti da un tono nuovo, unico, difficilmente analizzabile. Si provi ad invertire un qualunque sintagma e la magia scompare! Mai titolo fu più pertinente. Ma non è musica fine a sé stessa. Dispiegata sulle “ali del canto”, la voce, così profondamente sincera ed umana di Giacomo Leopardi, grazie all'ineffabilità che nasce dal suo sforzo poetico, continua a toccarci l'animo e il cuore come poche altre, nella poesia italiana. (Riassunto di Sergio Baldelli)
    Show book
  • Acqua verde - La storia che volevo raccontarti - Seconda edizione - cover

    Acqua verde - La storia che...

    Salvatore Giuseppe Pomara

    • 0
    • 0
    • 0
    Era la continuazione del viaggio iniziato prima che lui nascesse. Oltre l’orizzonte, era là che era diretto.
    Show book
  • Divina Commedia - cover

    Divina Commedia

    Alighieri Dante

    • 0
    • 0
    • 0
    Se è vero, come dice Borges, che la Divina Commedia è il dono più grande che la letteratura possa offrire a ciascun lettore, è altrettanto vero che l'ascolto di una interpretazione ad alta voce di questo capolavoro può trasformarsi in una esperienza unica, un'occasione preziosa per scoprire emozioni e sentimenti racchiusi in un capolavoro che è ormai al di fuori di qualsiasi epoca.L'endecasillabo dantesco non è fatto per restarsene silenzioso fra le pagine, ma per vibrare sonoro e potente, facendo risuonare le voci dei dannati dell'Inferno, dei penitenti del Purgatorio, delle anime beate del Paradiso, dando vita a quello che non è soltanto viaggio nell'aldilà, ma un autentico percorso nell'animo umano.
    Show book
  • Ritratti di donne ed altro ancora - cover

    Ritratti di donne ed altro ancora

    Francesco Bozza

    • 0
    • 1
    • 0
    La raccolta vuole presentarsi come un ‘diario’, di cui ogni capitolo e ogni ritratto di donna, affatto privo di ispirazione, rappresenta un ‘problema’ del momento esistenziale e, insieme ad esso del tema del quale ci si prefiggeva la introspezione ‘noumenica’ della lettura delle dinamiche fenomenologiche, anche quelle più recondite, dei diversi aspetti dell’anima.
    Show book
  • Mettiteve scuorno - Poesie - cover

    Mettiteve scuorno - Poesie

    Raffaele Pisani

    • 0
    • 0
    • 0
    Poesia in dialetto napoletano
    Show book
  • La locandiera - cover

    La locandiera

    Carlo Goldoni

    • 0
    • 24
    • 0
    Scritta nel 1751 l’opera racconta le vicende di Mirandolina che gestisce la locanda lasciatale dal padre. Con l’aiuto del suo cameriere Fabrizio si destreggia furbamente tra i corteggiamenti  dei suoi clienti più affezionati il marchese di Forlipopoli ed il conte d’Albafiorita.
    Show book