Reading without limits, the perfect plan for #stayhome
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Prove di Drammaturgia n 1 2008 - Rivista di inchieste teatrali - cover

Prove di Drammaturgia n 1 2008 - Rivista di inchieste teatrali

Gerardo Guccini

Publisher: Titivillus

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

L’informazione alla quale il teatro si sta rapportando con crescente dispiegamento di energie inventive e di mobilitazione progettuale, non è di natura scenica. I teatranti, infatti, in questo periodo di traumatici e imprevedibili mutamenti storici, hanno moltiplicato le possibilità di relazione con diversificate realtà del mondo contemporaneo, prospettando esigenze conoscitive analoghe a quelle delle inchieste giornalistiche sulle vicende e i lati oscuri della cronaca e della storia recente.  
In Inghilterra tale esigenza conoscitiva ha generato le pratiche del Verbatim Theatre, basate su sintesi di atti processuali oppure su interviste direttamente svolte da nutriti ensembles di attori che alternano le modalità del dialogo drammatico e quelle della recitazione epica. Diversamente, in Italia, le funzioni informative del teatro sono state inizialmente evidenziate dal “teatro di narrazione”, che ha riattivato qualche funzione arcaica del performer solista.  
Oggi dopo tanti anni di divorzio, pare invece che teatro e giornalismo possano ritrovarsi. Sempre più spesso, infatti, gli uomini di teatro suscitano nel pubblico prese di posizione e inopinate percezioni di realtà, adottando sistemi di ricerca e indagine strettamente analoghi a quelli del dossier giornalistico, mentre, d’altra parte, i giornalisti tendono a rappresentare con criteri drammaturgici le situazioni della realtà. Riccardo Iacona, ad esempio, parlando di “televisione aperta”, spiega che, per il giornalista televisivo, è importantissimo rappresentare il prima e il poi delle persone intervistate perché quest’articolazione narrativa fa di loro dei “personaggi”, suscitando nello spettatore un rapporto empatico che veicola una conoscenza più profonda e partecipata degli argomenti.

Other books that might interest you

  • La democrazia e la legge ferrea dell’oligarchia Saggi sulla classe politica - cover

    La democrazia e la legge ferrea...

    Roberto Michels, James Bryce

    • 0
    • 0
    • 0
    “La formazione di regimi oligarchici nel seno dei regimi democratici moderni è organica. In altri termini, essa è da considerarsi quale tendenza, alla quale deve soggiacere ogni organizzazione, persino la socialistica, persino la libertaria. […] Se vi è una legge sociologica, a cui sottostanno i partiti politici – e prendiamo qui la parola politica nel suo senso più lato – questa legge, ridotta alla sua formula più concisa, non può suonare che all'incirca così: 'L'organizzazione è la madre della signoria degli eletti sugli elettori'. […] Forse, se non trova la guarigione, la malattia oligarchica trova pure un certo sollievo nel principio stesso della democrazia, che si adopera costantemente a rendere accessibili le fonti della cultura a masse di popolo sempre più estese. Gli è che un maggior grado di cultura significa un maggiore grado di capacità di controllare. A guidare delle masse colte non si hanno le mani così libere, come a guidare delle masse incolte.” (Roberto Michels)I saggi qui presentati ai lettori – e la successiva bibliografia – vogliono fornire in un breve panorama di insieme alcune delle ragioni del perdurare dell'“attualità” e del valore argomentativo delle analisi di Michels sui limiti e contraddizioni della (plurìvoca) democrazia, sui processi involutivi oligarchici interni alle organizzazioni sociali e politiche – partititi, movimenti, sindacati, o altre forme associative strutturate –, con uno sguardo anche alla sua particolare declinazione “della grandiosa teoria detta della circolazione delle élites”. Il volume contiene anche, in lingua originale, alcuni scritti – sulla democrazia, i partiti e le oligarchie – di James Bryce, oggi per lo più confinato nelle biblioteche degli storici.
    Show book
  • E Dio creò la Mente - Alla scoperta delle nostre origini prima del Big Bang - cover

    E Dio creò la Mente - Alla...

    Fiorella Rustici

    • 0
    • 0
    • 0
    Uno straordinario viaggio alla scoperta delle nostre origini, al momento in cui, da uno stato di assenza di energia, vennero alla luce la Prima Mente Universale, il primo Buco Nero e poi il Big Bang, da cui nacque la Seconda Mente. 
     
    Grazie alle sue intense ricerche, all’esperienza di illuminazione vissuta e all’applicazione di una particolare tecnica d’indagine interiore che la porta a vivere uno stato di coscienza primario, Fiorella Rustici – ricercatrice spirituale che da oltre trent’anni indaga i misteri della mente e della coscienza – risale in queste pagine agli eventi da cui ebbe origine ogni cosa. Dal momento della nascita della nostra esistenza, fino ad arrivare alla dimensione in cui viviamo oggi, distaccati dalla sorgente, per lo più inconsapevoli e dominati dalle Meccaniche Mentali. 
     
    Alle origini, quando l’energia cominciò a osservare la propria opera, si formò la Coscienza e quindi i primi concetti, pensieri e immagini. Il Paradiso fu allora “scuola d’elevazione spirituale”, fino a quando il Buco Nero non lo trasformò nell’Inferno e nelle sue mostruose creazioni. Gli universi si succedettero nel tempo e, dopo sette Big Bang, apparve la Luce che pulsa: l’Essere da cui nacquero le Gerarchie Spirituali, i Creatori di Mondi, gli Angeli e le altre forme d’energia. 
     
    Così come fece Dante, l’autrice esplora e descrive diverse dimensioni, nelle quali incontra i Costruttori, gli Esseri Celesti e la loro progenie. Le interpretazioni della Mente Genetica e dei Corpi Paralleli completano quella che è senza dubbio una delle opere più ricche e affascinanti di Fiorella Rustici.
    Show book
  • Scritti sulla cultura russa (1910-1960) - cover

    Scritti sulla cultura russa...

    Tommaso Fiore

    • 0
    • 0
    • 0
    Il presente volume raccoglie una selezione tra i più importanti scritti, pubblicati su quotidiani e riviste, che Tommaso Fiore ha dedicato alla cultura russa, a partire dal 1910 fino all'inizio degli anni Sessanta.
    Tali riflessioni si declinarono perfettamente con le principali svolte storiche e culturali che caratterizzarono la sua percezione della Russia zarista e di quella sovietica: la Rivoluzione d’Ottobre, la Seconda Guerra Mondiale, lo stalinismo, il disgelo, il ruolo della Russia in Europa, ma anche il retaggio dei grandi classici (in particolare Tolstoj, Dostoevskij e Čechov), infine la testimonianza degli scrittori contemporanei e la loro diffusione in Italia.
    La selezione di articoli qui presentata permette di apprezzare, più che in altri testi, lo stile e il metodo di Tommaso Fiore, volti sempre a una ricerca del senso ultimo delle cose e delle contraddizioni presenti nell'anima russa, attraverso il principio dell’accostamento di grandi opposizioni tematiche e la definizione delle frizioni derivanti da tale accostamento.
    Show book
  • Die verschwundene Stradivari-Geige - Sprachkurs Italienisch-Deutsch B1 - Spannender Lernkrimi und Reiseführer durch Antonio Stradivaris Heimatstadt - cover

    Die verschwundene...

    Alessandra Barabaschi

    • 0
    • 0
    • 0
    Inhalte des Sprachkurses: Übungen, die Spaß machen, "Lesen und Lernen", Schwerpunkt Grammatik, Lösungen, Dossiers 1 + 2
    Inhalt des Lernkrimis:
    Annika nimmt an einem Opernkonzert in Cremona, Stradivaris Wirkungsstätte, teil. Vier kostbare Stradivari-Geigen werden im Saal in Glasvitrinen aufbewahrt. Während des Konzerts geht plötzlich das Licht aus. Kurz danach herrscht Chaos. Als das Licht wieder eingeschaltet wird, ist eine kostbare Stradivari-Geige verschwunden. Annika wird verdächtigt, aber sie setzt alles daran, gemeinsam mit dem Commissario den Fall aufzuklären.
    Show book
  • La pedagogia Montessori e le nuove tecnologie - Un’integrazione possibile? - cover

    La pedagogia Montessori e le...

    Mario Valle

    • 0
    • 0
    • 0
    Un libro per pedagogisti, educatori dell'infanzia e genitori che vogliano capire e favorire la rivoluzione epocale che sta avvenendo sotto i nostri occhi. L'avanzare della tecnologia è talmente rapido da provocare mutamenti impensabili solo vent'anni fa. Il problema che si presenta è: Come farà la scuola tradizionale a innestare i nuovissimi strumenti sulle solite vecchie modalità? Bambini seduti in silenzio e adulti parlanti? Interrogazioni a sorpresa e continua competizione? Non sarà che rischiamo una collusione senza precedenti? Il progetto Montessori può costituire la base più sicura per ottimizzare il cambiamento, permettendo di inglobare le nuove tecnologie nel lavoro educativo in modo che aiutino e non siano d'intralcio allo sviluppo dei nostri abitanti del futuro. L'approccio montessoriano alle tecnologie, nei periodi fondamentali per lo sviluppo della personalità dei nostri bambini, li prepara per un mondo in cui le tecnologie saranno sempre più pervasive. Oltre a dover prima di tutto rovesciare la qualità relazionale nel fare scuola – quindi modificare il pensiero degli adulti, le loro abitudini, il linguaggio, la sfiducia con cui si rivolgono a bambini e a ragazzi – è fondamentale definire confini netti tra i "piccoli" e la tecnologia: i bambini della seconda infanzia devono essere protetti da dispositivi che escludono in partenza l'esperienza manuale/sensoriale. Dobbiamo salvaguardare il loro graduale passaggio da una vita inconscia alla capacità di cominciare a dominare la realtà quotidiana. La falsa credenza che "prima imparano a usare i cellulari e tablet e più saranno intelligenti" deve essere sfatata. Come denunciano coordinatrici e educatrici di Nido, cominciano già a due anni, abilissimi a utilizzare gli smartphone a danno di altre abilità di base, manuali e creative. Questo libro è il secondo mattoncino della Collana Appunti Montessori, per costruire un muro solido per proteggere il presente e il futuro dei nostri figli.
    Show book
  • Enrico Dandolo - La spietata logica del mercato - cover

    Enrico Dandolo - La spietata...

    Maria Carolina Campone

    • 0
    • 0
    • 0
    Enrico Dandolo (1107-1205) fu l’artefice del «dirottamento» da Gerusalemme a Bisanzio della quarta crociata (1202-1204) che portò alla definitiva caduta di Costantinopoli. Personaggio controverso e discusso, in età avanzata e con salute malferma giunse a ricoprire la carica di doge veneziano incarnando non solo il ruolo di abile stratega e diplomatico, ma rappresentando, altresì, anche un prototipo di riscatto moderno in una temperie di pieno Medioevo, in cui la caducità del fisico denotava scadimento morale con conseguente emarginazione sociale. 
    L’attualità di Dandolo, per la contemporaneità odierna, è piuttosto inverata dall’opposizione crescente, nel corso del Medioevo, fra Occidente e Oriente che si esplicita nella diaspora cruenta e vessata da conflitti economici tra Venezia, signora del ponente Mediterraneo, e Bisanzio, egemone centro dello specchio d’acqua del bacino di levante. 
    La vicenda di Dandolo e la conseguente caduta di Costantinopoli, pertanto, si compenetrano e si esplicitano nel quadro dei secolari rapporti tra Oriente e Occidente; rapporti condizionati da una magnetica e reciproca attrazione, a cui, quasi da contrappasso, si è affiancato un lento e inesorabile processo di separazione e mutua incomprensione.
    Show book