You wouldn't limit the air you breathe. Why limit your readings?
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
L'architettura dell'umanesimo - cover

L'architettura dell'umanesimo

Geoffrey Scott

Publisher: Castelvecchi

  • 0
  • 1
  • 0

Summary

Architetto e poeta, Geoffrey Scott pubblica nel 1914 il suo volume più noto, L’architettura dell’Umanesimo, in cui, con spietata puntualità, affronta e fa giustizia di tutti gli «equivoci» che intralciano, spesso in maniera decisiva, una reale comprensione dei fenomeni architettonici: quello romantico, quello naturalistico legato alla poetica del pittoresco, quello meccanicistico, quello etico, quello biologico, quello accademico. Nel libro si fa riferimento all’architettura del Rinascimento italiano nella sua accezione storica prolungata (1400-1700), ma in realtà viene proposta una chiave di lettura degli eventi architettonici libera da pregiudizi, che è soprattutto utile per comprendere e giudicare le vicende contemporanee. Si discute la tradizione classica che si riflette nell’architettura del Rinascimento e del Barocco in Italia, e il ruolo dato al corpo umano di quella tradizione. Una lettura essenziale non solo per tutti gli studenti di architettura, ma per chiunque voglia comprenderla e goderne la bellezza in maniera più compiuta.

Other books that might interest you

  • Re nudo pop & altri festival - Il sogno di Woodstock in Italia 1968 - 1976 - cover

    Re nudo pop & altri festival -...

    Matteo Guarnaccia

    • 0
    • 0
    • 0
    Libro sull’esperienza dei Festival in Italia negli anni 70 Scritto da Matteo Guarnaccia con interventi di Majid Valcarenghi, Claudio Rocchi, Enzo Gentile, Bruno Casini, Massimo Pirotta e Claudio Fucci. 
    Contiene collegamenti a Video con il documentario Inedito di Alpe del Vicerè, e contributi di Massimo Villa, Eugenio Finardi, Simon Luca, Majid Valcarenghi. 
    Audio con 16 brani ( tra cui molti inediti) di Artisti legati al movimento dei Festival e a Re Nudo: Franco Battiato, Garybaldi, Come le foglie, Analogy, Donatella Bardi, Ricky Gianco e tanti altri.
    Show book
  • Criteri primari di metodologia pianistica - cover

    Criteri primari di metodologia...

    Carlo Grante

    • 0
    • 0
    • 0
    Un'efficace metodologia di apprendimento è cruciale per il pianista professionista. Ma come rendere più efficace e veloce il metodo di studio? I ventidue criteri qui esposti sono altrettanti distillati epistemologici, progettuali, pragmatici, metodologici, che forniscono una guida continua su come, cosa e soprattutto perché si impara. 
     
    L'autore, che vanta un impegno continuo - in sede concertistica e discografica - condensa in forma organica tutti i parametri implicati in quel complesso ed affascinante atto dell'apprendere e della preparazione, cui il pianista fa affidamento in sede esecutiva.  
     
    Il trattato è un invito a suonare "prima nella mente, poi con le dita" ed uscire dalla nevrosi della separazione mente-corpo cui il "discorso tecnico" porta in molti pianisti.
    Show book
  • Danzando tra le arti - cover

    Danzando tra le arti

    Giulia Salvagni

    • 0
    • 0
    • 0
    Viaggio tra le principali espressioni culturali che hanno determinato lo sviluppo storico ed estetico tra Otto e Novecento in relazione all'arte coreutica. Con una introduzione di Rosanna Pasi, presidente FNASD.
    Show book
  • I famosi impermeabili blu - Leonard Cohen Storie interviste e testimonianze - cover

    I famosi impermeabili blu -...

    Massimo Cotto

    • 0
    • 0
    • 0
    “Un nomade dell'anima, che nella meditazione trova una strada laica, o meglio umana. Perché, tra metafore colte e citazioni sacre, Cohen canta le piccole cose dell'uomo. Quindi nulla di più terreno ma al contempo di più inafferrabile ed eterno. 
    Ci siamo tutti trovati, metafore a parte, a rifletterci a specchio in domande troppo grandi per comprendere ed elaborare i nostri dolori e le nostre gioie. Magari stretti in un usato impermeabile blu, all'angolo di un'altrettanto usata città. A guardare l'inverno che passa, a raccogliere i frammenti di un'amicizia finita, di una solitudine quieta, di un amore infedele che, ormai, è quello che è.” 
    Dalla prefazione di Enrico de Angelis. 
    Massimo Cotto 
    E’̀ nato ad Asti il 20 maggio 1962. Toro di segno zodiacale e di fede calcistica, si eccita indistintamente con Kim Basinger in 9 settimane e 1⁄2 e gli agnolotti al plin, Nastassja Kinski in Paris, Texas e Paolo Pulici sempre, Istanbul e Quentin Tarantino, gli Stones e Sam Shepard, Tom Waits, Hemingway e tutto il rock che gli ha salvato la vita. È affascinato dai miti anche se spesso è assediato dai mitomani, alle cubane preferisce i cubani (intesi come sigari), detesta aglio, cipolla, trippa e la “d” eufonica. Ha un approccio feticista a ogni cosa della vita, anche se in un campo è più accentuato. I comici lo rendono triste, in compenso ride inspiegabilmente appena si sveglia e piange ogni volta che ascolta Redemption Song, da cui si arguisce che non è molto intelligente, ma è felice che la gente non se ne sia ancora accorta. Nell’attesa che ciò accada, scrive libri, conduce Rock Bazar su Virgin Radio, dirige il festival di Castrocaro e il Premio De André, scrive testi teatrali, fa l’Assessore alla Cultura e alle Manifestazioni della città di Asti e cerca di imparare a non starnutire ogni volta che vede il sole. Per Vololibero ha scritto Pleased to meet you, Rock Bazar e Rock Bazar Volume Secondo.
    Show book
  • Prove di Drammaturgia n 2 2015 - Rivista di inchieste teatrali - cover

    Prove di Drammaturgia n 2 2015 -...

    Elena Di Gioia, Claudio Longhi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il n. 2/2015 di Prove di Drammaturgia, a cura di Elena Di Gioia e Claudio Longhi, raccoglie gli atti e le testimonianze del convegno S-pettinare la realtà – sulle scritture di Elfriede Jelinek e del Festival Focus Jelinek-festival per città, dedicato all'autrice austriaca, restituendo la moltiplicazione di sguardi e voci che ha caratterizzato il progetto e rilanciando alcuni spunti di riflessione sui rapporti tra la scrittura di Elfriede Jelinek e gli artisti. 
     
    Il numero si struttura in cinque parti. 
    Nella prima sezione hanno sede gli atti del convegno, a cura di Elena Di Gioia e Claudio Longhi in collaborazione con CIMES Centro di Musica e Spettacolo - Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna, che ha visto la partecipazione di Luigi Reitani – che ha approfondito il rapporto tra i testi per il teatro di Elfriede Jelinek e le loro potenzialità realizzative –, di Rita Svandrlik – che ha rilevato come gli esperimenti linguistici dell'autrice creino cortocircuiti polifonici che rispecchiano il ruolo dell'individuo nella contemporaneità e lo portano a prendervi parte attiva –, di Marcello Soffritti e Elisa Balboni – che, dopo aver tradotto per Titivillus FaustIn and Out, hanno descritto i tranelli presenti nel testo e hanno fatto luce sui suoi molteplici sotto-testi –, di Gerardo Guccini – che ha mostrato come siano entrati in dialogo i testi di Elfriede Jelinek con gli artisti italiani –, di Silke Felber – che ha approfondito la genesi e i caratteri di uno degli ultimi testi dell'autrice, Die Schutzbefohlenen (I rifugiati coatti). 
     
    Nella seconda sezione del numero si trovano alcune interviste, a cura di Altre Velocità, alla curatrice del progetto Elena Di Gioia e agli artisti coinvolti Claudio Longhi; Andrea Adriatico; Fabrizio Arcuri; Enrico Deotti; Chiara Guidi; Chiara Lagani; Angela Malfitano; Nicola Bonazzi; Fiorenza Menni; conversazioni che accompagnano alla visione delle opere. 
     
    Una terza sezione è dedicata alle interviste che l'autrice ha concesso, nell’ambito del Focus Jelinek, ad Anna Bandettini e a Katia Ippaso e si conclude con una riflessione di Massimo Marino sull'idea di teatro e sull'utilizzo della parola “teatro” nel corpus di Elfriede Jelinek. 
     
    Infine, il numero volge alla conclusione con un dialogo tra Elfriede Jelinek e gli artisti italiani che hanno preso parte al progetto e che hanno avuto modo di porre all’autrice questioni “sommerse” dentro ogni opera, ricevendo dalla stessa autrice risposte ricche di aperture e riflessioni.  Il dialogo è stato appositamente creato e che qui trova la sua prima pubblicazione in Italia. 
     
    Chiude il secondo numero del 2015 di “Prove di Drammaturgia” uno scritto della stessa Elfriede Jelinek, una lettera all'Italia che ha saputo ospitarla tanto calorosamente dedicandole un intero Festival e questo numero speciale.
    Show book
  • Britannica - Dalla scena di Manchester al Britpop - cover

    Britannica - Dalla scena di...

    Alessio Cacciatore, Giorgio Di...

    • 0
    • 0
    • 0
    Una storia che si snoda in una decade di nuova creatività musicale, rivolgimenti sociali e contraddizioni.
    Oasis, Blur, Stones Roses, Joy Division, La Factory Records, FAC 51 The Hacienda, Creation records e tutti I più conosciuti protagonisti della scena sono raccontati nel contesto di un’Inghilterra in fermento tra la Thatcher e Blair.
    Oltre 500 schede di altrettanti gruppi “Illustri” ma sconosciuti completano un libro indispensabile per conoscere i 10 anni tra il 1988 e il 1998 e la musica che li ha attraversati.
    Show book