Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
L'uomo senza sogni - cover

L'uomo senza sogni

Gaetano D'Oceano

Publisher: Gaetano D'Oceano

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Gioele è un trentenne laureato in economia che dopo essere stato sfruttato e trattato in maniera disumana da alcune grosse aziende molla tutto e si mette alla ricerca di un lavoro che dia un senso alla sua vita. Ma nulla di ciò che ha a che fare con l’argomento dei suoi studi lo soddisfa, così, in questa sua affannosa ricerca, perseguitato dall’ansia e dall’inquietudine, quasi senza accorgersene, perde il sorriso e si trova a trascinare i piedi nel pantano di una depressione latente. Infelice nel lavoro trova il piacere della vita in una ragazza, ma questa, ancora più problematica di lui, prima lo innalza in una tormentata felicità e poi lo lascia sprofondare nel fango più nero.
Ma ciò che gli apparirà la sua più grande disgrazia sarà invece la sua benedizione. Infatti, proprio quella gran chiave che è il dolore, insieme alla forza dell’unica persona in grado di aiutarlo, gli aprirà il cancello chiuso sull’inizio del cammino, che passando attraverso le profonde caverne sostenute dai tremolanti pilastri della sua adolescenza popolata di mostri, lo riporterà finalmente a rincontrare quel ragazzino che gli racconterà perché non aveva mai potuto sognare del proprio futuro.

Other books that might interest you

  • Gente di Dublino - cover

    Gente di Dublino

    James Joyce

    • 0
    • 0
    • 0
    James Joyce fu uno dei più importanti scrittori del XX secolo e la sua raccolta di storie "Gente di Dublino", pubblicata nel 1914, fornisce un quadro realistico di come era la vita in Irlanda all'inizio del 1900. Alcuni dei personaggi che compaiono in "Gente di Dublino" saranno familiari ai lettori dell'altro capolavoro di Joyce, l’ "Ulisse". "Gente di Dublino" è un'eccellente introduzione al lavoro di James Joyce, le cui altre opere sono stilisticamente e linguisticamente più complesse. Qui, la scrittura scorre e le storie sono facili da comprendere, senza perdere la voce magistrale dell'autore irlandese.  La raccolta comprende le seguenti 15 storie: "Le sorelle", "Un incontro", "Arabia", "Eveline", "Dopo la corsa", "I due galanti", "Pensione di famiglia", "Una piccola nube", "Rivalsa", "Polvere", "Un caso pietoso", "Il giorno dell'edera", "Una madre", "La grazia" e "I morti".
    Show book
  • Il ventre di Napoli - cover

    Il ventre di Napoli

    Matilde Serao

    • 0
    • 0
    • 0
    Il ventre di Napoli sono una sorta di cronache della scrittrice partenopea Matilde Serao, pubblicato nel 1884 per i tipi dei fratelli Treves. Il romanzo è suddiviso in due parti, e ciascun capitolo è una sorta di cronaca riassuntiva di altre cronache d'epoca, basate sul degrado della maggioranza della popolazione napoletana. La prima parte racconta un'epidemia di colera colpisce Napoli, e allora si apre la polemica della questione meridionale. La Serao descrive il "ventre", ossia i quartieri straripanti di poveri e disadattati che non sanno come tirare avanti, preda del degrado urbano e delle malattie. La scrittrice si sofferma sulla grande capacità dei napoletani di sopravvivenza, nonostante le condizioni avverse, e le loro usanze singolari per rispondere al morbo e alla morte, che sconfinano nel paganesimo e nella pratica di riti occulti. Nella seconda parte il governo Depretis annuncia lo "sventramento" delle zone più degradate di Napoli per il piano di risanamento della città. Molte vie e quartieri sono abbattuti per fare spazio a larghe piazze e canali stradali molto ampi. Tuttavia la Serao rimane ugualmente critica verso la politica, che ha dimostrato soltanto il suo lato peggiore speculativo, non essendo riuscita a risolvere il problema, ma lasciando i poveri e gli indigenti al loro stato originale. La scrittrice tuttavia mostra curiosità nei confronti degli stessi napoletani, legati ad un profondo revisionismo sociale e nostalgico del passato, che preferiscono restare legati al loro destino, affidandosi alla chiesa e a truffatori che si fingono guaritori, anziché andare a curarsi ai rispettivi distretti sanitari.
    Show book
  • I Protagonisti n 3 (iFumetti Imperdibili) - Billy the Kid - Il destino di uccidere I Protagonisti n 3 novembre 1974 - cover

    I Protagonisti n 3 (iFumetti...

    Rino Albertarelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Se si pensa a famosi pistoleros del Far West, Billy the Kid è uno dei primi nomi della lista. Compì il suo primo omicidio a diciassette anni e terminò la carriera a 21 anni quando venne freddato dallo sceriffo Pat Garrett, suo ex-amico.
    
    Una parabola breve e bruciante, costellata di omicidi che fecero del giovane uno dei malviventi più ricercati del Nuovo Messico nel decennio 1870-1880. Eppure Billy the Kid non era un criminale spietato e assetato di sangue. Le circostanze della vita portarono questo ragazzo dall'aspetto gentile e, a detta di molti, di buon carattere su una strada sbagliata. Si fece coinvolgere in una "guerra" tra allevatori di bestiame per riconoscenza verso un proprietario che lo aveva trattato con benevolenza. Fu arrestato ed evase più volte scampando la forca e diventando, dopo morto, una delle figure romantiche più celebri del selvaggio West. 
    
    La monografia dedicata a Billy the Kid è il terzo numero della collana I Protagonisti, edita nel 1974 dall'Editoriale Daim Press (oggi Sergio Bonelli Editore). Dieci volumi interamente scritti e disegnati (incluse le copertine) da Rino Albertarelli e dedicati ad altrettanti personaggi mitici del Far West.
    Show book
  • Il sorriso del salice - cover

    Il sorriso del salice

    Daniele Siri

    • 0
    • 0
    • 0
    Portbou e Ventimiglia sono due città di frontiera, dove occorre sradicarsi per trovare una vita rappresentativa, un lavoro diverso, un amore che abbia una ragione solida piuttosto che la “A” maiuscola: storie che si intrecciano, piccole e grandi. Storie criminali, come quella di Jonas Vasquez e del poliziotto che gli dà la caccia, sfiorano quelle di persone normali come Anita e Andrea.
    Anita è un architetto paesaggista. In un giardino della Costa Azzurra incontra Gisèle, una misteriosa ragazza che dipinge: la sua villa è sorvegliata da uomini taciturni, forse pericolosi, ai quali è meglio non far domande. Sembrano così lontani da Andrea, che lavora sulle navi e cerca solo un pretesto per tornare a casa… invece girano tutti intorno allo stesso albero, protagonisti di una trama dai risvolti incredibili che li trasformerà per sempre.
    Show book
  • E si permettevano di tagliare Pablo Prigione - cover

    E si permettevano di tagliare...

    Valerio Zoppellaro

    • 0
    • 0
    • 0
    La vita di provincia con le sue ritualità, le bellezze che si nascondono nell’esistenza che trascorre lenta intorno al fiume Ticino. La vita del trentenne Prudencio Zaramella scorre così piuttosto ordinaria fino a quando un evento imprevisto non lo metterà a contatto con i propri lati oscuri. In un perenne conflitto tra cinismo e realtà e tra sogno e contraddizione il protagonista cercherà la sua strada con la carriera del cestista argentino Pablo Prigioni a far da sfondo ai turbamenti di un estate talmente normale da risultare memorabile.
    Show book
  • Igliocon 1 - cover

    Igliocon 1

    MARCO MASETTI MASO

    • 0
    • 0
    • 0
    Gli IGLIOCON sono gli alter ego degli EMOTICON: quanto sono sintetici i secondi, tanto sono volutamente logorroici i primi.
    Gli IGLIOCON sono la continuazione ideale del mondo del coniglio Iglio.
    Iglio ed i suoi primi amici hanno ormai più di quarant'anni.
    Essi sono nati tra la fine degli anni sessanta e l'inizio degli anni settanta e allora raccontavano il mondo vissuto e frequentato da Iglio.
    Iglio inizialmente si esprimeva con le sue lunghe orecchie o con una voce fuori campo, che ne era la fedele interprete.
    Andando avanti negli anni diventa sempre più loquace e acquisisce una coscienza che “racconta”.
    Ora pensa, parla e commenta a ruota libera, usando tutto il repertorio delle “espressioni” senza freni inibitori.
    È uno zelig che, oltre a trasformare sé stesso, trasforma il mondo reale nel suo mondo conigliesco di animali antropomorfici che parlano di pensieri, di opinioni, di scelte morali ed intellettuali.
    Ha nell'anticonformismo il suo credo e nel "salmone" l'ideale riferimento.
    Show book