Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Le novelle della Pescara - cover

Le novelle della Pescara

Gabriele D'Annunzio

Publisher: Delos Digital

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Letteratura - racconti (174 pagine) - Un d’Annunzio che non ti aspetti in queste novelle in cui il sapore verista resta solo in sottofondo per lasciare trasparire una sensualità stilistica che riesce a pervadere ogni anfratto della pagina, insinuandosi nella rappresentazione della natura e, soprattutto, dominando le descrizioni dei personaggi, mai come in questa raccolta fulminanti e magistrali.

Si presenta una selezione di sei racconti tratti dalla raccolta in più volumi Le novelle della Pescara (1902) in cui emergono le diverse nature di un’opera capace di stupire il lettore moderno per l’intensità delle vicende narrate e, soprattutto, per lo straordinario stile, così distante dallo stereotipo attribuito all’autore. Nessuno si aspetti l’elocuzione altisonante del d’Annunzio arringatore di folle né la prosa decadente dei romanzi e nemmeno le dotte raffinatezze di certi componimenti poetici e opere teatrali. È un Gabriele per sottrazione, quello che incontriamo in queste pagine dense di echi ancestrali e di richiami mistici, uno scrittore lontanissimo dalle stanze del conturbante Vittoriale affollato di oggetti preziosi quanto stucchevolmente superflui. È un Gabriele sulle cui scarpe aleggia ancora una vaga traccia delle camminate per le vie del suo Abruzzo, fotografato magnificamente senza alcuna affettazione o ruzzolone bozzettistico di sorta. Da quelle terre d’Annunzio si era allontanato ormai fisicamente e psicologicamente, ma i racconti trasudano l’inconfondibile autenticità che solo le rappresentazioni “di casa” sanno sprigionare.

Gabriele d’Annunzio (Pescara, 1863 – Gardone Riviera, 1938) cercò di fare della propria esistenza un capolavoro inimitabile e, se sul sostantivo più di una persona potrebbe avanzare seri dubbi, sull’aggettivo c’è poco da questionare: difficilmente nascerà un altro Vate (e qualcuno aggiungerebbe “per fortuna”… altri, invece, esclamerebbero “purtroppo”). Oltre che letterato di fama mondiale (autore di celeberrime opere in versi, in prosa e per il teatro), fu uomo politico, giornalista, sfacciato seduttore seriale di donne e di folle, militare pluridecorato per le proprie imprese eroiche (si pensi ai voli su Trieste e Vienna e alla beffa di Buccari), sfrenato collezionista di opere d’arte, fondatore di uno stato (a Fiume, durante i 16 mesi di occupazione, tentò con tutte le proprie forze di dare forma concreta alla l’utopia dell’artecrazia), instancabile inventore di parole e di slogan e così via. Inviso a molti per la sua contaminazione con il fascismo (in verità molto più ambigua di quanto ci si potrebbe aspettare… Mussolini temeva d’Annunzio, che, dal canto suo, fece l’errore di sottovalutare il Duce), resta nonostante tutto una delle figure intellettuali più interessanti dei primi decenni del Novecento.

Other books that might interest you

  • La certosa di Ittingen - cover

    La certosa di Ittingen

    Felix Ackermann

    • 0
    • 0
    • 0
    Nel 1848 gli ultimi monaci lasciarono la Certosa di Ittingen. Gli edifici, costruiti nel corso di molti secoli, diventarono proprietà del Canton Turgovia e successivamente in mano a proprietari privati, che li utilizzarono come residenza signorile e fattoria esemplare. Dal 1977 la Stiftung Kartause Ittingen gestisce il complesso come centro culturale e d’incontro, ospitando anche due musei cantonali. L’intero complesso, ottimamente conservato, offre un vivo scenario della storia del luogo e dei suoi abitanti originari. Nelle celle dei monaci, nei giardini dei chiostri e nella chiesa rococò con i suoi ricchi arredi, si può vivere e percepire direttamente la condizione dei certosini, reclusi all’interno della loro comunità.
    Show book
  • Il Jazz: un gioco da ragazzi - Propedeutica e didattica dell'improvvisazione nella scuola di base - cover

    Il Jazz: un gioco da ragazzi -...

    Kristian Sensini

    • 0
    • 0
    • 0
    Il Jazz: un gioco da ragazzi nasce da una rilettura critica del Jazz, della sua evoluzione e delle sue caratteristiche fondanti, volta ad individuare dei presupposti pedagogici trasferibili in una didattica che privilegi l'ascolto, il gioco e la creatività, senza togliere spazio alle tradizionali attività dell'educazione musicale. 
    Il percorso si sviluppa in tre capitoli. Il primo, di carattere sostanzialmente analitico, è incentrato sulle cosiddette “Mentalità Jazz”, da intendere come predisposizione alla fantasia, alla socializzazione e al coinvolgimento emotivo, tipiche della prassi jazzistica e presenti naturalmente nella quotidianità e nelle doti dei ragazzi. Il secondo e il terzo capitolo sono invece dedicati all'ascolto e all'improvvisazione, aspetti privilegiati della musica Jazz, in una ricerca che si dipana tra riflessione metodologica e proposte concrete di attività musicali; proposte che attraversano tutti i generi musicali, oltre ovviamente al Jazz, in particolar modo il Pop e il Rock, più vicini al mondo musicale dei giovani. 
    In ambito didattico il Jazz può essere un gioco da ragazzi nella misura in cui l'educatore accetti egli stesso di lavorare secondo quei modi di fare, agire e pensare tipici di questa musica, che possono valorizzare il ruolo degli insegnanti e il loro “saper essere” musicale.
    Show book
  • Cover Story - Le più belle copertine dei dischi italiani - cover

    Cover Story - Le più belle...

    Roberto Angelino

    • 0
    • 0
    • 0
    Delle copertine straniere si sa tutto ma di quelle italiane nessuno ha mai scritto quasi nulla. Eppure, grandi artisti, fotografi e illustri artigiani hanno partecipato alla realizzazione di quelle copertine che, oltre a restarci negli occhi e nel cuore, hanno contribuito non poco al successo dell’album che contenevano.Ed eccoci qui con 76 capitoli in cui altrettanti lp storici italiani, con un interessante gioco di specchi e di rimandi, diventano 150 e più cover che, oltre a essere belle, hanno alle spalle anche una storia inedita e coinvolgente, gustosi retroscena e simpatici aneddoti che, allora, vale davvero la pena di raccontare.Un libro importante che si avvale della supervisione di Luciano Tallarini, per mezzo secolo re dellecopertine dei dischi italiani.
    Show book
  • Tutto in un atto - Gli atti unici di Luigi Pirandello - cover

    Tutto in un atto - Gli atti...

    Luigi Pirandello

    • 0
    • 0
    • 0
    Raccolti in un unico volume tutti gi atti unici di Pirandello. Dialoghi, tragedie e commedie senza interruzioni: Sagra del Signore della Nave L'altro figlio La Giara L'imbecille Lumie di Sicilia Cecè La patente. All'uscita Il dovere del medico L'uomo dal fiore in bocca
    Show book
  • La fede nel cinema di oggi - Inquietudini e speranze in 14 film - cover

    La fede nel cinema di oggi -...

    Francesco Giraldo, Arianna...

    • 0
    • 0
    • 0
    In occasione dell’Anno della Fede, l’ACEC ha realizzato questo volume dal titolo La fede nel cinema di oggi. Inquietudini e speranze in 14 film. 
    «Il bisogno di credere è un bisogno pre-politico e pre-religioso  sul quale poggia il desiderio di sapere. Riconoscendo l’importanza di tale bisogno, noi atei possiamo favorire il dialogo tra credenti e non credenti...». Così si esprimeva, recentemente, la filosofa francese Julia Kristeva. Molti film sono stati inseriti nel presente volume proprio partendo da questa considerazione. Anche quelli che apparentemente sembrano muoversi su territori lontani dalla fede, ne sono talvolta profondamente vicini. I valori cristiani seminati a larghe mani nella lunga storia di duemila anni, improvvisamente emergono quasi carsicamente nella letteratura, nel teatro e nel cinema che, tra tutte le forme d’arte, è forse quella che riesce a metabolizzare meglio il credo cristiano in chiave contemporanea.
    Il cinema contemporaneo, quello che sa osare e non si adatta a riprendere e ad adeguarsi al “politicamente corretto”, crede in una alterità posta al di fuori di se stesso. È un cinema, naturalmente, che di solito non offre risposte, ma pone tante domande, lasciandole spesso irrisolte. La vera difficoltà, non solo per il cinema, sta casomai nella capacità di porle correttamente, anche perché le risposte stanno nel cuore delle stesse domande.
    Show book
  • Italian - cover

    Italian

    Kim Mitzo Thompson

    • 0
    • 1
    • 0
    Songs to make learning Italian fun and easy! Sing along and learn letter sounds, common greetings, family roles, days of the week, numbers 1-10, colors, foods, animals, and weather terminology in both Italian and English.
    Show book