As many books as you want!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Il magico viaggio Pop - Rockdai Rolling Stones a Michael Jackson - cover

Il magico viaggio Pop - Rockdai Rolling Stones a Michael Jackson

Francesco Primerano

Publisher: Youcanprint

  • 1
  • 0
  • 0

Summary

Si incontrano diverse facce e colori di ogni tipo sulle strade della Musica Pop♪♫ Rock, del Collezionismo e di giovani seguaci di questi fenomeni culturali che hanno cambiato e segnato per sempre la nostra esistenza. Si può notare un favoloso pantheon di Stars da seguire, un firmamento deciso di miti senza tempo. Questo è il leggendario mondo della Pop♪♫Rock Generation, dei veri collezionisti, degli abili equilibristi e di chi sa apprezzare tutto ciò che è Musica, quella Musica che da sempre governa ed accompagna le nostre meravigliose vite da eterni curiosi della bellezza. Questo è sostanzialmente il più grande spettacolo Pop♪♫ Rock che abbiamo avuto il piacere di conoscere ed ammirare nei percorsi musicali della nostra esistenza ed il più lungo viaggio musicale, dal Rock dei Rolling Stones al Pop di Michael Jackson, dai mitici Queen ai giovani talenti Muse, dal rocker Vasco Rossi all'eterno ragazzo pop/rapper Jovanotti. Si tratta di diari di viaggio, di riflessioni di altri tempi e di antologie che raggiunsero le vette delle classifiche di tutto il pianeta. In sostanza, in questo volume, si vuol celebrare la Musica Pop♪♫Rock (dagli esordi ai giorni nostri) in tutte le sue sfumature ed in tutto il suo splendore, toccando il cuore e l'anima della gente che l'ha sempre ammirata e seguita fino in fondo..

Other books that might interest you

  • Prove di Drammaturgia n 1 2015 - Rivista di inchieste teatrali - cover

    Prove di Drammaturgia n 1 2015 -...

    Gerardo Guccini, Nicoletta Lupia

    • 0
    • 0
    • 0
    Il primo numero del 2015 di «Prove di Drammaturgia», a cura di Gerardo Guccini e Nicoletta Lupia, è strutturato in tre parti. La prima, a cura di Nicoletta Lupia, è dedicata a Jean-Guy Lecat, architetto, scenografo e stretto collaboratore di Peter Brook. In due saggi introduttivi, la curatrice descrive il percorso professionale di Lecat e traccia le linee di continuità che attraversano il suo rapporto con l'opera lirica. Nelle preziose lezioni bolognesi, riunite sotto il titolo “La semplicità a teatro è molto sofisticata”, il Maestro definisce le poetiche, gli strumenti e le forme del suo artigianato in presa diretta con la vita del teatro.  
    Il secondo Dossier raccoglie gli atti del convegno “Per/formare l’opera. Spazi, ruoli e costumi per attori e cantanti”, a cura di Marco Beghelli, Paola Bignami, Gerardo Guccini (Bologna, 2013). Marinella Pigozzi fa luce sui rapporti tra arti sceniche e figurative sulle scene del teatro d'opera ottocentesco, aprendo originali digressioni sui progressi della tecnica e sul ruolo svolto dall'editoria musicale. Gerardo Guccini mostra come lo spettacolo operistico abbia affidato e affidi la gestione della dimensione spaziale e quella della dimensione temporale a diversi ordini di ruoli artistici e competenze. Gabriele Vacis, a partire dal racconto del “Nabucco” di Macerata, descrive le sue relazioni con lo spazio scenico e la ricerca di un'essenzialità funzionale all'opera. Marco Beghelli analizza la dimensione recitativa dell'attore e del cantante lirico, connettendole con i ruoli e i personaggi interpretati, per domandarsi come l'articolazione di questi elementi abbia influenzato la regia lirica. Il regista Francesco Esposito fornisce al lettore una testimonianza della sua relazione professionale con i cantanti d'opera, individuando zone di sviluppo potenziale. Charlotte Ossicini traccia, infine, una densa storia dei rapporti fra moda e costume teatrale.  
    Il terzo dossier, “Roberto Capucci: sguardi ai rapporti tra moda e spettacolo”, a cura di Enrico Minio Capucci e Serena Angelini Parravicini, è incentrato sui rapporti tra lo stilista e il teatro. L'ideazione e la realizzazione di costumi unici e maestosi, l'estro e il background culturale di Capucci,  testimoniano, infatti, una spiccata sensibilità teatrale, come si può osservare nel ricco Capitolo iconografico che raccoglie alcuni bozzetti inediti dell'artista. Chiudendo la sezione, Charlotte Ossicini, descrive gli abiti dello stilista come “abiti-scultura” che modificando l’anatomia di chi li indossa, sfilano nei musei e riscrivono i criteri dell’abito performativo.
    Show book
  • Tanti Auguri A Te - cover

    Tanti Auguri A Te

    traditional

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo spartito contiene le note originali della canzone folk "Tanti Auguri A Te". Arrangiamento per piano, voce e chitarra, in Sol maggiore, livello facile con testo.
     // 
    This music book contains the original sheet music of the Folk Song "Tanti Auguri A Te" for Piano, Vocals and Guitar. Easy arranged in G major with lyrics.
    Show book
  • I batteri nel restauro - cover

    I batteri nel restauro

    Letizia Becagli, Sara Metaldi

    • 0
    • 0
    • 0
    I principi, l’esperienza di laboratorio e i casi studio applicati dalla biopulitura al bioconsolidamento.
    Show book
  • Francesco Guccini L'ultima volta - cover

    Francesco Guccini L'ultima volta

    Federica Pegorin Steccherino

    • 0
    • 0
    • 0
    L'ultima Thule, l'ultimo – in tutti i sensi – album di Francesco Guccini, appena uscito è andato al primo posto su iTunes. Il suo pubblico lo ha salutato con affetto inossidabile, dopo quasi cinquant'anni di canzoni. Ma cos'è che rende Guccini così unico, così amato? Tanto per cominciare i testi, semplici ma mai convenzionali. E poi i temi della sua poetica, che ogni volta vanno a scolpire sentimenti e pensieri comuni per un certo tipo di uomini, donne, sognatori, cittadini. Parole che ti dicono quello che sentivi o pensavi ma non eri ancora riuscito a dire.
    
    Questo libro di Federica Pegorin ci accompagna nel viaggio dentro e attorno a Guccini, attraverso riflessioni, epifanie, carnevali, dischi, concerti, libri, canzoni (tutte ascoltabili con collegamento a Spotify) e una serie di interviste, tra cui una inedita e imperdibile al cantautore di Pàvana. Un gran bel viaggio. Verso l'ultima Thule.
    Show book
  • Re nudo pop & altri festival - Il sogno di Woodstock in Italia 1968 - 1976 - cover

    Re nudo pop & altri festival -...

    Matteo Guarnaccia

    • 0
    • 0
    • 0
    Libro sull’esperienza dei Festival in Italia negli anni 70 Scritto da Matteo Guarnaccia con interventi di Majid Valcarenghi, Claudio Rocchi, Enzo Gentile, Bruno Casini, Massimo Pirotta e Claudio Fucci. 
    Contiene collegamenti a Video con il documentario Inedito di Alpe del Vicerè, e contributi di Massimo Villa, Eugenio Finardi, Simon Luca, Majid Valcarenghi. 
    Audio con 16 brani ( tra cui molti inediti) di Artisti legati al movimento dei Festival e a Re Nudo: Franco Battiato, Garybaldi, Come le foglie, Analogy, Donatella Bardi, Ricky Gianco e tanti altri.
    Show book
  • Prove di Drammaturgia n 2 2015 - Rivista di inchieste teatrali - cover

    Prove di Drammaturgia n 2 2015 -...

    Elena Di Gioia, Claudio Longhi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il n. 2/2015 di Prove di Drammaturgia, a cura di Elena Di Gioia e Claudio Longhi, raccoglie gli atti e le testimonianze del convegno S-pettinare la realtà – sulle scritture di Elfriede Jelinek e del Festival Focus Jelinek-festival per città, dedicato all'autrice austriaca, restituendo la moltiplicazione di sguardi e voci che ha caratterizzato il progetto e rilanciando alcuni spunti di riflessione sui rapporti tra la scrittura di Elfriede Jelinek e gli artisti. 
     
    Il numero si struttura in cinque parti. 
    Nella prima sezione hanno sede gli atti del convegno, a cura di Elena Di Gioia e Claudio Longhi in collaborazione con CIMES Centro di Musica e Spettacolo - Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna, che ha visto la partecipazione di Luigi Reitani – che ha approfondito il rapporto tra i testi per il teatro di Elfriede Jelinek e le loro potenzialità realizzative –, di Rita Svandrlik – che ha rilevato come gli esperimenti linguistici dell'autrice creino cortocircuiti polifonici che rispecchiano il ruolo dell'individuo nella contemporaneità e lo portano a prendervi parte attiva –, di Marcello Soffritti e Elisa Balboni – che, dopo aver tradotto per Titivillus FaustIn and Out, hanno descritto i tranelli presenti nel testo e hanno fatto luce sui suoi molteplici sotto-testi –, di Gerardo Guccini – che ha mostrato come siano entrati in dialogo i testi di Elfriede Jelinek con gli artisti italiani –, di Silke Felber – che ha approfondito la genesi e i caratteri di uno degli ultimi testi dell'autrice, Die Schutzbefohlenen (I rifugiati coatti). 
     
    Nella seconda sezione del numero si trovano alcune interviste, a cura di Altre Velocità, alla curatrice del progetto Elena Di Gioia e agli artisti coinvolti Claudio Longhi; Andrea Adriatico; Fabrizio Arcuri; Enrico Deotti; Chiara Guidi; Chiara Lagani; Angela Malfitano; Nicola Bonazzi; Fiorenza Menni; conversazioni che accompagnano alla visione delle opere. 
     
    Una terza sezione è dedicata alle interviste che l'autrice ha concesso, nell’ambito del Focus Jelinek, ad Anna Bandettini e a Katia Ippaso e si conclude con una riflessione di Massimo Marino sull'idea di teatro e sull'utilizzo della parola “teatro” nel corpus di Elfriede Jelinek. 
     
    Infine, il numero volge alla conclusione con un dialogo tra Elfriede Jelinek e gli artisti italiani che hanno preso parte al progetto e che hanno avuto modo di porre all’autrice questioni “sommerse” dentro ogni opera, ricevendo dalla stessa autrice risposte ricche di aperture e riflessioni.  Il dialogo è stato appositamente creato e che qui trova la sua prima pubblicazione in Italia. 
     
    Chiude il secondo numero del 2015 di “Prove di Drammaturgia” uno scritto della stessa Elfriede Jelinek, una lettera all'Italia che ha saputo ospitarla tanto calorosamente dedicandole un intero Festival e questo numero speciale.
    Show book