The perfect plan for booklovers!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Le piccole società cooperative in Italia - Un esperimento insolito di imprenditoria diffusa - cover

Le piccole società cooperative in Italia - Un esperimento insolito di imprenditoria diffusa

Everardo Minardi, Cristiano Zannoni

Publisher: Homeless Book

  • 1
  • 0
  • 0

Summary

Il sopravvento delle politiche liberistiche, anche in Italia, non sembra aver travolto il sistema delle imprese cooperative, a cominciare dai settori tradizionali dove più lontano nel tempo e più robusto è il suo insediamento. Sulla base di tali constatazioni, si è avviata una specifica azione di ricerca avente come oggetto le caratteristiche diffusive e di insediamento della piccola società cooperativa nelle diverse regioni e nei diversi settori produttivi dell'Italia.

Other books that might interest you

  • Il caso Tavernello - Un successo del modello imprenditoriale cooperativo - cover

    Il caso Tavernello - Un successo...

    Silvia Williams

    • 0
    • 0
    • 0
    Tavernello oggi è un marchio affermato, inserito stabilmente nelle prime dieci marche di vino più conosciute e vendute al mondo: è di proprietà dei 13.510 viticoltori, soci delle cantine CAVIRO e dà al consumatore la possibilità di bere vino tutti i giorni, ad un prezzo giusto e con qualità certa. Quella di Tavernello è sicuramente un’operazione di marketing unica e ben riuscita, grazie all’impegno di tanti che, con serietà e tenacia, hanno lavorato a lungo per creare un esempio virtuoso e cooperativo di filiera vitivinicola: dai campi fino alla tavola.
    Show book
  • Vicenza La città sbancata - Quello che dovevi sapere sulla Banca Popolare di Vicenza noi lo abbiamo scritto Da sempre - cover

    Vicenza La città sbancata -...

    VicenzaPiu .com

    • 0
    • 0
    • 0
    Le vicende della Banca Popolare di Vicenza dalla nascita fino alla crisi.
    Show book
  • Le mappe della mente - cover

    Le mappe della mente

    Umberto Santucci

    • 2
    • 1
    • 0
    Una ricca raccolta di strumenti di visualizzazione, come mappe mentali e concettuali, dinamiche e sistemiche, ipermappe, grafici e diagrammi. Che cosa sono, a che servono, come si scelgono e come si usano per ridurre le complessità del mondo in cui viviamo, cominciando dai piccoli problemi in cui ognuno di noi è impegnato. Strumenti utilissimi per studiare, preparare esami, tesi e relazioni, affrontare nuovi problemi, trovare soluzioni. 
    Questo è il secondo libro della nuova collana "Strumenti per la Transizione", raccolta di strumenti manageriali, cognitivi, creativi, operativi, da usare per affrontare i cambiamenti - che già si manifestano, e sempre più emergeranno - dovuti alla transizione dalle energie fossili alle energie rinnovabili, dalla crescita distruttiva all'ottimizzazione conservativa.
    Show book
  • La frontiera - Come spazio di intelligenza creatività ed innovazione - cover

    La frontiera - Come spazio di...

    Everardo Minardi, Rossella Di...

    • 1
    • 0
    • 0
    La frontiera, uno spazio di transizione tra una identità ed un’altra, tra una cultura e la sua negazione, tra il legale e l’illegale, tra il manifesto e il clandestino, può essere un territorio “intelligente”? In una fase di forti crisi economica e sociale, in cui i fattori materiali ed immateriali dello sviluppo si orientano sempre più ai criteri della sostenibilità, l’attenzione ai territori ed ai fattori che li distinguono e li identificano rispetto agli altri, si pone al centro di iniziative volte al rafforzamento del ruolo che essi possono esercitare per la innovazione dei processi economici e sociali che vanno ad incidere sulla ricchezza disponibile e sulla dimensione del benessere sociale delle popolazioni. Nell’ambito di un progetto di ricerca di livello nazionale sulla configurazione dei “territori intelligenti”, è stata condotta una osservazione ed una analisi dei processi di cambiamento presenti nell’area delle valli Vibrata e del Tronto, in cui fattori storici, culturali, ambientali e di patrimonio culturale si intrecciano nel tempo, riproponendosi come fattori di rilancio e di riqualificazione del processo di sviluppo economico e sociale delle popolazioni ivi residenti. Pur in quadro di riferimento, in cui aspetti negativi si intrecciano e si combinano con altri fattori più favorevoli all’avvio di nuovi processi di sviluppo locale, il caso dei territori di frontiera tra la Vibrata e il Tronto si presenta come un caso significativo in cui la crisi economica e sociale contribuisce ad accelerare i processi di cambiamento, senza ridurre le capacità di creatività e di innovazione presenti nelle popolazioni di tali territori.
    Show book
  • Cimit€uro Uscirne e Risorgere - cover

    Cimit€uro Uscirne e Risorgere

    Marco Della Luna

    • 0
    • 0
    • 0
    In questa nuova e straordinaria opera Marco Della Luna, famoso esperto di politica economica e autore dei bestseller Euroschiavi e Neuroschiavi, ci presenta in maniera chiara e completa cosa e chi sta dietro a questa terribile situazione. L’autore ci propone una mappa organica dei diversi meccanismi - alcuni ancora non individuati - che generano la crisi sistemica, con le loro interazioni sui piani monetari, finanziari, economici e sociopolitici. Uno nuovo e indispensabile strumento con cui orientarsi, capirla e affrontarla. In questo libro apprenderete come bastano due principi contabili falsi per far precipitare l’economia e la società nel buco nero di un indebitamento che non dovrebbe esistere. Quella che noi percepiamo come una crisi economico-finanziaria, è invece una nuova strategia dei potenti della terra per concentrare il potere, dominare e sfruttare tutti noi, che abbiamo sempre meno potere di contrattazione, controllo e partecipazione: la nostra condizione sta peggiorando di giorno in giorno. Per i paesi “euro deboli”, con l’appoggio di falsi amici (come la Germania), si varano norme e istituzioni coercitive, attraverso cui il capitale finanziario principalmente tedesco, dietro l’etichetta “Europa”, li asservisce in una stabile depressione, privandoli di ogni residua autonomia. In questa luce divengono comprensibili i troppi, clamorosi “errori” di politica economica-finanziaria che hanno portato all’attuale situazione, e le scelte recessive e adottate per gestirla, anche dal governo Monti, che ha messo l’Italia nella condizione di non poter risollevarsi. Sullo sfondo, risalta la stupidità e la bassezza della classe politica. Con i contributi di Claudio Pioli e Antonino Galloni.
    Show book
  • Ordine economico naturale - Il trattato standard dell'economia libera - cover

    Ordine economico naturale - Il...

    Silvio Gesell

    • 0
    • 0
    • 0
    Nel lontano 1875 Lord Acton (1834-1902), allora Presidente della Corte Suprema del Regno Unito, ebbe a dire: “Il problema che si perpetua attravero i secoli e che prima o poi va affrontato, è lo scontro del Popolo contro le Banche”. Come intuizione profetica non c’è che dire. Ma non fu possibile capirla fino alla pubblicazione, nel 1906, del classico di economia che il lettore ha qui davanti agli occhi in versione italiana.Il maestro di “economia pura” che fu Maffeo Pantaleoni (1857-1924) diceva ai suoi studenti: “Quello che è difficile non è sapere economia, è capirla”! Già, ma non senza aver letto Gesell. Perché quel che il lettore troverà ne L’Ordine Economico Naturale sono le due chiavi che gli economisti “ortodossi” si ostinano a non far girare nella serratura dello scibile: la questione fondiaria e quella monetaria.Chi ha letto Gesell assiste oggi, impotente, all’epilogo di una storia di errori, economici e politici, che avrebbe preso tutt’altra svolta ad aver dato retta al Nostro. E contempla, attonito, il putiferio attorno all’Euro tra 17 paesi che o non sanno, o non vogliono, applicare la soluzione dell’Unione Monetaria Latina tra Francia, Italia, Belgio, Svizzera e Grecia tra il 1865 e il 1915, e che la guerra cosiddetta “Grande” mandò a gambe all’aria. Come funzionò quell’Unione Gesell lo descrive in questo libro.Il lettore di Gesell appassionato di storia è in condizioni di riflettere, sia qual sia il periodo e la geografia di quello che legge, su come le istituzioni di Terra affrancata da rendita e Moneta affrancata da usura avrebbero risolto qualunque questione economica senza difficoltà e soprattutto senza spargimento di sangue. Il detto vale solo per chi apprezza cosa vuol dire vivere di lavoro e non di rendita e interesse. Chi vive di queste due istituzioni non apprezzerà le argomentazioni di Gesell. Le quali, irrefutabili come sono, attraeranno le sue ire sotto forma di epiteti e di giudizi ad hominem come “quel matto che di economia non capiva niente” e simili.Come tutti i classici, Gesell si fa leggere e rileggere con piacere.
    Show book