Discover new books each day!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Dialogo tra un prete e un moribondo - e altri testi politici e letterari - cover

Dialogo tra un prete e un moribondo - e altri testi politici e letterari

Donatien Alphonse François de Sade

Publisher: Castelvecchi

  • 0
  • 1
  • 0

Summary

Aristocratico e giacobino, erotomane dai risvolti perversi e grande erudito, scrittore condannato dalla censura e filosofo rivalutato dal pensiero novecentesco: esistono molti Sade, e la sua verità più profonda, a due secoli dalla morte, rimane ancora sfuggente. Se la prima rivalutazione critica del divin marchese è inevitabilmente passata attraverso il tema dell’erotismo, resta meno noto – soprattutto in Italia – l’altro Sade, l’autore di testi di carattere polemico, politico e letterario. Questo libro propone tre scritti che corrispondono a forme letterarie e momenti diversi: al Dialogo tra un prete e un moribondo, professione di ateismo radicale, seguono il discorso Idea sulla modalità della sanzione delle leggi e il saggio Idea sul romanzo, una ricostruzione dell’origine e della natura del genere romanzesco oltre a una riflessione sul ruolo dello scrittore. Si succedono così il libertino aristocratico che espone con arroganza il suo credo; il citoyen rivoluzionario che esalta la sovranità popolare; e infine il recluso, vittima sia dell’Ancien Régime sia del Terrore, che nella scrittura trova una compensazione e un’ultima speranza di libertà. In appendice, con l’intento di riprendere in considerazione la vicenda biografica di Sade e illuminarne gli sviluppi del pensiero, il volume presenta il Testamento redatto nel 1806 e un carteggio relativo alla sua detenzione nell’ospizio per condannati e insani di mente di Charenton.

Other books that might interest you

  • Ray Charles - Il genio senza tempo - cover

    Ray Charles - Il genio senza tempo

    Antonio Bacciocchi

    • 0
    • 0
    • 0
    Come scrisse Kenneth Lee Karpe nelle note di copertina di Ray Charles at Newport “È la somma totale delle reazioni della sua gente ed è segnato dall'essere un portavoce del suo tempo. Quando la sua musica è felice glorifica la felicità, quando è triste le sue richieste sono i pianti, i pianti molto personali, degli uomini nel dolore. E quando è arrabbiato la sua rabbia è quella di una 
    moltitudine. Lui è un uomo senza tempo, fuori dal tempo, perché canta di valori umani.” 
    Personaggio contraddittorio sia a livello umano sia artistico (ha alternato capolavori ad album mediocri o trascurabili), una vita unica e irripetibile, Ray Charles ha attraversato epoche diversissime e segnate da cambiamenti radicali, quasi incurante, talvolta perfino sprezzante, con la tipica risata e sempre a testa alta. 
    Una storia tutta americana, la sua, a volte difficilmente comprensibile in un'ottica attuale o rispetto a concetti etici e morali convenzionali, tuttavia ci troviamo di fronte a chi è stato soprannominato The Genius. Ogni altro discorso è superfluo.
    Show book
  • Maneggiare assoluti - Immanuel Kant Primo Levi e altri maestri - cover

    Maneggiare assoluti - Immanuel...

    Luciano Dottarelli

    • 0
    • 0
    • 0
    La filosofia, anche quella più incline a farsi coinvolgere nell’impresa di estinguere la sete dell’assoluto, contiene in sé, nella propria vocazione alla ricerca di una comune verità mediante il dialogo, un antidoto indispensabile al rischio (auto)distruttivo che può annidarsi in ogni tentativo umano, tanto umano di cogliere la totalità, l’infinito, Dio. Anche le grandi tradizioni religiose, quelle che da secoli sono impegnate a tracciare sentieri, trovare parole, celebrare liturgie per saziare la fame di assoluto che agita il cuore e la mente degli uomini, non possono fare a meno di intessere un intenso dialogo con questa tradizione di ricerca, soprattutto nei momenti cruciali, quando diventa urgente addomesticare i dèmoni (fanatismo, intolleranza, totalitarismo) che una frequentazione inadeguata del sacro può evocare. La consapevolezza che anche la filosofia non possa dichiararsi storicamente innocente non cancella ma spinge a ritrovare sempre di nuovo la vocazione più profonda di quest’originale forma di esercizio spirituale: una ricerca appassionata del bene e della verità, capace di resistere alla suggestione del possesso compiuto e di mantenersi in quella apertura alla possibilità dell’errore che è presidio di autentica libertà per sé e per gli altri. Nel cammino per apprendere quest’arte di maneggiare gli assoluti, diventa allora importante scegliere con cura i propri maestri, frequentare l’orto che hanno seminato, imparare a usare gli arnesi che hanno adoperato, per diventare capaci di costruirne di nuovi, quelli che si rendessero necessari per coltivare il campo della propria personale esperienza di vita.
    Show book
  • La Magnifica Illusione - Giorgio Gaber e gli anni '70 - cover

    La Magnifica Illusione - Giorgio...

    Nando Mainardi

    • 0
    • 0
    • 0
    Nel 1970 Giorgio Gaber abbandona il mercato discografico e la televisione per dedicarsi al teatro: è l’anno de Il Signor G. E’ l’inizio di una fase totalmente nuova, in cui il cantautore milanese sceglie di confrontarsi attraverso i suoi spettacoli con il pubblico – costituito in gran parte dai giovani protagonisti del Sessantotto – sulla possibilità effettivamente di cambiare il mondo. 
    “La magnifica illusione” è la storia di Giorgio Gaber, ovvero di un ragazzo che voleva fare il rock and roll, che ha contribuito “all’invenzione” della canzone d’autore ed è andato ben al di là dell’etichetta di “cantautore”, fino a diventare un intellettuale e un divulgatore provocatorio e mai scontato. 
    Difficile, oggi, pensare che un cantante possa aver fatto tutto questo. Difficile pensare che c’è stata un’epoca in questo Paese, non tanti anni fa, in cui tante e tanti credevano che la rivoluzione fosse dietro l’angolo.
    Show book
  • La filosofia non nasce con Talete - E nemmeno con Socrate - cover

    La filosofia non nasce con...

    Livio Rossetti

    • 0
    • 1
    • 0
    Il volume, scritto da Livio Rossetti - uno specialista di storia della filosofia antica, che è stato professore all'Università di Perugia -, mette in discussione la tradizionale indicazione di Talete come primo filosofo e propone una nuova visione delle origini e della "preistoria" della filosofia in Grecia, sul fondamento di precise argomentazioni ben fondate sui fatti. Scritto in modo semplice e adatto ad un vasto pubblico, ha però il rigore delle opere di filosofia scritte da specialisti.
    Show book
  • Amore e Rabbia - Il racconto della mia vita - cover

    Amore e Rabbia - Il racconto...

    Massimo Priviero

    • 0
    • 0
    • 0
    Amore e rabbia è la fotografia di un uomo felicemente fuori dagli schemi: non etichettabile, solitario, intimamente forte, saldo e, tuttavia, assai emotivo. Massimo Priviero – una vita fatta di vittorie e sconfitte, cadute e ripartenze – ha tenacemente seguito per trent’anni la sua vocazione in costante equilibrio tra musica e poesia e questo libro racconta tutto ciò. Il romanzo di un’esistenza, tra autocoscienza e autobiografia, dove l'amore per il rock d’autore si mescola, con sincerità e struggimento, a quello per il socialismo rosselliano. Dove Bob Dylan e Bruce Springsteen, amori giovanili, convivono armoniosamente con Mario Rigoni Stern e Roberto Baggio. Elaborato durante un inverno in riva al mare Adriatico, dove il viaggio ha avuto inizio, questo lavoro si nutre altresì degli echi delle nebbie dei navigli milanesi. Se scrivere questo libro per Priviero è stata una scommessa, si può solo dire che l'ha vinta.  
    Amore e rabbia si completa con la prefazione di Matteo Strukul, che proprio dieci anni fa iniziava la sua brillante carriera letteraria pubblicando la biografia di Massimo. Un altro legame forte in questa storia di successi. 
     
    MASSIMO PRIVIERO  
    Massimo Priviero, una vita e trent’anni di carriera vissuti in felice equilibrio tra musica e poesia. 15 album pubblicati, in Italia e non solo, da San Valentino (1988) fino al recente All’Italia, alcuni dei quali entrati nelle classifiche dei dischi più venduti. Su di lui è stata scritta nel 2009 da Matteo Strukul una biografia, più volte ristampata: Nessuna resa mai (Meridiano Zero). Origini veneziane, di Jesolo in particolare, è milanese d’adozione. Un’esistenza scandita da album scritti, incisi e suonati in mille e più concerti a ogni latitudine e tanti premi all’attivo. Uomo sempre attento a difendere la propria libertà d’espressione, di interessi e di valori, Priviero vanta anche una laurea in storia contemporanea.
    Show book
  • I miei occhi hanno visto - Storie di sguardi ed emozioni di viaggiatori e migranti - cover

    I miei occhi hanno visto -...

    Giorgia Miazzo

    • 0
    • 1
    • 0
    In questo libro vengono pubblicati 35 racconti di viaggio che l’autrice, Giorgia Miazzo, ha scritto in un arco di tempo di 15 anni che l’hanno vista viaggiare tra l’Europa, le Ame-riche e l’Africa. Sono testimonianze personali realizzate nella forma di articoli dove vengono narrate le vicende, gli sguardi e le emozioni delle persone, popoli, civiltà incontra-te nel suo continuo muoversi. I testi raccolti in questo libro sono soprattutto riflessioni sul senso del viaggio e del viag-giare, considerazioni che si allargano ai temi della storia, della geografia, della cultura, dell’emigrazione e del viag-gio come necessità. 
    Viaggiare significa prendere la valigia, armarsi di coraggio e passione per andare a conoscere angoli del mondo per noi esotici, vivere esperienze dirette con le comunità locali, co-noscere per apprendere, offrire una parte di sé per comple-tarsi. L’autrice, nella sua narrazione, indirizza spesso il suo pensiero verso i migranti, perché possiedono una forza e integrità che sono ormai rare e una sensibilità e pienezza identitaria a cui non è possibile rimanere indifferenti. 
    Il libro di Giorgia Miazzo è ricco di umanità e possiede il raro dono di coinvolgere completamente il lettore, di ren-derlo partecipe alle emozioni e riflessioni che in questo te-sto si incontrano in ogni pagina.
    Show book