Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
La Vecchia dei camini - Vita pubblica e segreta della Befana - cover

La Vecchia dei camini - Vita pubblica e segreta della Befana

Carlo Lapucci

Publisher: Graphe.it edizioni

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Chi è la Befana? Tutti sapremmo rispondere a questa domanda, ma nel farlo ci renderemmo conto di quanto la questione sia in realtà complessa. Carlo Lapucci si fa carico di dare tutte le spiegazioni: da dove arriva questa figura tradizionale, composta di tratti pagani e cristiani, mescolata con il culto dei defunti e la celebrazione delle stagioni, espressione di figure bibliche come di forze simboliche ancestrali? Quali sono, nelle varie versioni della leggenda, le sue caratteristiche, le sue abitudini, com’è fatta la sua casa, chi sono i suoi aiutanti? Con attenzione antropologica ma andamento leggero, questo piccolo saggio esamina e racconta ogni segreto sulla Vecchia dei camini.

Other books that might interest you

  • Cosa resta dell'informazione - Kosovo e oltre - cover

    Cosa resta dell'informazione -...

    Pina Lalli

    • 0
    • 0
    • 0
    Cosa resta del Kosovo oggi? Qualche anno fa le pagine di giornali e telegiornali ci parlarono di questa “guerra umanitaria”, ci raccontarono gli episodi che parevano cruciali, gli “incidenti”, le bombe, la “resa” del dittatore. Oggi, di come si viva in Kosovo e di cosa ne sia stato del Kosovo poco o nulla sappiamo, almeno dai resoconti dei media, intrisi come sono nei loro criteri di “notiziabilità” che rendono poco attuale la vicenda adducendo spesso la ragione di non voler saturare i propri lettori o spettatori.
    Show book
  • Occhi nel deserto - Gandhi nel deserto di Sinai - cover

    Occhi nel deserto - Gandhi nel...

    Alganesh Fessaha

    • 0
    • 0
    • 0
    Un dramma che si consuma nel quadro di una più vasta e diffusa vittimizzazione dei migranti, facili prede di rapine, sfruttamento e violenza nel corso di viaggi difficili e pericolosi, ma con un aggravio di ferocia e di avidità che lo rende, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, uno dei peggiori traffici di esseri umani di questo secolo.
    Show book
  • Maestro Silenzio - cover

    Maestro Silenzio

    Lucio Gallo

    • 0
    • 0
    • 0
    “Maestro Silenzio” è un percorso esperienziale e desidera portare una testimonianza attiva e pratica dal “Mondo Scuola”.
    Utilizzabile anche come manuale per “insegnare” o “raccontare” attraverso parole semplici e agili l’importanza e l’uso 
    che si può fare del silenzio traendone spunto per varie realtà.
    E' un testo che può aiutare a costruire un ponte di comunicazione tra le tante culture con cui ogni giorno ci troviamo a convivere.
    Show book
  • Dialogo delle lingue - cover

    Dialogo delle lingue

    Sperone Speroni

    • 0
    • 0
    • 0
    Pubblicato nel 1542, questo dialogo espone le teorie sulla lingua italiana che, già dal secolo precedente, presero forma, cercando di trasformare il volgare italiano, ancora instabile grammaticalmente, in una vera e propria lingua regolata da norme. I protagonisti del dialogo sono: Bembo (Pietro Bembo), sostenitore del volgare colto e che prende come modelli il Decameron del Boccaccio e il Canzoniere del Petrarca; Lazaro (Lazzaro Bonamico), cultore del latino e spregiatore dell'uso colto del volgare; un Cortegiano, portavoce della teoria di Baldassarre Castiglione, che propone di aprire il volgare di base toscana alle influenze di altre regioni e lingue; uno Scolare che riporta un dialogo tra Lascari (Giano Lascaris), professore di greco, sostenitore dell'indissolubilità tra concetto e parola, e Peretto (Pietro Pomponazzi - detto Peretto per la bassa statura), filosofo aristotelico, che auspica l'utilizzo del dialetto nell'esercizio dell'attività speculativa, per non perdere tempo inutile nello studio delle parole a scapito delle "cose".(Summary by Riccardo Fasol)
    Show book
  • La Globalizzazione della Nato - Guerre imperialiste e colonizzazioni armate - cover

    La Globalizzazione della Nato -...

    M. Darius Nazemroaya

    • 0
    • 0
    • 0
    Originata dalla Guerra Fredda, l’esistenza della North Atlantic Treaty Organization era giustificata quale argine di difesa nei confronti di ogni minaccia sovietica nei confronti dell’Europa Occidentale. Tale ragion d’essere è da lungo tempo svanita con il collasso dell’Unione Sovietica e la fine della Guerra Fredda. Nonostante ciò la NATO ha continuato a espandersi senza sosta proprio verso Est, in direzione del suo antico nemico. La Jugoslavia in particolare ha costituito un punto di svolta per l’Alleanza Atlantica e il suo mandato. 
     
    L’organizzazione ha mutato il proprio quadro strategico da difensivo in offensivo sotto il pretesto dell’umanitarismo. Proprio partendo dalla Jugoslavia la NATO ha intrapreso il proprio cammino verso la globalizzazione, andando a interessare un’area di operazioni più estesa al di fuori del continente europeo. 
     
    Assurta via via sempre più a simbolo del militarismo statunitense e della diplomazia dei missili, la NATO ha agito come braccio del Pentagono ed è stata dislocata nelle zone di combattimento dove sono stati impegnati gli Stati Uniti e i loro alleati. 
     
    Dov’è finito l’originario scopo difensivo per cui la NATO è stata creata ? Quali sono i progetti occulti che sottendono a questa organizzazione?
    Show book
  • I Nuovi Sovrani del Nostro Tempo: Amazon Google Facebook - Cosa vogliono? Vanno fermati? - cover

    I Nuovi Sovrani del Nostro...

    Jonathan Taplin

    • 0
    • 0
    • 0
    Quando il nostro modo di navigare online (e non solo) ha cominciato a essere condizionato da Amazon, Google e Facebook? 
    Chi ha permesso una crescita senza precedenti di queste potentissime aziende con grosse conseguenze per tutti noi (dalla pirateria in ambito editoriale, musicale e cinematografico alla riduzione della nostra privacy)? 
    Perché oltre 50 miliardi di dollari all’anno sono passati dalle mani di artisti, editori, scrittori, musicisti a quelle delle piattaforme digitali monopolistiche di proprietà di questi colossi? 
    E come mai nessuno si è opposto a questi cambiamenti generando così uno squilibrio di potere che ha portato Amazon, Google e Facebook a godere di un’influenza in campo politico pari a quella dei colossi petroliferi (Big Oil) e farmaceutici (Big Pharma)? 
    Jonathan Taplin in questo suo libro - in America noto come 'Move Fast and Break Things' - descrive in maniera chiara e appassionante queste grandi aziende, come sono nate, chi le controlla, quali sono i loro veri obiettivi e soprattutto si chiede se è il caso di fermarle e come. 
     
    L'Autore 
    Jonathan Taplin è Direttore emerito del Laboratorio Annenberg per l’innovazione dell’Università della California del sud ed è stato in passato organizzatore dei tour musicali per Bob Dylan e la Band, oltre che produttore cinematografico in collaborazione con Martin Scorsese. Esperto dei media digitali di intrattenimento, Taplin è membro dell’accademia di arte e scienza cinematografica, esponente dell’Unità operativa per la banda larga in California nonché del Consiglio per la tecnologia e l’innovazione istituito dal sindaco di Los Angeles Eric Garcetti. 
    Grazie a questo libro milioni di persone in tutto il mondo stanno scoprendo chi sono i nuovi padroni del nostro tempo e i pericoli che la democrazia sta correndo.
    Show book