A world full of adventures is waiting for you!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Uovo di Ruha - Breve Favola dell'Uovo di Ruha - cover

Uovo di Ruha - Breve Favola dell'Uovo di Ruha

Baltasar

Publisher: Aurelio Aceto

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Uovo di Ruha (Breve Favola dell'Uovo di Ruha) in edizione multilingua: italiano, francese, polacco, inglese e russo.

...Ognuno di noi nasce in un contesto che è il proprio, che è suo, e di nessun altro. Potrà apparire, la propria vita, la propria esistenza, simile a quella di qualcun altro, mentre invece essa è, pur nell’apparente piccolezza e apparente anonimato, unica e irripetibile ...Chacun entre nous naît dans un contexte qui est le sien, qui n’appartient qu’à lui seul et à personne d'autre. Sa propre vie, sa propre existence, pourra apparaître, semblable à celle de quelqu'un d'autre, tandis qu’elle est, même si dans la modestie apparente et l'anonymat apparent, unique dans son genre...Każdy z nas przychodzi na świat w przeznaczonym mu otoczeniu, środowisku, które jest jego i tylko jego. Życie nas wszystkich może wydawać się podobne do życia innych, jednakże jest wyjątkowe 
i niepowtarzalne...Each of us is born in a context that is ours. It is ours, and of nobody else. It may appear, one’s own life, one’s own existence, similar to that of someone else, but is instead ours, even in the apparent smallness and apparent anonymity, unique and unrepeatable ...Каждый из нас рождается в контексте, который является своим собственным, ничьим иным. Собственная жизнь, существование может показаться похожей на другие, но она даже при кажущейся незначительности и анонимности уникальна и неповторима.

"The Critics Award for the Theatre section is assigned to the "Short tale about Ruha’s Egg" A. A. (Chieti, Italy). This theatrical play is beautiful and meaningful and A. A. is the author of both the text and words, and of scenografy by Baltasar (A.A.).
Particularly prominent figure, definitely aiming at rethinking and evolving everything that is considered vital essence in conceptual relationships between culture and communication. For this reason, his work explores the idea in parallel terms of analysis and perception. His plays are highly original. The author is able to emphasize the component immanent / transcendent human being " (Unicorno 2016, Rovigo, Italy)

Other books that might interest you

  • Senza padre e madre né rimorsi - La vera storia di Salvatore Corbello - cover

    Senza padre e madre né rimorsi -...

    Sergio Covelli

    • 0
    • 0
    • 0
    Salvatore Corbello, un giovane psicolabile calabrese, ricostruisce i suoi ultimi anni nel mondo dei sani di mente attraverso l’estenuante ricerca della verità scritta in uno stile bulimico e allucinato, ma sempre ironico e divertito. 
    Anni in cui smette di assumere psicofarmaci e rovina per sempre il rapporto che ha con la propria famiglia, tanto da sceglierne un’altra composta dai suoi migliori amici. 
    I quattro, fragili creature vittime di un contesto arretrato, difficile e indifferente, formano una banda irriverente e autarchica, fanno del loro legame l’unica ragione di vita e consumano il loro tempo mettendo in atto una serie di folli goliardate. 
    Ma il passaggio dalla minore alla maggiore età non sarà facile per Salvatore, alle prese con il Sud, quello delle dure periferie, con il rendersi conto di quanto l’amore sia smisuratamente più devastante dell’amicizia e con la sua solitaria battaglia contro la teoria psichiatrica della pazzia...
    Show book
  • Prima durante Invece del restauro - cover

    Prima durante Invece del restauro

    Chiara Lodi, Cristiana Sburlino

    • 0
    • 0
    • 0
    Sesto congresso internazionale colore e conservazione materiali e metodi nel restauro delle opere policrome mobili
    Show book
  • Criteri primari di metodologia pianistica - cover

    Criteri primari di metodologia...

    Carlo Grante

    • 0
    • 0
    • 0
    Un'efficace metodologia di apprendimento è cruciale per il pianista professionista. Ma come rendere più efficace e veloce il metodo di studio? I ventidue criteri qui esposti sono altrettanti distillati epistemologici, progettuali, pragmatici, metodologici, che forniscono una guida continua su come, cosa e soprattutto perché si impara.
    
    L'autore, che vanta un impegno continuo - in sede concertistica e discografica - condensa in forma organica tutti i parametri implicati in quel complesso ed affascinante atto dell'apprendere e della preparazione, cui il pianista fa affidamento in sede esecutiva. 
    
    Il trattato è un invito a suonare "prima nella mente, poi con le dita" ed uscire dalla nevrosi della separazione mente-corpo cui il "discorso tecnico" porta in molti pianisti.
    Show book
  • Prove di Drammaturgia n 1-2 2017 - Teatro che cresce Audience development formazione cultura del progetto - cover

    Prove di Drammaturgia n 1-2 2017...

    Gerardo Guccini, Nicola Bonazzi,...

    • 0
    • 0
    • 0
    Già variamente presenti nell’attività di gruppi di base sorti in Italia negli anni 70 del Novecento, le pratiche che traspongono la realtà del sociale all’interno del “fare teatro” sono andate imponendosi sempre di più a partire dagli esordi del nuovo millennio, suscitando linguaggi, drammaturgie e processi formativi, modalità inedite di essere o diventare attore. Si sta così definendo una civiltà teatrale rispondente alle esigenze poste, in ambito europeo, dalle tematiche dell’inclusione sociale, dell’educazione alla cittadinanza e dell’audience development: le competenze attivate da tali prospettive si fondano soprattutto sull’attitudine a considerare lo spettacolo come momento di una logica progettuale socialmente diffusa (e non come esito di un sistema produttivo) e sulla pratica laboratoriale in quanto dispositivo di forze molteplici (artistiche, socializzanti, identitarie e, in ultimo, di meticciato culturale). Questo numero doppio di «Prove di drammaturgia» (numeri 1-2, dicembre 2017) intende delineare una mappa non esaustiva ma il più possibile articolata del quadro odierno, italiano ed europeo, attraverso riflessioni teoriche, narrazioni di esperienze e presentazione di percorsi progettuali.
    Show book
  • Britannica - Dalla scena di Manchester al Britpop - cover

    Britannica - Dalla scena di...

    Alessio Cacciatore, Giorgio Di...

    • 0
    • 0
    • 0
    Una storia che si snoda in una decade di nuova creatività musicale, rivolgimenti sociali e contraddizioni. 
    Oasis, Blur, Stones Roses, Joy Division, La Factory Records, FAC 51 The Hacienda, Creation records e tutti I più conosciuti protagonisti della scena sono raccontati nel contesto di un’Inghilterra in fermento tra la Thatcher e Blair. 
    Oltre 500 schede di altrettanti gruppi “Illustri” ma sconosciuti completano un libro indispensabile per conoscere i 10 anni tra il 1988 e il 1998 e la musica che li ha attraversati.
    Show book
  • I famosi impermeabili blu - Leonard Cohen Storie interviste e testimonianze - cover

    I famosi impermeabili blu -...

    Massimo Cotto

    • 0
    • 0
    • 0
    “Un nomade dell'anima, che nella meditazione trova una strada laica, o meglio umana. Perché, tra metafore colte e citazioni sacre, Cohen canta le piccole cose dell'uomo. Quindi nulla di più terreno ma al contempo di più inafferrabile ed eterno.Ci siamo tutti trovati, metafore a parte, a rifletterci a specchio in domande troppo grandi per comprendere ed elaborare i nostri dolori e le nostre gioie. Magari stretti in un usato impermeabile blu, all'angolo di un'altrettanto usata città. A guardare l'inverno che passa, a raccogliere i frammenti di un'amicizia finita, di una solitudine quieta, di un amore infedele che, ormai, è quello che è.”Dalla prefazione di Enrico de Angelis.Massimo CottoE’̀ nato ad Asti il 20 maggio 1962. Toro di segno zodiacale e di fede calcistica, si eccita indistintamente con Kim Basinger in 9 settimane e 1⁄2 e gli agnolotti al plin, Nastassja Kinski in Paris, Texas e Paolo Pulici sempre, Istanbul e Quentin Tarantino, gli Stones e Sam Shepard, Tom Waits, Hemingway e tutto il rock che gli ha salvato la vita. È affascinato dai miti anche se spesso è assediato dai mitomani, alle cubane preferisce i cubani (intesi come sigari), detesta aglio, cipolla, trippa e la “d” eufonica. Ha un approccio feticista a ogni cosa della vita, anche se in un campo è più accentuato. I comici lo rendono triste, in compenso ride inspiegabilmente appena si sveglia e piange ogni volta che ascolta Redemption Song, da cui si arguisce che non è molto intelligente, ma è felice che la gente non se ne sia ancora accorta. Nell’attesa che ciò accada, scrive libri, conduce Rock Bazar su Virgin Radio, dirige il festival di Castrocaro e il Premio De André, scrive testi teatrali, fa l’Assessore alla Cultura e alle Manifestazioni della città di Asti e cerca di imparare a non starnutire ogni volta che vede il sole. Per Vololibero ha scritto Pleased to meet you, Rock Bazar e Rock Bazar Volume Secondo.
    Show book