Discover a world full of books!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced
Rock'n'Goal - Calcio e musica Passioni Pop - cover

Rock'n'Goal - Calcio e musica Passioni Pop

Antonio 'Tony Face' Bacciocchi, Alberto Galletti

Publisher: Vololibero

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Pallone e musica, passioni vicine, destini intrecciati, un legame sottile, che comunque insegui, tra una storia e l’altra, tra una nota e l’altra. Di esempi ce ne sono tanti, a cominciare dalle stesse espressioni che noi giornalisti sportivi usiamo per descrivere una partita. “Pirlo orchestra l’azione”, “il Milan impone un cambio di ritmo alla gara”, “e lì in mezzo, a destra, a sinistra; il sempiterno Zanetti che canta e porta la croce”, “stecca la coppia dei sogni, anche azzurri, Balotelli-El Shaarawy”. Gergo musicale, segno di un’adiacenza che sorprende. O forse no.

Other books that might interest you

  • Il Trattato della Pittura di Leonardo da Vinci tradotto in italiano moderno - cover

    Il Trattato della Pittura di...

    Simone Casu

    • 0
    • 0
    • 0
    Il Trattato di Pittura di Leonardo Da Vinci riscoperto sotto nuova luce. 
    Un tesoro della conoscenza dell’arte che si era perduto per la sua inacessibilità stilistica ed espositiva è oggi finalmente accessibile a tutti. 
    Dopo un attento e lungo lavoro di traduzione e di riorganizzazione del testo si ha la possibilità di cogliere ’acutezza, l’ironia e i profondi insegnamenti del più 
    geniale maestro del rinascimento. 
    Quest’operazione di adeguamento dello stile e dei contenuti, che restituisce in forma chiara e semplice il 
    Trattato della Pittura alle generazioni del terzo millennio, ha il gusto delle grandi scoperte dei tesori nascosti ritrovati tra le cose che sempre abbiamo avuto vicine, ma, 
    per la loro difficile comprensione, sono rimaste ignorate  per intere generazioni. 
     
    Simone Casu, artista, ricercatore didattico, insegna discipline artistiche specializzandosi nello 
    sviluppo della spiritualità nell’arte e fondando l’Istituto ESTETRA. Elabora i metodi VE.SE.DI. (Vedere 
    Sentire Dipingere) ed ES.TE.TRA. (Espressione Tecnica Trascendenza). 
    é autore con Giovanni Spinicchia, sempre con Macro Edizioni, del libro “Impara a Disegnare col metodo VE.RA.DI. (vedere Ragionare Disegnare).”
    Show book
  • Luce Attiva - Questioni della luce nel teatro contemporaneo - cover

    Luce Attiva - Questioni della...

    Crisafulli Fabrizio

    • 0
    • 0
    • 0
    Il libro rilegge, dal punto di vista delle poetiche della luce, alcune importanti vicende della messinscena teatrale occidentale del Novecento, dai grandi riformatori di inizio secolo fino ad artisti contemporanei quali Josef Svoboda, Alwin Nikolais, Robert Wilson. Non per delineare una storia in qualche misura organica della luce teatrale, ma per tentare di individuare, riguardo al suo uso, delle questioni di base. Le problematiche della luce vengono liberate dai contesti circoscritti della tecnica e dell’immagine nei quali restrittivamente finiscono spesso per venir relegate, ed indagate in ambiti come quelli della struttura spazio-temporale dello spettacolo, della costruzione drammatica, della creazione poetica, dell’azione, del rapporto con il performer. Una parte dedicata al lavoro teatrale dell’autore documenta il punto di vista peculiare che sta alla base del volume, interno ai processi creativi e al rapporto operativo con la tecnica.  
    Il titolo “luce attiva” è un riferimento diretto ad Adolphe Appia, che alla fine dell’Ottocento fu tra i primi ad affrontare in maniera precisa – con i propri scritti e con le proprie creazioni – la questione della luce quale questione artistica del teatro. Per Appia lumière active era la luce scenica “propriamente detta”: luce espressiva e creatrice di forme; luce come materia poetica e sostanza drammatica.
    Show book
  • Tutto Quello che Dovete Sapere per Fare Musica - ma che non avete mai osato chiedere - cover

    Tutto Quello che Dovete Sapere...

    Sandro Pasqual

    • 0
    • 0
    • 0
    La musica è un fatto culturale, certo, ma oggi anche una straordinaria opportunità di lavoro che può dare grandi soddisfazioni, anche economiche. Le regole del "mondo della musica" sono però un po' più complicate di quanto si pensi, e talvolta sembra difficile districarsi tra suoni oscuri (SIAE, SCF, IMAIE, ENPALS).
    
    Questo libro è una guida che prende per mano un esordiente e lo conduce a visitare una per una tutte le "stanze del mistero", facendo di un dilettante un professionista del settore. Ma è anche una raccolta di domande, e di risposte, per soddisfare la curiosità o la necessità di chiunque viva per la musica, con la musica.
    Show book
  • Tanti Auguri A Te - cover

    Tanti Auguri A Te

    traditional

    • 0
    • 0
    • 0
    Questo spartito contiene le note originali della canzone folk "Tanti Auguri A Te". Arrangiamento per piano, voce e chitarra, in Sol maggiore, livello facile con testo.
     // 
    This music book contains the original sheet music of the Folk Song "Tanti Auguri A Te" for Piano, Vocals and Guitar. Easy arranged in G major with lyrics.
    Show book
  • Le tecnologie digitali al servizio della conservazione - Dall’integrazione scultorea al restauro virtuale - cover

    Le tecnologie digitali al...

    Valentina Perzolla, Annalisa...

    • 0
    • 0
    • 0
    L’Italia è stata per decenni, se non per secoli, la patria del restauro e della conservazione.  
    Un ambito frizzante, ricco di idee e di personalità eccellenti per ingegno, abilità manuali e lungimiranza. Questo libro raccoglie gli atti del convegno, tenutosi a Vicenza il 19 marzo 2016, che si è proposto come un’occasione di aggiornamento e di rinvigorimento del settore, offrendo nuovi spunti per riportare l’Italia al centro dell’odierno dialogo internazionale in tema di conservazione. 
    Ciascuno può constatare l’innegabile effetto delle tecnologie digitali sulla quotidianità.  Che si legga il giornale attraverso il proprio cellulare, si utilizzi un social network per comunicare o si impieghi un software per redarre o modificare un documento, l’ausilio del vettore informatico e di quello tecnologico sono diventati pressoché indispensabili. 
    L’arte, che da sempre è pioniera e promulgatrice di materiali e strumenti innovativi, non è rimasta a osservare ed è entrata a far parte di questo spazio di sperimentazione. Lo stesso vale per la conservazione, anch’essa in continuo mutamento, la quale non solo impiega ma innova gli strumenti digitali presenti sul mercato. Se da un lato questi strumenti propongono nuove soluzioni e offrono opportunità, dall’altro introducono interrogativi e timori. 
    Per queste ragioni, questi atti, frutto di quella giornata seminariale, vogliono fornire una essenziale introduzione alle tecnologie digitali applicate ai beni culturali e alla conservazione.
    Show book
  • Prove di Drammaturgia n 2 2015 - Rivista di inchieste teatrali - cover

    Prove di Drammaturgia n 2 2015 -...

    Elena Di Gioia, Claudio Longhi

    • 0
    • 0
    • 0
    Il n. 2/2015 di Prove di Drammaturgia, a cura di Elena Di Gioia e Claudio Longhi, raccoglie gli atti e le testimonianze del convegno S-pettinare la realtà – sulle scritture di Elfriede Jelinek e del Festival Focus Jelinek-festival per città, dedicato all'autrice austriaca, restituendo la moltiplicazione di sguardi e voci che ha caratterizzato il progetto e rilanciando alcuni spunti di riflessione sui rapporti tra la scrittura di Elfriede Jelinek e gli artisti. 
     
    Il numero si struttura in cinque parti. 
    Nella prima sezione hanno sede gli atti del convegno, a cura di Elena Di Gioia e Claudio Longhi in collaborazione con CIMES Centro di Musica e Spettacolo - Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna, che ha visto la partecipazione di Luigi Reitani – che ha approfondito il rapporto tra i testi per il teatro di Elfriede Jelinek e le loro potenzialità realizzative –, di Rita Svandrlik – che ha rilevato come gli esperimenti linguistici dell'autrice creino cortocircuiti polifonici che rispecchiano il ruolo dell'individuo nella contemporaneità e lo portano a prendervi parte attiva –, di Marcello Soffritti e Elisa Balboni – che, dopo aver tradotto per Titivillus FaustIn and Out, hanno descritto i tranelli presenti nel testo e hanno fatto luce sui suoi molteplici sotto-testi –, di Gerardo Guccini – che ha mostrato come siano entrati in dialogo i testi di Elfriede Jelinek con gli artisti italiani –, di Silke Felber – che ha approfondito la genesi e i caratteri di uno degli ultimi testi dell'autrice, Die Schutzbefohlenen (I rifugiati coatti). 
     
    Nella seconda sezione del numero si trovano alcune interviste, a cura di Altre Velocità, alla curatrice del progetto Elena Di Gioia e agli artisti coinvolti Claudio Longhi; Andrea Adriatico; Fabrizio Arcuri; Enrico Deotti; Chiara Guidi; Chiara Lagani; Angela Malfitano; Nicola Bonazzi; Fiorenza Menni; conversazioni che accompagnano alla visione delle opere. 
     
    Una terza sezione è dedicata alle interviste che l'autrice ha concesso, nell’ambito del Focus Jelinek, ad Anna Bandettini e a Katia Ippaso e si conclude con una riflessione di Massimo Marino sull'idea di teatro e sull'utilizzo della parola “teatro” nel corpus di Elfriede Jelinek. 
     
    Infine, il numero volge alla conclusione con un dialogo tra Elfriede Jelinek e gli artisti italiani che hanno preso parte al progetto e che hanno avuto modo di porre all’autrice questioni “sommerse” dentro ogni opera, ricevendo dalla stessa autrice risposte ricche di aperture e riflessioni.  Il dialogo è stato appositamente creato e che qui trova la sua prima pubblicazione in Italia. 
     
    Chiude il secondo numero del 2015 di “Prove di Drammaturgia” uno scritto della stessa Elfriede Jelinek, una lettera all'Italia che ha saputo ospitarla tanto calorosamente dedicandole un intero Festival e questo numero speciale.
    Show book