The perfect plan for booklovers!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Due rive un solo fiume - Scienza e spiritualità come linguaggi universali - cover

Due rive un solo fiume - Scienza e spiritualità come linguaggi universali

Anna Benedetta Galazzo

Publisher: Anna Benedetta Galazzo

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Scienza e spiritualità sono due linguaggi uni-versali perché vanno nella stessa direzione e si integrano l’una con l’altra, lasciando scorgere il loro punto di fuga comune: la coscienza, il ponte tra Spirito e materia. La nuova scienza e le scoperte del mondo sub-atomico ci conducono verso un universo cosciente, lo stesso universo che tradizioni esoteriche e filosofie perenni hanno esplorato e descritto per secoli e millenni. Un universo non più fondato sulla materia ma sulla coscienza, il ponte finalmente in grado di unire due rive rimaste opposte per lungo tempo.

Other books that might interest you

  • Sam Cooke - Sono nato vicino al fiume - cover

    Sam Cooke - Sono nato vicino al...

    Alex Righi

    • 0
    • 0
    • 0
    Sam Cooke era nato vicino al grande fiume, il Mississippi, che per i credenti era il simbolo del fiume Giordano in Nordamerica. 
    E, fin da ragazzo, aveva la voce più bella di tutti i cantanti di gospel. Poi diventò una stella di quello che ancora non si chiamava soul, ma era già fortemente musica dell'anima. Morì in circostanze oscure e drammatiche, quando aveva appena cominciato a mostrare che cosa avrebbe potuto fare. Senza di lui, Aretha Franklin, Otis Redding e quasi tutti gli altri grandi del soul non sarebbero diventati ciò che sono diventati. 
    Sam Cooke - Sono nato vicino al fiume racconta la sua vita e la sua musica, fino all'apoteosi postuma di A Change Is Gonna Come, una canzone che ha letteralmente fatto la storia della comunità afroamericana, e non solo.
    Show book
  • Sessanta giorni - cover

    Sessanta giorni

    Alberto De Angelis

    • 0
    • 0
    • 0
    Sessanta giorni di isolamento, di assenza di spazio, di libertà. Alberto De Angelis ti racconterà la sua storia personalissima che si svolge in sessanta giorni. Tu, invece, in sessanta minuti puoi farti il regalo di un’esperienza particolare: questi sono i minuti necessari per leggere, o meglio vivere, il libro di Alberto. È un viaggio dal quale ritornerai con sguardo e linguaggio rinnovati. Dopo sessanta minuti, quella storia sarà anche la tua. Perché negarsi un regalo?
    Show book
  • Nina Simone - Il piano la voce e l'orgoglio nero - cover

    Nina Simone - Il piano la voce e...

    Gianni Del Savio

    • 0
    • 0
    • 0
    L’arte di Eunice “Nina Simone” Waymon, sfugge a ogni classificazione di genere. 
    In pochi anni, a partire dalla seconda metà dei ’50, quella timida, talentuosa ragazzina, pianista e poi anche cantante, nata nel ’33 a Tryon, North Carolina, diviene una delle figure più importanti e carismatiche della storia della black music, ma non solo. Dato il suo impegno per i diritti civili e razziali, per alcuni anni è anche la “voce del Movimento”, poco propensa a porgere l’altra guancia (“non sono non violenta” dirà a Martin Luther King), più vicina alle idee di Malcolm X e Stokeley Carmichael. 
    Grande talento e passione per la musica classica, messi al servizio di un’arte che tocca temi quali amore, solitudine, spiritualità, dignità, diritti, fino alla reincarnazione. Compone molto anche in proprio, e rielabora con grande inven- tiva alcune scritture di autori di diverso rango e stile, piegate alle sue esigenze espressive. 
    Passa dall’esaltazione e sicurezza di sé, allo sconforto, al senso di solitudine, costretta a difendersi dagli attacchi di paranoia e del frenetico e famelico mondo dello showbiz. Lascia una lunga scia di gioielli e qualche capolavoro, all’insegna dell’inimitabilità: eredità di una grande artista, scomparsa nel 2003. 
     
    Gianni Del Savio 
    Scopre la musica nera negli anni ’50. Prima recensione nel ’58, sul ciclostilato di classe. Catturato poi da soul e r&b, e loro radici gospel, blues, doo wop, e dai fermenti rock. Nel ’67 scrive il suo primo articolo professionale (Musica & Dischi) in omaggio a Otis Redding. Continua a diffondere quella passione: fanzine, schede enciclopediche per vari editori, collaborazioni giornalistiche (redattore del Buscadero), anche di festival (Porretta, Sestri Levante, Pesaro), titolare di trasmissioni radio (Radio Popolare, Milano), presentazioni e letture in materia. Non pensa di fermarsi.
    Show book
  • La Magnifica Illusione - Giorgio Gaber e gli anni '70 - cover

    La Magnifica Illusione - Giorgio...

    Nando Mainardi

    • 0
    • 0
    • 0
    Nel 1970 Giorgio Gaber abbandona il mercato discografico e la televisione per dedicarsi al teatro: è l’anno de Il Signor G. E’ l’inizio di una fase totalmente nuova, in cui il cantautore milanese sceglie di confrontarsi attraverso i suoi spettacoli con il pubblico – costituito in gran parte dai giovani protagonisti del Sessantotto – sulla possibilità effettivamente di cambiare il mondo.  
    “La magnifica illusione” è la storia di Giorgio Gaber, ovvero di un ragazzo che voleva fare il rock and roll, che ha contribuito “all’invenzione” della canzone d’autore ed è andato ben al di là dell’etichetta di “cantautore”, fino a diventare un intellettuale e un divulgatore provocatorio e mai scontato.  
    Difficile, oggi, pensare che un cantante possa aver fatto tutto questo. Difficile pensare che c’è stata un’epoca in questo Paese, non tanti anni fa, in cui tante e tanti credevano che la rivoluzione fosse dietro l’angolo.
    Show book
  • Obiettivo Siria - Come Cia dande criminali e Ong armano il terrorismo commettono crimini di guerra e falsano le informazioni manipolando l'opinione pubblica - cover

    Obiettivo Siria - Come Cia dande...

    Tony Cartalucci, Nile Bowie

    • 0
    • 0
    • 0
    Tony Cartalucci e Nile Bowie, due ricercatori indipendenti ed esperti di geopolitica, ci svelano, con una puntuale indagine giornalistica, la Grande Bugia nascosta dietro l’ennesimo conflitto “umanitario” che insanguina il Medio Oriente. La situazione è drammatica: il Paese si dibatte in un 
    cruento scontro civile, oggetto di spietati attacchi da parte di nemici interni ed esterni. La cosiddetta “rivolta siriana”, in realtà, fa parte di una cinica strategia occidentale, che si serve di provocatori, terroristi, fanatici fondamentalisti e ONG corrotte. L’obiettivo è quello di colpire uno Stato arabo indipendente, in cui la ricchezza generata dal petrolio viene impiegata per 
    finanziare lo stato sociale, proprio come avveniva in Libia prima che questa venisse annientata in modo analogo, con la compiaciuta adesione delle “petrolmonarchie” del Golfo e dei Paesi vicini, che partecipano al massacro come tanti sciacalli. La trama statunitense prevede quindi l’uso del terrorismo – tramite mercenari e irregolari, la “legione straniera” della CIA – per portare a compimento attentati e stragi di innocenti e poi addossare, servendosi della propaganda mediatica, la responsabilità della carneficina e della violazione dei diritti umani al governo preso di mira. 
    I mezzi di informazione credono a questa Grande Bugia e creano quindi una realtà falsificata, ragione per cui è impossibile farsi un’opinione propria, libera e indipendente. 
    Obiettivo Siria spiega come queste guerre architettate vengano messe in atto usando l’inganno, per 
    strumentalizzare gli istinti più nobili dell’animo umano e manipolare l’opinione pubblica internazionale e tutti coloro che altrimenti tenderebbero a contrastare l’intervento armato, fino a metterli al servizio dell’assassinio di massa e della dittatura globale del potere economico.
    Show book
  • Filosofia e speranza - cover

    Filosofia e speranza

    Diego Fusaro

    • 0
    • 0
    • 0
    Uno dei maggiori problemi irrisolti che Karl Marx ha lasciato in eredità ai suoi interpreti riguarda la legittimità della speranza in sede pratica e teoretica, tanto nella cornice del suo pensiero quanto nel più ampio orizzonte della filosofia. L’intera opera marxiana sembra enigmaticamente in bilico tra le opposte dimensioni della scienza e della speranza. La linea interpretativa adottata da Ernst Bloch e da Karl Löwith scorge in Marx il filosofo della speranza più che della scienza, riconoscendo nella sua riflessione un’ineludibile tensione utopica rispetto alla quale la scienza sarebbe un fenomeno secondario e funzionale. Entrambi sostengono la centralità del momento della speranza in Marx, ma in forza delle concezioni antitetiche di questo sentimento che essi fanno valere all’interno della propria riflessione filosofica, finiscono poi per valutarlo in maniera opposta.
    Show book