Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Critica del Liberalismo - La società non è un mercato - cover

Critica del Liberalismo - La società non è un mercato

Alain de

Publisher: Macro Edizioni

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Il concetto moderno di sviluppo 
è caratterizzato dall’inclusione sempre più vasta, 
nella logica commerciale, di cose o ambiti 
che in precedenza non vi rientravano. 
Tutto diventa merce monetizzabile, tutto diventa disponibile sul mercato. 
 
Persino i fini non economici sono perseguiti attraverso un’attività economica e la moneta standardizza tutte le attività umane, seguendo il principio del “mai abbastanza”. 
 
È ancora possibile impedire che il nostro pianeta 
e la nostra società si trasformino in un immenso mercato? 
Esiste un legame tra la propaganda liberalista 
e il cosiddetto pensiero unico? 
Alain De Benoist dimostra come il liberalismo sia la dottrina filosofica, economica e politica dominante e che, pertanto, deve essere studiata e giudicata con un’analisi critica stringente. 
 
Sfruttamento del lavoro, trasformazione del soggetto in oggetto, solitudine di massa, crollo della vita interiore, condizionamento pubblicitario, tirannia della moda, scomparsa dell’intimità, menzogna mediatica, controllo sociale, regno del politicamente corretto. 
Tutto questo fa parte di un sistema contemporaneo fortemente influenzato dal pensiero liberalista che, come ogni ideologia dominante, è anche l’ideologia della classe dominante.

Other books that might interest you

  • Chiamami Alex - cover

    Chiamami Alex

    Lynda Johnson Vitali

    • 0
    • 0
    • 0
    Chiamami Alex è la storia di chi ha superato ostacoli e vinto pregiudizi riconoscendo ogni potenziale di se stesso e mettendolo in pratica nella vita di tutti i giorni.È la storia reale di chi, pur affetto da Sindrome di Down, ha raggiunto una vita autonoma, non certo diversa da qualsiasi altro cittadino.Chiamami Alex è una storia di cooperazione, unità valori.È la storia di un uomo di 30 anni che non accetta soprannomi o appellativi e vuole essere chiamato per nome, perchè Alex è il suo nome.
    Show book
  • Come costruire un portale per la città - cover

    Come costruire un portale per la...

    Matteo Valtancoli

    • 0
    • 0
    • 0
    La crescita della distanza tra i bisogni sociali e l’offerta dei servizi socio-sanitari di Comuni e Asl si sta accompagnando alla formazione lenta ma progressiva di un secondo Welfare: un’offerta di accesso a servizi generati all’interno delle comunità territoriali e urbane da associazioni e cooperative sociali, ma anche da parte degli stessi portatori dei bisogni sociali. 
    Questi mondi però faticano a riconoscersi ed intrecciare le loro offerte, cosa che invece potrebbe creare percorsi di accesso, prestazioni e sedi di aiuto sociale inaspettate ed a costi decisamente contenuti. Per consentire tale dialogo, che è in grado di rafforzare la libertà e il diritto di scelta di ogni persona in rapporto ai bisogni di cui è portatore, occorrono nuovi strumenti informativi e comunicativi, facilmente accessibili, che consentano ai servizi sociali di conoscere come cambia la domanda di Welfare, e ai cittadini di conoscere l’offerta espressa sia dalle istituzioni pubbliche che dagli organismi sociali attivi nelle comunità di appartenenza. 
    Da ciò l’ideazione - a cui si aggiunge una prima sperimentazione - di un «portale» di accesso e di fruizione dei servizi sociali offerti su un territorio e in una comunità. Una opportunità per rendere possibile la qualificazione ulteriore dei servizi erogati dalle istituzioni e la diffusione di quelle nate col concorso di gruppi, associazioni di volontariato e di promozione sociale e vere e proprie imprese sociali, come le cooperative sociali, attive nei territori e nelle comunità.
    Show book
  • Nella mente del bambino - Come si sviluppa il nostro cervello - cover

    Nella mente del bambino - Come...

    Tiziana Cotrufo

    • 0
    • 0
    • 0
    Durante il secondo trimestre di gravidanza, il cervello del feto "fabbrica", ogni minuto, circa 20.000 nuovi neuroni. Qualcosa di più di un milione all'ora. A cinque mesi di vita, la corteccia cerebrale ha già raggiunto i 10.000 milioni di neuroni, che continueranno ad aumentare a un ritmo vertiginoso. Tanto che, tra i 4 ei 12 mesi di vita, i bambini hanno il 50% in più di sinapsi degli adulti.
    Bastano questi pochi dati per capire il fascino destato da tutto ciò che riguarda lo sviluppo del cervello, soprattutto per i genitori dei piccoli cervelli in formazione. Ma quello stesso interesse fa sì che a volte proliferi ogni genere di informazione a riguardo, che addirittura promette la possibilità di "programmare" le menti dei bambini, come se si trattasse del manuale di istruzioni di un computer.
    Come sottolinea Tiziana Cotrufo, neuroscienziata e madre di due bambine, se c'è un momento nella vita in cui l'analogia tra cervello e computer è particolarmente inadeguata è proprio l'infanzia. Lo scopo di questo libro è molto più modesto. Invece di ricette infallibili, si propone come una raccolta di quello che a oggi sappiamo scientificamente sul cervello del bambino e sul suo sviluppo: dalla gestazione nel ventre materno all'adolescenza, con particolare enfasi sul ruolo dei cosiddetti "periodi critici" per l'acquisizione delle capacità fondamentali (apprendimento, memoria, linguaggio, calcolo...).
    SULLA COLLEZIONE: Scoprire la scienza è una serie di divulgazione scientifica, in cui alcuni dei migliori docenti, ricercatori e divulgatori presentano in modo chiaro e piacevole, le grandi idee della scienza.
    Show book
  • Virus virale - Responsabilità sociale della comunicazione e dell’informazione - cover

    Virus virale - Responsabilità...

    Federico De Rossi

    • 0
    • 0
    • 0
    In un mare di notizie ambigue, troppo spesso reiterate con l’intento di scuotere l’opinione pubblica, più che di trasmettere l’intrinseca essenza del sapere, la Casa Editrice Scientifica Sorbello è lieta di proporre ai suoi lettori questo testo che giunge come uno strumento socio-culturale, fondamentale per orientarsi tra paure, dubbi e timori oggettivamente presenti e amplificati quando un’intera nazione viene coinvolta e sottoposta ad un regime di pandemia. 
    Un libro che, come si evince dal titolo stesso, affronta le ripercussioni del Covid-19, non solo da un punto di vista tecnico-scientifico, ma, in modo particolare, nel suo riscontro psico-sociale.
    Show book
  • Il pensiero oltre la siepe - Un punto di vista diverso - cover

    Il pensiero oltre la siepe - Un...

    Giuseppe Caruso

    • 0
    • 0
    • 0
    “Nella vita non esiste nulla al di fuori di noi stessi e il sentire attraverso il pensiero emotivo è solo fine a se stesso. Il pensiero ha ali per volare ovunque, al di là del bene e del male, ma finché è ancorato al corpo, lacci e catene lo trattengono. (...) L’Homo sapiens si distingue dagli altri animali per lo sviluppo di una parte frontale del cervello adibita ai processi cognitivi, al pensiero. La capacità di riflettere sui concetti, analizzare i problemi e trovare soluzioni, se libera dall’emozione e dall’emotività sarà sicuramente un potente strumento intellettuale da stimolare e coltivare”. Kafka era solito dire che occorre leggere libri che feriscano la nostra quiete e che siano “la scure per il mare gelato dentro di noi”.
    Show book
  • Esserci e musica - Heidegger e l'ermenetica musicale - cover

    Esserci e musica - Heidegger e...

    Federico Nicolaci

    • 0
    • 0
    • 0
    Nulla sembra essere più distante dalla filosofìa, e dalla sua equilibrata misura, della musica. E tuttavia nulla si mostra di altrettanto vicino se si guarda alla loro essenza e alla loro scaturigine. Le pagine di questo lavoro intendono mostrare come musica e filosofia condividano il ‘luogo’, non sempre facilmente accessibile, da cui entrambe affluiscono, la medesima sorgente originaria. Questa essenziale vicinanza si mostra laddove l’uomo apra lo sguardo alla propria condizione e alla propria radicale gettatezza, a partire dalla quale la musica fa risuonare il suo canto rammemorante e che la filosofia apre alla parola. Incantato dalla musica, all’uomo è data allora la possibilità di aprirsi alla sua più profonda essenza, e quindi a ciò che lo concerne in maniera essenziale, da cui pure egli sempre fugge.
    Show book