Join us on a literary world trip!
Add this book to bookshelf
Grey
Write a new comment Default profile 50px
Grey
Subscribe to read the full book or read the first pages for free!
All characters reduced
Il Vangelo arabo dell'infanzia del Salvatore - cover

Il Vangelo arabo dell'infanzia del Salvatore

AA. AA.VV

Publisher: Harmakis Edizioni

  • 0
  • 0
  • 0

Summary

Il Vangelo arabo dell'infanzia è un vangelo apocrifo pervenuto in arabo e siriaco e databile tra il V e il XIII secolo, con maggiore probabilità per l'VIII-IX secolo. Al pari degli altri vangeli dell'infanzia (Protovangelo di Giacomo e Vangelo dell'infanzia di Tommaso) e basandosi su essi, contiene racconti relativi all'infanzia di Gesù. All'inizio del testo si afferma che il Vangelo, chiamato "Vangelo dell'infanzia", sia opera di Giuseppe detto Caiafa (versione greca del latinizzato Caifa), sommo sacerdote degli ebrei al tempo di Gesù (18-36), affermazione che faceva dunque datare il testo al I secolo; tale attribuzione è tuttavia considerata pseudoepigrafa dagli studiosi.

La datazione dello scritto è particolarmente problematica. Gli studiosi ritengono che la versione originale fosse in siriaco, in seguito tradotta in arabo. La versione siriaca sarebbe stata composta tra il V al XIII secolo, data di composizione di alcuni manoscritti conservatisi.

Other books that might interest you

  • Il Vangelo secondo Steve Jobs - Dalla mela di Adamo a quella dell’iPhone - cover

    Il Vangelo secondo Steve Jobs -...

    Diego Goso

    • 0
    • 0
    • 0
    Un genio del nostro secolo che non si è mai occupato di religione, ma ha inventato un modo di comunicare da cui sarebbe bene trarre spunto per essere convinti e convincenti nell’annuncio cristiano.
    Steve Jobs era un industriale a volte spregiudicato e con un carattere molto difficile, ma amava il suo lavoro e non sopportava la mediocrità. E se lui ci metteva anima e corpo per vendere quelli che alla fine sono solo giocattoli costosi, come è possibile invece che spesso un sacerdote, un catechista o un animatore si presentino davanti ad un gruppo o un’assemblea mal preparati, improvvisando, recitando luoghi comuni, quando dovrebbero annunciare il messaggio di vita eterna del Vangelo?
    Si tratta qui di imparare “il metodo Jobs”, di saper stupire con umorismo e genialità il proprio pubblico non con la manipolazione della pubblicità ma con la passione per la verità e il valore del proprio annuncio.
    
    Effatà Editrice pubblica libri di qualità dal 1995, con lo stesso spirito si occupa di editoria digitale: eBook D.O.C. pensati per chi ama i libri. Il testo di questo eBook è stato completamente riadattato alla lettura digitale con l'aggiunta di link per una rapida navigazione.
    Show book
  • I miei pensieri La storia di un'anima - Manoscritti autobiografici versione integrale - cover

    I miei pensieri La storia di...

    sr. Nikodema Babula, Andrea...

    • 0
    • 0
    • 0
    Un classico della spiritualità cristiana in audiobook: “I miei pensieri” di santa Teresa di Lisieux, con le registrazioni audio della Storia di un'anima della santa. L’ascolto dei brani recitati da attori professionisti permette di conoscere la vita e la spiritualità di questa grande santa anche a chi ha maggior difficoltà alla lettura o preferisce l’ascolto per problemi di tempo o di concentrazione. I brani accompagnano chi li ascolta nell’approfondimento della conoscenza della vita e della spiritualità di Santa Teresa di Lisieux, Dottore della Chiesa. 
    “Quello che piace a Dio è di vedermi amare la mia piccolezza e la mia povertà. Questa è la speranza cieca che ho nella sua misericordia. Ecco il mio solo tesoro… Perché questo tesoro non potrebbe essere il tuo?” (s. Teresa di Gesù Bambino)
    Show book
  • Non lo sapevo ma ti stavo aspettando - Romanzo - cover

    Non lo sapevo ma ti stavo...

    Cecilia Galatolo

    • 0
    • 0
    • 0
    Il romanzo descrive la vita di un gruppo di giovani studenti nella società di oggi in cui sembra prevalere il cinismo e la superficiale ricerca di ciò che gratifica senza impegni e legami duraturi. Anche Gianmarco, il protagonista, vive in questa dimensione ma la sua posizione viene messa in crisi dalla presenza di una ragazza, Cristina di cui Gianmarco finisce per innamorarsi. Nelle varie fasi del controverso rapporto tra i due Gianmarco scoprirà di più se stesso e sceglierà di vivere fino in fondo le situazioni che lo coinvolgono anche affrontando fatiche e dolori piuttosto che condurre una esistenza anestetizzata e vuota. Il romanzo coinvolge il lettore per la sua agile scrittura e per il susseguirsi di colpi di scena che spingono a scoprire il finale della storia.
    Show book
  • Il Popolo Speciale - cover

    Il Popolo Speciale

    Andrzej Stanislaw Budzinski

    • 0
    • 0
    • 0
    Perché un popolo particolare? 
       1. Secondo la Bibbia Israele è il primo popolo di religione monoteista dopo il peccato originale. 
       2. Conosciamo fin dall`inizio la sua storia. 
       3. È un popolo scelto da Dio per portare la fede monoteista nel mondo. 
       4. È un popolo prediletto. 
       5. Da questo popolo, secondo le promesse, doveva nascere il Salvatore del Mondo. 
       6. Per secoli, la forza della resistenza alle influenze esteriori, concretamente 1878 anni, ha conservato intatta la loro fede e la cultura. 
    Se conoscete un po’ la storia del popolo Ebreo sapete che nell’anno 70 d.C. i Romani hanno distrutto il Tempio a Gerusalemme, il centro della fede ebraica. Da quel momento si parla di diaspora (= dispersione, esilio), ovvero il popolo Ebreo si è disperso in tutto il mondo e fino al 14 maggio 1948 non esisteva lo stato d`Israele1. 
    Per quanti anni? 
    1948 – 70 = 1878 
    1878 anni 
       Il popolo Ebreo era disperso in tutto il mondo, vivendo in diaspora. E per tutti questi anni, vivendo nelle terre straniere tra le culture e le religioni diverse, non ha perso la fede, la propria cultura e le tradizioni. 1878 anni sono tanti per dimenticare l`appartenenza nazionale. Gli Ebrei no! Non vi sembra una cosa eccezionale? 
    Che forza ha questo popolo? 
    Inspiegabile!
    Show book
  • Padre nostro che sei all’inferno - cover

    Padre nostro che sei all’inferno

    Paolo Scquizzato

    • 0
    • 0
    • 0
    E se Dio, immischiandosi nell’umana avventura, avesse traslocato dal cielo all’inferno? E se per incontrarlo non fosse più necessario guardare in alto, ma dentro la parte più sporca e indecente di noi?
    E se il peccato non fosse ciò che condanna la creatura ad un’irrimediabile lontananza da Dio, ma piuttosto l’unico “luogo” per vivere l’incontro con Lui?
    Sfogliando il Vangelo, una domanda: e se fosse proprio così?
    «È il grido profetico di Dimitri Karamazov condannato ai lavori forzati nei sotterranei, compresi quelli dell’anima, condannato per un delitto che ha commesso senza commetterlo, così come tutti noi: “Se scacciamo Dio dalla terra, lo incontriamo sottoterra... Ecco allora che noi uomini sotterranei intoneremo nelle viscere della terra un tragico inno al Dio della gioia. Viva Dio e la sua gioia! Io l’amo”».
    Olivier Clément
    
    Effatà Editrice pubblica libri di qualità dal 1995, con lo stesso spirito si occupa di editoria digitale: eBook D.O.C. pensati per chi ama i libri. Il testo di questo eBook è stato completamente riadattato alla lettura digitale con l'aggiunta di link per una rapida navigazione.
    Show book
  • Figli Di Dio! Non Coglioni! - cover

    Figli Di Dio! Non Coglioni!

    Andrzej Stanislaw Budzinski

    • 0
    • 0
    • 0
    Penso, almeno spero che la risposta non è difficile a nessuno di noi. Siamo figli di Dio! Dio è nostro Padre! Guardate che noi non siamo orfani e figli di nessuno. Dio è nostro Padre, Creatore del cielo, della Terra e dell’intero Universo. Nostro Padre è onnipotente. Non può essere meglio. Non possiamo avere un Padre migliore. Siamo fortunati. Dio abita in noi! Siamo portatori di Dio! Però! Dio non è Padre soltanto dei cristiani, ma di tutti gli uomini della Terra. Vero! Verissimo! Tutti siamo figli di Dio, ma non tutti siamo consapevoli di questa bella notizia! Se avessimo la consapevolezza come un granello di senape, che è piccolissimo come dice il Vangelo, potremmo spostare le montagne. 
    L’ambiguità proviene dal maligno! Non è possibile nello stesso momento accontentare due padroni, il bene e il male! Non si può servire due padroni! Dio e il diavolo! No! Non si può contrattare e non si può trovare d’accordo con il diavolo! Perché lui desidera soltanto una cosa, distruggere tutto che è di Dio. Vuole rovinarci. Se gli permettiamo un po’, vuole di più e sempre di più. Non è mai sfamato del male. Lui odia se stesso, Dio, noi e tutto quanto che Dio ha creato. Odia tutto. Noi cristiani non siamo coglioni! Siamo figli di Dio che è sapienza assoluta! Per favore! Ricordiamoci di questo! Cristiani si! Coglioni no! Capisco che dobbiamo amare come Gesù, questo è giusto! Lui ha dato la propria vita per salvare tutti. Però! 
    Non dobbiamo essere coglioni! Non possiamo accettare il male, per un motivo molto semplice: Perché il male proviene dal coglione più grande - dal diavolo. Ascoltandolo diventiamo coglioni come lui e tutti quanti che lo ascoltano. Per questo il mondo è così impazzito e rincoglionito perché tante persone ascoltano il coglione - il diavolo!
    Show book