Subscribe and enjoy more than 800,000 books
Add this book to bookshelf
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Write a new comment Default profile 50px
Grey 902feb64d8b6d481ab8ddda06fbebbba4c95dfa9b7936a7beeb197266cd8b846
Read online the first chapters of this book!
All characters reduced 7236434c7af12f85357591f712aa5cce47c3d377e8addfc98f989c55a4ef4ca5
The Scent of Rain in the Balkans - cover

We are sorry! The publisher (or author) gave us the instruction to take down this book from our catalog. But please don't worry, you still have 800,000 other books to choose from, so you can read without limits!

The Scent of Rain in the Balkans

Anonymous

Publisher: Agencija TEA BOOKS

  • 0
  • 2
  • 0

Summary

“Kuić has courageously plunged into an unusual topic, one which has not been touched upon in Yugoslav literature so far. In her attempt to show the destiny of a Sephardic Jewish family living on Bosnian soil, in Sarajevo, the author has gone much further: she shows the inevitability of historical developments; she paints history as a monster who continually returns in cycles, but also as a joker who readily changes the colours of its mosaic pieces.”
David Albahari, writer, Belgrade
“It is not Jewish, it is not Yugoslav. It is about all people, and it is about the importance of family, told in a tough-minded way by a woman whose ancestors were survivors. The Scent of Rain in the Balkans is universal.”
Jeanne Smoot, Professor of Comparative Literature, University of North Carolina, USA

Other books that might interest you

  • Traditi e traditori - cover

    Traditi e traditori

    Guglielmo Mariani

    • 0
    • 0
    • 0
    È l’8 aprile 1945, mancano alcune settimane alla fine del III Reich.
    Kristine riceve un messaggio da suo marito, generale delle ss di stanza in Polonia: lei e i loro tre figli devono salire in macchina e fuggire verso ovest fino a che non raggiungeranno la Baviera, invasa dagli americani. Attorno a loro è in atto la migrazione biblica di milioni di persone in fuga dall’Armata Rossa incalzante. Dopo tre notti all’addiaccio, sfiniti e affamati, i fuggitivi scoprono una casa disabitata nella foresta e lì finalmente possono recuperare le forze dimentichi del dramma che si svolge non distante da loro. Finché non irrompe nelle loro vite Vladislav anche lui in fuga, in realtà in missione per la Resistenza Polacca. Il giovane si unisce alla compagnia e, improvviso, nasce un amore impossibile, tumultuoso e contrastato per la differenza di età con Kristine e per il vissuto di entrambi. Non lontano, al di fuori della foresta, avvengono eventi drammatici mentre quattro eserciti si stanno dispiegando sul territorio tedesco sbaragliando quello che resta di uno degli eserciti più forti di tutti i tempi, in rotta rovinosa.
    L’incontro e la fuga dalla casa nel bosco sono caratterizzati da contrasti interiori e da colpi di scena che coinvolgono Kristine e Vladislav consci del fatto che il loro rapporto non possa andare oltre il contingente della fuga stessa. Il futuro riserverà ad ambedue sorprese che segneranno profondamente le loro vite.
    Romanzo di grande intensità emotiva, agrodolce e sincero si dipana come una contaminazione di note su uno spartito di Bach.
    Show book
  • Alle Porte di Tangeri - cover

    Alle Porte di Tangeri

    Mois Benarroch

    • 0
    • 0
    • 0
    La famiglia Benzimra è riunita per leggere le ultime volontà del padre. Scoprono così di avere un fratellastro al quale andrà parte dell'eredità. 
    Riusciranno a trovarlo? Sconvolgerà le loro vite? 
    Partiranno tutti insieme da Gerusalemme alla volta di Tangeri per cercarlo e inizierà così un viaggio alla ricerca delle loro radici e del loro passato, sulle orme di un fratello perduto e di un altro ancora da scoprire. 
    Mois Benarroch è nato a Tetuan, Marocco, nel 1959. A tredici anni emigra con i suoi genitori in Israele e da allora vive a Gerusalemme. Inizia a scrivere poesie a quindici anni, in inglese, poi in ebraico e infine nella sua lingua materna: il castigliano. Pubblica le sue prime poesie nel 1979. Negli anni Ottanta entra a far parte di vari gruppi d'avanguardia e pubblica la rivista Marot. Il suo primo libro in ebraico appare nel 1994 ed è intitolato "Coplas del inmigrante". Pubblica anche due racconti, vari libri di poesie in ebraico, inglese e spagnolo e quattro romanzi. Nel 2008 ha vinto il premio del Primo Ministro in Israele. 
    È anche traduttore professionista e ha tradotto in ebraico il racconto "Los aires dificiles" di Almudena Grandes, e cento poesie di Bukowski, così come parte dell'opera di Edmond Jabes e altri autori di romanzi e poeti. 
     "Non so, non smetto di pensare, non smetto di pensare a cosa significa tutto questo viaggio, che senso ha e cosa cerchiamo, un fratello, un fratello di cui non sappiamo nulla, magari cerchiamo un fratello morto, forse è già morto, la gente muore giovane, come sai. Trent'anni sono tanti. E in Marocco, con tutte le droghe, vai a sapere quanti rimangono uccisi." 
      "Anch'io penso in continuazione." 
    Chiesi un whisky alla cameriera, una bottiglia intera, bicchieri e ghiaccio. Invitai tutti. Nonostante J&B non sia la mia marca preferita, a tutti piace il whisky ed era una buona scusa per allentare la tensione.
    Show book
  • Orizzonti di gloria - cover

    Orizzonti di gloria

    Humphrey Cobb

    • 0
    • 0
    • 0
    Durante la Prima Guerra Mondiale, sul Fronte occidentale i soldati francesi ricevono l'ordine di assaltare il "Formicaio", una roccaforte tedesca; la mossa appare subito azzardata, perché diretta contro un presidio praticamente inespugnabile. Dopo il prevedibile fallimento dell'attacco, che causa ingenti perdite, viene aperta un'inchiesta con lo scopo di trovare un capro espiatorio al disastro annunciato. Così, un piccolo gruppo di uomini scelti a caso tra i ranghi inferiori viene trascinato dinanzi alla Corte Marziale con l'accusa di codardia. Il processo che ne segue è la farsa agghiacciante di una pachidermica e impietosa macchina di potere, che passa da una forma di orrore omicida a un'altra, guidata in realtà solo dagli astrusi interessi di una minoranza. Scritto nel 1935 e adattato per il grande schermo nel 1957 da Stanley Kubrick, "Orizzonti di gloria" è una storia di coraggio e sacrificio: un romanzo, scritto da un reduce e ispirato a fatti realmente accaduti, che possiede sia il realismo viscerale del diario di guerra che il senso kafkiano dell'allegoria.
    Show book
  • La guerra su tre fronti - cover

    La guerra su tre fronti

    HERBERT GEORGE WELLS

    • 0
    • 0
    • 0
    Il pacifismo convinto di Wells si scontra con la vita dei territori in guerra. Come altri uomini di cultura dell’epoca volle recarsi al fronte per avere l’esperienza diretta di cosa significava l’atroce conflitto mondiale. Fu in Italia nell’agosto 1916, tra l’Isonzo e le “carrette siciliane” a Palmanova, così numerose che “non ne deve essere rimasta nemmeno una in Sicilia!”. Poi di fronte alle rovine dalle cattedrali di Arras e di Soissons e dei villaggi di confine riconquistati dal contrattacco francese ma distrutti irrimediabilmente per la popolazione evacuata. E la guerra di “opinione” che Wells scopre così importante, forse per la prima volta nella storia tanto importante. Importanza compresa forse prima dalla Germania che dagli alleati; e gli umori delle popolazioni di fronte all’evento bellico. Accurata traduzione di Camilla Poggi Del Soldato (1862-1940) scrittrice, soprattutto per la gioventù, oggi praticamente dimenticata.
    Show book
  • Cavie "Cellule dormienti" - cover

    Cavie "Cellule dormienti"

    Serena Baldoni

    • 0
    • 0
    • 0
    Ci vogliono cavie, 
    ci vogliono schiavi,
    ci vogliono muti e ciechi,
    arrendevoli,
    sordi e invisibili,
    ci vogliono dei dormienti.
    Show book
  • Fabia Claudia e Claudia Fabia - cover

    Fabia Claudia e Claudia Fabia

    Ricardo Tronconi

    • 0
    • 0
    • 0
    Piccole vicende di vita quotidiana (e non) in un accampamento romano, raccontate attraverso gli occhi di un vero cives. Sotto la guida di un abile e ambizioso proconsole destinato a fare la Storia, si sviluppano tradimenti, sotterfugi, intrecci e scappatelle, il tutto con un unico scopo: la resa di Vercingetorige, asserragliato ad Alesia. Fabia Claudia e Claudia Fabia, due bellissime cugine votate alla stessa causa (e allo stesso uomo), vengono inviate assieme al marito in una perigliosa missione: trarre in inganno Vercassivellauno, parente di Vercingetorige, per scoprire le debolezze del nemico. Grazie alle doti di Fabia Claudia e Claudia Fabia, le piccole vicende dimenticate di ignoti eroi si congiungono intimamente alla grande Storia del dominio di Roma sui popoli. 
    Show book